Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di aprile 2016

di Alice Pisapia , Pier Francesco Poli
* Prof. a contratto di Diritto UE Univ. Dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano</br> **Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato Foro di Milano
I casi affrontati dalla Corte: pessime condizioni del centro di permanenza temporanea (Grecia), aggressione a un avvocato da parte di alcuni poliziotti (Romania), violazione del diritto alla libertà (Turchia)

Ancora condannata la Grecia a Strasburgo per le condizioni in cui un richiedente asilo è stato trattenuto presso un centro di permanenza temporanea.

Sentenza della Corte EDU (Prima sezione) 21 aprile 2016, rich. nn. 58387/2011, Ha. A. c. Grecia

Oggetto: Pessime condizioni del Centro di Permanenza temporanea – Violazione dell’art. 3 CEDU – Sussistenza.

Il ricorrente Ha A., cittadino iracheno, era stato arrestato dalla Polizia di frontiera greca con l’accusa di avere tentato di introdursi illegalmente nel territorio dello stato. Era stato conseguentemente collocato in un Centro di Permanenza temporanea ove veniva trattenuto sino all’accettazione della propria domanda di asilo, avvenuta a seguito di un ricorso amministrativo presentato avverso l’originario rigetto della domanda da parte delle autorità competenti, ricorso che era stato accolto da parte delle autorità amministrative.

Lamenta avanti alla Corte europea dei diritti dell’Uomo le condizioni delle strutture presso le quali era stato ristretto, le quali erano in una situazione di perenne sovraffollamento, non essendovi all’interno delle medesime neppure letti per dormire e servizi igienici funzionanti.

La Corte accoglie il ricorso ritenendo che le condizioni di detenzione del ricorrente, testimoniate dai report stilati sulle strutture ove era stato trattenuto da organizzazioni internazionali, costituiscano una violazione dell’art. 3 CEDU, integrando un trattamento inumano e degradante ai sensi della disposizione convenzionale.

 

Condannata la Romania per l’aggressione, da parte di alcuni poliziotti, ad un Avvocato e per la successiva carenza di indagini sugli avvenimenti.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 5 aprile 2016, rich. nn. 30050/2012, Cazan c. Romania

Oggetto: Aggressione subita da un avvocato da parte di alcuni agenti di Polizia –  Violazione sostanziale dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Assenza di indagini in seguito all’accaduto volte a ricostruire i fatti – Violazione procedurale dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 2.

Il ricorrente è un Avvocato romeno. Lamenta che, nel corso dell’esercizio della propria professione in favore di un assistito presso una stazione di Polizia, ove questi era stato tradotto, veniva aggredito verbalmente e fisicamente da alcuni agenti, i quali lo malmenavano in ragione dell’espletamento delle proprie funzioni difensive.

L’aggressione subita era dimostrata da alcuni esami clinici svolti in ospedale, che accertavano l’esistenza di contusioni ed ecchimosi. Lamenta la violazione dell’art. 3 CEDU, da un punto di vista sostanziale, in ragione del comportamento degli agenti di Polizia, e procedurale, sulla base dell’insussistenza di un procedimento volto ad individuare i responsabili dei fatti e ad accertarne le responsabilità. La corte accoglie il ricorso.

 

La Turchia condannata per violazione del diritto alla libertà.

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione), 5 aprile 2016, rich. nn. 2469/2010, Vedat Dogru c. Turchia

Oggetto: Detenzione di soggetto in assenza di provvedimento giudiziario  – Violazione art. 5 par. 1 CEDU – Sussistenza – Mancata traduzione del soggetto presso un giudice per essere giudicato in tempi ragionevoli – Violazione dell’art. 5 par. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 2

Il ricorrente, cittadino turco, veniva arrestato in data 15 maggio 1994 in quanto sospettato di essere coinvolto in attività volte alla secessione della Turchia. Veniva quindi condotto il medesimo giorno presso un giudice che ne ordinava la detenzione provvisoria in attesa della celebrazione di un’udienza, che sarebbe dovuta avvenire entro 24 ore successive.

Nonostante tale termine, a oltre un mese di distanza, il 12 giugno, l’Avvocato del signor Dogru lamentava che l’udienza non era ancora stata celebrata, sollecitando lo svolgimento immediato dell’udienza. Il Pubblico Ministero, in data 25 giugno richiedeva il rilascio del ricorrente, che veniva ordinato dal Tribunale il giorno 26 giugno.

La liberazione avveniva tuttavia solo in data 29 giugno 2016. Il ricorrente si duole i) della detenzione di 45 giorni subita nonostante il Giudice avesse ordinato la detenzione provvisoria al solo fine di condurlo in udienza entro 24 ore e dell’ulteriore trattenimento per ben tre giorni nonostante l’ordine di rilascio avvenuto il 26 giugno e ii) del fatto di non essere stato sentito da un giudice nel più breve tempo possibile.

La Corte ritiene fondate entrambe le doglianze ritenendo sussistente, con riferimento alla prima, una violazione dell’art. 5 par. 1 CEDU sub specie della mancata esistenza di un provvedimento legalmente adottato che ne giustificasse la detenzione mentre, con riguardo alla seconda, una violazione dell’art. 5 par 3 CEDU, non essendo stato il ricorrente tradotto presso un giudice al fine di essere giudicato nel più breve tempo possibile.

23/09/2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021
Reformatio in peius in appello e processo equo nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo da Dan c. Moldavia a Maestri ed altri c. Italia

Nella sentenza Maestri ed altri c. Italia dell’8 luglio 2021 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, oltre a ribadire la necessità di procedere ad una nuova escussione dei testimoni ai fini della condanna in appello preceduta da assoluzione in primo grado, come affermato in Lorefice c. Italia del 29 giugno 2017, per la prima volta condanna l’Italia per non essere stato disposto, anche d'ufficio, l'esame degli imputati prima di procedere al ribaltamento della sentenza assolutoria di primo grado. Il testo analizza la giurisprudenza europea sul tema, cogliendo l’occasione per qualche riflessione critica sul valore del precedente nella giurisprudenza della Corte Edu.

07/09/2021
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
Il Protocollo 16 e l’urgenza di riaprire il dialogo con il Parlamento per la sua ratifica

Un imminente convegno di Area Cassazione rilancia il confronto fra Parlamento, giurisdizione e dottrina 

11/06/2021
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Simmetrie tra diritti della persona offesa: equo processo e risarcimento del danno davanti alla Corte di Strasburgo

Corte EDU (Prima Sezione), 18 marzo 2021, ric. n. 24340/07, Petrella c. Italia: se le indagini si concludono con l'archiviazione per prescrizione si viola l'art. 6 § 1 CEDU. Un commento

01/06/2021