Magistratura democratica
Magistratura e società

Rischio virus in carcere. Idee e proposte dei professori di diritto penale

Il documento dell'Associazione Italiana dei Professori di Diritto Penale

Anche l’accademia fa sentire la sua voce sulla questione carceraria nei giorni del coronavirus, écrivains engagés, si sarebbe detto un tempo, e sappiamo quanto bisogno di impegno ci sia di questi tempi.

Le Osservazioni e proposte del Consiglio direttivo dell’Associazione Italiana dei Professori di Diritto Penale (Aipdp) sull’emergenza da coronavirus fotografano il carcere esistente e ed evidenziano la grave insufficienza delle risposta legislativa arrivata col decreto-legge “Cura Italia”.

Una soluzione che rischia di trasformarsi in finzione. L’applicabilità della detenzione domiciliare alle sole pene residue di diciotto mesi, l’obbligo del braccialetto elettronico, le numerose clausole di esclusione dalla platea dei potenziali beneficiari e la mancata deroga alle preclusioni dell’ordinamento penitenziario sono ingredienti che rendono lo strumento di fatto inutilizzabile per ridurre la popolazione carceraria. Lo hanno rilevato in molti. L’Unione delle Camere Penali Italiane lo denuncia ogni giorno.

E così, magistrati di sorveglianza e giudici di cognizione continuano a lavorare con l’esistente, ma è come usare il cucchiaino per togliere acqua da una piscina. Al 20 marzo 2020, come scritto nel documento del direttivo Aipdp i detenuti presenti nelle carceri italiane erano 59.132, a fronte dei 61.230 del 29 febbraio. Ancora troppi se si considera che la capienza effettiva è di poco più di 47.000 posti. In queste condizioni, nessuna profilassi è possibile e gli spazi per l’isolamento sanitario non possono tenere alla prova dell’infezione.

Le soluzioni offerte al decisore politico sono molte e il documento del direttivo Aipdp le riassume in maniera egregia. Tutte le indicazioni ruotano attorno alla necessità di non aggravare i numeri del carcere in ingresso (differimento dell’ordine esecuzione, più facile praticabilità degli arresti domiciliari) e di favorire una deflazione controllata e verificata della popolazione detenuta (liberazione anticipata speciale, permanenza notturna per i semiliberi e i lavoratori all’esterno e altre). Il semplice innalzamento della detenzione in deroga a quei detenuti che devono ancora espiare due anni di pena (misura prevista anche dal documento che pubblichiamo) consentirebbe di allargare il range dei potenziali fruitori della misura, senza intaccare le esigenza di sicurezza sociale.

Gli avvertimenti dei professori, degli avvocati e dei magistrati ci sono e sono tanti. Ora tocca alla politica.

Un’ultima considerazione. Il documento dell’accademia giunge lo stesso giorno in cui Il Gazzettino, quotidiano di Venezia, pubblica la risposta del Presidente Mattarella alla lettera indirizzatagli dai detenuti delle carceri di Venezia, Padova e Vicenza. Gli ospiti di quelle strutture, oltre a farsi portatori della voce di tutta la popolazione carceraria e del personale di Polizia Penitenziaria in ordine alla gravità del rischio epidemico in prigione, raccontavano al Capo dello Stato la loro decisione di fare un colletta a favore degli ospedali e di impegnarsi con il lavoro volontario nei Centri di Prenotazione. Loro che sanno, come hanno scritto, “cosa voglia dire perdere una persona cara (madre, padre, moglie, figli, fratelli) senza potergli essere accanto”.

Ecco, nelle carcere italiane non ci sono solo i violenti che hanno tenuto banco nelle rivolte. Nelle patrie galere, nonostante tutto, capita che i cattivi diventino buoni. Dobbiamo capire, come ha scritto il Presidente, che il popolo dei ristretti fa parte della grande collettività italiana e che soltanto in questo modo la promessa dell’art. 27 si avvera. La politica, soprattutto, deve mettere questo pensiero in agenda. Ora.

24/03/2020
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Per un carcere più umano

Un appello di studiosi di diritto e procedura penale per una rinnovata attenzione al carcere

01/12/2020
Prime riflessioni su criteri costituzionalmente fondati di distribuzione dei vaccini anti-Sars-Cov-2

L’annunciata disponibilità di vaccini efficaci contro il virus Sars-Cov-2 rende necessario prevederne una distribuzione razionale, basata su principi costituzionali e comprensibile dai destinatari; da regolare ad opera del legislatore, poiché comporta un bilanciamento di diritti e interessi in attuazione di norme costituzionali.

24/11/2020
Un anno di blocco dei licenziamenti: con sussurri e grida tra Ferragosto e Ognissanti

Tutto lascia pensare che l’inibizione, disposta per legge, del potere di recesso unilaterale del datore, a fronte di ragioni connesse alla organizzazione delle sue attività, finisca con il durare (almeno?) un anno. Contemporaneamente appare emergere un legame tra questa scelta, con pochi precedenti nella storia della Repubblica, e l’evoluzione della pandemia, tornata da ultimo assai preoccupante.

18/11/2020
Il "pensare corrente" sul carcere e i suoi antidoti

La recensione a M. Bortolato, E. Vigna, Vendetta pubblica. Il carcere in Italia, Laterza, 2020, diventa occasione per un’analisi a tutto tondo delle ideologie e delle visioni della penalità

14/11/2020
Il diritto nell’emergenza

Nell’emergenza sanitaria ed economica il diritto è chiamato a svolgere la sua funzione regolatrice e ordinatrice senza snaturarsi in uno scomposto e confuso diritto dell’emergenza. E la magistratura, pur scossa dalla sua crisi interna, è tenuta a non ripiegarsi su se stessa, per non far mancare al Paese, in questo frangente, il suo apporto di conoscenza e di esperienza.

17/10/2020
La tutela delle imprese dal pericolo mafioso

Nei saggi di Piergiorgio Morosini e di Costantino Visconti vengono analizzati, in sequenza, i rischi di penetrazione della criminalità organizzata nella società e nell’economia messe a dura prova dall’emergenza sanitaria ed economica, le forme di contrasto alle possibili infiltrazioni e gli strumenti di tutela delle imprese dal pericolo mafioso.

16/10/2020
Legalità e lavoro nel diritto “dopo” la pandemia

A partire da una ricognizione delle diverse risposte fornite dal legislatore alle questioni di regolarità/irregolarità del rapporto di lavoro emerse nella fase dell’emergenza, l’Autrice si propone di introdurre il più ampio e complesso rapporto tra legalità e lavoro nella prospettiva del diritto che se ne occupa con il supporto di alcune riflessioni di metodo elaborate in recenti ricerche dedicate al lavoro e alla salute e sicurezza della salute dei migranti. Tali questioni sono relative al sostegno al reddito, all’emersione di rapporti di lavoro irregolari, soprattutto degli stranieri, e alla gestione del mercato del lavoro, ivi compreso il caporalato

25/09/2020
Commento alla Relazione al Parlamento 2020 del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale

Presentata il 26 giugno la Relazione al Parlamento 2020 del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale. Il commento del Presidente di Magistratura democratica

29/06/2020
La responsabilità dentro il diritto

Ubbidienza vs responsabilità? I comportamenti responsabili dei cittadini nell'epoca del coronavirus, sono da ascrivere alla sola sfera etica o hanno a che fare anche con quella giuridica? 

17/06/2020