Magistratura democratica
Pillole di CEDU

Sentenze di febbraio 2016

di Alice Pisapia, Pier Francesco Poli
* Prof. a contratto di Diritto UE Univ. Dell’Insubria e Avvocato Foro di Milano</br> **Dottore di ricerca in Diritto e Procedura Penale e Avvocato Foro di Milano
I casi affrontati dalla Corte: Italia condannata per il caso Abu Omar, violazione del diritto alla vita (Francia), condizione di detenzione dei richiedenti asilo (Grecia)

Italia condannata a Strasburgo per il caso Abu Omar.

Sentenza della Corte EDU (Quarta sezione) 23 febbraio 2016, rich. nn. 44883/2009, Nasr e Ghali c. Italia

Oggetto: Cooperazione delle autorità interne nel rapimento di soggetto sottoposto successivamente a tortura in altro Paese e mancato accertamento in sede processuale dei responsabili – Violazione sostanziale e procedurale dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Violazione dell’art. 5 CEDU – Sussistenza – Violazione dell’art. 8 CEDU – Sussistenza Importance level 1

Il ricorrente Osama Mustafa Nasr, un imam egiziano sospettato di avere rapporti con cellule terroristiche, era stato rapito a Milano da parte dei servizi segreti statunitensi grazie alla collaborazione dell’intelligence italiana e quindi trasportato in Egitto, ove era stato detenuto illecitamente e sottoposto a tortura nel corso di alcuni interrogatori.

Ricorre in sede europea assieme alla moglie lamentando i) la violazione dell’art. 3 CEDU da un punto di vista sostanziale, per avere le autorità nazionali cooperato nel rapimento da parte dei servizi statunitensi e nel successivo trasferimento in Egitto, e procedurale, per non avere le autorità successivamente ai fatti ricostruito la verità di quanto accaduto e sanzionato i responsabili; ii) 5 CEDU, in relazione alla privazione della libertà subita in assenza di qualsiasi decisione adottata in conformità di una disposizione legislativa e iii) 8 CEDU con riguardo all’interruzione dei legami familiari tra i coniugi avvenuta per effetto dell’azione illegale intrapresa dalle Autorità italiane. La Corte accoglie il ricorso ritenendo sussistenti tutte le violazioni lamentate dal ricorrente.

In particolare, con riferimento all’art. 3, i Giudici di Strasburgo, pur riconoscendo l’apprezzabile tentativo della magistratura di fare chiarezza sulla vicenda, stigmatizzano recisamente il comportamento delle altre istituzioni nazionali le quali dapprima, mediante l’apposizione del segreto di Stato da parte del governo, hanno impedito alla magistratura di accertare la verità dei fatti con riferimento agli agenti dell’intelligence italiana coinvolti e secondariamente, mediante il riconoscimento della grazia da parte del Presidente della Repubblica nonché mediante la rinuncia a presentare qualsiasi domanda di estradizione, hanno posto sostanzialmente nel nulla le decisioni assunte con riguardo ai membri dei servizi segreti statunitensi per i quali era stata riconosciuta la responsabilità all’interno delle sentenze.

 

La Francia condannata dalla Corte europea per violazione del diritto alla vita.

Sentenza della Corte EDU (Quinta Sezione) 4 febbraio 2016, rich. nn. 58828/2013, Isenc c. Francia

Oggetto: Suicidio in carcere –  Violazione sostanziale e procedurale dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 3

Il ricorrente è un cittadino turco padre di un detenuto suicidatosi nel carcere in cui era recluso mediante impiccagione. Il padre in particolare lamenta l’insufficienza del sostegno psicologico prestato al figlio una volta entrato in carcere, l’assenza di controllo del medesimo nonché il mancato svolgimento, successivamente alla morte, di una indagine che avesse effettivamente chiarito come si erano svolti i fatti.

La Corte accoglie il ricorso rilevando come nella condizione di detenzione spetti allo Stato il compito di sorvegliare i soggetti reclusi e come non potesse considerarsi sufficiente il solo check up iniziale eseguito al momento dell’ingresso all’interno del penitenziario.

 

Condannata ancora la Grecia per le condizioni di detenzione patite da un richiedente asilo.

Sentenza della Corte EDU (Prima) 4 febbraio 2016, rich. nn. 37991/2011, Amadou c. Grecia

Oggetto: Cittadino senza permesso di soggiorno – Condizioni di custodia presso differenti stazioni di polizia –Violazione dell’art. 3 CEDU – Sussistenza – Importance level 3

Il ricorrente, cittadino del Gambia, veniva fermato nel tentativo di entrare in territorio greco alla frontiera arrestato per tentativo di ingresso illegale in Grecia. Veniva quindi condotto presso due differenti stazioni di polizia ed ivi detenuto sino al suo rilascio avvenuto in conseguenza dell’accoglimento di una domanda di asilo presentata.

Lamenta la violazione dell’art. 3 CEDU per le condizioni di detenzione patite in quanto era stato collocato in un luogo completamente sovraffollato, senza luce naturale, in precarie condizioni igieniche e con poca possibilità di movimento.

La Corte accoglie il ricorso riconoscendo la violazione dell’art. 3 CEDU sub specie di trattamenti inumani e degradanti in ragione dei patimenti subiti.

 

01/06/2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Diritto sovranazionale e diritto interno: rimedi interpretativi
Una riflessione sull’attuale panorama dei rapporti interordinamentali alla luce della doppia pregiudizialità per come la stessa si è dipanata nel corso dell’ultimo anno
27/12/2019
Nell’opinione pubblica, anche qualificata, continua a essere diffusa l’idea che l’ergastolo sia una pena riducibile e che il “fine pena mai” non esista. È vero il contrario. Mentre è in calo il numero dei reati, le condanne all’ergastolo aumentano e, tra di esse, quelle all’ergastolo effettivamente senza right to hope, senza via di uscita. Ostativo, viene comunemente definito. Un magistrato di sorveglianza ci spiega bene cosa è e perché non dovrebbe avere cittadinanza nel nostro ordinamento, tanto più dopo la sentenza della Corte di Strasburgo Viola c. Italia. Lo pubblichiamo per sfatare luoghi comuni e false giustificazioni, in attesa che il 22 ottobre si pronunci la Corte costituzionale
15/10/2019
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
01/10/2019
Sentenze di aprile 2019
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28/06/2019
Sentenze di marzo 2019
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21/06/2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19/06/2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13/06/2019