Magistratura democratica
Magistratura e società

Lettera di MEDEL all'UNHCR in merito all'attuale situazione in Afghanistan e comunicato di MD in sostegno alle donne afghane

Di fronte al drammatico aggravarsi della crisi umanitaria in Afghanistan, e all’escalation di violenze contro civili inermi e contro coloro che in questi anni hanno operato per rafforzare lo stato di diritto e le istituzioni, l’unica risposta all’altezza dei valori della democrazia è la mobilitazione per mettere in salvo ed accogliere tutte le persone a rischio, e per difendere le libertà e i diritti fondamentali di tutti, a cominciare dalle donne e dai bambini. 
E’ questo il richiamo venuto in questi giorni dai numerosi interventi della magistratura associata, in ambito nazionale ed internazionale, e dalla comunità dei giuristi.
Pubblichiamo di seguito la lettera di Medel all’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’intervento di Magistratura Democratica.

Lettera di MEDEL all'UNHCR in merito all'attuale situazione in Afghanistan 

 

A Filippo Grandi

Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati 

Vostra Eccellenza,

Le scrivo in qualità di Presidente di MEDEL- – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés e mi rivolgo a Lei in relazione alla drammatica situazione in Afghanistan, determinata dal repentino rovesciamento del potere in favore dei Talebani.

MEDEL vuole esprimere la sua più profonda preoccupazione per la crisi umanitaria che si va aggravando, e per il rischio di una definitiva regressione per i diritti fondamentali delle persone, a cominciare da donne e bambini. 

Le notizie e le testimonianze   che ci giungono ogni giorno confermano l’escalation di violenze e di ritorsioni contro chi ha rappresentato e testimonia oggi, in quel paese, l’impegno per la democrazia e lo stato di diritto.

MEDEL, che riunisce 23 associazioni di magistrati di 16 diversi paesi europei, è da sempre impegnata nel promuovere l’indipendenza della magistratura come garanzia di tutela delle libertà e dei diritti fondamentali delle persone, e nel sostegno ai magistrati perseguitati e minacciati per la loro attività.  

Condividiamo l’allarme lanciato già da tempo nella comunità internazionale per la strategia di violenza contro chi, in questi anni, ha operato per il rafforzamento delle istituzioni e  del sistema giudiziario dell’Afghanistan.

Il brutale assassinio nello scorso gennaio di due donne giudici della Corte Suprema – Qadria Yasini e Zakia Herawi- conferma che oggi a rischio sono soprattutto le donne che coraggiosamente, anche a costo della vita, nelle istituzioni giudiziarie come in altri ambiti, hanno contribuito con il loro lavoro al rafforzamento dei diritti e dello stato diritto.

MEDEL ritiene che oggi l’unica risposta della comunità internazionale all’altezza dei valori della democrazia sia la mobilitazione massima per mettere in salvo e per accogliere tutti coloro che rischiano la vita e che hanno difronte un futuro buio, fatto di negazione delle libertà e dei diritti fondamentali delle persone.

MEDEL ritiene che, difronte a questa gravissima crisi umanitaria, tutti dobbiamo sentirci chiamati in causa per una nostra risposta coerente con quei valori , indivisibili e universali, di dignità umana e di solidarietà scritti nelle nostre Costituzioni.

Grati per l’alta missione che l’UNHCR svolge nel salvataggio delle persone e nella protezione delle vite di migliaia di profughi e rifugiati, desideriamo assicurare tutto il supporto e il sostegno di MEDEL e delle associazioni che vi aderiscono per agevolare l’attività di accoglienza dei magistrati, avvocati, e difensori dei diritti umani, in tutti i paesi in cui siamo presenti.

MEDEL resta a disposizione per ogni forma di collaborazione che l’UNHCR consideri utile.

Con ossequio,

 

Filipe César Marques
Presidente di  MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés

22.08.2021

 

***

 

To

Mr Filippo Grandi

United Nations High Commissioner for Refugees

Your Excellency,

I am writing to you in my capacity of president of MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés.

I wish to address your office in connection with the dramatic situation in Afghanistan that followed the sudden seizure of power by the Taliban.

MEDEL wants to express its deepest concern for the humanitarian crisis that is getting increasingly serious, and for the risks of a stable decline of the fundamental rights of persons, women and children in the first place.

The news and the witness reports that arrive on a daily basis confirm the escalation of violence and acts of retaliation against those who in the country represented, and are still associated, with the advancement of democracy and the rule of law.

MEDEL, which gathers 23 associations of magistrates from 16 different European countries, since its establishment is committed to the promotion of the independence of the judiciary as a guarantee for the protection of the freedoms and fundamental rights of persons, including the support to magistrates harassed and threatened because of their activity.

We share the alert launched since a long time in the international community about the strategy of violence against those who in recent years worked for the strengthening of the institutions and judicial system of Afghanistan.

The savage murder last January of two women judges of the Afghan Supreme Court – Qadria Yasini and Zakia Herawi – proves that those who are today primarily at risk are indeed the women who, in the judiciary as in other fields, in selfless disregard for their own safety, contributed with their work to advance rights and rule of law. 

MEDEL is convinced that today the only response by the international community that is in line with the values of democracy is the widest possible mobilization to rescue and give shelter to all those who are risking their life and are facing a grim future, where fundamental rights are denied.

MEDEL deems that, face to this severe humanitarian crisis, we must all feel called to ensure a reaction that is coherent with all the indivisible and universal values of human dignity and solidarity enshrined in our Constitutions.

We are grateful for the high mission that the UNHCR performs in the rescue of persons and in the protection of the lives of thousands of refugees and asylum seekers, and we wish to ensure the full support of MEDEL and its member associations to any effort aimed at facilitating the hosting of magistrates, lawyers and Human Rights defenders in all the countries where we are present.

MEDEL remains at your full disposal for any kind of collaboration the UNHCR would see of use.

Yours sincerely,

 

Filipe César Marques
President of MEDEL – Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés

22.08.2021

 

***

 

Comunicato della dirigenza nazionale di Magistratura Democratica per le donne afghane

 

Ad ogni regime autoritario che faccia dell’oscurantismo il paradigma della condizione femminile deve corrispondere una campagna internazionale di mobilitazione delle coscienze e di sostegno umanitario. Con questo auspicio, rivolgiamo un appello a tutti i governi e agli organismi internazionali, affinché mettano al centro dei loro programmi il dovuto ausilio alla popolazione afghana, attivando ogni necessario meccanismo di protezione internazionale per le donne e i profughi di questo Paese.

Così scriveva Jane Austen nell’incipit di Orgoglio e pregiudizio, nell’anno 1813, parlando della condizione della donna in quel tempo, nella occidentalissima Inghilterra: «È una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo provvisto di un ingente patrimonio debba essere in cerca di moglie. Per quanto al suo primo apparire nel vicinato si sappia ben poco dei sentimenti e delle opinioni di quest'uomo, tale verità è così radicata nella mente delle famiglie dei dintorni, da considerarlo legittima proprietà dell'una o dell'altra delle loro figlie».

Così scriveva, ancora, Azar Nafisi in Leggere Lolita a Teheran (pag. 292), parlando della condizione femminile nell’Iran di Khomeini e commentando il libro della Austen: «All’inizio della rivoluzione avevo sposato un uomo che amavo… Quando nacque mia figlia, cinque anni dopo, eravamo già tornati ai tempi di mia nonna: la prima legge a essere abrogata… fu quella che proteggeva la famiglia e garantiva i diritti della donna a casa e sul lavoro. L’età minima per il matrimonio venne di nuovo abbassata a nove anni – o meglio, otto e mezzo lunari, ci dissero. L’adulterio e la prostituzione dovevano essere puniti con la lapidazione. E, infine, le donne per legge valevano esattamente la metà di un uomo». Erano i tempi della rivoluzione che portò l’ayatollah al potere e che condusse con sé questo tipo di decisioni. Le uniche donne nel regime più liberale diventate personaggio pubblico, sulla scorta delle loro conoscenze e capacità, subirono l’esilio (ove già fuggite all’estero) o la pena di morte. 

C’è da domandarsi cosa scriverà la letteratura di domani quando registrerà il regresso delle condizioni umane, specie delle donne, a causa dell’ingresso dei Talebani a Kabul e se in quella letteratura resterà traccia della impotenza dell’Occidente tutto.

Lungi dal proporre la occidentalizzazione dei costumi come panacea di ogni male, Magistratura democratica resta convinta che ogni regime autoritario che passi dall’oscurantismo della condizione della donna debba essere approfondito oggetto di una campagna internazionale di mobilitazione delle coscienze e di sostegno umanitario. 

Consapevoli della complessità della questione e della difficoltà di soluzioni che non passino da iniziative politiche militari, Magistratura democratica, nel plaudire a tutte quelle associazioni umanitarie, nazionali e non, che si pongono a sostegno delle condizioni delle donne afghane, auspica che tutti i governi e gli organismi internazionali mettano al centro dei loro programmi il dovuto ausilio alla popolazione afghana ed attivino ogni necessario meccanismo di protezione internazionale per le donne e i profughi di questo Paese.

15.08.2021

 

23/08/2021
Altri articoli di Magistratura democratica Medel
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne come monito alla magistratura

Il senso della giornata dedicata all’eliminazione della violenza contro le donne non può che essere, per l’ordine giudiziario, quello di interrogarsi profondamente sulle ragioni per le quali ancora oggi, a più di dieci anni dall’inizio dello slancio legislativo specificatamente dedicato al tema, inaugurato con il decreto legge 23 febbraio 2009 e proseguito sino alla legge 19 luglio 2019 (il cosiddetto “Codice rosso”), la prassi giudiziaria non sia riuscita a farsi sistema complessivo né a migliorare, nemmeno in minima parte percentuale, il tasso di protezione delle vittime di violenza. Resistenze culturali alle tematiche di genere, carenze organizzative e di risorse, assenza di un piano formativo adeguato, sono le questioni che devono essere poste al centro di un dibattito franco ed esente da preclusioni corporative.  

25/11/2021
Verso una commissione d’inchiesta sui rapporti tra magistratura e politica? Una soluzione illegittima e non adeguata all’esigenza di “voltare pagina”

L'Autore muove dall'inquadramento costituzionale della funzione e dei possibili oggetti delle commissioni parlamentari d'inchiesta per esaminare le proposte di legge dedicate all'istituzione di una commissione d'inchiesta sulla magistratura, arrivando alla conclusione che la stessa sarebbe in parte illegittima e in parte inopportuna e in ogni caso inidonea a dare un positivo contributo al dibattito sulla riforma dell'ordinamento giudiziario.

02/11/2021
Fiducia nei cittadini per riconquistarne la fiducia

Nell’intervento svolto al recente Congresso di Magistratura democratica Franco Ippolito svolge un duplice compito, di  analisi e di testimonianza. Lo fa gettando a fondo lo scandaglio sulle cause della caduta etica e della crisi democratica della magistratura e del suo governo autonomo e rilanciando le idee forti che, sole, possono consentire ai magistrati di recuperare la fiducia incrinata: costante assunzione di responsabilità nell’esercizio della giurisdizione e nella pratica dell’autogoverno, rifiuto di rinchiudersi nella cittadella corporativa, resa di un servizio giudiziario efficiente ed affidabile.

08/10/2021
Afghanistan: la responsabilità e l’impegno vengono prima della solidarietà

La questione dell’Afghanistan evidenzia in modo particolarmente chiaro, nel contesto geopolitico, le ambiguità e gli opportunismi tattici che legano i Paesi occidentali alla narrazione dei diritti umani; ambiguità alle cui radici vi è un nodo politico e culturale da sciogliere, che affonda nella storia coloniale e anche nella questione di genere, non ancora realmente assimilata né elaborata dai nostri ordinamenti giuridici nonostante i proclami mediatici, sempre più diffusi in materia. Il flusso migratorio già in atto dall’Afghanistan, che non sarà certamente paragonabile in termini quantitativi a quello degli ultimi anni, potrebbe indurre i Paesi occidentali a nuove “torsioni” del discorso sui diritti e a mettere di nuovo in primo piano interessi politici, economici e strategici. Per la parte che avrà nella vicenda afghana la giurisdizione, in particolare della protezione internazionale, sarà quindi chiamata a una sfida d’indipendenza da qualsiasi valutazione “altra” dal riconoscimento effettivo del diritto di asilo; così come dovrà dimostrare una capacità, maggiore rispetto a quella dei governi europei, di analisi e di implementazione della questione di genere. 

09/09/2021
Il diritto a non essere “additato” come colpevole prima del giudizio. La direttiva UE e il decreto legislativo in itinere

E’ sul versante mediatico e della motivazione dei provvedimenti giudiziari che, nel nostro Paese, la presunzione di innocenza può essere contraddetta e vulnerata. E’ questo il filo conduttore del decreto legislativo ancora in itinere, che - in attuazione della Direttiva UE n. 343 del 2016 - mira a rafforzare la presunzione di innocenza dell’indagato e dell’imputato, con l’ambizione di incidere profondamente sul linguaggio di tutte le “autorità pubbliche”, sulla comunicazione degli uffici giudiziari e sulla motivazione delle decisioni interne al processo. Non è facile, oggi, prevedere se le nuove norme daranno il via ad una vera rivoluzione culturale nella rappresentazione delle persone sottoposte ad indagini e a processi o se le innovazioni resteranno una facciata destinata a mascherare malamente la sopravvivenza di inveterati “pregiudizi”. E’ certo però che la genuina adesione all’ispirazione di fondo della nuova normativa non implica la rinuncia a ragionare, anche criticamente, sui differenti aspetti del testo normativo, sulla sua genesi, sulle sue ricadute nei mondi del diritto e dell’informazione. 

03/09/2021