Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di febbraio 2014

di Alice Pisapia , Pier Francesco Poli
* Dottore di ricerca in diritto dell’Ue e Avvocato in Milano<br>** Dottorando di ricerca in Diritto e Procedura Penale Università di Genova
Le decisioni più rilevanti della Corte nel mese scorso
Sentenze di  febbraio 2014

L’Italia condannata a Strasburgo per violazione dell’art. 3 CEDU

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione) 11 febbraio 2014, rich. n. 7509/08, Contrada c. Italia (no. 2).

Oggetto: Violazione dell’art. 3 CEDU – Trattamenti inumani e degradanti – Aspetto sostanziale – Importance level 3

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia per violazione dell’art. 3 CEDU in ragione della carcerazione applicata a Bruno Contrada. Nel ricorso presentato avanti ai giudici di Strasburgo, egli, condannato in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa, aveva lamentato di avere richiesto alle autorità italiane l’applicazione della detenzione domiciliare in ragione delle sue precarie condizioni di salute (soffriva, in particolare, di disturbi agli occhi, malattie cardiache, depressione e diabete) ma che tale istanza, prima di essere accolta al quarto tentativo, era stata ripetutamente rigettata per nove mesi, costituendo pertanto un trattamento umano e degradante ai sensi dell’art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

La Corte – analizzata la documentazione sanitaria prodotta dal ricorrente di cui disponevano l’autorità giudiziaria italiana al momento della decisione sulla richiesta che rendeva evidente la gravità del quadro clinico – giudica la reiterata negazione delle istanze contraria all’art. 3 della CEDU in quanto la situazione clinica dello stesso era palesemente incompatibile con la carcerazione, condannando quindi l’Italia per la violazione della disposizione convenzionale. 

 

Rispetto della presunzione d’innocenza in Germania

Sentenza della Corte EDU (Quinta Sezione) 27 febbraio 2014, rich. n. 17103/10, Karaman c. Germania.

Oggetto: Non violazione dell’art. 6 par. 2 CEDU – Presunzione di innocenza – Importance level 1

La Corte europea non ritiene sussistente la violazione della presunzione di innocenza di cui all’art. 6 par. 2 CEDU conseguente alla menzione del nome dell’imputato in sentenze concernenti i coimputati le cui posizioni erano state stralciate e definite precedentemente. Il ricorrente, facente parte del Consiglio d’amministrazione di una stazione televisiva tedesca, era sotto processo per frode assieme ad altre persone per i quali si era proceduto separatamente. Poiché all’interno delle sentenze concernenti tali soggetti il nome del ricorrente era stato più volte menzionato nonostante il processo a suo carico non fosse stato ancora definito, egli lamenta la violazione del diritto alla presunzione di innocenza garantito dal secondo paragrafo dell’art. 6 della Convenzione.

Tale vicenda avrebbe comportato tra l’altro anche la diffusione mediatica del suo coinvolgimento nei reati ascritti alle altre persone. Il ricorrente pertanto lamenta che il suo diritto ad un processo imparziale sarebbe stato pregiudicato da tale situazione. La Corte riconosce che, in linea teorica, il contenuto di sentenze concernenti coindagati possa violare il succitato principio, tuttavia rileva in questi casi la necessità di contemperare i principi in oggetto: la presunzione di innocenza con la necessità che le sentenze emesse nei confronti dei correi accertino in maniera chiara la verità dei fatti.

Analizzando quindi le sentenze in cui compariva il nome del ricorrente, la Corte rileva che esse, limitando al necessario i riferimenti al ricorrente non esplicitando la sua colpevolezza, risultavano non violare la presunzione garantita dalla disposizione convenzionale poiché non vi era alcun motivo per ipotizzare che il processo che si doveva svolgere nei suoi confronti potesse essere influenzato dalle decisioni già emesse.

26/03/2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Diritto sovranazionale e diritto interno: rimedi interpretativi
Una riflessione sull’attuale panorama dei rapporti interordinamentali alla luce della doppia pregiudizialità per come la stessa si è dipanata nel corso dell’ultimo anno
27/12/2019
Nell’opinione pubblica, anche qualificata, continua a essere diffusa l’idea che l’ergastolo sia una pena riducibile e che il “fine pena mai” non esista. È vero il contrario. Mentre è in calo il numero dei reati, le condanne all’ergastolo aumentano e, tra di esse, quelle all’ergastolo effettivamente senza right to hope, senza via di uscita. Ostativo, viene comunemente definito. Un magistrato di sorveglianza ci spiega bene cosa è e perché non dovrebbe avere cittadinanza nel nostro ordinamento, tanto più dopo la sentenza della Corte di Strasburgo Viola c. Italia. Lo pubblichiamo per sfatare luoghi comuni e false giustificazioni, in attesa che il 22 ottobre si pronunci la Corte costituzionale
15/10/2019
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
01/10/2019
Sentenze di aprile 2019
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28/06/2019
Sentenze di marzo 2019
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21/06/2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19/06/2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13/06/2019