Magistratura democratica
giurisprudenza di merito

Un “nuovo” modello di relazioni industriali: la Fiat a Pomigliano D’Arco

di Alfredo Guardiano
Consigliere Corte di Cassazione
A margine delle vicende penali scaturite dalla condotta antisindacale nello stabilimento campano
Un “nuovo” modello di relazioni industriali: la Fiat a Pomigliano D’Arco

1. Premessa

Il giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Nola, pochi mesi or sono, ha dichiarato estinti i reati configurati a carico di Sergio Marchionne in tema di comportamento antisindacale, dopo averlo ammesso al pagamento di una somma modestissima a titolo di oblazione (2654,00 euro), su parere favorevole della Procura della Repubblica di Nola, mentre è di qualche giorno fa la sentenza di patteggiamento con cui, sempre in relazione ai medesimi reati, è stata definita la posizione del responsabile dello stabilimento di Pomigliano D’Arco.

E’, dunque, possibile, una prima riflessione su di una vicenda sintomatica di un “nuovo” modello di relazioni industriali, oggi sconfessato dalla massima autorità della Fiat Group Automibiles (FGA), insieme ai documenti resi pubblici dalla conclusione dei due procedimenti, rappresentati dai provvedimenti dell’autorità giudiziaria ed, in particolare, dai pareri espressi dal pubblico ministero sulle richieste di ammissione all’oblazione ed al patteggiamento e dal provvedimento con cui il giudice per le indagini preliminari ha ammesso Sergio Marchionne all’oblazione; dalla memoria difensiva di quest’ultimo e dalla nota del segretario della F.I.O.M, Landini, attestante l’avvenuta cessazione delle condotte antisindacali, consacrata nel verbale di accordo del 30 maggio 2014, siglato tra la Fiat Group Automibiles s.p.a. e Fabbrica Italiana Pomigliano s.p.a, da un lato e FIOM CGIL, nelle sue componenti, nazionale e napoletana, dall’altro. Nota che è stato presupposto indispensabile per l’ammissione all’oblazione prevista dall’art. 162 bis, c.p., una volta esclusa dalla stessa Procura della Repubblica di Nola, la circostanza aggravante di cui all’art. 38, co. 2, l. 20 maggio 1970, n. 300, che ne avrebbe impedito l’applicazione.

2. I valori in gioco

I dimostrati comportamenti antisindacali posti in essere dai vertici aziendali della Fiat, nelle sue varie articolazioni societarie, nei confronti degli iscritti alla Fiom, rappresentano una violazione, per così dire, da manuale di una serie di valori tutelati da altrettante norme contenute in Costituzione, a partire dalla natura fondante dello stesso ordine democratico, attribuita al lavoro, in tutte le sue manifestazioni, per giungere al diritto di eguaglianza, di cui all’art. 3; al diritto di associarsi liberamente, di cui all’art. 18, co. 1; al diritto dei sindacati di organizzarsi ed operare liberamente, previsto dall’art. art. 39, co. 1; al divieto per l’iniziativa economica privata di svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana, sancito dall’art. 41, co. 2.

Appare, dunque, motivo di preoccupazione constatare, in un periodo storico in cui prevale un orientamento culturale e politico che vede l’impresa e non il lavoro dipendente, al centro della struttura socio-politica del Paese, l’estraneità di una parte non secondaria della classe imprenditoriale non solo al complesso dei principi costituzionali in materia di lavoro, ma anche ad uno dei principi cardine dello Stato di diritto, che impone di rispettare il contenuto delle decisioni legittimamente adottate dai giudici, in questo caso palesemente violato, non avendo i vertici aziendali della Fiat rispettato quanto stabilito dai giudici del lavoro di Torino e di Roma nei loro provvedimenti.

Sotto questo profilo, appare innegabile che il comportamento della Fiat si inquadra in una precisa dinamica degli ultimi anni del capitalismo internazionale, non solo finanziario, ben evidenziata in Italia da studiosi come Luciano Gallino, caratterizzata dalla crescente indifferenza, se non da una vera e propria ostilità, per il rispetto delle regole poste ab externo all’iniziativa economica privata, che si manifesta nella tendenza del capitale ad allocare le proprie risorse in paesi dove non solo il costo del lavoro è più basso, ma dove le forme di tutela dei lavoratori sono meno efficaci, per la presenza di sindacati deboli, di leggi meno severe in tema di protezione dei lavoratori dipendenti e dei luoghi di lavoro, di una magistratura meno indipendente di quella italiana dal potere politico.

In Italia non siamo ancora a questo punto, ma il quadro sembra evolversi verso il peggio, visto il furore ideologico che sta caratterizzando lo scontro sull’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, in cui uno degli aspetti più interessanti, rimasto piuttosto nell’ombra, è la pretesa, come è stato autorevolmente sostenuto, che, con la riforma si impedirà “finalmente” (nell’ottica dei suoi sostenitori, è ovvio) che sia il giudice, e non le ragioni produttive dell’impresa, a stabilire se il lavoratore abbia o meno il diritto di essere reintegrato nel posto di lavoro.

Quasi come se il diritto, e quindi coloro che sono chiamati ad applicarlo, non avessero cittadinanza all’interno dell’impresa, sottoposta al dominio esclusivo delle regole dettate dal mercato, a meno che esso non sia funzionale ai fini perseguiti dall’impresa stessa, come in questo caso, in cui la nascita della nuova società Fabbrica Italiana Pomigliano, resa possibile attraverso la forma contrattuale, sia pure fittizia, della cessione di un ramo d’azienda, nascondeva non una finalità produttiva, ma quella di penalizzare una sigla sindacale, inserendo, come scrivono i pubblici ministeri nella nuova realtà produttiva esclusivamente quelli favorevoli al progetto datoriale.

E’ pur vero che Sergio Marchionne ha formalizzato innanzi ai pubblici ministeri di Nola la sua ignoranza delle politiche discriminatorie messe in atto nello stabilimento di Pomigliano.

Una tale affermazione fa comunque emergere un evidente problema di governance di non poco momento, che richiederebbe ben nuove e più stringenti regole per rendere effettivi i controlli antidiscriminatori, al pari di quelli anticorruzione, all’interno dei luoghi di lavoro.

Resta una ulteriore, amara, ma realistica riflessione.

Solo grazie all’intervento della magistratura penale è stato possibile eliminare una condotta antisindacale, sulla quale le statuizioni dei provvedimenti del giudice del lavoro non avevano inciso.

Questo dovrebbe far riflettere ancora una volta sulla non negoziabilità di alcuni principi come l’obbligatorietà dell’azione penale, la sottrazione del pubblico ministero da ogni condizionamento del potere politico, in una parola l’indipendenza e l’autonomia della magistratura tutta, che non costituiscono prerogative di una burocrazia privilegiata, ma strumenti indispensabili per la tutela reale dei valori costituzionali; ed, al tempo stesso, sul limite di un sistema di sanzioni penali francamente inadeguato, per la modesta entità delle sanzioni stesse, facilmente sostenibili, per non dire irrisorie, anche facendo ricorso all’oblazione, da parte di realtà imprenditoriali di medie e grandi dimensioni (si pensi che il massimo cui può arrivare l’ammenda prevista dall’art. 38 dello statuto dei lavoratori, ai sensi del combinato disposto del primo e del terzo comma del menzionato articolo, è di 7745,00 euro), senza dimenticare che si tratta di contravvenzioni, quindi, di reati sottoposti a termini di prescrizione particolarmente brevi.

Come pure andrebbe approfondita la valutazione operata dal giudice per le indagini preliminari che, nell’escludere la sussistenza della gravità del fatto, al fine di non respingere la domanda di oblazione, ha formulato, del tutto legittimamente peraltro, un giudizio di ridimensionamento della gravità del danno arrecato, alla luce della successiva ricomposizione del “conflitto” sindacale, evidenziando, altresì, la mancanza di precedenti penali dell’imputato e la non particolare intensità del dolo che ha sorretto l’azione di quest’ultimo, muovendosi, dunque, senza dubbio all’interno del perimetro sancito dall’art. 133, c.p., che, pure, avrebbe potuto condurre ad una soluzione diversa, ove si fosse privilegiato, nell’ottica della pluralità dei valori costituzionali compromessi dall’azione antisindacale, il criterio rappresentato “dalla natura, dalla specie, dai mezzi, dall’oggetto, dal tempo, dal luogo e da ogni altra modalità dell’azione”.

In conclusione non può che ribadirsi come l’illegalità nel mondo dell’impresa, che è comunque uno dei pilastri dekla società, si diffonde non solo attraverso la corruzione e l’inquinamento affaristico-mafioso, ma anche colpendo i lavoratori nei loro diritti, a partire da quelli politici: la condotta della Fiat a Pomigliano D’Arco e l’ennesima recrudescenza delle morti sul lavoro degli ultimi mesi stanno lì a ricordarcelo.

21/11/2014
Altri articoli di Alfredo Guardiano
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Città e lavoro (parte II)

Il testo riproduce l’intervento alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Rita Sanlorenzo e Sandra Burchi, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

28/11/2022
Città e lavoro

Il testo riproduce l’introduzione alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Carla Ponterio e Sandra Burchi, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

22/11/2022
La "pretesa" del conflitto e l'oblio. Ancora note ad ordinanza 2019/2022 del GIP di Piacenza

L’ordinanza in commento è stata già esaminata in diverse sedi e sostanzialmente demolita dal Tribunale del Riesame, sì che indulgere oltre in critiche potrebbe sembrare vano accanimento, ma c’è qualcosa in essa che continua ad interrogare e di cui si ode l’eco in vicende giudiziarie succedutele, nel medesimo od in analoghi contesti lavorativi. Qualcosa che, nel contempo, si fa eco di vicende antiche che non hanno mai smesso d’interrogare e rimbombano alle orecchie di un giudice del lavoro in questo nuovo millennio.

10/11/2022
La prescrizione della malattia professionale tra vecchie certezze e nuove incertezze

La più recente giurisprudenza ha messo in crisi il consolidato equilibrio raggiunto nella disciplina della prescrizione delle prestazioni spettanti per le malattie professionali, grazie ad un meditato orientamento che teneva insieme l‘impianto originario delle garanzie dettate dal TU INAIL, le istanze di tutela fatte valere dalla Corte Costituzionale in alcuni casi particolari, la disciplina generale della prescrizione (Sez. Un. 576/2008). E’ quanto mai urgente perciò ripristinare una interpretazione più plausibile rispetto al sistema ed ai suoi principi fondamentali. Quelli che portavano la Corte Costituzionale (n.206 del 1988) ad affermare che “ quand'anche la tardiva presentazione della denunzia fosse ascrivibile in tutto o in parte all'ignoranza o alla negligenza o alle stesse pessime condizioni di salute del lavoratore, il privarlo per ciò solo di ogni indennizzo rappresenta pur sempre una manifesta violazione del principio di cui all'art. 38 Cost.” 

02/11/2022
Il caso Piacenza. Sindacati o associazioni a delinquere?

Ai coordinatori di due sindacati di base della logistica operanti nel territorio di Piacenza la Procura della Repubblica ha contestato il reato di associazione a delinquere e una lunga serie di reati fine (tra cui violenza privata, resistenza a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio, sabotaggio) ed il Gip ha applicato nei loro confronti misure cautelari. La vicenda ha suscitato dure critiche e reazioni nel mondo del lavoro, tra gli intellettuali e sulla stampa, facendo nascere un “caso Piacenza”. L’articolo sottopone ad un rigoroso esame critico tanto l’imputazione provvisoria di associazione a delinquere presa in considerazione nell’ordinanza cautelare del GIP di Piacenza quanto le imputazioni concernenti i reati fine delle presunte associazioni. Sottolineando come nell’ordinanza piacentina sia stata trascurata la valutazione delle reali finalità della lotta sindacale e si sia costruita l’esistenza di un programma criminoso su azioni o condotte meramente eventuali, non programmate né programmabili al momento della nascita dell’associazione, il cui unico elemento unificante è rappresentato dal perseguimento di uno scopo del tutto lecito e costituzionalmente garantito. 

02/08/2022
I confini della reintegrazione, “terribile rimedio”, e la sospensione della prescrizione dei crediti dei lavoratori: la tutela della parte debole quando è più debole

Le significative modifiche della disciplina limitativa dei licenziamenti, quali quelle apportate dalla legge Fornero e dal cosiddetto Jobs Act, hanno avuto effetti immediati e sicuri sulla materialità dei rapporti di lavoro, che è fatta anche di relazioni di potere, ridisegnando gli equilibri di quel potere, attribuendone una quota ulteriore alle imprese: è allora inevitabile pensare che, come un contrappasso, ai nuovi confini della reintegrazione corrisponda una diversa disciplina della prescrizione e della sua decorrenza, strumento sussidiario, e certo insoddisfacente, di tutela della parte debole del rapporto, quando diventa più debole.

15/07/2022
Il coraggio

Leggendo Per motivi di giustizia di Marco Omizzolo

02/07/2022
Lo smarrimento del concetto di occasione nella giurisprudenza di legittimità in materia di infortunio sul lavoro

Recenti pronunce di legittimità rimettono in discussione gli approdi interpretativi maturati negli anni a proposito dell’ambito di indennizzabilità dell’infortunio occorso “in occasione di lavoro”, nozione nella quale si facevano rientrare tutti i fatti, anche straordinari ed imprevedibili, inerenti all’ambiente, alle macchine o alle persone, purché attinenti alle condizioni di svolgimento della prestazione, ivi compresi gli spostamenti spaziali del lavoratore. Tanto la pausa di lavoro, quanto il passaggio al collega, rappresentano situazioni giustificate, ragionevoli e correlate al lavoro, in quanto rispondenti, comunque le si valuti, ad un interesse tanto del lavoratore quanto dello stesso datore di lavoro.

30/06/2022
Il salario minimo nel quadro comparato

L’esperienza straniera in tema di salario minimo: i casi di Svezia, Germania e Regno Unito 

11/05/2022