Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di giugno 2015

di Alice Pisapia, Pier Francesco Poli
* Prof. a contratto di Diritto UE nell'Università dell’Insubria e Avvocato del Foro di Milano</br> **Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato del foro di Milano
Le materie esaminate della Corte: libertà d'espressione (Italia e Finlandia) e estradizione di un terrorista marocchino (Belgio)

La Corte EDU giudica non lesiva della libertà d’espressione la condanna in sede penale per diffamazione di un avvocato nei confronti di un giudice.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 30 giugno 2015, rich. nn. 39294/2009, Peruzzi c. Italia

Oggetto: Non violazione dell’art. 10 CEDU  – Condanna in sede penale di un avvocato per diffamazione nei confronti di un giudice – Estrema gravità delle affermazioni e irrisorietà della sanzione pecuniaria e del risarcimento – Legittimità – Importance level 3

Il ricorrente, avvocato al momento dei fatti, aveva inviato al Consiglio Superiore della Magistratura una lettera in cui si lamentava del comportamento che un giudice del Tribunale di Lucca aveva tenuto nei confronti suoi e del suo assistito durante una causa in materia successoria. Aveva inoltre comunicato il contenuto della missiva a numerosi altri giudici dello stesso tribunale tramite una lettera circolare in cui tuttavia non menzionava esplicitamente il nome del giudice del cui comportamento si doleva. All’esito del procedimento penale intentato nei suoi confronti per diffamazione da parte del giudice, l’Avvocato veniva condannato ad un’ammenda. Lamenta che il procedimento penale e la relativa condanna subita abbiano violato la sua libertà di espressione, garantita dall’art. 10 CEDU. La Corte non ritiene sussistente la violazione sulla base del fatto che, nella lettera diffusa, l’Avvocato aveva scritto affermazioni gravemente lesive dell’onorabilità del magistrato, asserendo che lo stesso aveva commesso gli errori “volontariamente”, con “dolo, colpa grave o mancanza di impegno”, affermazioni dalle quali emergeva addirittura che il giudice avrebbe posto in essere un reato e che superavano in maniera evidente il limite del diritto di critica. Inoltre, osserva la Corte che la pena cui era stato condannato il signor Peruzzi era pecuniaria e di lieve entità (400 euro), così come il risarcimento da dare al magistrato diffamato (1.500 euro) circostanza che giustificava ulteriormente la condanna penale subita dal ricorrente.

 

La Corte europea statuisce che l’estradizione di un terrorista marocchino verso il Paese d’origine da parte del Belgio potrebbe costituire trattamento inumano e degradante ai sensi dell’art. 3 CEDU.

Sentenza della Corte EDU (Seconda Sezione) 2 giugno 2015, rich. nn. 26417/2010, Ouabour c. Belgio

Oggetto: Violazione dell’art. 3 CEDU – Estradizione di soggetto marocchino condannato per atti di partecipazione a gruppi terroristici verso il proprio paese di origine – Esecuzione nel Paese di origine di torture e maltrattamenti nei confronti dei soggetti accusati di terrorismo – Illegittimità dell’estradizione – Importance level 2

Il ricorrente, cittadino marocchino condannato in Belgio a sei anni di reclusione per partecipazione a gruppi terroristici, si duole del provvedimento di estradizione in Marocco adottato nei suoi confronti da parte delle autorità belghe. In particolare, egli osserva che, qualora l’estradizione fosse attuata, egli potrebbe subire torture o trattamenti inumani e degradanti, in contrasto con quanto stabilito dall’art. 3 CEDU, in quanto tali pratiche sono utilizzate in Marocco nei confronti dei soggetti facenti parte delle organizzazioni terroristiche. La Corte accoglie il ricorso statuendo che l’eventuale estradizione costituirebbe una violazione della disposizione convenzionale e vietando alle autorità belghe di porre in essere il menzionato provvedimento. In particolare, al fine di valutare la serietà del pericolo corso dal ricorrente, i Giudici di Strasburgo fanno riferimento agli ultimi rapporti di alcune organizzazioni internazionali, risalenti al 2012 e al 2013, dai quali è emerso che nei confronti dei soggetti implicati nel terrorismo vengono praticati trattamenti contrastanti con il dettato dell’art. 3 CEDU.

 

La condanna penale per diffamazione al pagamento di una somma non irrisoria per un articolo pubblicato da un giornalista in cui venivano criticati alcuni documentari televisivi viola l’art. 10 CEDU.

Sentenza della Corte EDU (Quarta Sezione) 23 giugno 2015, rich. nn. 32297/2010, Niskasaari e Otavamedia c. Finlandia

Oggetto: Violazione dell’art. 10 CEDU  – Condanna penale nei confronti di un giornalista per le affermazioni contenute in un articolo – Rilevanza della sanzione economica – Illegittimità –  Importance level 3

I ricorrenti sono un giornalista ed una società finlandese per la quale il signor Niksaari lavorava. Lamentano la condanna penale per diffamazione al pagamento di una pena pecuniaria – 240 euro il giornalista –  e ad un risarcimento del danno – 2.000 euro il giornalista e 4.000 euro la società – in relazione ad un articolo, da essi pubblicato, in cui criticavano il contenuto di due documentari televisivi trasmessi su una emittente finlandese aventi ad oggetto alcune case infestate da muffa e la protezione delle foreste. La Corte europea accoglie il ricorso ritenendo che l’interferenza con la libertà di espressione dei giornalisti non fosse giustificata in una società democratica alla luce dei criteri contenuti nell’art. 10 CEDU e della propria pregressa giurisprudenza. In particolare, stante l’importante ruolo della stampa all’interno della società, ritengono i giudici di Strasburgo che la critica non travalicasse il limite in cui la stessa risulta consentita, risultando peraltro il corrispettivo economico da pagare del tutto sproporzionato.

 

 

16/09/2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Diritto sovranazionale e diritto interno: rimedi interpretativi
Una riflessione sull’attuale panorama dei rapporti interordinamentali alla luce della doppia pregiudizialità per come la stessa si è dipanata nel corso dell’ultimo anno
27/12/2019
Nell’opinione pubblica, anche qualificata, continua a essere diffusa l’idea che l’ergastolo sia una pena riducibile e che il “fine pena mai” non esista. È vero il contrario. Mentre è in calo il numero dei reati, le condanne all’ergastolo aumentano e, tra di esse, quelle all’ergastolo effettivamente senza right to hope, senza via di uscita. Ostativo, viene comunemente definito. Un magistrato di sorveglianza ci spiega bene cosa è e perché non dovrebbe avere cittadinanza nel nostro ordinamento, tanto più dopo la sentenza della Corte di Strasburgo Viola c. Italia. Lo pubblichiamo per sfatare luoghi comuni e false giustificazioni, in attesa che il 22 ottobre si pronunci la Corte costituzionale
15/10/2019
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
01/10/2019
Sentenze di aprile 2019
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28/06/2019
Sentenze di marzo 2019
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21/06/2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19/06/2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13/06/2019