Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Un Viaggio avventuroso!

di Marco Patarnello
magistrato di sorveglianza, Tribunale sorveglianza di Roma
La decisione della Corte costituzionale di collocare nelle carceri il suo secondo fronte del viaggio nel Paese reale è un fatto senza precedenti. Un incontro ai massimi livelli (la più alta magistratura ed uno dei carceri più popolosi e delicati d’Italia) fra due realtà prive di contatti. Eppur funziona. Fra applausi scroscianti e qualche silenzio tattico, due mondi lontani, per tre ore, hanno comunicato guardandosi in viso, ricordando che il diritto alla dignità, come il valore della Carta costituzionale, non si arresta sulla soglia di un carcere

Perché ora? Perché non prima? A questa domanda posta candidamente, ma con una certa ruvidezza, da Francesco, detenuto di lungo corso, il presidente della Corte costituzionale Giorgio Lattanzi è entrato in crisi e da uomo limpido qual è non ha fatto nulla per nasconderlo. Ed è entrato in crisi non perché non si fosse già interrogato egli stesso sulla stessa domanda, prima di avviare questa piccola rivoluzione, ma perché nonostante ciò non aveva una vera risposta. Perché non c’era.

Varcare la soglia di un carcere, particolarmente di un carcere grande e “moderno”, cioè fatto pressoché interamente di cemento armato, come Rebibbia, è sempre un'emozione grande. Lo è per me, che l’ho fatto tante volte, immagino quanto debba esserlo stato per i componenti della Corte. E, a mio avviso, è questa la vera cifra di quello che a me sembra il grande successo di questa bella iniziativa: non suoni blasfemo, ma ciò che i giudici costituzionali hanno ricevuto da questa iniziativa è molto di più di ciò che hanno dato. E non perché abbiano dato poco. Si sono messi in gioco, dimostrando un grande coraggio, accettando una relazione diretta e paritaria cui certamente (e paradossalmente) erano meno abituati dei loro interlocutori. Hanno inverato la più avanzata idea di comunicazione, spiegandosi e spiegando la Costituzione ad un uditorio difficile, che peraltro si è rivelato per nulla ostile e molto interessato ad un’interlocuzione effettiva e limpida; e anche ai contenuti che questa interlocuzione offriva.

Ovviamente non tutti hanno utilizzato fino in fondo l’occasione, spezzando con successo la barriera che può separare così profondamente due uomini pur collocati uno di fronte all’altro. Non per cattiva volontà o per presunzione, ma magari semplicemente perché non tutti hanno la stessa freschezza o la stessa capacità empatica o perché rompere le “sbarre” che abbiamo dentro di noi resta comunque una cosa difficile. Per tutti. Anche per questo “gli uomini della Corte” vanno ringraziati di essersi messi in gioco.

Ovviamente non tutti si sono spinti fino in fondo sul terreno dei contenuti, raccogliendo tutte le potenzialità giuridiche e “politiche” che alcune domande sollecitavano. Quando Giorgiana ha chiesto senza infingimenti, in sostanza, se l’attualità del messaggio costituzionale, fondato su concetti culturali in continua evoluzione, può comportare solo un allargamento dei diritti o, al contrario, al mutare delle sensibilità esterne (e dunque del contenuto di quelle parole), può significare anche una regressione e, quindi, se l’ordinamento penitenziario attuale può essere “peggiorato” senza violare la Costituzione, nessuno ha potuto o voluto offrire una risposta chiara. Le è stato detto, giustamente, che l’ordinamento penitenziario del ’75 è stato un’attuazione della Costituzione, ma nessuno ha potuto tranquillizzarla che il percorso si può fare solo in una direzione. Del resto noi, noi giuristi, ce l’abbiamo tutti una risposta chiara a questa domanda? Forse noi che scriviamo su questa Rivista sì, abbiamo una nostra risposta. Ma escludo che molti altri intorno a noi l’abbiano. O magari non quella che ci aspettiamo. Del resto gli esempi di “restringimento” dei diritti ci sono stati e non sempre sono incorsi nella mannaia di una bocciatura costituzionale, o magari non ancora. Perché si tratta di questioni complesse. Dunque non mi sento certo di biasimare i giudici costituzionali che lì per lì una risposta non l’hanno trovata. O magari l’hanno trovata dentro di sé, ma non l’hanno restituita esplicitamente a chi pur ne aveva bisogno. Si tratta di una domanda difficile, anzi, si tratta, oggi, della Domanda. E, come in un giallo di tradizione, non se ne può anticipare la risposta.

Ma l’iniziativa, nel suo complesso, ha annullato per tre ore quella barriera fra mondi non comunicanti e ha messo uomini e donne così diversi uno di fronte all’altro, sostanzialmente per quello che erano come uomini e donne. Entrambe le parti di questa relazione hanno trovato conferme a cose che si attendevano e hanno scoperto cose che non si aspettavano. Ed è così che Marta Cartabia ha risposto ad Annamaria Repichini “da donna a donna, da mamma a mamma e non ancora da nonna a nonna” che il tema dell’affettività in carcere aspetta di essere declinato diversamente innanzitutto a cura del Legislatore, ma, se posto nel modo corretto e nell’occasione giusta, anche la Corte costituzionale potrebbe trovarsi a dire una parola significativa, perché il diritto all’affettività è compreso nella Carta costituzionale. Ed è così che Giuliano Amato si è fatto sedurre dal suggerimento di Francesco Pagliuca, che invocava un ricorso diretto del cittadino alla Corte costituzionale “come fanno in Germania”, ed ha galoppato veloce fra gli istituti della democrazia tedesca, con la freschezza di uno studente e la competenza di un accademico tedesco, raccogliendo applausi scroscianti, che si sono anche raddoppiati quando, con un paio di pennellate, ha coniugato i valori in gioco intorno alla limitazione del diritto di voto per talune condanne.

Certo, nessuno ha potuto togliere a Vincenzo la – paradossale – paura di ciò che lo aspetta “fuori”, dove, al di là delle belle parole, la risocializzazione passa attraverso un lavoro che per un ex detenuto semplicemente non c’è. Ma qualcuno, almeno, ha potuto dirgli, guardandolo negli occhi che il diritto alla speranza nessuno potrà mai toglierglielo. E non è poco.

Se intorno al mondo della giustizia è possibile fare comunicazione – interrogativo intorno al quale questa Rivista a breve intende offrire una propria risposta, anzi, intende porre una propria domanda, come nel nostro stile – la Corte costituzionale con questa iniziativa mostra di voler dire proprio la sua. Ricordare in una sede come il carcere di Rebibbia, con la semplicità e la naturalezza con cui lo ha fatto il presidente Lattanzi, che «La Costituzione appartiene a tutti, anche ai detenuti, e la dignità umana è uno di quei valori che vanno salvaguardati pure in carcere» è un gesto semplice quanto potente e considerarlo banale o scontato sarebbe davvero ingenuo. E chi lo ha ascoltato non era un ingenuo.

08/10/2018
Altri articoli di Marco Patarnello
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La sospensione della prescrizione dei reati in tempi di pandemia. La Corte costituzionale promuove la legislazione dell’emergenza

Con la sentenza n. 278 del 23 dicembre 2020 la Corte costituzionale ha risposto ai dubbi da più parti avanzati sulla normativa che ha disposto la sospensione della prescrizione come effetto della sospensione dei termini processuali e del rinvio delle udienze durante il periodo di maggiore gravità della pandemia da Covid-19. 
Accanto all’intrinseco interesse per le motivazioni con cui la Corte costituzionale ha dato conto della compatibilità delle norme scrutinate, nella vicenda emerge un altro profilo meritevole di attenzione. Il dissenso, reso pubblico dal giudice relatore, sulla soluzione adottata e la sua conseguente e fisiologica sostituzione per la redazione della sentenza ripropongono il tema della pubblicità delle opinioni dissenzienti. 

11/01/2021
L’attivismo, la deferenza e la giustizia del caso singolo

L’alternativa tra attivismo e deferenza del giudice interessa il diritto, ma non si fonda su precise categorie giuridiche. Semmai, essa rimanda all’autointerpretazione del giudice, alla posizione istituzionale ch’egli si riconosce e al tipo di rapporto ch’egli concepisce fra interpretazione e testo. In questa prospettiva, presenta criticità insormontabili la dottrina secondo la quale al giudice sarebbe consentito (e addirittura richiesto) assicurare la giustizia del caso singolo più che la corretta applicazione della legge. Resta però fermo il potere-dovere del giudice di adire la Corte costituzionale laddove tale applicazione producesse risultati illegittimi.

29/12/2020
La Corte costituzionale e l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo (Corte cost. n. 186 del 2020)

Il divieto di iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo è stato cancellato dalla sentenza n. 186 del 2020 della Corte costituzionale. La disciplina annullata è stata dichiarata costituzionalmente illegittima in ragione della sua «intrinseca irrazionalità» in relazione ai suoi stessi fini: una decisione importante, anche per il riflesso conformativo che esercita sul successivo esercizio dell’attività legislativa e amministrativa in materia di disciplina delle condizioni di soggiorno e di residenza degli stranieri.

23/12/2020
La prossima elezione in Cassazione di un giudice costituzionale

Nella rubrica Controvento del 25 novembre scorso, la Rivista aveva chiesto ai candidati all’elezione a giudice costituzionale di rispondere ad alcune sollecitazioni su temi ritenuti significativi. Hanno risposto Adelaide Amendola, Giorgio Fidelbo, Luigi Salvato, Maria Rosaria San Giorgio, che ringraziamo vivamente. Pubblichiamo di seguito il testo del Controvento e i quattro interventi ricevuti.

08/12/2020
Per un carcere più umano

Un appello di studiosi di diritto e procedura penale per una rinnovata attenzione al carcere

01/12/2020
I poteri del giudice comune nel rapporto con la Corte costituzionale e le Corti europee

I poteri dei giudici comuni nella triangolazione con la Corte costituzionale e la Corte di Lussemburgo, da un lato, e con la stessa Corte costituzionale e la Corte di Strasburgo, dall’altro lato, si modellano giocando sul filo del rasoio tra vincoli costituzionali puramente interni e vincoli, parimenti costituzionali, derivanti dall’adesione dell’Italia all’Unione europea e alla Cedu. Lo scritto illustra lo stato attuale della giurisprudenza costituzionale e comune, che è comunque ancora alla ricerca di un punto di equilibrio.

01/12/2020
Il "pensare corrente" sul carcere e i suoi antidoti

La recensione a M. Bortolato, E. Vigna, Vendetta pubblica. Il carcere in Italia, Laterza, 2020, diventa occasione per un’analisi a tutto tondo delle ideologie e delle visioni della penalità

14/11/2020
Del rendere giustizia costituzionale

L’A. ripercorre in sintesi la risalente polemica tra i sostenitori del cd. “attivismo” giurisprudenziale e quelli della judicial deference dei giudici verso il legislatore. Dopo aver messo in rilievo le ambiguità dell’una e dell’altra posizione, lo stesso A. constata la crisi delle categorie tradizionali derivante dal fatto che le costituzioni rigide, garantite e “cariche di princìpi” impongono al giudice costituzionale di curarsi dell’attuazione di tali princìpi, sulla base della considerazione che lasciare inattuata la Costituzione equivale a violarla, poiché si mantengono in vigore, per un tempo indeterminato, norme giuridiche che non dovrebbero più esserci. Occorre che negli ordinamenti democratici contemporanei si armonizzino continuamente il livello di “macrolegalità” costituzionale e quello di “microlegalità” del sistema normativo sottostante. Per ottenere questo risultato può non essere sufficiente la dottrina delle “rime obbligate”, come limite alle sentenze additive della Corte costituzionale, ma può essere inevitabile andare oltre, alla ricerca di riferimenti più ampi, sempre all’interno dell’ordinamento giuridico vigente. Queste generali osservazioni di metodo vengono infine saggiate su tre importanti pronunce sul suicidio assistito, la determinazione della pena “giusta” e la determinazione del minimo vitale per la sopravvivenza degli invalidi. Con esse la Corte non si è limitata al confronto astratto tra due norme, ma ha tentato di “rendere giustizia costituzionale” a chi l’aveva fiduciosamente richiesta.

13/11/2020