Magistratura democratica
Magistratura e società

Un ricordo (molto personale) del prof. Luigi Mariucci

di Alberto Piccinini
avvocato del Foro di Bologna, giuslavorista

La scomparsa del grande giuslavorista è anche l'occasione per ripercorrere le trasformazioni del diritto del lavoro

Non intendo parlare dei meriti scientifici di Luigi Mariucci: altri, ben più titolati di me, lo faranno, e comunque per lui parlano i suoi scritti. Mi limiterò quindi a ricordi personali.

In teoria i nostri destini professionali non avevano motivo di incontrarsi: lui, accademico puro, non aveva mai esercitato la professione di avvocato (sarebbe stato un ottimo avvocato…), attività svolta dal sottoscritto con altrettanta esclusività.

Ci univa, però, la stessa convinzione che, con il nostro lavoro, potessimo svolgere quella “militanza politica” che aveva caratterizzato la nostra giovinezza, e avevamo entrambi individuato nel diritto del lavoro un terreno che ci consentiva di poterlo fare “dalla parte dei più deboli”.

E così il giovane professor Mariucci negli anni ottanta fu, con Stefania Scarponi, consulente delle FIOM di Bologna, per poi divenire autorevole membro della Consulta Giuridica nazionale della CGIL (insieme con Massimo d’Antona, Giorgio Ghezzi, Piergiovanni Alleva, Amos Andreoni, Franco Carinci, Giuseppe Ferraro, Mario Giovanni Garofalo, Massimo Roccella, per citarne solo alcuni), costituita nel 1987 anche per elaborare “il punto di vista” tecnico-giuridico della CGIL. Il suo contributo, sempre caratterizzato da un costruttivo spirito critico, è stato essenziale, in particolare, nello studio della rappresentanza in azienda e della democrazia sindacale, che ha poi portato all’accordo interconfederale   del 1993 sulle RSU.

Ed indubbiamente la legislazione dell’inizio degli anni novanta ha risentito del lavoro della Consulta: si pensi alla legge 108 del 1990 in materia di licenziamenti individuali; alla procedura disciplinata dall’art. 47 della legge 248 del 1990 in materia di trasferimento d’azienda o di ramo d’azienda (per la cui violazione il terzo comma prevede l’automatica  sussistenza della condotta antisindacale); alla legge 146 del 1990  di regolamentazione degli scioperi nei servizi pubblici essenziali (che nella ricerca di un equilibrio tra i diversi beni costituzionalmente garantiti in gioco , ha comunque contenuto istanze politiche  che avrebbero voluto una maggiore invasività della legge nel comprimere l’esercizio del diritto di sciopero);  alla legge 223 del 1991, finalmente attuativa della direttiva comunitaria in materia di licenziamenti collettivi,  con una procedura che valorizza ampiamente il ruolo del sindacato; alla legge 421 del 1992 (fortemente voluta da Massimo d’Antona) che imbocca la strada della privatizzazione  del pubblico impiego.

La passione per la politica ha portato Luigi Mariucci a importanti incarichi amministrativi, come quello di consigliere e assessore regionale in Emilia Romagna (presidenti Bersani ed Errani) o consulente del sindaco di Bologna Cofferati, ma senza fargli dimenticare il diritto del lavoro: ed infatti ha contribuito all’elaborazione sia delle quattro leggi di iniziativa popolare della CGIL del 2002-2003, sia della Carta dei diritti universali dei lavoratori e delle lavoratrici dal 2015-2016.

Nel suo lavoro di ricerca il  giuslavorista  Mariucci ha sempre mantenuto la barra del timone in una precisa direzione, e questo  non poteva non metterlo in conflitto (ovviamente dialettico) con il suo amico e collega Marco Biagi, divenuto nel 2001  consulente del Ministro del Welfare Roberto Maroni, con l’incarico di elaborare la riforma del mercato del lavoro. 

Il 19 marzo 2002 era stata indetta   un’assemblea nel quartiere San Donato di Bologna contro l’attacco all’art. 18 dello Statuto dei lavoratori che il Governo Berlusconi intendeva portare avanti con un disegno di legge: pochi giorni dopo, il 23 marzo, ci sarebbe stata -  promossa dalla CGIL -  la più grande manifestazione nazionale che la città di Roma abbia visto dal dopoguerra, con la partecipazione, dicono, di tre milioni di cittadini. 

Tra di firmatari del documento di convocazione dell’assemblea di Bologna c’era Luigi Mariucci, e ricordo ancora il suo lucido e appassionato intervento. Perché Luigi, oltre a padroneggiare una scrittura chiara e al tempo stesso profonda, era dotato di una straordinaria capacità di parlare “a braccio” in pubblico, forse ereditata dal suo maestro Federico Mancini. 

Durante quell’assemblea ci arrivò la notizia dell’assassinio di Marco Biagi, avvenuta quella sera stessa sotto la sua abitazione. Sconcertati, interrompemmo la nostra riunione e ci recammo, tutti, in via Valdonica ad esprimere la nostra solidarietà e per sottolineare l’abisso che separava la nostra non condivisione dei progetti che venivano portati dal governo Berlusconi (che, spurgati della riforma dell’art. 18, sarebbero poi stati, strumentalmente, chiamati legge Biagi) dalle pratiche criminali portate avanti dalle sedicenti Brigate Rosse.

Dieci anni dopo, modifiche peggiorative alla disciplina dei licenziamenti sarebbero state apportate dal “governo tecnico” di Monti con la legge Fornero e, ancor più, pochi anni dopo ancora, da un governo guidato da Matteo Renzi, allora segretario del partito a cui Luigi era iscritto, il PD. 

L’opposizione di Luigi Mariucci al Jobs Act è stata senza tentennamenti, comportando la sua uscita dal partito, ma non certo facendo venir meno la voglia di continuare le sue battaglie anche nel fronte della politica del diritto.

E così, come quarant’anni fa avevamo avuto rapporti di stretta collaborazione quando lui era consulente della FIOM ed io facevo (già) parte dello studio legale di riferimento della CGIL, negli ultimi anni, in cui era anche libero dagli impegni universitari per raggiunto “pensionamento”, avevamo rafforzato i contatti e condiviso molte iniziative.

In particolare Gigi (così veniva chiamato dagli amici, e lo eravamo in qualche modo diventati, pur senza frequentarci), come il suo amico Umberto Romagnoli, aveva aderito con entusiasmo all’associazione Comma2, costituita nel 2017 ( www.comma2.it) e composta prevalentemente – ma non esclusivamente – da giuslavoristi, tutti comunque “pro labor”: era forse quello l’approdo naturale del suo lungo percorso umano e professionale. 

Ha partecipato alle nostre assemblee a Ca’ Vecchia, e condiviso opinioni e progetti; ha introdotto, come sempre con toni brillanti, il convegno nazionale di Comma2 e MD su Un diritto del lavoro costituzionalmente orientato tenutosi a Bologna nel marzo 2018. Una volta finito, ci siamo ritrovati tutti in osteria a mangiare e bere: esistono video – rigorosamente secretati – che lo riprendono ad accompagnare, canticchiando, giudici (che non nomineremo) muniti di microfono.  

A sua moglie Clara aveva recentemente detto che la cosa più triste di chi muore da “molto anziano” è di non lasciare agli altri nemmeno il rimpianto. Gigi non è morto “molto anziano” e le tantissime persone che sono andate - mascherate e distanziate - sabato 12 dicembre al cimitero della Certosa a salutarlo, commuovendosi per le parole dell’amico Gian Guido Balandi, dimostrano che ha lasciato, oltre al rimpianto, indelebili ricordi.

Vorrei concludere con una osservazione, che potrebbe apparire dissacrante ma che Gigi, con il suo spirito ironico, forse apprezzerebbe (o apprezzerà, a seconda delle convinzioni religiose di chi legge): il giorno in cui è morto Maradona si era sparsa nel mondo dei giuslavoristi la falsa notizia anche della morte del professor Mariucci, che si sapeva ricoverato in ospedale a Bologna; e  invece ha tenuto duro ancora per due settimane,  confermando quanto amasse la vita e  mollando solo il giorno in cui è morto Paolo Rossi. 

Si vede che il suo destino era quello di andarsene insieme con un campione, da campione qual era.

15/12/2020
Altri articoli di Alberto Piccinini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il lavoro povero in Italia: problemi e prospettive

Dopo aver individuato alcune categorie di lavoratori maggiormente vulnerabili, nel contributo ci si sofferma dapprima sulle misure dirette di contrasto al lavoro povero e poi su quelle indirette. 

16/09/2021
Lo “sblocco” dei licenziamenti: gestione dei livelli occupazionali e limiti ai poteri unilaterali del datore di lavoro alla luce delle disposizioni emergenziali in materia di accesso alla “garanzia” SACE

Con la fine del cd. blocco dei licenziamenti, introdotto dal legislatore emergenziale per  soddisfare primarie esigenze di “tenuta sociale” e di “ordine pubblico economico” in un momento di grave crisi sanitaria, sociale, economica, si profila concretamente il pericolo del massiccio ricorso alle risoluzioni dei rapporti di lavoro: tra i meccanismi a cui ricorrere al fine di evitare ricadute drammatiche sull’occupazione, vi è quello di esigere il rispetto dell’obbligo in capo all’impresa che beneficia della garanzia pubblica fornita dalla Società deputata al sostegno finanziario alle imprese, di proprietà della Cassa Depositi e Prestiti, a rispettare l’impegno, per tutta la durata del finanziamento, a gestire i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali. 

10/09/2021
Aspetti costituzionali della vaccinazione contro il Covid-19 come diritto, come obbligo e come onere (certificazione verde Covid-19)

Nell’ambito del confronto in atto sul diritto della pandemia e sul tema delle vaccinazioni pubblichiamo questo importante articolo di Roberto Romboli, che illustra, con maestria, i diversi aspetti della vaccinazione contro il COVID 19 come diritto, come obbligo e come onere (certificazione verde COVID 19).

06/09/2021
Venerdì 6 agosto 2021. Esordisce la certificazione verde

Come è già avvenuto per la vaccinazione anticovid, anche la “certificazione verde” divide la nostra come altre società avanzate. Non scandalizzarsi di questa nuova, ennesima, divisione e consentirle di esprimersi ha, al fondo, una idea antica: che il confronto e l’urto di pensieri diversi sia ancora, se non l’unico, il miglior metodo a disposizione per trovare le soluzioni più ragionevoli ed accettabili ai problemi della convivenza collettiva. Per parte nostra restiamo convinti che la campagna di vaccinazione sia uno strumento di liberazione dai più gravi timori per la salute individuale e collettiva e che la vaccinazione sia al tempo stesso un diritto ed un onere, il cui mancato adempimento può giustificare una serie di calcolate restrizioni e limitazioni, adottate nell’interesse collettivo, in vari ambiti della vita sociale. 

05/08/2021
Ripensare il giustificato motivo oggettivo

Dopo la fine del cd. “blocco” dei licenziamenti per ragioni economiche, è urgente ripensare la figura del giustificato motivo oggettivo, anche alla luce della evoluzione giurisprudenziale dalla sentenza Cass., n. 25201/2016 in avanti

27/07/2021
"Il nocchiere…in gran tempesta": il Giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

Nella stagione compresa tra il c.d. collegato lavoro (l. 183 del 2010) e il Jobs act (d.lgs. n. 23 e n. 81 del 2015), il Legislatore all’insegna della liberalizzazione del mercato del lavoro ha operato numerosi interventi accomunati da una medesima cifra: marginalizzare il ruolo del giudice e ridurne le possibilità d’intervento nelle fasi più delicate del rapporto, ossia l’assunzione con contratti flessibili e il recesso dal contratto standard. Emergono però da ultimo importanti elementi di controtendenza in tema di flessibilità “in entrata” e “in uscita”, ben visibili sia nel formante legale, sia in quello giurisprudenziale.

02/07/2021
Quale lavoro femminile al tempo del Covid-19: la «resilienza» salverà le donne?

Nonostante il dichiarato approccio mainstreaming di genere, il nuovo PNRR sembra guardare alla «questione femminile» in una «logica emergenziale» e di soccorso - la stessa che caratterizza gli ultimi provvedimenti del Governo Draghi a supporto dei genitori lavoratori -, senza che siano pianificate modifiche strutturali e riforme di ampio respiro idonee a garantire la parità di genere nel lungo periodo. Il rischio è che si perda, per l’ennesima volta, l’occasione per una vera e propria rivoluzione culturale idonea a favorire la concreta emancipazione economica, professionale e sociale delle donne.

22/06/2021
La specificità del processo del lavoro e il cambiamento della prassi

I diritti non stanno nel processo come i prodotti a vista sugli scaffali di un supermercato: bisogna cercarli. Il giudice di merito del lavoro ha il dovere di compiere ogni sforzo consentito, prima di alzare le spalle, a fronte di rivendicazioni portate da un’utenza che la precarizzazione strutturale e la crisi economica hanno ulteriormente indebolito.

10/06/2021