Magistratura democratica
Magistratura e società

Il diritto penale nella stagione dei populismi *

di Simone Spina
giudice del Tribunale di Siena
Assecondare gli umori repressivi presenti nella società, criminalizzando il diverso e l’emarginato e alimentando la percezione dell’insicurezza e della paura: questi i tratti delle odierne politiche in materia penale che stridono con il volto costituzionale del diritto penale e che rischiano così di trasformarlo da luogo dell’uguaglianza a luogo della discriminazione

1. In apertura di questo mio breve intervento, desidero innanzitutto ringraziare Mariarosaria Guglielmi per la sua relazione introduttiva: una relazione animata da una profonda passione civile e connotata, al contempo, da un ampio respiro culturale.

Una relazione che restituisce l’immagine e il volto di una magistratura progressista, fortemente impegnata nella difesa dei principi e dei valori costituzionali, di questi individuando partitamente le lesioni e riconoscendone puntualmente le violazioni.

Ma il mio ringraziamento va anche a tutta la dirigenza di Magistratura democratica, per avere organizzato questo congresso e per avere individuato i temi di riflessione associativa con sguardo − ancora una volta − davvero “aperto” verso la società, e rivolto, in particolare, alle sue componenti più deboli.

Nell’odierna “stagione del populismo” (un “populismo”, peraltro, che così apertamente viene rivendicato da chi lo pratica, come ci ha ricordato Nello Rossi nella sua bella introduzione), sono infatti proprio i momenti di riflessione collettiva come questi − sui compiti e sul ruolo della magistratura − che contribuiscono a dare senso e valore alla nostra coscienza professionale; momenti che ci aiutano a ricordare − oggi più che mai − che quella del magistrato non è una professione solamente “tecnica”, né, tantomeno, può essere intesa come una figura puramente “burocratica”.

Da questo punto di vista − permettetemi una breve digressione − la magistratura di orientamento democratico e progressista, a mio parere, deve continuare ad avversare una visione meramente “tecnica” e acritica del ruolo del giudice; una visione che, come sappiamo, negli ultimi tempi sembra prepotentemente riaffiorare in una non piccola parte della magistratura.

Oggi più che mai, allora, il compito della magistratura progressista, tutta, deve essere quello di promuovere − soprattutto tra noi giovani colleghi − una cultura del magistrato quale tutore e garante dei diritti fondamentali, ribadendo con forza che l’orizzonte assiologico della giurisdizione deve identificarsi nella Costituzione e, per altro verso, nelle Carte e nelle Convenzioni europee; nei principi di eguaglianza, di dignità della persona e di solidarietà in esse proclamati; e nella tutela dei diritti in esse sanciti.

2. Ed è proprio a partire da tale orizzonte assiologico che, in questa nostra sessione dedicata al rapporto tra “giudici, popolo e cittadini”, intendo offrire un piccolo contributo al presente dibattito, proponendo soltanto alcuni brevi spunti di riflessione in merito alle più recenti politiche legislative in campo penale; spunti inevitabilmente condizionati dai tempi brevi imposti dalle cadenze congressuali ma, soprattutto, dalla mia inesperienza pratica e “sul campo”.

E come Nello Rossi, anch’io non posso che giovarmi della lucida analisi svolta da Mariarosaria, là dove − nel ricostruire le più recenti linee d’intervento normativo nel tessuto penale italiano − riconosce e denuncia le pericolose «torsioni e deformazioni subite dal diritto penale […], sotto la spinta delle pulsioni ed emergenze del momento», unitamente alla «dilatazione irrazionale dello strumento repressivo e all’abbandono del modello garantista rappresentato dal diritto penale minimo».

Queste torsioni e deformazioni si sono prodotte − lo sappiamo bene − ad opera di due recenti riforme, l’una versata nella legge cd. “spazzacorrotti” e l’altra nel decreto cd. “Salvini”.

La prima ha previsto la perpetuità di talune pene accessorie, anche nell’ipotesi in cui la pena principale non superi i due anni di reclusione; ha stabilito la sopravvivenza anche alla riabilitazione degli effetti penali; ha esteso le fattispecie ostative alla concessione delle misure alternative anche ai reati contro la Pubblica amministrazione, introducendo, infine, la figura dell’agente cd. “sotto copertura”.

Con il secondo provvedimento sono stati invece introdotti il reato di «esercizio molesto dell’accattonaggio» − testualmente definito, nella rubrica, come «delitto», ancorché punito con la pena dell’arresto (da tre a sei mesi), peraltro congiunta con l’ammenda da 3.000 a 6.000 euro − e il reato di blocco ferroviario e stradale (già depenalizzato, seppur in parte, nel 1999); sono state aumentate le pene per il reato di invasione o occupazione di terreni o edifici ed è stata prevista la punizione per l’esercizio abusivo dell’attività di «parcheggiatore».

3. Ebbene, entrambi questi provvedimenti, a mio giudizio, sono accomunati dal medesimo retroterra culturale: ossia, dall’idea della criminalizzazione quale principale strumento di governo dei problemi della società.

Entrambi i provvedimenti, da questo punto di vista, sono il frutto di una politica promotrice di un diritto penale massimo, incurante delle garanzie, interessata soltanto ad assecondare − o peggio ad alimentare − le paure o, per altro verso, gli umori repressivi presenti nella società.

Entrambi i provvedimenti − come ci ha ricordato Mariarosaria Guglielmi − segnano d’altra parte un vero e proprio «salto di qualità» nell’uso demagogico del diritto penale.

In un duplice senso.

Per un verso, infatti, l’irrigidimento dei caratteri selettivi e antigarantisti della repressione penale in essi contenuto − in uno con l’introduzione di nuove figure di reato in danno dei ceti più deboli e marginalizzati − vale ad assecondare, nell’opinione pubblica, il riflesso classista dell’equiparazione dei poveri e degli emarginati ai delinquenti, così deformando l’immaginario collettivo sulla devianza.

Per altro verso, la mobilitazione delle paure e degli umori repressivi presenti nella società dagli stessi indotta − unitamente alla criminalizzazione degli emarginati e dei “diversi” − diviene il principale fattore per la costruzione e il rafforzamento di un’identità collettiva e per l’individuazione di nuovi “nemici”, identificati essenzialmente nei più poveri.

In altri termini, con la mobilitazione contro il diverso e l’emarginato − perseguita tramite la loro penalizzazione − si alimenta e al contempo si soddisfa l'ormai diffuso sentimento d'insicurezza sociale, scaricando così le paure, le frustrazioni e le tensioni sociali irrisolte.

È questo, a mio giudizio, uno dei tratti salienti dell’odierna politica populistica nel campo del diritto penale.

Un diritto penale che, criminalizzando status, condizioni personali e sociali, diviene assai più un diritto penale del reo che un diritto penale del fatto.

Un diritto penale che asseconda l’idea, propria del senso comune, che si debba e si possa punire non per quel che si è fatto ma per quel che si è; e che la giustizia debba guardare al reo dietro al reato, all’identità del “nemico” più che alla prova dei suoi “atti d’inimicizia”.

È chiaro che una simile politica produce una grave deformazione del diritto penale, che da luogo − quantomeno nel suo paradigma costituzionale − dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge diventa, di fatto, il luogo della disuguaglianza e della discriminazione.

Una politica che − e mi avvio così verso la conclusione − appare dunque in contrasto con i principi regolativi del diritto penale, per come disegnati dalla nostra Carta costituzionale; una politica che rischia di travolgere completamente la ragione giustificativa stessa del diritto penale, trasformando quest’ultimo da «legge del più debole contro la legge del più forte che vigerebbe in sua assenza» − secondo la felice espressione coniata da Luigi Ferrajoli − in vera e propria legge «dei più forti», esercitata nei confronti e a scapito «dei più deboli».

[*] È il testo dell'intervento svolto al XXII congresso di Magistratura democratica, sul tema «Il giudice nell’Europa dei populismi», Roma, 1-3 marzo 2019.

02/04/2019
Altri articoli di Simone Spina
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I delitti contro l'uguaglianza

La discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi è contraria al principio di uguaglianza e, soprattutto, al valore della pari dignità sociale che la Costituzione riconosce a tutti. I delitti contro l’uguaglianza rappresentano la negazione di questo valore. Il contributo ripercorre lo sviluppo legislativo e giurisprudenziale che ha portato alla formulazione degli attuali articoli 604 bis e 604 ter c.p. con uno sguardo alla giurisprudenza sovranazionale e, soprattutto, alle modalità secondo cui una specifica categoria di vittime avverte la discriminazione nei propri confronti.

29/09/2021
Verso la fine della pena come retribuzione? In occasione dei settecento anni dalla nascita di Dante Alighieri

La relazione del procuratore generale presso la Corte di Cassazione svolta ad Anagni il 10 luglio 2021, in occasione del conferimento del premio Bonifacio VIIIPer una cultura della pace. 

11/09/2021
Il diritto a non essere “additato” come colpevole prima del giudizio. La direttiva UE e il decreto legislativo in itinere

E’ sul versante mediatico e della motivazione dei provvedimenti giudiziari che, nel nostro Paese, la presunzione di innocenza può essere contraddetta e vulnerata. E’ questo il filo conduttore del decreto legislativo ancora in itinere, che - in attuazione della Direttiva UE n. 343 del 2016 - mira a rafforzare la presunzione di innocenza dell’indagato e dell’imputato, con l’ambizione di incidere profondamente sul linguaggio di tutte le “autorità pubbliche”, sulla comunicazione degli uffici giudiziari e sulla motivazione delle decisioni interne al processo. Non è facile, oggi, prevedere se le nuove norme daranno il via ad una vera rivoluzione culturale nella rappresentazione delle persone sottoposte ad indagini e a processi o se le innovazioni resteranno una facciata destinata a mascherare malamente la sopravvivenza di inveterati “pregiudizi”. E’ certo però che la genuina adesione all’ispirazione di fondo della nuova normativa non implica la rinuncia a ragionare, anche criticamente, sui differenti aspetti del testo normativo, sulla sua genesi, sulle sue ricadute nei mondi del diritto e dell’informazione. 

03/09/2021
L’iniziativa referendaria sull’articolo 579 del codice penale: gli scenari possibili

Gli scenari diametrali aperti dal successo nella raccolta delle firme sono quello della dichiarazione di inammissibilità del quesito e quello dell’abrogazione parziale per via referendaria dell’art. 579 c.p., che aprirebbe problemi interpretativi in particolare sul consenso. Ma di fronte alla complessità del tema della disponibilità/indisponibilità della vita e all’insieme delle norme di riferimento è possibile che né il referendum, né la sola iniziativa legislativa in corso in materia di “morte volontaria medicalmente assistita” siano dirimenti.

01/09/2021
Tortura: una norma scritta male al banco di prova della prassi applicativa

Due recenti pronunce di merito sono l’occasione per soffermarsi sugli elementi costitutivi e circostanziali della fattispecie di tortura. Una norma scritta male, densa di problemi interpretativi e non priva di qualche disallineamento rispetto alla normativa sovranazionale.

12/07/2021
La razionalità nel contrasto al crimine

Il giurista moderno non può interessarsi soltanto delle norme e della loro applicazione o disapplicazione, relegando in secondo piano l’esame del corpo sociale e lo studio delle realtà da cui nasce la criminalità.  Al rifiuto di tutte le diverse forme di “uso politico” della criminalità deve accompagnarsi un approccio razionale e pragmatico che individui adeguati strumenti di risanamento sociale e di trattamento del delinquente, dimostrando che lo Stato può ridurre il costo dei fenomeni criminali grazie all’impiego di metodi scientificamente corretti.

25/06/2021
Magistrati e giornalisti. Le querele, il "cahier de doléances", l’infedeltà necessaria

Si avvicina la scadenza del giugno 2021 fissata dalla Corte costituzionale per la sua pronuncia sul “carcere per i giornalisti” dopo la sollecitazione rivolta al Parlamento ad intervenire, entro un anno, sul tema della diffamazione a mezzo stampa. Dall’approssimarsi di questa data e dagli spunti offerti dalla cronaca traiamo l’occasione per affrontare due questioni estremamente attuali: le querele e le azioni civili dei magistrati per notizie ritenute false e diffamatorie e il cahier de doléances dei giornalisti per la vigente disciplina della diffamazione a mezzo stampa. 

12/05/2021
Falso in autodichiarazione covid e risposta penale

Il vaglio giurisdizionale sulle accuse relative alle falsità nelle c.d. autodichiarazioni COVID-19 costringe a riflettere su principi fondamentali, come il principio di legalità in materia penale, quello di sussidiarietà e sul diritto a non auto-incriminarsi; non ultimo, la questione impone di ragionare sull’utilità o meno della risposta penale verso un simile fenomeno.

15/04/2021