Magistratura democratica
Magistratura e società

Un ricordo di Valerio Onida

di Renato Rordorf
già Presidente aggiunto della Corte di cassazione, già Direttore di Questione giustizia

Il 14 maggio scorso Valerio Onida ci ha lasciati. Tutta la sua vita è stata dedicata allo studio ed all’applicazione del diritto, inteso soprattutto come strumento indispensabile di difesa dei più deboli. Non occorre ricordare qui il suo fondamentale apporto allo studio del diritto costituzionale. In questo campo Onida non è stato solo un professore, bensì un vero Maestro, che ha saputo creare introno a sé una scuola capace di elaborare e trasmettere il suo pensiero anche alle generazioni successive. E neppure occorre ricordare le altre importanti funzioni che ha svolto nella vita pubblica: da giudice, e poi presidente, della Corte costituzionale a presidente del primo consiglio direttivo della Scuola superiore della Magistratura, ed altro ancora. Un grande studioso, certo, ma anche un uomo appassionatamente partecipe delle vicende del suo tempo e sempre disposto ad impegnarsi a fondo per realizzare gli ideali in cui credeva. 

Quel che mi preme sottolineare è però il particolare profilo umano di Valerio Onida, che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente per averlo incontrato più volte, in occasione di seminari, nel suo studio ed in casa di comuni amici. Ciò che immediatamente colpiva era la sua – vorrei dire – quasi disarmante semplicità: il suo saper porsi al livello dei suoi interlocutori, chiunque essi fossero, senza il benché minimo accenno di supponenza o di superbia intellettuale. E Dio sa se avrebbe potuto permetterselo! Fermissimo nel difendere le proprie idee, ma sempre disposto ad ascoltare con umiltà ed attenzione anche quelle di chi ne aveva di diverse.

Di Valerio Onida si potrebbero dire tante cose, e molte in questi giorni ne sono state dette. Vorrei solo aggiungere il ricordo di un episodio, accaduto non so più quanti anni fa, quando io ero ancora in Corte di cassazione. Fu in occasione di un’adunanza camerale della sesta sezione civile della Corte (la cosiddetta “sezione filtro”, in cui si trattano i ricorsi o le questioni meno “nobili”), la quale allora era ancora aperta alla partecipazione dei difensori, che lo vidi comparire con mia sorpresa – lui, ex presidente della Corte costituzionale e riconosciuto maestro di diritto - in mezzo ad una calca di avvocati di non elevatissimo rango, per lo più propensi a richiamare soltanto le difese scritte e già depositate. Onida era venuto da Milano per difendere scrupolosamente, e lo fece con passione, la causa di un extracomunitario, coinvolto in non so più quale vicenda, oggettivamente di modestissimo valore economico, ma soggettivamente assai importante per l’extracomunitario di cui egli, il grande avvocato, si era preso cura. Esempio meraviglioso, ai miei occhi, di quelle doti di umanità e modestia cui prima accennavo.

Triste cosa è la morte, ma l’importante è aver vissuto bene; e questo è certamente il caso di Valerio Onida. 

18/05/2022
Altri articoli di Renato Rordorf
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Adozione in casi particolari e rapporti di parentela. Cambia qualcosa per i figli nati da maternità surrogata?

Sommario: 1. La rilevanza sistematica della sentenza n. 79/2022 della Corte costituzionale. – 2. Adozione in casi particolari. Ragioni giustificative ed evoluzione giurisprudenziale. – 3. Adozione e rapporti di parentela. - 4. Dall’esclusività della famiglia alla pluralità delle relazioni familiari. – 5. Adozione semplice del nato da PMA. – 6. Riflessi della sentenza n. 79 sul problema della trascrizione dell’atto di nascita straniero del figlio nato da GPA. – 7. Il “bilanciamento” tra diritti del bambino e divieto di surrogazione nell’ordinanza n. 1842/2022 della I sezione della S.C. – 8. Diritti del bambino e ordine pubblico.

07/06/2022
Valerio Onida, primo Presidente della Scuola della Magistratura, e la formazione dei magistrati

L’impegno di Valerio Onida nella formazione dei magistrati e nell’avvio della Scuola Superiore della Magistratura, di cui è stato il primo Presidente, è parte importante e feconda della sua attività di studioso e di uomo delle istituzioni. In questo scritto l’azione di Onida viene ripercorsa, unitamente a quella della Scuola, da chi ha partecipato alla fase pionieristica di una istituzione fondamentale per la magistratura. 

04/06/2022
Valerio Onida: la vita, gli studi, l’impegno nella società e nelle istituzioni

Dopo un magistrato, Renato Rordorf, Valerio Onida è ricordato sulle pagine di Questione Giustizia da uno storico, Guido Melis. L’unione di queste voci esprime, nella forma più eloquente, l’emozione e il rimpianto per la scomparsa di un grande giurista che ha attraversato esperienze e mondi diversi, segnandoli con la sua intelligenza e con la sua umanità.

19/05/2022
Referendum e ruolo della Corte costituzionale

Prendendo le mosse dalle recentissime decisioni della Corte costituzionale sui referendum abrogativi riguardanti la disciplina sanzionatoria dell’omicidio del consenziente e le norme sulla coltivazione delle droghe leggere, l’autore ripercorre i complessi sviluppi della giurisprudenza della Corte in tema di ammissibilità dei quesiti referendari ed analizza criticamente il ruolo svolto dal giudice delle leggi nella tormentata materia referendaria.

30/03/2022
Mediazione e patrocinio a spese dello Stato: la sentenza della Corte costituzionale n. 10 del 2022 nell’evoluzione dei sistemi di gestione dei conflitti

La sentenza ha dichiarato incostituzionali le norme che non consentivano ai difensori dei non abbienti di ricevere il compenso nei casi di tentativo obbligatorio di mediazione terminato con l’accordo. La decisione si colloca nel movimento di respiro europeo di profondo mutamento del modo di gestione delle liti, dove va valorizzato l’aiuto economico "legale" e non solo "giudiziario" per assicurare l’effettività delle tutele dei diritti e degli interessi delle persone.

15/03/2022
L’adozione – non più mite? – davanti alla Corte costituzionale: dubbi di inammissibilità

Il 23 febbraio la Corte costituzionale è chiamata a decidere della costituzionalità dell’adozione in casi particolari nella parte in cui l’art. 55 non prevede la costituzione di legami di parentela con la famiglia dell’adottante. Si tratta di questione molto attuale e molto sentita, soprattutto dopo le sentenze n. 32 e 33 del 2021 dello stesso Giudice delle leggi. Tuttavia, all’orizzonte si prospetta il rischio di una pronuncia di inammissibilità in ragione della irrilevanza della questione sollevata dal giudice minorile nel contesto della domanda di adozione.

22/02/2022
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021