Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di luglio 2018

di Alice Pisapia
Prof. a contratto in Diritto dell’UE per l’impresa, Università degli Studi dell’Insubria<br>Prof. a contratto in Diritto europeo della concorrenza, Università degli Studi dell’Insubria<br>Avvocato Foro di Milano
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a luglio 2018

La Corte Edu si pronuncia sul Caso Politkovskaja

Sentenza della Corte Edu (Sezione Terza), 17 luglio 2018, rich. n. 15086/07, Case Of Mazepa and others v. Russia

Oggetto: violazione art. 2 Cedu – diritto alla vita – indagine efficace – uccisione su commissione di un giornalista investigativo

La sentenza in rassegna verte sull’omicidio di Anna Politkovskaya, la nota giornalista investigativa assassinata a Mosca nel 2006. Benché il mandante dell’omicidio non sia mai stato scoperto, nel 2014 cinque persone sono state condannate per l’omicidio della giornalista. Il Tribunale di Mosca ha accertato che l’omicidio è stato commesso da un gruppo organizzato a pagamento in relazione all’esercizio delle funzioni professionali e civiche della vittima, che, come noto, si occupava di inchieste concernenti la violazione dei diritti umani nella Repubblica cecena ed era molto critica della politica del presidente Putin.

Secondo Corte Edu, l’indagine condotta dalle autorità nazionali ha portato a risultati tangibili poiché ha determinato la condanna di cinque persone direttamente responsabili dell’uccisione. Tuttavia, quando si indagava su un omicidio su commissione, a giudizio della Corte, è necessario compiere sforzi investigativi al fine di identificare anche l’autore intellettuale del crimine, cioè la persona o le persone che avevano commissionato l’assassinio. Sotto questo profilo, la Corte osserva che le indagini delle autorità si erano concentrate su un’ipotesi riguardante l’identità della persona che aveva commissionato l’omicidio, vale a dire «un noto ex politico russo a Londra» deceduto nel 2013. Tuttavia, lo Stato convenuto non aveva spiegato perché l’inchiesta aveva scelto di concentrarsi per un considerevole numero di anni su quella singola linea di indagine, che era rimasta peraltro non supportata da prove tangibili. Inoltre, dato il lavoro di Anna Politkovskaya sul conflitto in Cecenia, le autorità investigative avrebbero dovuto esplorare le presunte implicazioni dei funzionari del Servizio di sicurezza federale o dell’amministrazione della Repubblica cecena. Ciò non è avvenuto e l’indagine sull’omicidio di Anna Politkovskaya non aveva integrato il requisito dell’adeguatezza.

Alla luce delle considerazioni sopra riportate, la Corte Edu ha quindi condannato la Russia per non aver «attuato le opportune misure investigative per identificare gli sponsor dell’omicidio» della giornalista. Più in particolare, lo Stato non ha adempiuto agli obblighi relativi all’efficacia e alla durata dell’indagine ai sensi della Cedu.

***

La Corte Edu si pronuncia in tema di sfruttamento della prostituzione

Sentenza della Corte Edu (Sezione Prima) 19 luglio 2018, rich. n.  60561/14, S.M. v. Croazia

Oggetto: violazione art. 4 Cedu – tratta esseri umani – sfruttamento della prostituzione – mancanza di un’indagine efficace

La ricorrente, la sig.ra S.M., è una cittadina croata nata nel 1990 che ha presentato una denuncia penale nel settembre 2012, sostenendo che un uomo l’aveva costretta a prostituirsi per diversi mesi a metà del 2011. Ha affermato che l’uomo, un ex agente di polizia, l’aveva spinta a incontrare i clienti, l’aveva obbligata a dargli metà dei soldi che aveva guadagnato fornendo servizi sessuali e l’aveva minacciata di punirla se non avesse rispettato le sue richieste. Alla fine del 2012 l’uomo è stato incriminato e alla ricorrente è stato ufficialmente riconosciuto lo status di vittima della tratta di esseri umani. All’esito dell’indagine, l’uomo è tuttavia stato assolto, in quanto i tribunali hanno ritenuto che la testimonianza della ricorrente fosse incoerente e inaffidabile. Hanno quindi concluso che l’accusa non aveva fornito prove sufficienti per una condanna e che la ricorrente aveva prestato volontariamente i servizi sessuali.

Dopo aver riconosciuto che la tratta delle donne e lo sfruttamento della prostituzione rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 4 della Convenzione, la Corte si è soffermata sull’indagine condotta a seguito della denuncia della ricorrente, ravvisandone diverse carenze. Invero, le autorità non avevano intervistato alcuni testimoni chiave, compresi i clienti della ricorrente e altri individui che avrebbero potuto testimoniare sulla vera natura della sua relazione con l’imputato. Né avevano fatto alcun serio tentativo di indagare sulla accusa di minacce. Infine, non avevano valutato il possibile impatto del trauma psicologico sulla capacità di esporre in modo chiaro e coerente le circostanze del suo sfruttamento, etichettando la sua testimonianza come inaffidabile. Inoltre, accertando che la ricorrente aveva prestato volontariamente i servizi sessuali e non era stata coartato, i tribunali nazionali non avevano preso in considerazione il diritto internazionale in materia di tratta di esseri umani, compresa la Convenzione anti-tratta del Consiglio d’Europa, secondo cui il consenso della vittima è irrilevante. 

Alla luce dei rilievi esposti, la Corte ha concluso che le autorità nazionali competenti non hanno adempiuto agli obblighi procedurali ai sensi dell’art. 4 della CEDU e ha condannato la Croazia a pagare alla ricorrente 5.000 euro a titolo di danno non patrimoniale.

16/11/2018
Altri articoli di Alice Pisapia
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021
Reformatio in peius in appello e processo equo nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo da Dan c. Moldavia a Maestri ed altri c. Italia

Nella sentenza Maestri ed altri c. Italia dell’8 luglio 2021 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, oltre a ribadire la necessità di procedere ad una nuova escussione dei testimoni ai fini della condanna in appello preceduta da assoluzione in primo grado, come affermato in Lorefice c. Italia del 29 giugno 2017, per la prima volta condanna l’Italia per non essere stato disposto, anche d'ufficio, l'esame degli imputati prima di procedere al ribaltamento della sentenza assolutoria di primo grado. Il testo analizza la giurisprudenza europea sul tema, cogliendo l’occasione per qualche riflessione critica sul valore del precedente nella giurisprudenza della Corte Edu.

07/09/2021
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
Il Protocollo 16 e l’urgenza di riaprire il dialogo con il Parlamento per la sua ratifica

Un imminente convegno di Area Cassazione rilancia il confronto fra Parlamento, giurisdizione e dottrina 

11/06/2021
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Simmetrie tra diritti della persona offesa: equo processo e risarcimento del danno davanti alla Corte di Strasburgo

Corte EDU (Prima Sezione), 18 marzo 2021, ric. n. 24340/07, Petrella c. Italia: se le indagini si concludono con l'archiviazione per prescrizione si viola l'art. 6 § 1 CEDU. Un commento

01/06/2021