Magistratura democratica
Magistratura e società

Il Papa, i giudici e la poesia

di Giulio Cataldi
Presidente di Sezione, Tribunale di Napoli

Riflessioni su due recenti messaggi di Papa Francesco ai giudici di Africa e America Latina

Papa Francesco ha inviato il 30 novembre 2020 due videomessaggi, un saluto iniziale e poi un discorso, al primo incontro virtuale dei giudici membri dei Comitati per i diritti sociali di Africa e America.

Si tratta di interventi brevi, ma densi di contenuti.

Sarebbe presuntuoso provare a proporne un’interpretazione: mi mancano, tra l’altro, indispensabili conoscenze di precedenti atti e scritti di questo Pontefice e, più in generale, della dottrina sociale della Chiesa.

E, tuttavia, la profondità di quelle parole sul significato della giustizia e del giudicare, così dense pur nella loro apparente semplicità, suscita inevitabilmente delle suggestioni, evoca richiami, provoca un’eco di discorsi e ragionamenti nati in altri contesti ed in altri ambienti, che non è possibile ignorare.

Il Pontefice inizia la sua riflessione partendo da quello che definisce «l’angosciante quadro» delle crescenti disuguaglianze, tema a cui aveva già dedicato gran parte della sua enciclica, Fratelli Tutti, del 3 ottobre scorso; e, del resto, oggetto del convegno dei giudici di Africa ed America era La costruzione della giustizia sociale. Verso la piena applicazione dei diritti fondamentali delle persone in condizioni di vulnerabilità.

Su questo tema, il Papa ha ricordato il consolidato magistero della Chiesa, che non riconosce come assoluto ed intoccabile il diritto alla proprietà privata, ma ne sottolinea sempre la funzione sociale, in quanto «diritto naturale secondario derivante dal diritto che hanno tutti». 

Qui appare sin troppo agevole trovare un immediato rimando a ciò che anche la nostra carta costituzionale prevede, sia in tema di uguaglianza sostanziale (art. 3 comma 2), sia a proposito della funzione sociale e accessibilità a tutti che deve essere assicurata alla proprietà privata (art. 42, comma 2). 

E, però, Francesco aggiunge qualcosa in più: quando, ricorrendo alle leggi e al diritto, «diamo ai poveri le cose indispensabili, non diamo loro le nostre cose, né quelle di terzi», ma «restituiamo loro ciò che è loro … ciò che appartiene loro». In quel termine, “restituire”, è contenuta la consapevolezza di una precedente sottrazione, che proprio per questo impone una riparazione. Non è – credo – la rivalutazione di Proudhon; piuttosto, una sottolineatura sofferta della inadeguatezza di tutti i sistemi politico-economici di fronte allo scandalo delle disuguaglianze. E qui interviene, a conclusione del suo saluto iniziale, il richiamo del Pontefice al ruolo della giustizia: «quando una giustizia è realmente giusta, quella giustizia rende felice i Paesi e degni i loro abitanti. Nessuna sentenza può essere giusta, nessuna legge legittima se ciò che generano è più disuguaglianza», oppure «maggiore perdita di diritti, indegnità o violenza».

Ora, non penso che papa Francesco, parlando di sentenza giusta, intendesse distinguerla da (e contrapporla a) quelle ingiuste in quanto sbagliate in diritto o frutto di quegli errori che noi comunemente conosciamo come motivi di impugnazione e riforma delle nostre decisioni. La sentenza è ingiusta se genera più disuguaglianza, perdita di diritti, indegnità o violenza. 

Mi pare di cogliere, in queste parole, un invito al giudice, all’interprete in genere, a non fermarsi alla mera esegesi delle norme, a non trasformarsi in mero attuatore di leggi che possano rivelarsi “ingiuste”, ma a ricercare sempre e comunque il modo per improntare le decisioni giudiziarie al fine ultimo di ridurre le disuguaglianze, ad attuare i diritti, a promuovere dignità ed abbattere ogni forma di violenza. In quelle parole, apparentemente semplici, mi pare di scorgere l’eco di tante riflessioni di costituzionalisti e filosofi, di ritrovare il dibattito tra attivismo o deferenza del giudice rispetto alla legge. E pur essendo improbabile che il Pontefice possa essere al corrente di tali dispute dottrinarie e che intendesse, in tal modo, intervenire in esse in un senso o nell’altro, tuttavia pare che Egli si ponga, con estrema sensibilità, di fronte all’eterno conflitto tra legge e giustizia, tra disposizione e norma, di fronte alla angosciante possibilità della “legalità del male”: da qui il monito affinché leggi e sentenze non producano disuguaglianza, perdita di diritti, indegnità o violenza.

Ma il punto, a mio avviso, più sorprendente del saluto di papa Francesco ai componenti dei comitati per i diritti sociali di Africa e America consiste nell’esortazione finale ai giudici a fare delle proprie sentenze una “poesia”.

Il Pontefice ha formulato un ardito paragone tra il poeta ed il giudice (lo aveva del resto già fatto in un analogo incontro del 4 giugno 2019 al vertice dei giudici panamericani sui diritti sociali e la dottrina francescana), ed ha sottolineato: «Il poeta ha bisogno di contemplare, pensare, comprendere la musica della realtà e catturarla nelle parole. Tu in ogni decisione, in ogni frase, ti trovi di fronte alla felice possibilità di fare poesia: una poesia che curi le ferite dei poveri, che integri il pianeta, che protegga la madre terra e tutta la sua discendenza. Una poesia che ripari, redima e nutra». «Giudici, non rinunciate a questa possibilità».

Anche in questo caso, sarebbe azzardato provare a farsi esegeta delle parole di Francesco; e, tuttavia, penso di poter escludere che Egli intendesse formulare un invito ai magistrati a vergare le proprie decisioni con forme poetiche o in rime. Piuttosto, ancora una volta, la profonda spiritualità del Papa si manifesta nell’invito rivolto ai giudici a fare come i poeti: «contemplare, pensare, comprendere la musica della realtà e catturarla nelle parole». E’ una richiesta non soltanto formale, ad evitare una lingua sciatta, superficiale o inutilmente respingente (quella “antilingua” che, purtroppo, ancora e spesso connota anche noi giudici italiani). E’, soprattutto, un pressante appello a restituire, nelle proprie decisioni, con parole attente, meditate, studiate, frutto di umile e mai arrogante riflessione, lo sforzo di comprensione della realtà, della “musica della realtà”, che non è mai suonata su un’unica nota, ma che vive nella polifonia di suoni diversi; con la consapevolezza che «una poesia che non trasforma, è solo una manciata di parole morte».

13/02/2021
Altri articoli di Giulio Cataldi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L’ora della responsabilità per la magistratura

Alla crisi del principio di indipendenza, determinata dalla decostruzione interna del modello tradizionale di magistrato, è possibile rispondere solo facendo del principio di responsabilità l’altra faccia di quello di indipendenza.

17/06/2022
Ucraina: c'è un giudice a Kyiv?

L’incontro a Kyiv dei vertici UE con il Presidente Zelenskyy ha acceso le speranze di una accelerazione del processo di adesione dell’Ucraina all’Unione Europea. Ma le sue istituzioni, in particolare quelle giudiziarie, sono pronte?

04/05/2022
Cassese “salta la fila” e si pone alla guida dell’affollata militanza anti-magistratura

I difetti - veri o presunti - della giustizia e della magistratura italiana. Recensione a S. Cassese, Il governo dei giudici, Editori Laterza, 2022.

02/04/2022
L'Alta Corte. È davvero una buona idea?

Prime note sul “disegno di legge costituzionale” presentato al Senato il 28 ottobre 2021, intitolato: «Modifiche al Titolo IV della Parte II della Costituzione in materia di istituzione dell'Alta Corte».

25/03/2022
Qualità della ricerca, qualità della giurisdizione

Potenzialità di un dialogo che passa da una policy istituzionale 

22/03/2022
Porte girevoli tra magistratura e politica. Testimonianza e riflessioni

Nell’articolo di Gianfranco Amendola - magistrato che ha fatto la storia della tutela dell’ambiente nel nostro Paese e parlamentare europeo dal 1989 al 1994 – si intrecciano la testimonianza della sua personale esperienza in politica e riflessioni generali sul tema della peculiare “politicità” della funzione giudiziaria nell’ambito dei confini invalicabili fissati dalla legge.

14/03/2022
Mani pulite: una riflessione intima 30 anni dopo

In occasione del convegno organizzato dall’ANM di Milano per riflettere sui 30 anni di Mani Pulite, un magistrato di mezza età ricorda la “sua” tangentopoli: allora era solo un adolescente e quella indagine, senza che se ne accorgesse, avrebbe profondamente cambiato le sue scelte ideali e professionali. Gli anniversari portano bilanci. Questo è il suo, personalissimo.  

17/02/2022
Etica, magistratura e società. Pensieri e parole

L’etica, in quanto regola del comportamento, va discussa, più che insegnata. Ai magistrati spesso si chiede di incarnare una funzione, dunque l’etica sarebbe l’algoritmo del loro dover essere. Ma un tale algoritmo non esiste. Non resta, dunque, che barcamenarsi intorno ai casi di vita quotidiana, alla ricerca della propria cifra.

11/01/2022