Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di giugno 2015

di Alice Pisapia , Pier Francesco Poli
* Prof. a contratto di Diritto UE nell'Università dell’Insubria e Avvocato del Foro di Milano</br> **Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato del foro di Milano
Le materie esaminate della Corte: libertà d'espressione (Italia e Finlandia) e estradizione di un terrorista marocchino (Belgio)

La Corte EDU giudica non lesiva della libertà d’espressione la condanna in sede penale per diffamazione di un avvocato nei confronti di un giudice.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 30 giugno 2015, rich. nn. 39294/2009, Peruzzi c. Italia

Oggetto: Non violazione dell’art. 10 CEDU  – Condanna in sede penale di un avvocato per diffamazione nei confronti di un giudice – Estrema gravità delle affermazioni e irrisorietà della sanzione pecuniaria e del risarcimento – Legittimità – Importance level 3

Il ricorrente, avvocato al momento dei fatti, aveva inviato al Consiglio Superiore della Magistratura una lettera in cui si lamentava del comportamento che un giudice del Tribunale di Lucca aveva tenuto nei confronti suoi e del suo assistito durante una causa in materia successoria. Aveva inoltre comunicato il contenuto della missiva a numerosi altri giudici dello stesso tribunale tramite una lettera circolare in cui tuttavia non menzionava esplicitamente il nome del giudice del cui comportamento si doleva. All’esito del procedimento penale intentato nei suoi confronti per diffamazione da parte del giudice, l’Avvocato veniva condannato ad un’ammenda. Lamenta che il procedimento penale e la relativa condanna subita abbiano violato la sua libertà di espressione, garantita dall’art. 10 CEDU. La Corte non ritiene sussistente la violazione sulla base del fatto che, nella lettera diffusa, l’Avvocato aveva scritto affermazioni gravemente lesive dell’onorabilità del magistrato, asserendo che lo stesso aveva commesso gli errori “volontariamente”, con “dolo, colpa grave o mancanza di impegno”, affermazioni dalle quali emergeva addirittura che il giudice avrebbe posto in essere un reato e che superavano in maniera evidente il limite del diritto di critica. Inoltre, osserva la Corte che la pena cui era stato condannato il signor Peruzzi era pecuniaria e di lieve entità (400 euro), così come il risarcimento da dare al magistrato diffamato (1.500 euro) circostanza che giustificava ulteriormente la condanna penale subita dal ricorrente.

 

La Corte europea statuisce che l’estradizione di un terrorista marocchino verso il Paese d’origine da parte del Belgio potrebbe costituire trattamento inumano e degradante ai sensi dell’art. 3 CEDU.

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione) 2 giugno 2015, rich. nn. 26417/2010, Ouabour c. Belgio

Oggetto: Violazione dell’art. 3 CEDU – Estradizione di soggetto marocchino condannato per atti di partecipazione a gruppi terroristici verso il proprio paese di origine – Esecuzione nel Paese di origine di torture e maltrattamenti nei confronti dei soggetti accusati di terrorismo – Illegittimità dell’estradizione – Importance level 2

Il ricorrente, cittadino marocchino condannato in Belgio a sei anni di reclusione per partecipazione a gruppi terroristici, si duole del provvedimento di estradizione in Marocco adottato nei suoi confronti da parte delle autorità belghe. In particolare, egli osserva che, qualora l’estradizione fosse attuata, egli potrebbe subire torture o trattamenti inumani e degradanti, in contrasto con quanto stabilito dall’art. 3 CEDU, in quanto tali pratiche sono utilizzate in Marocco nei confronti dei soggetti facenti parte delle organizzazioni terroristiche. La Corte accoglie il ricorso statuendo che l’eventuale estradizione costituirebbe una violazione della disposizione convenzionale e vietando alle autorità belghe di porre in essere il menzionato provvedimento. In particolare, al fine di valutare la serietà del pericolo corso dal ricorrente, i Giudici di Strasburgo fanno riferimento agli ultimi rapporti di alcune organizzazioni internazionali, risalenti al 2012 e al 2013, dai quali è emerso che nei confronti dei soggetti implicati nel terrorismo vengono praticati trattamenti contrastanti con il dettato dell’art. 3 CEDU.

 

La condanna penale per diffamazione al pagamento di una somma non irrisoria per un articolo pubblicato da un giornalista in cui venivano criticati alcuni documentari televisivi viola l’art. 10 CEDU.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 23 giugno 2015, rich. nn. 32297/2010, Niskasaari e Otavamedia c. Finlandia

Oggetto: Violazione dell’art. 10 CEDU  – Condanna penale nei confronti di un giornalista per le affermazioni contenute in un articolo – Rilevanza della sanzione economica – Illegittimità –  Importance level 3

I ricorrenti sono un giornalista ed una società finlandese per la quale il signor Niksaari lavorava. Lamentano la condanna penale per diffamazione al pagamento di una pena pecuniaria – 240 euro il giornalista –  e ad un risarcimento del danno – 2.000 euro il giornalista e 4.000 euro la società – in relazione ad un articolo, da essi pubblicato, in cui criticavano il contenuto di due documentari televisivi trasmessi su una emittente finlandese aventi ad oggetto alcune case infestate da muffa e la protezione delle foreste. La Corte europea accoglie il ricorso ritenendo che l’interferenza con la libertà di espressione dei giornalisti non fosse giustificata in una società democratica alla luce dei criteri contenuti nell’art. 10 CEDU e della propria pregressa giurisprudenza. In particolare, stante l’importante ruolo della stampa all’interno della società, ritengono i giudici di Strasburgo che la critica non travalicasse il limite in cui la stessa risulta consentita, risultando peraltro il corrispettivo economico da pagare del tutto sproporzionato.

 

 

16/09/2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021
Il Protocollo 16 e l’urgenza di riaprire il dialogo con il Parlamento per la sua ratifica

Un imminente convegno di Area Cassazione rilancia il confronto fra Parlamento, giurisdizione e dottrina 

11/06/2021
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Simmetrie tra diritti della persona offesa: equo processo e risarcimento del danno davanti alla Corte di Strasburgo

Corte EDU (Prima Sezione), 18 marzo 2021, ric. n. 24340/07, Petrella c. Italia: se le indagini si concludono con l'archiviazione per prescrizione si viola l'art. 6 § 1 CEDU. Un commento

01/06/2021
Sentenze di febbraio 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a febbraio 2021

21/05/2021