Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Lavoro povero e salario minimo

a cura di Carlo Sorgi
già giudice del lavoro

Note a margine del convegno promosso da Magistratura democratica e dall’Associazione Comma 2 svoltosi presso la Corte di Cassazione il 25 marzo 2022

 

1. La Costituzione Italiana rappresenta tutt’oggi, davvero, un’opera di straordinario livello, non solo sul piano più strettamente politico e giuridico, ma anche su quello più latamente sociale: per non dimenticarne l’eccezionale qualità lessicale.

Per trovare la risposta ad uno dei più gravi problemi, tra i tanti, che assilla il mondo del lavoro, quello del cd. “lavoro povero”, che non consente a chi pure ha un’occupazione di sopravvivere, venendo relegato in una condizione di assoluto disagio sociale, basterebbe leggere il testo dell’art.36, ed impegnarsi a cercarne fino in fondo lo spirito.

Si legge nell’articolo citato: «Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa».

La prima osservazione da fare è che molti degli aggettivi che da ultimo vengono abitualmente associati al lavoro sono tutti fuori dal raggio di copertura costituzionale: il lavoro gratuito, per iniziare, non è lavoro, al massimo rappresenta attività di volontariato, ma nulla, nemmeno lo scambio con una qualche attività formativa potrà rendere l’impegno del lavoratore non meritevole di un riconoscimento economico. 

Non è costituzionale il lavoro cd. “nero” perché la mancata regolarizzazione sul piano contributivo e assicurativo danneggia il lavoratore e lede la sua dignità: uno Stato che intende rispettare i principi dettati dalla propria Costituzione (e non dimentichiamo mai che l’art. 1 della Costituzione dichiara che «L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro») deve combatterlo senza alcun timore o indugio. 

Non è costituzionale, oltre certi limiti, nemmeno il lavoro precario, anche se ammantato sotto la visuale accattivante della flessibilità, dipinta come capace di garantire una maggiore libertà esistenziale, perché il lavoro deve assicurare una esistenza libera e dignitosa ed il lavoro “usa e getta” viceversa rende la persona ricattabile e non la emancipa dalla condizione di bisogno. 

Non è costituzionale il lavoro povero, perché proprio ai sensi dell’art.36 solo una retribuzione adeguata, in grado di restituire dignità alla persona del lavoratore, rientra nel grande progetto costituzionale di promozione dell’eguaglianza.

 

2. Veniamo allora al tema del convegno che si è tenuto presso la Corte di Cassazione il 25 marzo 2022, che collega direttamente il problema, quello del lavoro povero, ad una possibile soluzione, quella della previsione di meccanismi legislativi in grado di fissare soglie minime del salario, valide per l’intera platea dei lavoratori subordinati e dei collaboratori con unica committenza.

Le associazioni promotrici del convegno, Magistratura democratica e Comma 2, composte rispettivamente da magistrati e da avvocati giuslavoristi, hanno condiviso l’importanza, in questo momento in particolare, di trovare meccanismi di tutela dei livelli minimi del reddito da lavoro, proprio in nome della garanzia costituzionale dell’art. 36, a cui hanno fatto riferimento tutti coloro che sono intervenuti.

In Italia, il tema è particolarmente drammatico, molto più che in altri Paesi europei, se è vero che dai dati OCSE del 2021 risulta che l’Italia è l’unico Paese dell’UE in cui negli ultimi anni, anzi decenni, il salario medio dei lavoratori è diminuito anziché aumentare: tra il 1990 e il 2020 si è registrato un calo del salario medio annuale del 2,9%. In Germania e Francia, per avere un termine di paragone, i salari medi negli stessi anni hanno avuto un aumento rispettivamente del 33,7 e del 31,1% (tenuto conto che solo nel periodo Covid, 2019/2020 il calo ha sfiorato il 6%, in termini comunque superiori a quelli degli altri Paesi europei). Il tema del salario si collega strettamente, lo hanno ricordato tutti gli studiosi che sono intervenuti, con quello della progressiva liberalizzazione del mercato del lavoro, che via via ha superato ogni barriera in grado di garantire stabilità nel posto, e dunque sicurezza del reddito. La grande maggioranza dei nuovi contratti di lavoro è a tempo determinato (la percentuale si aggira intorno al 70%)[1]; notevole l’entità del ricorso ai tirocini, o al lavoro in somministrazione. E’ senz’altro vero, come si potrà ascoltare direttamente dal tenore degli interventi, che per riaffermare la dignità del lavoro, occorre porre in essere una strategia “multilivello”, con regole più stringenti capaci di riequilibrare l’attuale situazione di svantaggio: ma sembra significativo il dato per cui l’Italia è uno dei cinque Paesi europei (insieme con Svezia, Finlandia, Danimarca, Austria) che sin qui non ha introdotto un limite legale, al di sotto del quale non è consentito alle parti contrattuali fissare il minimo della retribuzione.

In Italia, infatti, sin dalla metà degli anni ’50, artefice la magistratura del lavoro, si è stabilito che per garantire il rispetto del principio dell’art. 36 Cost. è sufficiente fare richiamo alle tabelle salariali previste dalla contrattazione collettiva: e questo anche se le parti non sono iscritte alle rispettive associazioni sindacali. Questo meccanismo, per vero, non sembra possa più riuscire ad evitare la progressiva, netta erosione del potere d’acquisto dei salari.

La mancata regolamentazione della rappresentanza sindacale nelle forme dell’art. 39 Cost. e il numero elevatissimo di contratti collettivi, (sono circa 900 i CCNL depositati presso il CNEL) rendono non agevole individuare il Contratto collettivo di riferimento. Peraltro, se alta è la percentuale dei cd. “contratti pirata”, il dumping salariale si riscontra anche nell’area coperta dalla contrattazione confederale. Da qui, la presentazione in Parlamento di alcune proposte di legge in tema di salario minimo, una delle quali particolarmente conosciuta, porta il nome dell’ex Ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, e ha l’indubbio merito di affrontare direttamente il problema, proponendo di far salva la fonte contrattuale, affiancando ad essa quale limite la soglia minima della retribuzione oraria di 9 euro.

 

3. Si tratta di una proposta che alle nostre Associazioni pare particolarmente interessante, per concretezza e chiarezza, premesse naturali di una auspicata efficacia. Non solo la contrattazione collettiva resta la fonte privilegiata a cui riconoscere il compito di stabilire salari equi e sufficienti: anzi, essa potrebbe trovare ragioni di rafforzamento dalla previsione di un minimo legale orario, dal momento che appunto, questo deve costituire il livello da cui partire. Sarebbe più che lecito, anzi doveroso, che tutto ciò che si eleva dai livelli di più bassa professionalità deve trovare un migliore riconoscimento economico. Questo, tra l’altro, è successo nei Paesi, ad es. in Germania, dove pure la garanzia legale è stata introdotta solo dopo notevoli esitazioni e timori, rivelatisi a posteriori del tutto infondati.

Studiosi, operatori del diritto, politici e sindacalisti si sono confrontati su questo tema partendo da dati concreti, capaci di restituire la realtà odierna del mercato del lavoro in Italia. Chiara Brusini, giornalista del Fatto Quotidiano, e Lisa Dorigatti, del dipartimento scienze sociali e politiche dell’Università di Milano, hanno svolto una analisi del “lavoro povero”, oggi drammaticamente diffuso non solo negli ambiti dell’attività manuale, ma anche presso le professioni intellettuali. Emanuele Menegatti, docente di Diritto del Lavoro al Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia presso UniBo, ha svolto un accattivante confronto con realtà di altri Paesi per compararle alla situazione italiana, dimostrando soprattutto il dinamismo degli attori sociali, in grado di affrontare sfide nuove pur di raggiungere obbiettivi migliorativi. Infine, a Michele Raitano, Professore associato di Politica economica presso La Sapienza di Roma, è stata chiesta la riflessione più prettamente economica per ragionare in termini metodologici sulla possibile quantificazione del salario minimo. In attesa di pubblicare i testi dei rispettivi interventi su Questione Giustizia, offriamo ai lettori la possibilità di seguire la registrazione integrale della discussione. 

Nella seconda parte del convegno, la tavola rotonda moderata, con competenza e autorevolezza, da Gad Lerner, ha visto confrontarsi con i rappresentanti delle associazioni promotrici (Giovanni Alleva per Comma 2 e Giuseppe Bronzini per Magistratura Democratica) il mondo politico, impersonato dall’ex Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo (Giuseppe Provenzano, vice segretario del Partito Democratico, che pure aveva confermato la sua presenza, a ridosso dei lavori ha fatto venir meno la sua disponibilità) e i sindacati confederali CGIL, CISL e UIL sostanzialmente allineati su un comune atteggiamento critico nei confronti del tema proposto, pur restando oltremodo generiche (e non così lontane dal mantenimento dello status quo) le proposte alternative in grado di invertire la tendenza costante che ha progressivamente determinato il drammatico punto d’arrivo. 

Le conclusioni di Rita Sanlorenzo e Alberto Piccinini per le rispettive associazioni hanno confermato l’interesse verso le proposte volte ad introdurre forme di garanzia del salario minimo, nella convinzione che non possa eludersi la necessità di tutelare la condizione dei lavoratori meno garantiti, pur nella consapevolezza che non ci sono soluzioni miracolistiche, ma che in un contesto di adeguate tutele per la contrattazione collettiva, una legge sul salario minimo oltre a rafforzare la posizione del lavoratore servirebbe anche a riportare all’attenzione della politica un tema decisivo, che è quello del valore, non solo economico, che al lavoro si vuole riconoscere nel nostro Paese.


   
[1] https://www.lavoro.gov.it/documenti-e-norme/studi-e-statistiche/Documents/Rapporto%20annuale%20sulle%20Comunicazioni%20Obbligatorie%202021/Rapporto-Annuale-CO-2021.pdf  

01/05/2022
Altri articoli di Carlo Sorgi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Casa e lavoro. Una storia da far quadrare (Città e lavoro, parte III)

Il testo riproduce l'intervento alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Carla Ponterio e Rita Sanlorenzo, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

14/12/2022
Città e lavoro (parte II)

Il testo riproduce l’intervento alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Rita Sanlorenzo e Sandra Burchi, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

28/11/2022
Città e lavoro

Il testo riproduce l’introduzione alla sessione Città e lavoro, a cui hanno preso parte anche Carla Ponterio e Sandra Burchi, nell’ambito del Festival Parole di giustizia intitolato Una città per pensare svoltosi a Pesaro, Fano e Urbino tra il 20 ed il 23 ottobre 2022

22/11/2022
La "pretesa" del conflitto e l'oblio. Ancora note ad ordinanza 2019/2022 del GIP di Piacenza

L’ordinanza in commento è stata già esaminata in diverse sedi e sostanzialmente demolita dal Tribunale del Riesame, sì che indulgere oltre in critiche potrebbe sembrare vano accanimento, ma c’è qualcosa in essa che continua ad interrogare e di cui si ode l’eco in vicende giudiziarie succedutele, nel medesimo od in analoghi contesti lavorativi. Qualcosa che, nel contempo, si fa eco di vicende antiche che non hanno mai smesso d’interrogare e rimbombano alle orecchie di un giudice del lavoro in questo nuovo millennio.

10/11/2022
La prescrizione della malattia professionale tra vecchie certezze e nuove incertezze

La più recente giurisprudenza ha messo in crisi il consolidato equilibrio raggiunto nella disciplina della prescrizione delle prestazioni spettanti per le malattie professionali, grazie ad un meditato orientamento che teneva insieme l‘impianto originario delle garanzie dettate dal TU INAIL, le istanze di tutela fatte valere dalla Corte Costituzionale in alcuni casi particolari, la disciplina generale della prescrizione (Sez. Un. 576/2008). E’ quanto mai urgente perciò ripristinare una interpretazione più plausibile rispetto al sistema ed ai suoi principi fondamentali. Quelli che portavano la Corte Costituzionale (n.206 del 1988) ad affermare che “ quand'anche la tardiva presentazione della denunzia fosse ascrivibile in tutto o in parte all'ignoranza o alla negligenza o alle stesse pessime condizioni di salute del lavoratore, il privarlo per ciò solo di ogni indennizzo rappresenta pur sempre una manifesta violazione del principio di cui all'art. 38 Cost.” 

02/11/2022
Il caso Piacenza. Sindacati o associazioni a delinquere?

Ai coordinatori di due sindacati di base della logistica operanti nel territorio di Piacenza la Procura della Repubblica ha contestato il reato di associazione a delinquere e una lunga serie di reati fine (tra cui violenza privata, resistenza a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio, sabotaggio) ed il Gip ha applicato nei loro confronti misure cautelari. La vicenda ha suscitato dure critiche e reazioni nel mondo del lavoro, tra gli intellettuali e sulla stampa, facendo nascere un “caso Piacenza”. L’articolo sottopone ad un rigoroso esame critico tanto l’imputazione provvisoria di associazione a delinquere presa in considerazione nell’ordinanza cautelare del GIP di Piacenza quanto le imputazioni concernenti i reati fine delle presunte associazioni. Sottolineando come nell’ordinanza piacentina sia stata trascurata la valutazione delle reali finalità della lotta sindacale e si sia costruita l’esistenza di un programma criminoso su azioni o condotte meramente eventuali, non programmate né programmabili al momento della nascita dell’associazione, il cui unico elemento unificante è rappresentato dal perseguimento di uno scopo del tutto lecito e costituzionalmente garantito. 

02/08/2022
I confini della reintegrazione, “terribile rimedio”, e la sospensione della prescrizione dei crediti dei lavoratori: la tutela della parte debole quando è più debole

Le significative modifiche della disciplina limitativa dei licenziamenti, quali quelle apportate dalla legge Fornero e dal cosiddetto Jobs Act, hanno avuto effetti immediati e sicuri sulla materialità dei rapporti di lavoro, che è fatta anche di relazioni di potere, ridisegnando gli equilibri di quel potere, attribuendone una quota ulteriore alle imprese: è allora inevitabile pensare che, come un contrappasso, ai nuovi confini della reintegrazione corrisponda una diversa disciplina della prescrizione e della sua decorrenza, strumento sussidiario, e certo insoddisfacente, di tutela della parte debole del rapporto, quando diventa più debole.

15/07/2022
Il coraggio

Leggendo Per motivi di giustizia di Marco Omizzolo

02/07/2022
Lo smarrimento del concetto di occasione nella giurisprudenza di legittimità in materia di infortunio sul lavoro

Recenti pronunce di legittimità rimettono in discussione gli approdi interpretativi maturati negli anni a proposito dell’ambito di indennizzabilità dell’infortunio occorso “in occasione di lavoro”, nozione nella quale si facevano rientrare tutti i fatti, anche straordinari ed imprevedibili, inerenti all’ambiente, alle macchine o alle persone, purché attinenti alle condizioni di svolgimento della prestazione, ivi compresi gli spostamenti spaziali del lavoratore. Tanto la pausa di lavoro, quanto il passaggio al collega, rappresentano situazioni giustificate, ragionevoli e correlate al lavoro, in quanto rispondenti, comunque le si valuti, ad un interesse tanto del lavoratore quanto dello stesso datore di lavoro.

30/06/2022