Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di gennaio 2016

di Alice Pisapia , Pier Francesco Poli
* Prof. a contratto di Diritto UE Univ. Dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano</br> **Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato Foro di Milano
I casi affrontati dalla Corte: limite del giudicato (Andorra), sanzione penale a un avvocato reo di aver calunniato un giudice (Spagna), sanzione penale a un giornalista e a un'emittente televisiva (Francia)

La Corte europea si pronuncia nuovamente contro il limite del giudicato.

Sentenza della Corte EDU (Terza sezione) 12 gennaio 2016, rich. nn. 33427/2010, Gouarré Patte c. Andorra

Oggetto: Condanna definitiva – Nuova legge che consente l’applicazione di una sanzione accessoria di tipo interdittivo per un tempo minore rispetto alla disciplina in vigore al momento della condanna – Inapplicabilità alla sentenza passata in giudicato – Violazione dell’art. 7 CEDU – Sussistenza – Importance level 2

Il ricorrente, di professione ginecologo, era stato condannato con sentenza passata in giudicato per la realizzazione di alcuni abusi sessuali alla pena di cinque anni di reclusione nonché alla interdizione perpetua dall’esercizio della professione. Successivamente al passaggio in giudicato della sentenza veniva introdotta, nella legislazione penale dell’Andorra, una disposizione la quale prevedeva che la sanzione accessoria dell’interdizione dall’esercizio di una professione non potesse in ogni caso superare la durata della pena più grave irrogata. Il ricorrente, domandava a quel punto in sede interna la rideterminazione della durata dell’interdizione in virtù della legge successiva maggiormente favorevole, ma la sua domanda veniva rigettata. Il signor Guarré Patte lamenta la violazione dell’art. 7 CEDU in ragione della natura sostanziale di pena della sanzione accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici e della conseguente necessità di applicare retroattivamente la norma più favorevole.

La Corte accoglie il ricorso osservando che è la stessa norma del codice penale a prevedere l’applicazione retroattiva della norma penale più favorevole e che conseguentemente – essendo l’interdizione a tutti gli effetti una pena – il ricorrente avrebbe dovuto ottenere la revisione della propria sentenza già sulla base del diritto interno.

 

Condannata la Spagna per aver sanzionato in sede penale un avvocato reo di aver calunniato un giudice all’interno di alcuni scritti difensivi.

Sentenza della Corte EDU (Terza sezione) 12 gennaio 2016, rich. nn. 48074/2010, Rodriguez Ravelo c. Spagna

Oggetto: Espressioni calunniose nei confronti di un giudice contenute in scritti difensive – Condanna in sede penale – Violazione dell’art. 10 CEDU –Sussistenza – Importance level 2

Il ricorrente è un avvocato spagnolo processato in sede penale per il reato di calunnia in quanto lo stesso, all’interno di un’impugnazione avverso un provvedimento pronunziato nei confronti di un proprio assistito, aveva criticato in maniera decisa l’operato del giudice del grado precedente, asserendo che questi aveva volontariamente distorto la realtà dei fatti a danno del cliente.

All’esito del processo, l’avvocato Rodriguez Ravelo era stato quindi condannato alla pena di 30 euro di ammenda al giorno per nove mesi, con la possibilità che in caso di mancato pagamento la sanzione pecuniaria sarebbe stata sostituita con un giorno di privazione della libertà ogni 60 euro di somme non corrisposte. Il ricorrente lamenta che tale condanna abbia violato la propria libertà di espressione, garantita dall’art. 10 CEDU.

La Corte accoglie il ricorso, osservando che la sanzione penale irrogata al ricorrente appariva non proporzionata in ragione del fatto che essa, per la sua gravità e per il fatto che frasi del tipo di quelle contenute negli scritti difensivi del ricorrente erano sanzionate penalmente già a livello disciplinare, avrebbe potuto comportare la conseguenza di irretire i legali nelle difese dei propri assistiti.

 

Condannata la Francia per una sanzione penale inflitta a un giornalista di France 3 ed all’emittente televisiva.

Sentenza della Corte EDU (Quinta Sezione) 21 gennaio 2016, rich. nn. 29313/2010, De Carolis e France 3 c. Francia

Oggetto: Espressioni diffamatorie pronunciate da un giornalista – Condanna in sede penale – Violazione dell’art. 10 CEDU –Sussistenza – Importance level 3

Il ricorrente, sig. De Carolis e la rete televisiva France 3 ricorrono avanti alla Corte europea per essere stati condannati in sede penale – il primo come imputato ad un’ammenda di natura penale e la rete televisiva quale responsabile civile – per aver diffamato in un servizio televisivo sugli attentati dell’undici settembre il principe Turki Al Fasal. All’interno del dossier, in particolare, veniva affermato che quest’ultimo sarebbe stato vicino ad Al Quaeda anche provvedendo a finanziarne le operazioni.

La Corte accoglie il ricorso in particolare in ragione del ruolo ricoperto dal signor Turki Al Fasal che era stato un personaggio di spicco dei servizi segreti dell’Arabia Saudita e per il quale, in ragione del proprio ruolo pubblico, risultava particolarmente ridotta la possibilità di limitazione di informazioni diffuse nei suoi confronti. Il contenuto del servizio pubblicato sulla rete televisiva France 3, in particolare, faceva poi riferimento a dei fatti storici realmente accaduti – quali ad esempio il sostegno fornito ad Osama Bin Laden durante l’invasione sovietica dell’Afganistan – e dava spazio alle opinioni di alcune vittime degli attentati dell’11 settembre, fattori che non erano tali da far ritenere la condanna irrogata giustificabile in una società democratica ai sensi delle disposizioni convenzionali.  

 

28/03/2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021
Reformatio in peius in appello e processo equo nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo da Dan c. Moldavia a Maestri ed altri c. Italia

Nella sentenza Maestri ed altri c. Italia dell’8 luglio 2021 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, oltre a ribadire la necessità di procedere ad una nuova escussione dei testimoni ai fini della condanna in appello preceduta da assoluzione in primo grado, come affermato in Lorefice c. Italia del 29 giugno 2017, per la prima volta condanna l’Italia per non essere stato disposto, anche d'ufficio, l'esame degli imputati prima di procedere al ribaltamento della sentenza assolutoria di primo grado. Il testo analizza la giurisprudenza europea sul tema, cogliendo l’occasione per qualche riflessione critica sul valore del precedente nella giurisprudenza della Corte Edu.

07/09/2021
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
Il Protocollo 16 e l’urgenza di riaprire il dialogo con il Parlamento per la sua ratifica

Un imminente convegno di Area Cassazione rilancia il confronto fra Parlamento, giurisdizione e dottrina 

11/06/2021
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Simmetrie tra diritti della persona offesa: equo processo e risarcimento del danno davanti alla Corte di Strasburgo

Corte EDU (Prima Sezione), 18 marzo 2021, ric. n. 24340/07, Petrella c. Italia: se le indagini si concludono con l'archiviazione per prescrizione si viola l'art. 6 § 1 CEDU. Un commento

01/06/2021