Magistratura democratica
Magistratura e società

L’abisso delle norme *

di Giuseppe Battarino
magistrato collaboratore della Commissione parlamentare d'inchiesta sulle ecomafie

Il regolamento del campo di Dachau

Negli atti del processo di Norimberga è contenuto un memorandum del giudice Friedrich Doebig, che appunta – a futura memoria – quanto avvenuto a seguito di “incidenti rilevanti” verificatisi nel campo di concentramento di Dachau, che era stato aperto il 22 marzo 1933.

La nota, del 2 giugno 1933, contrassegnata come documento 1216-PS, è accompagnata da una copia del regolamento del campo.

Si tratta della prima versione di un regolamento interno, che si colloca nel contesto di scelte non limitate a quella istituzione concentrazionaria ma che corrispondono alla politica nazionalsocialista di attacco alle istituzioni giudiziarie, al fine di poter perseguire i propri indirizzi politici totalitari e disporre senza limiti della vita di detenuti divenuti tali senza alcun procedimento penale o condanna o controllo giudiziario[1].

Il successivo regolamento del 1° ottobre 1933 (documento del processo di Norimberga PS778), opera dell’Obergruppenführer delle SS Theodor Eicke, comandante del campo, subentrato a Hilman Wäckerle, porterà a compimento questa impostazione nel campo di concentramento di Dachau.

L’apprezzamento per l’opera di Eicke farà sì che egli venga in seguito designato come ispettore generale di tutti i campi e comandante della sezione delle SS incaricata della sorveglianza, la SS-Wachverbände, poi sinistramente nota come Tötenkopfverbande (“unità testa di morto”).

Doebig nel suo memorandum riferisce di un incontro avuto il 29 maggio 1933 con il procuratore generale presso il Landgericht Monaco II, Karl Wintersberger, in relazione a diverse morti di detenuti verificatesi nel campo da poco aperto.

Il procuratore generale gli fornisce la copia del regolamento e manifesta la volontà di procedere a indagini (viene citato l’articolo 346 dello Strafgesetzbuch, il Codice penale); in effetti sono state svolte delle autopsie, che lasciano adito a dubbi; gli esiti di alcuni di quegli esami autoptici saranno anch’essi acquisiti nel processo di Norimberga (PS 641-645).

Lo stesso giorno Doebig riferisce la questione al ministro della giustizia che, in sua presenza, chiama il cancelliere Hitler per informarlo.

A seguito di ulteriori contatti viene previsto che dell’accaduto si occupi il consiglio dei ministri, salve le indagini che i pubblici ministeri pensano di poter svolgere.

Ma i magistrati il 31 maggio 1933 ricevono la notizia che questo non accadrà: della questione si occuperanno il ministro dell’interno e il capo della polizia. In una postilla al memorandum, Doebig annota che gli atti di indagine verranno messi a disposizione del ministro dell’interno per una sua preventiva valutazione. I tentativi di Wintersberger e del pubblico ministero Joseph Hartinger di svolgere comunque indagini finiranno dopo pochi mesi con il trasferimento d’ufficio di entrambi.

È un intervento netto: nonostante la formale vigenza di leggi generali, penali in particolare, di ciò che accade dentro i campi di concentramento la giurisdizione ordinaria non si dovrà occupare.

All’interno del campo di Dachau (e subito dopo sarà così a Buchenwald, Ravensbrück, Sachsenhausen, Lichtenburg…) esiste una giurisdizione domestica, la Corte del campo, presieduta dal comandante; e all’esterno esiste un interesse dello Stato derivante dall’unità politica tra Führer e Volksgeist, tra “capo” e “sentimento del popolo”, che supera l’ingombro dei magistrati.

Va ricordato che i prigioneri di Dachau, come quelli dei successivi campi di concentramento furono tali per provvedimento di polizia, escluso ogni controllo giurisdizionale.

Il regolamento che regge Dachau, nella sua prima versione, la cui traduzione viene qui proposta, è un prodotto giuridico semplice ma non ingenuo.

I diciotto articoli sono divisi in quattro capi: disposizioni generali, norme penali, classificazione dei prigionieri, giurisdizione.

L’enumerazione dei fatti punibili è un’apparente forma di tassatività: in realtà l’arbitrio del comandante e delle guardie è totale, perché le pene possono in effetti essere irrogate per qualsiasi “disobbedienza”.

Le soglie di tutela sono enfaticamente anticipate al tentativo e all’istigazione, fino al tentativo di istigazione e al tentativo di influenza su altri.

La premialità è anch’essa arbitraria e fa leva su una generica attitudine personale all’obbedienza; ma si arresta di fronte a una valutazione negativa della “vita anteatta” (quale poteva essere quella di comunisti, socialisti, sindacalisti, omosessuali, e via categorizzando).

La giurisdizione è affare interno del campo, del comandante, delle SS, che possono punire a discrezione; i processi della “Corte del campo” sono destinati a giustificare solo le esecuzioni dei prigionieri e prevedono accusa ma non difesa.

L’Olocausto ha avuto un inizio lontano e anche fatto di norme, di cui va conservata memoria.

Un abisso di norme non in vista della “soluzione finale” o durante la guerra. Tutto questo nel 1933, sotto gli occhi consenzienti di buona parte degli apparati dello Stato, nel quadro di un’approvazione da parte del “popolo” vicino al suo “capo”, che continuerà di fronte alla vista degli ebrei tedeschi cercati casa per casa e deportati in quei campi.

 

[1] vedi G. Battarino, L’attacco alla giurisdizione come elemento della politica nazionalsocialista. Una questione contemporanea?, in Questione Giustizia, www.questionegiustizia.it/articolo/l-attacco-alla-giurisdizione-come-elemento-della-politica-nazionalsocialista-una-questione-contemporanea-_04-09-2018.php.

[*] Si tratta del regolamento del campo applicato subito dopo la sua apertura, e in seguito modificato; la traduzione è stata condotta con la collaborazione di Elettra Aldinio sul documento del processo di Norimberga digitalizzato dalla biblioteca dell’università di Harvard, vedi questo link: http://nuremberg.law.harvard.edu/documents/3977-regulations-of-the-dachau?q=camp+regulation#p.6. L’intera vicenda è trattata ampiamente da Nikolaus Wachsmann, KL. Storia dei campi di concentramento nazisti, trad it. Mondadori, 2016. La presentazione alla stampa del campo di Dachau come primo esempio di una nuova modalità detentivaè stata ricordata dallo Spiegel, vedi il link: www.spiegel.de/geschichte/kz-dachau-modell-fuer-deutsche-konzentrationslager-a-951071.html

27/01/2020
Altri articoli di Giuseppe Battarino
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Pandemia e diritti fondamentali: una banca dati sulla giurisprudenza in Italia e nel mondo

Sommario: 1. Introduzione – 2. I principali esiti della ricerca; primi spunti di comparazione – 3. Salute pubblica e diritti fondamentali: le questioni principalmente affrontate – 4. Focus: salute pubblica e accesso all’istruzione – 5. Focus: salute pubblica e vaccini – 6- What is next? I possibili futuri orizzonti della Covid Litigation

20/07/2022
“Sei libera ed eguale a patto che gli altri lo accettino”. Alcune riflessioni sul caso giudiziario di Cloe Bianco

La storia di Cloe Bianco è divenuta un tema centrale nel dibattito pubblico e collettivo di questi ultimi giorni. Quando vicende personali di questa natura entrano a far parte del discorso pubblico, e quindi anche della coscienza collettiva, può essere opportuno riflettere, secondo la prospettiva che a ognuno compete per background professionale o personale, su quella “porzione di complessità” della quale si possa dire con cognizione di causa, partecipando così alla rielaborazione collettiva del fatto. Ciò può aiutare la comunità, anche nei suoi diversi sottogruppi, a capire cosa è avvenuto e a elaborare argomenti e modalità di comprensione per accrescere e sviluppare la propria valutazione informata degli eventi. Come giuristi, riteniamo quindi di proporre le nostre considerazioni in merito alla vicenda giudiziaria che ha riguardato la prof.ssa  Bianco e la sanzione disciplinare che ha ricevuto dopo essersi presentata, per la prima volta, presso l’istituto scolastico dove insegnava, esprimendo, anche con il proprio aspetto, il genere (femminile) al quale sentiva di appartenere.

01/07/2022
Estrema povertà dettata da alluvioni: condizione (in)sufficiente per gli standard nazionali di protezione?

La condizione di estrema povertà dettata da cause ambientali nel Paese di origine del richiedente può essere sufficiente ai fini della protezione nazionale? Sul punto, la giurisprudenza italiana non sembra essere costante. Si propone quindi un’analisi di alcune ordinanze della Corte di Cassazione in cui le alluvioni rappresentano causa di povertà e di migrazione al fine di valutarne i diversi esiti, anche in virtù delle modifiche accorse nella legislazione vigente in materia di migrazione. 

14/02/2022
Il mosaico della Memoria tra diritto, storia e letteratura

Un saggio recente su Anna Frank induce a riflettere sulla consapevolezza investigativa degli storici e sulla consapevolezza storica dei giuristi

27/01/2022
Diritti umani, diritto disumano

La relazione al convegno di Magistratura democratica Un mare di vergogna, svoltosi a Reggio Calabria l’1-2.10.2021

25/10/2021
La tutela dei diritti umani in Turchia ai tempi del Sultano

Per comprendere il concreto impatto della deriva in corso in Turchia occorre prescindere da semplificazioni che non tengano conto delle specificità del contesto culturale e della presenza di molteplici istituzioni nazionali formalmente chiamate alla tutela dei diritti fondamentali. La drammatica situazione del paese, all’ombra delle formule standardizzate dei rapporti internazionali, è riassunta in uno sguardo complessivo alla luce di due separate esperienze, a distanza di qualche anno, di quotidiana interazione con giuristi, funzionari e semplici cittadini turchi di un consulente della UE.

04/05/2021
Vulnerabilità del singolo e universalità dei diritti: un nuovo corso per la nomofilachia?

Muovendo dal concetto di vulnerabilità del singolo nell’era della globalità di scambi e minacce, il contributo affronta la tematica dell’universalità dei diritti alla luce della circolarità interordinamentale delle tutele, come declinata di recente anche in sede di legittimità. La ricerca della sintesi, nel confronto non sempre agevole fra le giurisdizioni, viene condotta lungo i binari del principio di ragionevolezza.

10/02/2021
Licenza ministeriale di commettere reati? Interesse pubblico e diritti fondamentali

Recensione a L. Masera, Immunità della politica e diritti fondamentali. I Limiti all’irresponsabilità penale dei ministri, Giappichelli Editore, Torino 2020. Un libro che mette il lettore di fronte a domande tanto importanti, quanto scomode.

21/11/2020