Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Per un carcere più umano

Un appello di studiosi di diritto e procedura penale per una rinnovata attenzione al carcere

Come studiosi e docenti universitari di discipline penalistiche, aderiamo in ideale staffetta allo sciopero della fame di Rita Bernardini, Irene Testa, Luigi Manconi, Sandro Veronesi, Roberto Saviano e di oltre 500 detenuti, quale forma di mobilitazione per chiedere al governo e alle autorità competenti di adottare provvedimenti idonei a ridurre il più possibile il sovraffollamento delle carceri italiane, così da prevenire il rischio di un’ulteriore diffusione del contagio da Coronavirus al loro interno.

Questa emergenza sanitaria, nel fare riaffiorare in maniera più amplificata la condizione molto problematica in cui non da ora versa il sistema penitenziario italiano, sotto il profilo delle condizioni di vita intramurarie, del livello di rispetto dei diritti fondamentali dei detenuti e di una effettiva idoneità della pena a conseguire l’obiettivo costituzionale della rieducazione e del reinserimento sociale, può rappresentare un’importante occasione per riaccendere le luci sul pianeta-carcere e sollecitare il potere politico a riprendere il cammino delle riforme necessarie per ridare vitalità e concretezza ai principi enunciati nel terzo comma dell’art. 27 della Costituzione.

1.    Amati Enrico (Università di Udine)

2.    Ambrosetti Enrico Maria (Università di Padova)

3.    Andolina Elena (Università di Catanzaro)

4.    Barnao Charlie (Università di Catanzaro)

5.    Belfiore Elio (Università di Foggia)

6.    Belluta Hervè (Università di Brescia)

7.    Biral Marianna (Università di Bologna)

8.    Bonini Valentina (Università di Pisa)

9.    Bresciani Luca (Università di Pisa) 

10.Bronzo Pasquale (Università La Sapienza- Roma)

11.Buzzelli Silvia (Università Bicocca - Milano)

12.Caianello Michele (Università di Bologna)

13.Canestrari Stefano (Università di Bologna)

14.Capone Arturo (Università Mediterranea- Reggio Calabria)

15.Caraceni Lina (Università di Macerata)

16.Carnevale Stefania (Università di Ferrara)

17.Cassibba Fabio (Università di Parma)

18.Catalano Elena Maria ( Università dell’Insubria- Como)

19.Catenacci Mauro (Università di Roma Tre)

20.Caterini Mario (Università della Calabria)

21.Cavaliere Antonio (Università Federico II- Napoli)

22.Chelo Andrea (Università e-Campus)  

23.Chinnici Daniela (Università di Palermo) 

24.Ciavola Agata (Università Kore - Enna)

25.Citrigno Annamaria (Università di Messina)

26.Colamussi Marilena (Università di Bari)

27.Consoli Teresa (Università di Catania) 

28.Cortesi Maria Francesca (Università di Cagliari)  

29.Coppetta Maria Grazia (Università di Urbino)

30.Cotti Giacomo (Università di Bologna)

31.Curtotti Donatella (Università di Foggia)

32.Daniele Marcello (Università di Padova)

33.De Simone Giulio (Università del Salento)

34.Deganello Mario (Università di Torino)

35.Della Casa Franco (Università di Genova)

36.Delvecchio Francesca (Università di Foggia)

37.Di Bitonto Maria Lucia (Università di Camerino)

38.Di Giovine Ombretta (Università di Foggia)

39.Diamanti Francesco (Università di Modena e Reggio Emilia)

40.Diddi Alessandro (Università della Calabria)

41.Eusebi Luciano (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

42.Ferrua Paolo (Università di Torino)

43.Filippi Leonardo (Università di Cagliari)

44.Fiore Carlo (Università Federico II- Napoli)

45.Fiore Stefano (Università del Molise)

46.Fiorio Carlo (Università di Perugia)

47.Flora Giovanni (Università di Firenze)

48.Foffani Luigi (Università di Modena e Reggio Emilia)

49.Fronza Emanuela (Università di Bologna)

50.Gabrielli Chiara (Università di Urbino) 

51.Galiani Tullio (Università di Camerino)

52.Giacona Ignazio (Università di Palermo)

53.Gialuz Mitja (Università di Genova)

54.Giunchedi Filippo (Università Niccolò Cusano- Roma)

55.Giunta Fausto Biagio (Università di Firenze)

56.Guerini Tommaso (Università di Bologna)

57.Kalb Luigi (Università di Salerno)

58.Insolera Gaetano (Università di Bologna)

59.La Regina Katia (Università di Benevento)

60.Lasagni Giulia (Università di Bologna)

61.Lo Monte Elio (Università di Salerno)

62.Ludovici Luigi (Università degli Studi Guglielmo Marconi)

63.Maffeo Vania (Università Federico II- Napoli)

64.Maggio Paola (Università di Palermo)

65.Manna Adelmo (Università di Foggia)

66.Mantovani Giulia (Università di Torino)

67.Marzaduri Enrico (Università di Pisa)

68.Masucci Massimiliano (Università di Roma Tre)

69.Maugeri Anna Maria (Università di Catania)

70.Mazzucato Claudia (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

71.Melchionda Alessandro (Università di Trento)

72.Menghini Antonia (Università di Trento)

73.Merlo Andrea (Università di Palermo)

74.Moccia Sergio (Università Federico II - Napoli)

75.Monaco Lucio (Università di Urbino)

76.Mongillo Vincenzo (Unitelma Sapienza- Roma)

77.Montagna Mariangela (Università di Perugia)

78.Morelli Francesco (Università di Ferrara)

79.Nappi Antonio (Università Federico II- Napoli)

80.Orlandi Renzo (Università di Bologna)

81.Pansini Carla (Università Parthenope- Napoli)

82.Paonessa Caterina (Università di Firenze)

83.Patanè Vania (Università di Catania)

84.Pecorella Claudia (Università Bicocca - Milano)

85.Petrini Davide (Università di Torino)

86.Pisani Nicola (Università di Teramo)

87.Procaccino Angela (Università di Foggia)

88.Quattrocolo Serena (Università del Piemonte Orientale)

89.Ranaldi Gianrico (Università di Cassino)

90.Renon Paolo(Università di Pavia)

91.Renzetti Silvia (Università di Bologna)

92.Riondato Silvio (Università di Padova)

93.Risicato Lucia (Università di Messina)

94.Romano Bartolomeo (Università di Palermo)

95.Ruggeri Stefano (Università di Messina) 

96.Ruggieri Francesca (Università dell’Insubria- Como)

97.Sanna Alessandra (Università di Firenze) 

98.Scaccianoce Caterina (Università di Palermo)

99.Scalfati Adolfo (Università Tor Vergata- Roma) 

100.      Scella Andrea (Università degli Studi di Udine)

101.      Schiaffo Francesco (Università di Salerno)

102.      Sicurella Rosaria (Università di Catania)

103.      Siracusano Fabrizio (Università di Catania)

104.      Spagnolo Paola (Università Lumsa- Roma)

105.      Spangher Giorgio (Unitelma Sapienza- Roma)

106.      Tassi Andrea (Università di Macerata)

107.      Tesauro Alessandro (Università di Palermo)

108.      Tonini Paolo (Università di Firenze) 

109.      Torre Valeria (Università di Foggia)

110.      Ubertis Giulio (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

111.      Valentini Elena ( Università di Bologna) 

112.      Vallini Antonio (Università di Pisa)

113.      Varraso Gianluca (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

114.      Vicoli Daniele (Università di Bologna)

115.      Visconti Costantino (Università di Palermo)

116.      Voena Giovanni Paolo (Università di Torino)

117.      Zacchè Francesco (Università Bicocca – Milano)

[**]

Massimo Donini, ordinario di diritto penale nell’Università di Modena e Reggio Emilia

Giovanni Fiandaca, ordinario di diritto penale presso l'Università di Palermo

01/12/2020
Altri articoli di Massimo Donini Giovanni Fiandaca
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La razionalità nel contrasto al crimine

Il giurista moderno non può interessarsi soltanto delle norme e della loro applicazione o disapplicazione, relegando in secondo piano l’esame del corpo sociale e lo studio delle realtà da cui nasce la criminalità.  Al rifiuto di tutte le diverse forme di “uso politico” della criminalità deve accompagnarsi un approccio razionale e pragmatico che individui adeguati strumenti di risanamento sociale e di trattamento del delinquente, dimostrando che lo Stato può ridurre il costo dei fenomeni criminali grazie all’impiego di metodi scientificamente corretti.

25/06/2021
Magistrati e giornalisti. Le querele, il "cahier de doléances", l’infedeltà necessaria

Si avvicina la scadenza del giugno 2021 fissata dalla Corte costituzionale per la sua pronuncia sul “carcere per i giornalisti” dopo la sollecitazione rivolta al Parlamento ad intervenire, entro un anno, sul tema della diffamazione a mezzo stampa. Dall’approssimarsi di questa data e dagli spunti offerti dalla cronaca traiamo l’occasione per affrontare due questioni estremamente attuali: le querele e le azioni civili dei magistrati per notizie ritenute false e diffamatorie e il cahier de doléances dei giornalisti per la vigente disciplina della diffamazione a mezzo stampa. 

12/05/2021
Falso in autodichiarazione covid e risposta penale

Il vaglio giurisdizionale sulle accuse relative alle falsità nelle c.d. autodichiarazioni COVID-19 costringe a riflettere su principi fondamentali, come il principio di legalità in materia penale, quello di sussidiarietà e sul diritto a non auto-incriminarsi; non ultimo, la questione impone di ragionare sull’utilità o meno della risposta penale verso un simile fenomeno.

15/04/2021
Il regionalismo autarchico è incostituzionale: dal Giudice delle leggi una pronuncia che mette ordine nella gestione territoriale della pandemia

Con la sentenza n. 37 del 2021 la Corte costituzionale ha preso posizione sui margini di intervento delle Regioni nella gestione dell’emergenza sanitaria, annullando il nucleo fondamentale di una legge valdostana, già sospesa in via cautelare. La portata della decisione trascende l’oggetto del contendere, investendo, quanto meno indirettamente, l’impalcatura normativa predisposta dalle istituzioni nazionali per affrontare l’epidemia.

13/04/2021
Il punto sui reati dell’emergenza Covid

Il rapido succedersi di disposizioni normative anche in materia penale mette a dura prova l’interprete chiamato oggi a valutare le notizie di reato relative alle violazioni delle misure dettate per fronteggiare il rischio sanitario derivante dall’epidemia da Coronavirus dopo la Delibera del Consiglio dei Ministri del 31.1.2020, con cui è stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale.
Si pongono dunque diversi temi di riflessione cui l’interprete deve dare risposta in riferimento ai casi che possono prospettarsi, alla luce dei principi costituzionali e senza tralasciare le esigenze di contrasto della pandemia. 

01/04/2021
Coartazione a comunicare e violenza privata

La sentenza del Tribunale di Milano di condanna di un intervistatore della trasmissione televisiva Le Iene riconduce alla fattispecie di violenza privata la «coartazione alla comunicazione» con cui si forza una persona a rispondere a domande mentre una videocamera la riprende

30/03/2021
Il 41-bis e il diritto alla speranza: tra declinazione collettiva e declinazione individuale

Al centro di un incrocio strategico per contrastare la criminalità mafiosa e terrorista, il regime del “carcere duro” è senza dubbio un istituto giuridico al centro di forti polemiche. Occorre rivalutarne criticamente l’attualità, l’utilità, la tenuta nel corso del tempo. 

24/03/2021
Il sostegno all’economia nella crisi da COVID: il versante penale. Le fattispecie applicabili e le indagini

Le misure di sostegno che lo Stato ha varato nel corso dell’epidemia COVID - indispensabili per fronteggiare la crisi economica e sociale - comportano rischi di indebito accesso ai finanziamenti previsti e di illecita appropriazione di risorse pubbliche. Di qui l’esigenza di analizzare i meccanismi delle principali misure economiche messe in campo dallo Stato, di verificare l’applicabilità delle norme penali vigenti alle condotte illecite e di elaborare progetti investigativi adeguati a contrastarle.

15/03/2021
Ergastolo ostativo, carcere duro e dintorni

Il 24 marzo 2021 la Corte costituzionale è chiamata a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale delle disposizioni di cui agli artt. 4-bis e 58-ter dell’ ordinamento penitenziario nella parte in cui escludono che il condannato all’ergastolo, per delitti commessi avvalendosi delle condizioni di cui all’art. 416-bis cod. pen. ovvero al fine di agevolare l’attività delle associazioni ivi previste, che non abbia collaborato con la giustizia, possa essere ammesso alla liberazione condizionale. Sotto la formula tecnica si nasconde la questione della legittimità dell’ergastolo ostativo. Pubblichiamo, in proposito, la riflessione di Giovanni Fiandaca. Non si tratta soltanto della recensione a E. Dolcini, F. Fiorentin, D. Galliani, R. Magi, A. Pugiotto, Il diritto alla speranza davanti alle Corti. Ergastolo ostativo e articolo 41-bis, Giappichelli, Torino, 2020. Il commento al volume diventa occasione per una meditazione a tutto tondo sulla pena perpetua e sul regime differenziato del 41-bis. 

09/03/2021