Magistratura democratica
Magistratura e società

Signor giudice...

di Gaetano Pecorella
professore, avvocato, già deputato

Signor Giudice,

non posso non riconoscere che il suo sia un mestiere difficile che segna profondamente la sua vita. Tante volte mi sono domandato come può sentirsi tranquillo dopo una udienza che si è conclusa con una condanna che ha tolto all’imputato anche la speranza del futuro. Gli errori giudiziari sono sempre in agguato e tante volte è accaduto a noi avvocati di assistere persone che sappiamo innocenti, che sono condannati, o colpevoli che vengono assolti.

Mi piace immaginarla la sera, nella quiete della sua famiglia, mentre legge un libro, o guarda la televisione, mi piace immaginarla con il dubbio che improvvisamente l’assale: e se avessi sbagliato, se avessi sottratto al lavoro, ai suoi affetti, ad una vita normale, un’innocente? Mi domando: come può sentirsi tranquillo? Ogni giorno che passa la domanda tornerà a tormentarla, si immaginerà quell’uomo in una cella di pochi metri, a cui lei ha tolto tutto, anche la sua identità di essere umano. O forse le cose non stanno così, forse quando chiude il fascicolo dopo aver pronunciato la sentenza, il caso è chiuso, forse dice a sé stesso: io non sbaglio, sono un giudice.

Si è mai chiesto cos’è “un ragionevole dubbio”, e quando si può dire che la sua convinzione della colpevolezza sia “al di là di ogni ragionevole dubbio?”. Lei, a un certo punto, si è trovato a un bivio, di fronte a due possibili conclusioni: colpevole o innocente. Il “dubbio” – come lei certamente sa -  è uno stato soggettivo d’incertezza, una credenza o una opinione non sufficientemente determinata o l’esitazione a scegliere tra l’asserzione dell’affermazione o l’asserzione della negazione. Perché, signor giudice, il suo dubbio deve essere “ragionevole”? Perché la sua stessa ragione è consapevole dei suoi limiti, dell’incertezza che è propria della mente umana. Si è mai chiesto come è passato dal dubbio ragionevole alla “certezza”, e cioè alla “verità”?

Talvolta si ha l’impressione, e il timore, che nel superamento del dubbio facciano gioco le esperienze personali, la vita vissuta, i pregiudizi, le convinzioni politiche, il giudizio che altri daranno della decisione. E questa è una componente della decisione su cui il difensore non riesce a incidere perché, salvo casi rarissimi, non la conosciamo, sappiamo poco del suo passato, dei suoi problemi, delle esperienze che lo hanno reso ciò che è.

Negli Stati Uniti ci sono agenzie che hanno il compito di investigare sui giurati, sia eventualmente per ricusarli, sia per impostare la difesa. E’ una conferma, questa, che i fattori personali incidono pesantemente sulle decisioni giudiziarie. Ma noi, signor giudice, non la conosciamo: ci comportiamo come se non avesse un volto, come se fosse una macchina in cui mettiamo dei dati per avere una risposta. Ma non è così.

Non sempre i nostri rapporti sono facili. Quante volte abbiamo letto sul suo viso la noia di ascoltarci, il senso di inutilità della nostra fatica. Quante volte abbiamo intuito che lei già aveva deciso, prima ancora dell’udienza. Eppure abbiamo fatto puntualmente il nostro lavoro. L’avv. De Sèze, che difese Luigi XVI davanti alla Convenzione di Parigi non poteva non prevedere che il suo cliente sarebbe stato condannato perché o il re era colpevole, o la rivoluzione era priva di legittimazione. Eppure, come il difensore ricorda nella sua arringa, «costretto a estendere in quattro notti una Difesa così importante… è mestiere ch’io faccia scusa per l’inesattezza d’un lavoro frettoloso… Ma ho dovuto adempiere ad un dovere sacro: ho sol consultato il mio zelo, non le mie forze». Forse qualche volta, signor giudice, avrà pensato, ascoltando un difensore, che l’avvocato assolveva il suo compito perché prezzolato, che faceva tacere la sua coscienza di fronte a crimini orrendi. Non è così, mi creda: può accadere, ma non è per questo che studiamo le carte, cerchiamo una sentenza che ci dia ragione, talvolta abbiamo il disprezzo della gente. Ci sentiamo investiti di quel “dovere sacro” di cui parla l’avv. De Sèze: noi siamo l’ultima barriera, abbiamo nelle nostre mani la libertà o il disonore, la felicità o la disperazione del nostro assistito, colpevole o innocente che sia.

Non posso negare che talvolta lei, signor giudice, ha mostrato molta pazienza, molta tolleranza di fronte alla noia di una discussione malfatta, che non tocca i punti che vorrebbe affrontati dal difensore: è capitato talvolta che fossimo richiamati alle questioni che voleva sentire trattate, proprio nell’interesse della comune costruzione di una verità. Ricordo un episodio narrato da Calamandrei nel suo bel libro Elogio dei giudici scritto da un avvocato: il Presidente continuava a interrompere un difensore chiedendo spiegazioni; l’avvocato si irritò dichiarando che se fosse stato ancora interrotto avrebbe rinunziato a parlare; il Presidente lo tranquillizzò così: «Se non mi aiuta a capire, non posso giudicare».

Vede, signor giudice, questo è il processo: contribuire tutti a formare il giudizio, ad essere parte attiva di un processo dialettico verso la verità.

Non mi deluda, signor giudice, con una sentenza dove non c’è traccia delle mie parole, della mia fatica; mi faccia sperare che la sera, nella tranquillità della sua vita privata si ponga la domanda: “E se avessi sbagliato?”. Così come il difensore non può non chiedersi: “Potevo fare di più? Potevo fare meglio?”.

Con ossequio.

06/05/2023
Altri articoli di Gaetano Pecorella
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I tempi della giustizia. Avvocatura, magistratura e società. Riflessioni su «Una ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati»

Il contributo – partendo dal rapporto di ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati, che compone il fascicolo n. 4/2023 della Rivista trimestrale – esplora due delle principali cause dei lunghi tempi della giustizia in Italia: un eccessivo carico di lavoro dei magistrati, ulteriormente gravato da un arretrato “patologico”, e un elevato turnover. I rimedi non vanno tanto cercati in una nuova riforma del processo, né tantomeno in un contenimento della domanda giudiziaria, quanto piuttosto in una soluzione che coinvolga tutti gli stakeholder del settore giustizia, puntando su potenziamento dell’organico, tecnologia e innovazione.

15/02/2024
Il lavoro del magistrato, il rifiuto di un approccio burocratico e la sfida della responsabilità

Il lavoro concreto e quotidiano del magistrato, con le sua criticità e le dinamiche relazionali negli uffici giudiziari, costituiscono ambiti centrali della riflessione sulla magistratura per comprenderne lo stato di salute rispetto alla sua funzione istituzionale di tutela della persona e di gestione dei conflitti, e ai principi costituzionali di autonomia e indipendenza che ne sono a presidio. A tali ambiti della riflessione è dedicato il presente contributo, partendo dallo sguardo della giovane magistratura.

13/02/2024
Magistrato e cittadino: l’imparzialità dell’interprete in discussione

Dopo la fase del costituzionalismo politico che, superando la concezione dell’applicazione burocratica del diritto, aveva immesso la giurisdizione nell’attuazione dell’indirizzo politico-costituzionale, ponendo all’inizio dell’interpretazione del diritto i valori dell’interprete, nell’odierna stagione del costituzionalismo per principi l’imparzialità dell’interprete è affidata all’assunzione di un dovere di indipendenza da se stesso. Che il magistrato debba anche apparire imparziale non significa però astenersi dal prendere parte al dibattito democratico, cui il magistrato partecipa esprimendo le proprie scelte politiche al pari di ogni cittadino, ma significa essere ed apparire indipendente da formazioni politiche e soggetti operanti nel settore economico o finanziario, perché la sostanza dell’imparzialità è l’indipendenza.

22/11/2023
Tre vecchi errori

Prospettive riformistiche per l'inizio e la fine della carriera del magistrato

07/11/2023
Tra giurisdizionalizzazione e politicizzazione. La percezione dei magistrati della riforma dell’ordinamento giudiziario

Obiettivo del presente contributo è fornire una lettura socio-giuridica sulle riflessioni emerse dalla ricerca in merito ad alcuni aspetti della riforma dell’ordinamento giudiziario. Il dibattito attorno alla riforma, oltre a riscuotere ampia risonanza mediatica, è un tema particolarmente rilevante per i magistrati stessi, sia per via delle ricadute sulla quotidianità lavorativa, sia, più in generale, per l’impatto sulla rappresentazione sociale di tale ruolo. Il processo di riforma tocca infatti alcune questioni sostanziali in tema di organizzazione giudiziaria, con effetti sulla separazione dei poteri, sull’autonomia del magistrato stesso e, in termini più generali, sul rapporto tra magistrati e politica.

02/11/2023
Questioni di genere in magistratura: tra femminilizzazione e complessità

Il contributo si focalizza sulle differenze di genere in magistratura alla luce della ricerca, sottolineando i principali elementi emersi sul punto nelle interviste con magistrate e magistrati. Quale tematica ricorrente nelle interviste, viene posta particolare attenzione alla questione della maternità, ricostruendo le varie prospettive che si sono delineate sulla questione. Alla luce della femminilizzazione numerica della magistratura, nel contributo vengono inoltre elaborate alcune riflessioni sulle esperienze delle donne negli uffici giudiziari e sulla – persistente – minore presenza femminile negli incarichi direttivi e semidirettivi.

01/11/2023
New Public Management e organizzazione giudiziaria: la prospettiva dei magistrati

In questo articolo si introducono alcune riflessioni, frutto delle testimonianze offerte dai magistrati coinvolti nella ricerca, sul rapporto fra scelte organizzative e gestione dei carichi di lavoro. In particolare, si è inteso indagare sull’approccio dei magistrati rispetto a quell’insieme di pratiche e concezioni che sono definite attraverso l’etichetta di New Public Management. Ciò che emerge è un quadro molto conflittuale dove gli intervistati si mostrano particolarmente critici, sia nei confronti delle scelte del legislatore, sia rispetto ai criteri di assegnazione degli organici e dei carichi di lavoro. I risultati stimolano alla produzione di nuovi studi e ricerche sull’amministrazione della giustizia in Italia in vista di ulteriori riforme che dovrebbero essere finalmente condivise da tutti gli attori in campo.

31/10/2023