Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Per un carcere più umano

Un appello di studiosi di diritto e procedura penale per una rinnovata attenzione al carcere

Come studiosi e docenti universitari di discipline penalistiche, aderiamo in ideale staffetta allo sciopero della fame di Rita Bernardini, Irene Testa, Luigi Manconi, Sandro Veronesi, Roberto Saviano e di oltre 500 detenuti, quale forma di mobilitazione per chiedere al governo e alle autorità competenti di adottare provvedimenti idonei a ridurre il più possibile il sovraffollamento delle carceri italiane, così da prevenire il rischio di un’ulteriore diffusione del contagio da Coronavirus al loro interno.

Questa emergenza sanitaria, nel fare riaffiorare in maniera più amplificata la condizione molto problematica in cui non da ora versa il sistema penitenziario italiano, sotto il profilo delle condizioni di vita intramurarie, del livello di rispetto dei diritti fondamentali dei detenuti e di una effettiva idoneità della pena a conseguire l’obiettivo costituzionale della rieducazione e del reinserimento sociale, può rappresentare un’importante occasione per riaccendere le luci sul pianeta-carcere e sollecitare il potere politico a riprendere il cammino delle riforme necessarie per ridare vitalità e concretezza ai principi enunciati nel terzo comma dell’art. 27 della Costituzione.

1.    Amati Enrico (Università di Udine)

2.    Ambrosetti Enrico Maria (Università di Padova)

3.    Andolina Elena (Università di Catanzaro)

4.    Barnao Charlie (Università di Catanzaro)

5.    Belfiore Elio (Università di Foggia)

6.    Belluta Hervè (Università di Brescia)

7.    Biral Marianna (Università di Bologna)

8.    Bonini Valentina (Università di Pisa)

9.    Bresciani Luca (Università di Pisa) 

10.Bronzo Pasquale (Università La Sapienza- Roma)

11.Buzzelli Silvia (Università Bicocca - Milano)

12.Caianello Michele (Università di Bologna)

13.Canestrari Stefano (Università di Bologna)

14.Capone Arturo (Università Mediterranea- Reggio Calabria)

15.Caraceni Lina (Università di Macerata)

16.Carnevale Stefania (Università di Ferrara)

17.Cassibba Fabio (Università di Parma)

18.Catalano Elena Maria ( Università dell’Insubria- Como)

19.Catenacci Mauro (Università di Roma Tre)

20.Caterini Mario (Università della Calabria)

21.Cavaliere Antonio (Università Federico II- Napoli)

22.Chelo Andrea (Università e-Campus)  

23.Chinnici Daniela (Università di Palermo) 

24.Ciavola Agata (Università Kore - Enna)

25.Citrigno Annamaria (Università di Messina)

26.Colamussi Marilena (Università di Bari)

27.Consoli Teresa (Università di Catania) 

28.Cortesi Maria Francesca (Università di Cagliari)  

29.Coppetta Maria Grazia (Università di Urbino)

30.Cotti Giacomo (Università di Bologna)

31.Curtotti Donatella (Università di Foggia)

32.Daniele Marcello (Università di Padova)

33.De Simone Giulio (Università del Salento)

34.Deganello Mario (Università di Torino)

35.Della Casa Franco (Università di Genova)

36.Delvecchio Francesca (Università di Foggia)

37.Di Bitonto Maria Lucia (Università di Camerino)

38.Di Giovine Ombretta (Università di Foggia)

39.Diamanti Francesco (Università di Modena e Reggio Emilia)

40.Diddi Alessandro (Università della Calabria)

41.Eusebi Luciano (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

42.Ferrua Paolo (Università di Torino)

43.Filippi Leonardo (Università di Cagliari)

44.Fiore Carlo (Università Federico II- Napoli)

45.Fiore Stefano (Università del Molise)

46.Fiorio Carlo (Università di Perugia)

47.Flora Giovanni (Università di Firenze)

48.Foffani Luigi (Università di Modena e Reggio Emilia)

49.Fronza Emanuela (Università di Bologna)

50.Gabrielli Chiara (Università di Urbino) 

51.Galiani Tullio (Università di Camerino)

52.Giacona Ignazio (Università di Palermo)

53.Gialuz Mitja (Università di Genova)

54.Giunchedi Filippo (Università Niccolò Cusano- Roma)

55.Giunta Fausto Biagio (Università di Firenze)

56.Guerini Tommaso (Università di Bologna)

57.Kalb Luigi (Università di Salerno)

58.Insolera Gaetano (Università di Bologna)

59.La Regina Katia (Università di Benevento)

60.Lasagni Giulia (Università di Bologna)

61.Lo Monte Elio (Università di Salerno)

62.Ludovici Luigi (Università degli Studi Guglielmo Marconi)

63.Maffeo Vania (Università Federico II- Napoli)

64.Maggio Paola (Università di Palermo)

65.Manna Adelmo (Università di Foggia)

66.Mantovani Giulia (Università di Torino)

67.Marzaduri Enrico (Università di Pisa)

68.Masucci Massimiliano (Università di Roma Tre)

69.Maugeri Anna Maria (Università di Catania)

70.Mazzucato Claudia (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

71.Melchionda Alessandro (Università di Trento)

72.Menghini Antonia (Università di Trento)

73.Merlo Andrea (Università di Palermo)

74.Moccia Sergio (Università Federico II - Napoli)

75.Monaco Lucio (Università di Urbino)

76.Mongillo Vincenzo (Unitelma Sapienza- Roma)

77.Montagna Mariangela (Università di Perugia)

78.Morelli Francesco (Università di Ferrara)

79.Nappi Antonio (Università Federico II- Napoli)

80.Orlandi Renzo (Università di Bologna)

81.Pansini Carla (Università Parthenope- Napoli)

82.Paonessa Caterina (Università di Firenze)

83.Patanè Vania (Università di Catania)

84.Pecorella Claudia (Università Bicocca - Milano)

85.Petrini Davide (Università di Torino)

86.Pisani Nicola (Università di Teramo)

87.Procaccino Angela (Università di Foggia)

88.Quattrocolo Serena (Università del Piemonte Orientale)

89.Ranaldi Gianrico (Università di Cassino)

90.Renon Paolo(Università di Pavia)

91.Renzetti Silvia (Università di Bologna)

92.Riondato Silvio (Università di Padova)

93.Risicato Lucia (Università di Messina)

94.Romano Bartolomeo (Università di Palermo)

95.Ruggeri Stefano (Università di Messina) 

96.Ruggieri Francesca (Università dell’Insubria- Como)

97.Sanna Alessandra (Università di Firenze) 

98.Scaccianoce Caterina (Università di Palermo)

99.Scalfati Adolfo (Università Tor Vergata- Roma) 

100.      Scella Andrea (Università degli Studi di Udine)

101.      Schiaffo Francesco (Università di Salerno)

102.      Sicurella Rosaria (Università di Catania)

103.      Siracusano Fabrizio (Università di Catania)

104.      Spagnolo Paola (Università Lumsa- Roma)

105.      Spangher Giorgio (Unitelma Sapienza- Roma)

106.      Tassi Andrea (Università di Macerata)

107.      Tesauro Alessandro (Università di Palermo)

108.      Tonini Paolo (Università di Firenze) 

109.      Torre Valeria (Università di Foggia)

110.      Ubertis Giulio (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

111.      Valentini Elena ( Università di Bologna) 

112.      Vallini Antonio (Università di Pisa)

113.      Varraso Gianluca (Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano)

114.      Vicoli Daniele (Università di Bologna)

115.      Visconti Costantino (Università di Palermo)

116.      Voena Giovanni Paolo (Università di Torino)

117.      Zacchè Francesco (Università Bicocca – Milano)

[**]

Massimo Donini, ordinario di diritto penale nell’Università di Modena e Reggio Emilia

Giovanni Fiandaca, ordinario di diritto penale presso l'Università di Palermo

01/12/2020
Altri articoli di Massimo Donini Giovanni Fiandaca
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Verso la fine della pena come retribuzione? In occasione dei settecento anni dalla nascita di Dante Alighieri

La relazione del procuratore generale presso la Corte di Cassazione svolta ad Anagni il 10 luglio 2021, in occasione del conferimento del premio Bonifacio VIIIPer una cultura della pace. 

11/09/2021
Una gabbia che vola

Recensione a Naturae – La valle dell’annientamento – III Quadro, messo in scena dalla Compagnia della Fortezza, diretta da Armando Punzo

04/09/2021
Il diritto a non essere “additato” come colpevole prima del giudizio. La direttiva UE e il decreto legislativo in itinere

E’ sul versante mediatico e della motivazione dei provvedimenti giudiziari che, nel nostro Paese, la presunzione di innocenza può essere contraddetta e vulnerata. E’ questo il filo conduttore del decreto legislativo ancora in itinere, che - in attuazione della Direttiva UE n. 343 del 2016 - mira a rafforzare la presunzione di innocenza dell’indagato e dell’imputato, con l’ambizione di incidere profondamente sul linguaggio di tutte le “autorità pubbliche”, sulla comunicazione degli uffici giudiziari e sulla motivazione delle decisioni interne al processo. Non è facile, oggi, prevedere se le nuove norme daranno il via ad una vera rivoluzione culturale nella rappresentazione delle persone sottoposte ad indagini e a processi o se le innovazioni resteranno una facciata destinata a mascherare malamente la sopravvivenza di inveterati “pregiudizi”. E’ certo però che la genuina adesione all’ispirazione di fondo della nuova normativa non implica la rinuncia a ragionare, anche criticamente, sui differenti aspetti del testo normativo, sulla sua genesi, sulle sue ricadute nei mondi del diritto e dell’informazione. 

03/09/2021
L’iniziativa referendaria sull’articolo 579 del codice penale: gli scenari possibili

Gli scenari diametrali aperti dal successo nella raccolta delle firme sono quello della dichiarazione di inammissibilità del quesito e quello dell’abrogazione parziale per via referendaria dell’art. 579 c.p., che aprirebbe problemi interpretativi in particolare sul consenso. Ma di fronte alla complessità del tema della disponibilità/indisponibilità della vita e all’insieme delle norme di riferimento è possibile che né il referendum, né la sola iniziativa legislativa in corso in materia di “morte volontaria medicalmente assistita” siano dirimenti.

01/09/2021
Venerdì 6 agosto 2021. Esordisce la certificazione verde

Come è già avvenuto per la vaccinazione anticovid, anche la “certificazione verde” divide la nostra come altre società avanzate. Non scandalizzarsi di questa nuova, ennesima, divisione e consentirle di esprimersi ha, al fondo, una idea antica: che il confronto e l’urto di pensieri diversi sia ancora, se non l’unico, il miglior metodo a disposizione per trovare le soluzioni più ragionevoli ed accettabili ai problemi della convivenza collettiva. Per parte nostra restiamo convinti che la campagna di vaccinazione sia uno strumento di liberazione dai più gravi timori per la salute individuale e collettiva e che la vaccinazione sia al tempo stesso un diritto ed un onere, il cui mancato adempimento può giustificare una serie di calcolate restrizioni e limitazioni, adottate nell’interesse collettivo, in vari ambiti della vita sociale. 

05/08/2021
Sul dovere costituzionale e comunitario di disapplicazione del cd. decreto green pass

Nel contesto del dibattito in corso nel Paese sui temi dell’obbligo vaccinale e della certificazione verde pubblichiamo questo studio dell’Osservatorio permanente per la legalità costituzionale Stefano Rodotà, che, per la qualità della riflessione svolta, colloca su un terreno elevato il confronto in atto su questioni difficili e controverse.

04/08/2021
Volete la libertà? Eccola

Alla pandemia che ha pesantemente inciso su tutti gli aspetti della vita del Paese si è aggiunta una “infodemia” incontrollata e incontrollabile: una furia narrativa che lo ha diviso in due fazioni, agevolata da un uso pervasivo dei social media. Al fondo alle argomentazioni che valutano in termini contrapposti la disciplina dell’onere della vaccinazione e del certificato verde sta il medesimo tema – la libertà naturale – sul quale vale la pena di soffermarsi a riflettere.

03/08/2021
Tortura: una norma scritta male al banco di prova della prassi applicativa

Due recenti pronunce di merito sono l’occasione per soffermarsi sugli elementi costitutivi e circostanziali della fattispecie di tortura. Una norma scritta male, densa di problemi interpretativi e non priva di qualche disallineamento rispetto alla normativa sovranazionale.

12/07/2021
La razionalità nel contrasto al crimine

Il giurista moderno non può interessarsi soltanto delle norme e della loro applicazione o disapplicazione, relegando in secondo piano l’esame del corpo sociale e lo studio delle realtà da cui nasce la criminalità.  Al rifiuto di tutte le diverse forme di “uso politico” della criminalità deve accompagnarsi un approccio razionale e pragmatico che individui adeguati strumenti di risanamento sociale e di trattamento del delinquente, dimostrando che lo Stato può ridurre il costo dei fenomeni criminali grazie all’impiego di metodi scientificamente corretti.

25/06/2021