Magistratura democratica
Magistratura e società

Ricordando un grande avvocato, Francesco Arata

Piero Calamandrei nel suo Elogio dei giudici scritto da un avvocato auspicava un Elogio degli avvocati scritto da un giudice. Non so se il ricordo di Francesco Arata da parte di Gaetano Ruta possa già considerarsi una risposta a quell’auspicio; posso però, nel condividerlo, aggiungere ciò che anch’io come giudice ho appreso dall’avvocato Francesco Arata, che ho conosciuto quando ero uditrice alle mie prime funzioni di magistrata di sorveglianza di Milano e reincontrato negli ultimi anni nella mia funzione di presidente aggiunta dell’Ufficio gip di Milano. 

Francesco Arata rappresenta la più alta espressione della funzione difensiva: umanità, rispetto profondo per le garanzie e le vicende umane sottese ai procedimenti trattati (dai più semplici a quelli più complessi), grande valore professionale, correttezza e soprattutto grande riconoscimento del valore della giurisdizione.

La cultura delle regole che ha contraddistinto la sua figura professionale ci ha fatto percorrere un comune cammino nella giurisdizione milanese, distinto ma convergente, nel rispetto assoluto dei ruoli ma soprattutto nella comunione profonda degli ideali ad essa sottesi.  

Una grande perdita per il mondo della Giustizia. 

Ezia Maccora 

***

Cosa un Pubblico Ministero può imparare da un Avvocato

Lo scorso 6 ottobre si è spento Francesco Arata, Avvocato del foro di Milano.

La sua scomparsa, preceduta da una malattia rapida e violenta, ha scosso tutta la comunità giudiziaria di Milano. 

Vi è certamente, nella commozione, una forte componente emozionale, eredità del tratto umano che ne ha accompagnato il percorso in vita.

Scrivo da un angolo di prospettiva angusto: le nostre strade si sono infatti intrecciate ripetutamente, in diverse fasi della mia attività di Pubblico Ministero, in un rapporto che tuttavia non è mai uscito dal perimetro del Palazzo di Giustizia. Con i limiti che una conoscenza su queste basi reca in sé, avverto dentro di me e posso dire che Francesco Arata mi ha visto crescere, da uditore giudiziario a magistrato con quasi venti anni di anzianità, tutti trascorsi alla Procura di Milano. 

In una città come Milano la figura dell’avvocato tende a identificarsi con un modello di buona borghesia, colta e aperta, che vive il proprio ruolo sociale e professionale con senso di responsabilità, contribuendo al progresso civile del paese. L’esperienza insegna che non sempre è così, ma questo idealtipo resta fermo nell’immaginario.

Il rapporto con l’avvocatura non è mai di osmosi, ma una influenza su chi svolge le funzioni di magistrato è inevitabile. Con il Pubblico Ministero il rapporto finisce per infittirsi, per il ruolo quasi speculare che la figura dell’avvocato assume nella dinamica processuale. 

Il Pubblico Ministero non vive in una turris eburnea ed è esposto sul piano professionale a molteplici rapporti: con i colleghi, interni ed esterni all’ufficio di appartenenza, i giudici, la polizia giudiziaria, un vasto mondo di parti private e figure professionali. Ciò richiede una piena consapevolezza del proprio ruolo. Per Francesco Arata uno snodo fondamentale è rappresentato dall’art. 109 Cost.: il Pubblico Ministero “dispone” della Polizia Giudiziaria e deve evitare di essere eterodiretto, nelle scelte investigative come in quelle processuali, da impulsi esterni che non è in grado di governare. E questo deve valere, in una sede giudiziaria dove una posizione centrale assumono i processi di criminalità economica, anche rispetto ai rapporti con autorità indipendenti e agenzie di diritto pubblico. Il primato della giurisdizione passa attraverso la capacità di comprensione dei fenomeni ed il controllo sul contenuto degli apporti esterni. Il fascino che si racchiude nel ruolo del Pubblico Ministero impone una grande responsabilità.

Il processo è fatto di atti comunicativi ed il linguaggio permea ogni tappa del nostro agire. La parola e lo scritto sono tratti distintivi di Francesco Arata: un linguaggio colto, sobrio ed essenziale, espressione di pulizia interiore, equilibrio, empatia nella comunicazione.

Si fa fatica a leggere, come magistrati, esposti come siamo ad una molteplicità di informazioni. E quando i dati sono tanti, spesso affastellati disordinatamente o ripetitivi, il rischio è quello di perdersi e smarrire la centralità del caso. Per questo il tratto del bravo avvocato è importante, aiuta a orientarsi nel processo e consente, allo stesso tempo, di interiorizzare chiavi comunicative efficaci. 

Lo sforzo di Pubblico Ministero e Avvocato diventa quindi reciproco, secondo un fine che non è evidentemente di condivisione dei contenuti, ma certamente di comprensione delle rispettive posizioni.

L’avvocato, prima ancora che nostro naturale contraddittore, è il filtro con il mondo esterno, l’ascolto della sua voce il filo per ordinare trame destinate altrimenti a sfuggirci. Vi è sempre il rischio di una applicazione della legge gretta, un legalismo esteriore cui è estraneo il sentimento di Giustizia. Che di noi magistrati non abbia a dirsi, come per i “dottori della legge”: «Guai a Voi, che avete tolto le chiavi della scienza. Voi non siete entrati e a quelli che volevano entrare l’avete impedito» [Lc, 11-52], «Lasciateli! Sono ciechi e guide di ciechi» [Mt, 15-14]. 

Sullo sfondo, l’importanza dello stile, dove forma e sostanza nel linguaggio giuridico si compenetrano e sono tutt’uno. Il processo penale può conoscere momenti di tensione intensissimi, le parole diventano così lo strumento – l’unico strumento – per dare corpo a sentimenti e sciogliere nel linguaggio l’afflato che li alimenta. “Le parole sono pietre” ammoniva Carlo Levi, narrando proprio di un caso giudiziario nella Sicilia del dopoguerra, nel pieno delle lotte sindacali per il diritto alla terra e la fine del latifondo: la furia della vittima si trasferisce nella ragione, l’urlo oscuro e il pianto si articolano in parole, le parole in un processo verbale e questo nel racconto, narrazione storica che trova nel processo la sede in cui è destinata a depositarsi.

Mi chiedo talvolta cosa significhi fairness nella dialettica processuale. Se, al di là dei principi scolpiti nell’art. 6 CEDU e in altre fonti sovranazionali, essenziali come base del giusto processo, vi sia spazio per qualcosa di ulteriore, che mi sfugge. Non so dare spiegazioni e forse per questo confido nella esistenza di fatti che non richiedono spiegazioni: semplicemente sono quello che sono. E’ un pensiero che accosto alla figura di Francesco Arata perché la fairness era il suo modo di essere, il naturale profilo con cui si poneva dinanzi alla giustizia penale. Nello spettro del processo era un uomo fatto così.

Esiste forse una chiave per rimuovere il velo e penetrare alla radice di quello che, per un contraddittore processuale come me, si presentava come un dato di realtà. La fairness è, prima ancora che rispetto delle regole, trasparenza interiore. E’ un tema delicato, che riguarda tanto la figura dell’avvocato quanto quella del Pubblico Ministero, imbrigliati entrambi da regole di riservatezza, che trovano manifestazione sul piano processuale e deontologico, con spazi diversi, nel segreto investigativo per il Pubblico Ministero e in quello professionale per il difensore. Segreto e trasparenza non sono anelli contrapposti di una catena, si compenetrano e nel loro coesistere fanno appello al senso di responsabilità di ciascuno, esigendo comportamenti lineari. E mai, come di fronte ai comportamenti, l’altrui esempio è vitale.    

Restano squarci di ricordi.

Mi aveva raccontato di essere divenuto sindaco nel suo paese di origine, in Piemonte: una scelta che riflette il rispetto della propria storia, ma anche la consapevolezza di quanta importanza rivestano i presidi istituzionali e la cura del territorio. 

Non ho memoria di colloqui avuti noi due soli. Nei contatti avvenuti nel mio ufficio, come in udienza, Francesco Arata veniva sempre con collaboratori o avvocati più giovani dello studio. Non aveva una visione individualistica della professione, si avvertiva che teneva alle persone che lavoravano con lui, alla loro educazione e crescita professionale, e sapeva dare continuità ai rapporti.

Guardava al futuro e portava sempre con sé una ventata di ottimismo e di fiducia. 

La stessa con cui, ne sono certo, vorrebbe che vivessimo noi, che lo abbiamo conosciuto ed apprezzato, in tutti questi anni.

Gaetano Ruta

 

 

 

 

 

[**]

Ezia Maccora, vicedirettrice di Questione Giustizia, presidente aggiunto gip Tribunale Milano

Gaetano Ruta, Procura europea, sede di Milano

12/10/2021
Altri articoli di Ezia Maccora Gaetano Ruta
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Etica, magistratura e società. Pensieri e parole

L’etica, in quanto regola del comportamento, va discussa, più che insegnata. Ai magistrati spesso si chiede di incarnare una funzione, dunque l’etica sarebbe l’algoritmo del loro dover essere. Ma un tale algoritmo non esiste. Non resta, dunque, che barcamenarsi intorno ai casi di vita quotidiana, alla ricerca della propria cifra.

11/01/2022
La giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne come monito alla magistratura

Il senso della giornata dedicata all’eliminazione della violenza contro le donne non può che essere, per l’ordine giudiziario, quello di interrogarsi profondamente sulle ragioni per le quali ancora oggi, a più di dieci anni dall’inizio dello slancio legislativo specificatamente dedicato al tema, inaugurato con il decreto legge 23 febbraio 2009 e proseguito sino alla legge 19 luglio 2019 (il cosiddetto “Codice rosso”), la prassi giudiziaria non sia riuscita a farsi sistema complessivo né a migliorare, nemmeno in minima parte percentuale, il tasso di protezione delle vittime di violenza. Resistenze culturali alle tematiche di genere, carenze organizzative e di risorse, assenza di un piano formativo adeguato, sono le questioni che devono essere poste al centro di un dibattito franco ed esente da preclusioni corporative.  

25/11/2021
Verso una commissione d’inchiesta sui rapporti tra magistratura e politica? Una soluzione illegittima e non adeguata all’esigenza di “voltare pagina”

L'Autore muove dall'inquadramento costituzionale della funzione e dei possibili oggetti delle commissioni parlamentari d'inchiesta per esaminare le proposte di legge dedicate all'istituzione di una commissione d'inchiesta sulla magistratura, arrivando alla conclusione che la stessa sarebbe in parte illegittima e in parte inopportuna e in ogni caso inidonea a dare un positivo contributo al dibattito sulla riforma dell'ordinamento giudiziario.

02/11/2021
Il progetto di riforma Luciani e la partecipazione degli avvocati nei Consigli Giudiziari

Nel progetto di riforma della Commissione Luciani viene istituzionalizzato il diritto di tribuna dei membri laici dei Consigli Giudiziari, cui verrebbe riconosciuto pieno diritto di parola (ma non di voto) in materia di valutazioni di professionalità: forse un’occasione per ridare credibilità all’autogoverno locale, contro la furia iconoclasta imperante in materia di giustizia.

21/10/2021
Giudizi & pregiudizi

La riforma dell’ordinamento giudiziario così come auspicata dalla Commissione Luciani appare non solo insufficiente a risolvere i profili di criticità del nostro sistema, ma mostra anche nelle sue articolazioni minori, una cultura conservativa che contrasta con la necessità di operare un ripensamento del tradizionale paradigma ed una radicale rivisitazione dell’ordinamento. L’ostilità dimostrata nel tempo da vasti settori della magistratura verso l’idea del superamento del mero diritto di tribuna in favore di un più accentuato ruolo partecipativo dell’avvocatura nell’amministrazione della giustizia costituisce soltanto uno dei sintomi di un pericoloso arroccamento che confligge con le aspirazioni di una giustizia moderna, democratica ed aperta alla società. 

20/10/2021
Fiducia nei cittadini per riconquistarne la fiducia

Nell’intervento svolto al recente Congresso di Magistratura democratica Franco Ippolito svolge un duplice compito, di  analisi e di testimonianza. Lo fa gettando a fondo lo scandaglio sulle cause della caduta etica e della crisi democratica della magistratura e del suo governo autonomo e rilanciando le idee forti che, sole, possono consentire ai magistrati di recuperare la fiducia incrinata: costante assunzione di responsabilità nell’esercizio della giurisdizione e nella pratica dell’autogoverno, rifiuto di rinchiudersi nella cittadella corporativa, resa di un servizio giudiziario efficiente ed affidabile.

08/10/2021