Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

Le Sezioni unite si pronunciano sul luogo di deposito della richiesta di riesame di misure cautelari reali

di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. unite, Sent. 22 giugno 2017 (dep. 13 ottobre 2017), n. 47374, Pres. Canzio, Rel. Bonito

Con la sentenza in esame, le Sezioni unite hanno stabilito che «ai sensi dell’art. 324 cod. proc. pen., in tema di misure cautelari reali, la richiesta di riesame può essere presentata, oltre che nella cancelleria del tribunale del capoluogo della provincia nella quale ha sede l’ufficio che ha emesso il provvedimento impugnato, anche nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano le parti private o i difensori, diverso da quello in cui fu emesso il provvedimento, ovvero davanti a un agente consolare all’estero».

In effetti su tale questione si contrappongono due orientamenti interpretativi [1].

Secondo un primo orientamento, in base a quanto disposto dai commi 1 e 5 dell’art. 324 cpp, la richiesta di riesame della misura cautelare reale va presentata nella cancelleria del tribunale del capoluogo della provincia nella quale ha sede l’ufficio che ha emesso il provvedimento.

Ciò in deroga alla disciplina generale contenuta nell’art. 582 cpp che, pur prevedendo al secondo comma la possibilità di presentare l’atto di impugnazione anche in luoghi diversi, fa comunque salva l’ipotesi che la legge disponga altrimenti.

Inoltre, sebbene il comma 2 dell’art. 324 cpp disciplini la presentazione della richiesta di riesame rinviando alle forme previste dall’art. 582 cpp, tale richiamo deve essere inteso «come relativo esclusivamente alle forme con le quali la richiesta va presentata e non già al luogo di presentazione».

Secondo il contrario orientamento, invece, il rinvio compiuto dal comma 2 dell’art. 324 cpp alle forme previste dall’art. 582 cpp consente il deposito della richiesta di riesame della misura cautelare reale anche nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano le parti private o i difensori, se tale luogo è diverso da quello in cui fu emesso il provvedimento, ovvero davanti a un agente consolare all’estero.

Tale interpretazione fa leva sul fatto che essa coincide con quella data dalla giurisprudenza all’art. 309 cpp, in tema di impugnazioni di misure cautelari personali, secondo cui l’atto di impugnazione può essere presentato, oltre che nella cancelleria del tribunale del luogo nel quale ha sede la corte di appello o la sezione distaccata della corte di appello nella cui circoscrizione è compreso l’ufficio del giudice che ha emesso il provvedimento, anche nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano le parti private o i difensori, se tale luogo è diverso da quello in cui fu emesso il provvedimento, ovvero davanti a un agente consolare all’estero.

Inoltre il comma 2 dell’art. 324 cpp, laddove richiama le forme previste dall’art. 582 cpp, rinvia a tale articolo nella sua interezza.

Orbene, tra i due orientamenti sopra prospettati, le Sezioni unite hanno giustamente scelto di appoggiare quello meno restrittivo, in quanto «di maggiore coerenza sistematica, logica e testuale», oltre che «di più ampia potenzialità applicativa».

Più in particolare le Sezioni unite, innanzitutto, premettono che le richieste di riesame di cui agli artt. 324 e 309 cpp costituiscono dei mezzi di impugnazione e come tali sono assoggettate alla disciplina generale sulle impugnazioni.

Inoltre, quanto alla specifica questione della ricezione dell’atto di impugnazione, le Sezioni unite non possono esimersi dal rilevare che gli artt. 324 e 309 cpp descrivono discipline del tutto analoghe, «giacché in entrambe le ipotesi vi è l’indicazione, principale, dell’ufficio di cancelleria presso l’autorità giudiziaria investita della competenza funzionale per la decisione» [2].

Entrambi gli articoli, poi, operano un rinvio alle forme previste dall’art. 582 cpp [3] e tale rinvio è da intendersi a tutto l’articolo, ivi compreso il secondo comma, che appunto consente alle parti o ai difensori di presentare l’atto di impugnazione anche nella cancelleria del tribunale o del giudice di pace del luogo in cui si trovano, se tale luogo è diverso da quello in cui fu emesso il provvedimento, ovvero davanti a un agente consolare all’estero.

Del resto se il legislatore non avesse inteso richiamare l’art. 582 cpp nella sua globalità lo avrebbe detto esplicitamente.

Al riguardo i giudici di legittimità osservano, pure, che ciò è in linea con quanto già affermato dalle Sezioni unite in tema di presentazione della richiesta di riesame delle misure cautelari personali.

Con la sentenza D’Alfonso del 1991, infatti, le Sezioni unite hanno stabilito che «il rinvio che in tema di presentazione della richiesta di riesame l’art. 309, comma 4, cod. proc. pen. fa alle forme dell’art. 582 stesso codice comprende anche il comma 2 del medesimo art. 582, secondo il quale le parti private e i difensori possono presentare l’atto di impugnazione anche nella cancelleria della pretura in cui si trovano, se tale luogo è diverso da quello in cui fu emesso il provvedimento, ovvero davanti ad un agente consolare all’estero. Una volta avvenuta la presentazione della richiesta o dell’appello in tali ultimi uffici nel termine di dieci giorni di cui al comma 3 dell’art. 309 cod. proc. pen., è del tutto irrilevante, al fine della tempestività, che l’atto raggiunga o meno entro lo stesso termine la cancelleria del tribunale indicato nel comma 7 dello stesso art. 309 cod. proc. pen.» [4].

Da questo deriva che l’organo indicato nel comma 5 dell’art. 324 cpp, al pari di quello di cui al comma 7 dell’art. 309 cpp, individua l’organo definitivo destinatario della richiesta di riesame e non quello al quale necessariamente questa debba essere in un primo momento presentata.

Da ultimo, come ulteriore riprova delle proprie argomentazioni, le Sezioni unite rimarcano che «una diversa interpretazione sarebbe in contrasto con quel favor impugnationis cui è indubbiamente ispirato il sistema processuale»e finirebbe col frustrare, di fatto, la possibilità di tutela dei residenti all’estero.

 


[2] Il tribunale del capoluogo della provincia nella quale ha sede l'ufficio che ha emesso il provvedimento, nella ipotesi regolata dai commi 1 e 5 dell’art. 324 cpp; il tribunale del luogo nel quale ha sede la corte di appello o la sezione distaccata della corte di appello nella cui circoscrizione è compreso l’ufficio del giudice che ha emesso il provvedimento, nella ipotesi regolata dai commi 4 e 7 dell’art. 309 cpp.

[3] Attraverso, rispettivamente, il comma 2 dell’art. 324 cpp e il comma 4 dell’art. 309 cpp.

[4] Sez. unite, n. 11 del 18 giugno 1991, D’Alfonso, Rv. 187922.

19/12/2017
Altri articoli di Federico Piccichè
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Le nuove disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie

Le nuove norme a tutela degli operatori della sanità rispondono in maniera articolata, ma anche con strumenti penali tradizionali, a fenomeni di violenza originati da cause sociali emergenti

14/09/2020
Il giudizio di legittimità e la protezione internazionale. La parola alla difesa

Dopo la soppressione del grado di appello, il ruolo della Corte di Cassazione ha acquisito, nei procedimenti in materia di protezione internazionale, un’eccezionale rilevanza, non solo per le dimensioni del relativo contenzioso, ma anche per il contributo fornito dalla giurisprudenza di legittimità alla definizione della natura del giudizio di accertamento della protezione e dello stesso diritto di asilo

11/09/2020
Una ragionevolezza "a rime sciolte". Breve commento alla sentenza della Corte costituzionale n. 156 del 2020

Chiamata nuovamente a pronunciarsi sull'irragionevole esclusione della ricettazione di particolare tenuità dall'ambito applicativo della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, con la sentenza n. 156 del 2020 la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 131-bis c.p. nella parte in cui non consente l’applicazione di tale istituto a tutti i reati per i quali non è previsto un minimo edittale di pena detentiva. La pronuncia rappresenta l’inevitabile conseguenza dell’ingiustificata inerzia del legislatore rispetto al monito rivoltogli nella pronuncia n. 207 del 2017, e al contempo una limpida testimonianza della sempre maggiore disponibilità, da parte del giudice delle leggi, a far ricorso al parametro della ragionevolezza nel sindacato sulle scelte di incriminazione, che viene questa volta impiegata pure in assenza di rime obbligate.

08/09/2020
Caso Vos Thalassa: il fatto; la lingua e l’ideologia del giudice

Nel luglio 2018, alcuni migranti tengono condotte violente per impedire ai membri dell’equipaggio dell’imbarcazione che li ha soccorsi di consegnarli alla Guardia costiera libica. La Corte di appello di Palermo ha condannato gli imputati, ribaltando il giudizio assolutorio reso dal GUP presso il Tribunale di Trapani che aveva ravvisato la sussistenza della causa di giustificazione della legittima difesa. Il confronto tra le due sentenze è l’occasione per riflettere – oltre che sul merito delle due decisioni – sul tema della motivazione delle sentenze penali.

23/07/2020
Reati dell'epidemia e reati nell'epidemia

L'emergenza epidemiologica ha reso necessarie misure di contenimento, presidiate anche da sanzioni penali, e prefigura la possibile applicazione di norme penali sul reato di epidemia e sulla responsabilità in ambito sanitario. Per ciascuno di questi temi i principi generali e gli orientamenti giurisprudenziali vengono posti a confronto con le specificità dell'emergenza, ricostruendo un quadro di diritto penale della condizione di epidemia.

17/07/2020
La criminalità economica nella crisi generata dall'epidemia

Le iniziative legislative volte a contrastare la crisi economica generata dall'epidemia non sono prive di conseguenze sul piano del diritto penale. Occorre individuare le aree di pericolo e i possibili abusi che si annidano dietro le misure di sostegno economiche, al fine di verificare le deviazioni che interessano la giurisdizione penale e di indicare possibili strumenti di reazione.

14/07/2020
Destrutturazione del mercato del lavoro e frammentazione decisionale: i nodi problematici del diritto penale

L’universo del lavoro sfruttato assume forme, che non coincidono con quelle tradizionali della subordinazione, in primo luogo perché svanisce la classica figura datoriale, centro di imputazione della responsabilità. Questo polimorfismo potrebbe indebolire l’efficacia della reazione penale 

24/06/2020
La nuova frontiera della bonifica delle aziende coinvolte in contesti illeciti: l’amministrazione giudiziaria (art. 34 d.lgs. n. 159/2011)

Il Tribunale di Milano accerta sufficienti indizi di approfittamento dello stato di bisogno di lavoratori “vulnerabili” ed applica a Uber Italy s.r.l. l'amministrazione giudiziaria ex art. 34 d.lgs. n. 159/2011. Sulla scorta del principio costituzionale espresso dall'art. 41, un istituto preventivo pensato per contenere la criminalità organizzata è applicato ad un'ipotesi di criminalità da profitto, consentendo la bonifica dell’azienda e il suo recupero all’economia legale. 

24/06/2020