Magistratura democratica
Magistratura e società

Recensione a "Diritto penale. Scienza dei limiti del potere punitivo"

di Filippo Cucuccio
Direttore generale dell’ Associazione nazionale per lo studio dei problemi del credito, già dirigente Bnl

Recensione al volume di Roberto Rampioni, edito da Giappichelli (2020)

Fa molto riflettere il piccolo (ma ponderoso nei contenuti) libro di Roberto Rampioni, Ordinario di Diritto Penale all’Università Tor Vergata di Roma, dedicato alle problematiche attuali in cui versa il diritto penale e la relativa legislazione.

Già il titolo, dall’intonazione lievemente, ma esplicitamente provocatoria, su un diritto penale, qualificato come scienza dei limiti del potere punitivo, predispone il lettore a percorrere un itinerario intellettuale, certamente, non banale.

Lungo questo percorso, raccolto in una novantina di pagine e supportato dall’ausilio di una bibliografia, definita essenziale ma qualitativamente molto soddisfacente, vengono messe in evidenza le principali criticità che sembrano attualmente affliggere il diritto penale e che si possono così sintetizzare: la sua flessibilizzazione, contrassegnata dal prevalere dell’idea di scopo su quella di diritto, che postula un ampio utilizzo di valutazioni contenutistiche; la sua moralizzazione, intesa nel senso di perdite di laicità dell’ordinamento giuridico; la sua materializzazione, con il ricorso, sempre più frequente, a valutazioni di contenuto orientate ad elidere le possibili lacune di punibilità, aggirando le garanzie difensive; e, infine, la sua soggettivizzazione, caratterizzata dal privilegiare gli aspetti espressivi dell’atteggiamento interiore dell’agente rispetto agli elementi oggettivi del fatto criminogeno.

Si tratta di aspetti degenerativi, che incidono sulla stessa funzione e sulle finalità del diritto penale, con pericolose ricadute sulla tenuta dei cardini dello “Stato di Diritto” e che inducono l’A., per tentare di ovviare alla conseguente frammentarietà dello stesso diritto penale, a una riflessione sui principi fondamentali e, in particolare, sulla nozione di “bene giuridico”; la cui teoria, a seguito dello smarrimento del suo valore in senso classico, merita di essere sottoposta ad una adeguata ricostruzione. 

A questo specifico aspetto il volume di Rampioni dedica importanti pagine, valutando i più recenti apporti della dottrina italiana in materia, con approfondite disamine, che mettono in evidenza come da un diritto penale «che assolve alla funzione di garantire condizioni statiche del consenso sociale» si sia progressivamente passati ad un diritto penale «che nella cosiddetta società del rischio individua un progetto di mutamento sociale e, dunque, presenta un carattere dinamico». 

In questo ambito sono, pertanto, criticamente analizzate le tesi e le posizioni di alcuni giuristi: da Massimo Vogliotti a Domenico Pulitanò, da Riccardo Borsari a Francesco Palazzo, da Mario Romano a Giovanni Cocco. In particolare, con riferimento agli ultimi due, che mettono in dubbio la qualità del bene giuridico, come criterio di legittimazione della norma penale, l’A. giunge a porsi un duplice quesito: sulla funzione del diritto penale quale limite della politica criminale e sulla sua funzione limite nell’anticipare la tutela di norme di interessi strumentali o funzionali.

La risposta fornita a questi due interrogativi individua un ancoraggio del diritto penale al fatto dannoso o pericoloso e una ricostruzione della teoria del bene giuridico in cui ricomprendere le fattispecie di pericolo astratto alle quali è affidata la tutela dei beni immateriali necessari al mantenimento dell’ordine generale.

Passando, poi, all’esame del concetto di sicurezza, intesa come esigenza collettiva e degli abusi che in suo nome vengono perpetrati dal potere statuale in materia di esercizio delle libertà individuali, l’A. ne deriva una considerazione sul come nella realtà «il bene giuridico … presenti ben poco di collettivo afferendo in realtà alle posizioni individuali coinvolte nei singoli procedimenti giurisdizionali». Inoltre, il condizionamento storico, che, inesorabilmente, grava sul diritto penale, induce Rampioni a sottolineare come in un regime democratico sia indispensabile che il varo di nuove norme penali, nell’impossibilità di avere un’auspicabile maggioranza parlamentare qualificata, sia supportato, almeno, da un’ampia maggioranza.

Riflessioni che precedono il successivo passaggio critico, dedicato all’ampiezza della tutela e alla selezione degli interessi meritevoli di protezione per evitare l’allargamento a dismisura del “penalmente rilevante”, fino al punto di vanificare in questa materia il principio fondamentale dell’“extrema ratio”.

Da questa rassegna di valutazioni, tenendo a mente che il diritto penale debba essere sciolto dalla contingenza delle decisioni politiche (non a caso viene ricordata nel libro la celebre espressione di Jean Jacques Rousseau, formulata circa due secoli e mezzo fa, «il sovrano non può imporre catene inutili alla comunità») l’A. riafferma il proprio convincimento della necessità di invertire la tendenza di una legislazione che proceda «secondo il principio: forma giuridica + bisogno di pena capace di incontrare il consenso della collettività = diritto penale»; puntando, invece, decisamente sul «richiamo critico del diritto penale alla delimitazione concettuale e normativa» (ecco spiegato il riferimento nel titolo cui,  già, si accennava!).

Un cambiamento culturale, prima che operativo, francamente condivisibile, anche se non di semplice realizzazione. 

09/10/2021
Altri articoli di Filippo Cucuccio
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I delitti contro l'uguaglianza

La discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi è contraria al principio di uguaglianza e, soprattutto, al valore della pari dignità sociale che la Costituzione riconosce a tutti. I delitti contro l’uguaglianza rappresentano la negazione di questo valore. Il contributo ripercorre lo sviluppo legislativo e giurisprudenziale che ha portato alla formulazione degli attuali articoli 604 bis e 604 ter c.p. con uno sguardo alla giurisprudenza sovranazionale e, soprattutto, alle modalità secondo cui una specifica categoria di vittime avverte la discriminazione nei propri confronti.

29/09/2021
Il limite come paradigma del diritto e le sfide della contemporaneità

Nota ad A. Supiot, La sovranità del limite. Giustizia, lavoro e ambiente nell’orizzonte della mondializzazione, a cura di A. Allamprese, L. D’Ambrosio, Postfazione di O. De Leonardis, Mimesis, Milano, 2020

18/09/2021
Verso la fine della pena come retribuzione? In occasione dei settecento anni dalla nascita di Dante Alighieri

La relazione del procuratore generale presso la Corte di Cassazione svolta ad Anagni il 10 luglio 2021, in occasione del conferimento del premio Bonifacio VIIIPer una cultura della pace. 

11/09/2021
Il diritto a non essere “additato” come colpevole prima del giudizio. La direttiva UE e il decreto legislativo in itinere

E’ sul versante mediatico e della motivazione dei provvedimenti giudiziari che, nel nostro Paese, la presunzione di innocenza può essere contraddetta e vulnerata. E’ questo il filo conduttore del decreto legislativo ancora in itinere, che - in attuazione della Direttiva UE n. 343 del 2016 - mira a rafforzare la presunzione di innocenza dell’indagato e dell’imputato, con l’ambizione di incidere profondamente sul linguaggio di tutte le “autorità pubbliche”, sulla comunicazione degli uffici giudiziari e sulla motivazione delle decisioni interne al processo. Non è facile, oggi, prevedere se le nuove norme daranno il via ad una vera rivoluzione culturale nella rappresentazione delle persone sottoposte ad indagini e a processi o se le innovazioni resteranno una facciata destinata a mascherare malamente la sopravvivenza di inveterati “pregiudizi”. E’ certo però che la genuina adesione all’ispirazione di fondo della nuova normativa non implica la rinuncia a ragionare, anche criticamente, sui differenti aspetti del testo normativo, sulla sua genesi, sulle sue ricadute nei mondi del diritto e dell’informazione. 

03/09/2021
L’iniziativa referendaria sull’articolo 579 del codice penale: gli scenari possibili

Gli scenari diametrali aperti dal successo nella raccolta delle firme sono quello della dichiarazione di inammissibilità del quesito e quello dell’abrogazione parziale per via referendaria dell’art. 579 c.p., che aprirebbe problemi interpretativi in particolare sul consenso. Ma di fronte alla complessità del tema della disponibilità/indisponibilità della vita e all’insieme delle norme di riferimento è possibile che né il referendum, né la sola iniziativa legislativa in corso in materia di “morte volontaria medicalmente assistita” siano dirimenti.

01/09/2021
Tortura: una norma scritta male al banco di prova della prassi applicativa

Due recenti pronunce di merito sono l’occasione per soffermarsi sugli elementi costitutivi e circostanziali della fattispecie di tortura. Una norma scritta male, densa di problemi interpretativi e non priva di qualche disallineamento rispetto alla normativa sovranazionale.

12/07/2021
La razionalità nel contrasto al crimine

Il giurista moderno non può interessarsi soltanto delle norme e della loro applicazione o disapplicazione, relegando in secondo piano l’esame del corpo sociale e lo studio delle realtà da cui nasce la criminalità.  Al rifiuto di tutte le diverse forme di “uso politico” della criminalità deve accompagnarsi un approccio razionale e pragmatico che individui adeguati strumenti di risanamento sociale e di trattamento del delinquente, dimostrando che lo Stato può ridurre il costo dei fenomeni criminali grazie all’impiego di metodi scientificamente corretti.

25/06/2021
Sul pubblico ministero: riformare sì, ma con giudizio

Muovendo dalla diffusa constatazione del “protagonismo” talora assunto oggi dal pubblico ministero, si passano in rassegna alcune delle riforme attualmente in discussione concernenti poteri e posizione dell’organo inquirente (contenute principalmente nel ddl AC n. 2345 e nelle proposte di emendamento formulate dalla Commissione Lattanzi). Le riforme più significative sono quelle concernenti le indagini preliminari, i criteri di esercizio dell’azione penale e l’annoso tema della separazione delle carriere. Evidenziata l’indubbia difficoltà di trovare soluzioni che siano insieme efficaci ed equilibrate, si conclude con un richiamo all’esigenza, che non può più essere né utopistica né rituale, di un rafforzamento dei doveri deontologici del magistrato inquirente. 

08/06/2021