Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

La sospensione del corso della prescrizione al vaglio della Consulta

Pubblichiamo – per l’evidente interesse – due ordinanze con le quali il Tribunale di Siena ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell’art. 83, quarto comma, del decreto legge n. 18 del 2020 (il c.d. decreto cura Italia, convertito con legge n. 27 del 2020) per ritenuto contrasto con il principio di irretroattività della legge penale sfavorevole, cristallizzato nell’art. 25, comma 2, Cost.

Le due ordinanze sono relative a casi in cui – ove non fosse intervenuto l’art. 83, comma 4, dl n. 18 del 2020 che introduce una sospensione del corso della prescrizione – alcuni tra i reati contestati agli imputati sarebbero risultati, al momento della decisione del Tribunale di Siena, già estinti per intervenuta prescrizione (in un caso, uno dei reati sarebbe risultato estinto in data 20 aprile 2020; nell’altro caso, uno dei reati sarebbe risultato estinto in data 16 maggio 2020).

Il Tribunale di Siena – dopo aver dato atto dell’assenza di evidenti elementi per assolvere gli imputati nel merito (e, dunque, dell’insussistenza dei presupposti per emettere sentenza assolutoria ai sensi dell’art. 129, comma 2, cpp) – procede ad una dettagliata ricostruzione della disciplina normativa relativa alla sospensione dei procedimenti e dei termini processuali, evidenziando i legami tra tali previsioni e la disciplina della sospensione del corso della prescrizione, prevista dall’art. 83, comma 4, dl n. 18 del 2020. Da evidenziare che il Tribunale di Siena attribuisce l’effetto sospensivo del corso della prescrizione direttamente alla normativa emergenziale (non ritenendo che esso sia l’effetto – mediato dall’art. 159 cp – della sospensione del procedimento dettata dalla normativa emergenziale).

Sennonché – venendo quindi ai dubbi di legittimità costituzionale sollevati dal Tribunale di Siena – la previsione di una “nuova” causa di sospensione del corso della prescrizione e la sua applicazione in procedimenti penali relativi a reati commessi in epoca anteriore al 9 marzo 2020 rappresenta, secondo la ricostruzione del Tribunale di Siena, una applicazione retroattiva di una disciplina penale di sfavore.

Il Tribunale di Siena procede ad una articolata analisi della giurisprudenza di legittimità e della giurisprudenza costituzionale e ricorda le plurime occasioni in cui la Corte costituzionale – pur senza ignorarne la dimensione (anche) processuale – ha esplicitamente affermato la natura sostanziale dell’istituto della prescrizione, rimarcando le nette affermazioni della Consulta rese nel contesto della nota saga Taricco (e dintorni); è stato, in particolare, ricordato che la Consulta ha esplicitamente affermato che «nell’ordinamento giuridico nazionale il regime legale della prescrizione è soggetto al principio di legalità in materia penale, espresso dall’art. 25, secondo comma, Cost.» [Corte costituzionale, ordinanza n. 24 del 2017, punto 4 del considerato in diritto], con tutti i corollari che si danno in punto di legalità, tassatività e divieto di retroattività dei trattamenti sfavorevoli: è cioè necessario che il regime legale della prescrizione sia «analiticamente descritto, al pari del reato e della pena, da una norma che vige al tempo di commissione del fatto» [così sempre Corte costituzionale, ord. n. 24 del 2017, punto 4].

Se questo è il quadro del diritto vivente (della giurisdizione comune e costituzionale), il dubbio di legittimità costituzionale prospettato dal Tribunale di Siena appare tutt’altro che manifestamente infondato nella parte in cui rileva la frizione tra il divieto di trattamenti penali sfavorevoli con portata retroattiva e la possibilità di applicazione della disciplina della sospensione del corso della prescrizione a reati commessi prima dell’entrata in vigore del cd. decreto cura-Italia [per analoghe conclusioni, cfr. L. Fidelio-A.Natale, Emergenza COVID-19 e giudizio penale di merito: un catalogo (incompleto) dei problemi, par. 5, in Questione giustizia on line, 16 aprile 2020, ove si rileva che la conclusione non muterebbe ancorando l’effetto sospensivo della prescrizione alla sospensione del processo, registrando indicazioni in tal senso in Corte costituzionale, sentenza n. 114 del 1994].

Il Tribunale di Siena affronta poi un’altra questione, relativa alla possibilità che i dubbi di legittimità costituzionale sopra sintetizzati possano essere superati sulla base di considerazioni legate al contesto emergenziale in atto e sull’assenza di un autentico pregiudizio a diritti fondamentali della persona sottoposta a giudizio [come affermato, con diversità di argomenti da autorevole dottrina; cfr. G.L. Gatta, "Lockdown" della giustizia penale, sospensione della prescrizione del reato e principio di irretroattività: un cortocircuito, in Sistema Penale, 4 maggio 2020 e T. Epidendio, Il diritto nello “stato di eccezione” ai tempi dell’epidemia da Coronavirus, in Giustizia Insieme, 19 aprile 2020].

L’ordinanza senese ricorda al riguardo che – sempre nella giurisprudenza costituzionale – si leggono esplicite affermazioni per cui il principio di irretroattività della legge penale sfavorevole non può soffrire eccezioni [Corte costituzionale, sentenza n 236 del 2011, considerato in diritto n. 13]; ricorda, ancora, che – nella vicenda Taricco – la Consulta ha speso impegnative parole a proposito della disciplina della prescrizione in relazione al principio di legalità, affermando che «il principio di legalità in materia penale esprim[e] un principio supremo dell’ordinamento, posto a presidio dei diritti inviolabili dell’individuo, per la parte in cui esige che le norme penali […] non abbiano in nessun caso portata retroattiva» [Corte costituzionale, ordinanza n. 24 del 2017, punto 2 del considerato in diritto]; ricorda, ancora ed infine, che i «principi supremi» espressi dalla Costituzione italiana non possono tollerare deroghe o eccezioni [sottolineando altresì che i principi supremi – secondo Corte costituzionale, sentenza n. 1146 del 1988, considerato in diritto 2.1 – «non possono essere sovvertiti o modificati nel loro contenuto essenziale» poiché essi « appartengono all'essenza dei valori supremi sui quali si fonda la Costituzione italiana»].

Vedremo quale sarà la risposta della Corte costituzionale. È solo il caso di rilevare, in chiusura, che la questione devoluta alla Consulta dal Tribunale di Siena ha una portata che non può dirsi limitata alla disciplina della prescrizione, implicando necessariamente una riflessione, ben più profonda, dei rapporti tra principi supremi dell’ordinamento costituzionale e diritto dell’emergenza (o dell’eccezione).

 

26/05/2020
Altri articoli di Redazione
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il regionalismo autarchico è incostituzionale: dal Giudice delle leggi una pronuncia che mette ordine nella gestione territoriale della pandemia

Con la sentenza n. 37 del 2021 la Corte costituzionale ha preso posizione sui margini di intervento delle Regioni nella gestione dell’emergenza sanitaria, annullando il nucleo fondamentale di una legge valdostana, già sospesa in via cautelare. La portata della decisione trascende l’oggetto del contendere, investendo, quanto meno indirettamente, l’impalcatura normativa predisposta dalle istituzioni nazionali per affrontare l’epidemia.

13/04/2021
Il punto sui reati dell’emergenza Covid

Il rapido succedersi di disposizioni normative anche in materia penale mette a dura prova l’interprete chiamato oggi a valutare le notizie di reato relative alle violazioni delle misure dettate per fronteggiare il rischio sanitario derivante dall’epidemia da Coronavirus dopo la Delibera del Consiglio dei Ministri del 31.1.2020, con cui è stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale.
Si pongono dunque diversi temi di riflessione cui l’interprete deve dare risposta in riferimento ai casi che possono prospettarsi, alla luce dei principi costituzionali e senza tralasciare le esigenze di contrasto della pandemia. 

01/04/2021
Coartazione a comunicare e violenza privata

La sentenza del Tribunale di Milano di condanna di un intervistatore della trasmissione televisiva Le Iene riconduce alla fattispecie di violenza privata la «coartazione alla comunicazione» con cui si forza una persona a rispondere a domande mentre una videocamera la riprende

30/03/2021
Nuovi percorsi per la magistratura onoraria?

Due recenti interventi, la sentenza n. 41/2021 della Corte costituzionale, e l’audizione alla Commissione Giustizia del Senato della Ministra della Giustizia Marta Cartabia, offrono lo spunto per una ricognizione dei temi che più da vicino riguardano la stessa collocazione istituzionale della magistratura onoraria, tra le funzioni di supporto alla magistratura ordinaria, con l’inserimento nell’ufficio per il processo, come delineato dalla riforma Orlando, e l’assunzione di un ruolo autonomo nell’amministrazione diretta della giustizia. Senza dimenticare il percorso che si sta svolgendo per il  riconoscimento di tutele che discendono dall’attribuzione al magistrato onorario della qualità di “lavoratore”, come  desunta dal diritto eurounitario.

25/03/2021
Il 41-bis e il diritto alla speranza: tra declinazione collettiva e declinazione individuale

Al centro di un incrocio strategico per contrastare la criminalità mafiosa e terrorista, il regime del “carcere duro” è senza dubbio un istituto giuridico al centro di forti polemiche. Occorre rivalutarne criticamente l’attualità, l’utilità, la tenuta nel corso del tempo. 

24/03/2021
Il sostegno all’economia nella crisi da COVID: il versante penale. Le fattispecie applicabili e le indagini

Le misure di sostegno che lo Stato ha varato nel corso dell’epidemia COVID - indispensabili per fronteggiare la crisi economica e sociale - comportano rischi di indebito accesso ai finanziamenti previsti e di illecita appropriazione di risorse pubbliche. Di qui l’esigenza di analizzare i meccanismi delle principali misure economiche messe in campo dallo Stato, di verificare l’applicabilità delle norme penali vigenti alle condotte illecite e di elaborare progetti investigativi adeguati a contrastarle.

15/03/2021
Ergastolo ostativo, carcere duro e dintorni

Il 24 marzo 2021 la Corte costituzionale è chiamata a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale delle disposizioni di cui agli artt. 4-bis e 58-ter dell’ ordinamento penitenziario nella parte in cui escludono che il condannato all’ergastolo, per delitti commessi avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416-bis cod. pen. ovvero al fine di agevolare l’attività delle associazioni ivi previste, che non abbia collaborato con la giustizia, possa essere ammesso alla liberazione condizionale. Sotto la formula tecnica si nasconde la questione della legittimità dell’ergastolo ostativo. Pubblichiamo, in proposito, la riflessione di Giovanni Fiandaca. Non si tratta soltanto della recensione a E. Dolcini, F. Fiorentin, D. Galliani, R. Magi, A. Pugiotto, Il diritto alla speranza davanti alle Corti. Ergastolo ostativo e articolo 41-bis, Giappichelli, Torino, 2020. Il commento al volume diventa occasione per una meditazione a tutto tondo sulla pena perpetua e sul regime differenziato del 41-bis. 

09/03/2021
I “più piccoli” tra giudici e la Corte costituzionale

L'editoriale al numero 4/2020 di Questione Giustizia trimestrale, dedicato alla giustizia costituzionale

03/03/2021
Frammenti di un novennio (dicembre 2010 - dicembre 2019)

I ricordi del presidente emerito sui nove anni vissuti alla Corte, dipinta nelle pieghe più vivide del suo operato, si intrecciano a una riflessione più ampia sul ruolo del Giudice costituzionale nei suoi rapporti con il Legislatore e le Corti internazionali.

24/02/2021