Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di marzo 2015

di Alice Pisapia , Pier Francesco Poli
* Prof. a contratto Diritto UE Univ. dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano</br> **Avvocato Foro di Milano
La Corte di Strasburgo condanna l'Ungheria per il sovraffollamento carcerario e l'Italia per due violazioni dell'art.5: la prima in un procedimento per estradizione e la seconda riguardo alla mancata concessione di una liberazione anticipata

Sentenza pilota della Corte Edu: l’Ungheria condannata per il sovraffollamento carcerario.

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione) 10 marzo 2015, rich. nn. 1409/12, 73712/12, 34001/13, 44055/13, 64586/13, Varga e altri c. Ungheria

Oggetto: Art. 3 CEDU – Divieto di trattamenti inumani e degradanti – Sovraffollamento carcerario – Violazione – art. 13 CEDU – Assenza di rimedi effettivi posti a tutela dei diritti fondamentali dei detenuti – Violazione –  Importance level 3

I ricorrenti lamentano di essere stati reclusi presso diverse carceri ungheresi in celle gravemente sovraffollate, con uno spazio a disposizione per detenuto oscillante, mediamente, tra 1.8 e 2.5 mq ed in condizioni igienico – sanitarie fortemente compromesse. Osservano che tali condizioni sono contrastanti con i parametri elaborati dalla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e si dolgono, altresì, della mancata previsione sul fronte interno di rimedi atti a porre fine alla violazione sussistente. La Corte accoglie il ricorso e i) con riferimento alla violazione dell’art. 3 CEDU, stanti la presenza di ulteriori condanne già pronunciate nei confronti dell’Ungheria per i medesimi fatti e la pendenza di oltre 450 ricorsi, assegna al Paese membro della CEDU un termine di sei mesi per porre rimedio alla violazione; ii) con riguardo alla mancanza di un rimedio effettivo, rigetta l’argomentazione governativa secondo la quale sarebbe esistito un rimedio interno di tipo civile, osservando che i casi in cui la giurisprudenza ungherese si era espressa in questo senso erano stati sporadici e contrastanti con il granitico orientamento maggioritario che invece negava qualsiasi tipo di tutela.

 

Una condanna dell’Italia a Strasburgo per violazione dell’art. 5 CEDU commessa nell’ambito di un procedimento di estradizione.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 24 marzo 2015, rich. n. 11620/07, Gallardo Sanchez c. Italia

Oggetto: Art. 5, par. 1 lett. f) CEDU – Diritto alla libertà e alla sicurezza – Lungaggini nella procedura di estradizione – Violazione – Importance level 3

Il ricorrente lamenta la lunghezza del tempo trascorso in stato di reclusione presso le carceri italiane – un anno e sei mesi – in attesa che si completasse la procedura di estradizione richiesta all’Italia dalle autorità greche. Sostiene, in particolare, che tale ritardo posto in essere dalle autorità italiane avrebbe costituito una violazione dell’art. 5 paragrafo 1 lettera f) della Convenzione europea. La Corte accoglie il ricorso osservando il differente livello di diligenza richiesto allo stato estradante a seconda che l’estradizione venga richiesta per l’esecuzione della pena ovvero, come era nel caso di specie, nel corso del procedimento penale. In quest’ultimo caso, osservano i giudici di Strasburgo, la persona nei cui confronti deve essere eseguita l’estradizione è presunta innocente e le autorità devono essere particolarmente diligenti anche al fine di consentire a quest’ultima di partecipare attivamente al processo che lo riguarda. Tale diligenza non sussisteva nel caso di specie atteso che la lunghezza del tempo impiegato dall’Italia per concedere l’estradizione non trovava fondamento nella complessità del procedimento.

 

Un’ulteriore condanna dell’Italia a Strasburgo per violazione dell’art. 5 CEDU, questa volta con riguardo alla mancata concessione di una liberazione anticipata.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 24 marzo 2015, rich. n. 39824/07, Antonio Messina c. Italia

Oggetto: Art. 5 par. 1 lett. a) CEDU – Diritto alla libertà e alla sicurezza – Ritardata concessione della liberazione anticipata a causa di un errore da cui dipende l’allungamento del periodo di detenzione – Violazione – Art. 5 par. 5 CEDU – Mancata compensazione per l’ingiusta detenzione subita – Violazione – Importance level 3

Il ricorrente, cittadino italiano, lamenta che un ritardo verificatosi nella concessione della liberazione anticipata a lui spettante sulla base della normativa interna avrebbe determinato un allungamento del periodo di detenzione patito e la conseguente illegittimità di tale protrazione. In particolare, era stata rigettata una domanda di liberazione anticipata concernente il primo periodo di detenzione subito sulla base del fatto che da alcuni documenti in possesso delle autorità risultava che l’attività criminale compiuta dal ricorrente era durata sino al 1998, anno in cui la detenzione era già in essere. Successivamente, tale durata si era rivelata errata ed il periodo in questione era stato corretto in quanto l’attività delittuosa da questi compiuta era cessata non nel 1998 ma nel 1989, conseguentemente il ricorrente era stato immediatamente posto in libertà con un ritardo di nove mesi rispetto alla richiesta originaria. Si duole inoltre del fatto che in conseguenza di tale errore e del prolungamento dello stato detentivo non era stata riconosciuta alcuna compensazione economica in suo favore. La Corte accoglie il ricorso, ritenendo integrata una violazione sia dell’art. 5 par. 1 lett. a) della Convenzione, che dell’art. 5 par. 5.

 

18/06/2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021
Reformatio in peius in appello e processo equo nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo da Dan c. Moldavia a Maestri ed altri c. Italia

Nella sentenza Maestri ed altri c. Italia dell’8 luglio 2021 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, oltre a ribadire la necessità di procedere ad una nuova escussione dei testimoni ai fini della condanna in appello preceduta da assoluzione in primo grado, come affermato in Lorefice c. Italia del 29 giugno 2017, per la prima volta condanna l’Italia per non essere stato disposto, anche d'ufficio, l'esame degli imputati prima di procedere al ribaltamento della sentenza assolutoria di primo grado. Il testo analizza la giurisprudenza europea sul tema, cogliendo l’occasione per qualche riflessione critica sul valore del precedente nella giurisprudenza della Corte Edu.

07/09/2021
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
Il Protocollo 16 e l’urgenza di riaprire il dialogo con il Parlamento per la sua ratifica

Un imminente convegno di Area Cassazione rilancia il confronto fra Parlamento, giurisdizione e dottrina 

11/06/2021
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Simmetrie tra diritti della persona offesa: equo processo e risarcimento del danno davanti alla Corte di Strasburgo

Corte EDU (Prima Sezione), 18 marzo 2021, ric. n. 24340/07, Petrella c. Italia: se le indagini si concludono con l'archiviazione per prescrizione si viola l'art. 6 § 1 CEDU. Un commento

01/06/2021