Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

La legittimazione del pm alla presentazione dell’istanza di fallimento: stato dell’arte e prospettive di riforma

di Raffaella Brogi
giudice, Tribunale di Prato
Il decreto in commento costituisce l’occasione per fare il punto sull’attuale disciplina della legittimazione del pm alla richiesta di fallimento anche alla luce delle riforme del diritto concorsuale, preannunciate dalla legge 19 ottobre 2017, n. 155 (Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza)

Premessa: il caso deciso dalla Corte d’appello di Bari

Il decreto emesso dalla Corte d’appello di Bari in data 23 aprile 2018 [1] costituisce l’occasione per fare il punto sull’attuale disciplina della legittimazione del pm alla richiesta di fallimento e sulle riforme del diritto concorsuale, preannunciate dalla legge 19 ottobre 2017, n. 155 (Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza[2].

Nel caso in esame il giudice di primo grado aveva rigettato l’istanza di fallimento presentata dal pm, escludendo sia la legittimazione di quest’ultimo che l’insolvenza.

La Corte d’appello di Bari ha rigettato il reclamo proposto dal pm, non solo in ragione del fatto che la procura generale in sede di memoria, aveva chiesto il rigetto del reclamo e solo successivamente, in sede di udienza, aveva chiesto l’espletamento di una consulenza, ma anche in ragione della circostanza che comunque il pm fosse carente di legittimazione, non ricorrendo alcuna delle ipotesi previste dall’art. 7 l. fall.

In particolare, il pm, in sede di reclamo, aveva dichiarato di aver appreso della decozione dell’associazione sportiva durante un procedimento penale per diffamazione nei confronti di alcuni soci che erano stati querelati dagli amministratori per aver fatto delle critiche alla gestione, pubblicate in bacheca e sui social network. Nell’ambito di tale procedimento i soci querelati avevano depositato un bilancio di gestione relativo all’anno 2012 e una relazione del collegio sindacale risalente al maggio 2013, senza che il pm ritenesse di fare indagini in merito all’exceptio veritatis formulata dall’indagato, ma optando, piuttosto, per la richiesta di archiviazione.

Solo successivamente, furono svolte indagini sull’insolvenza dell’associazione, ormai totalmente sganciate dal procedimento penale archiviato, facendo creare, appositamente, un modello 45, relativo al registro degli atti non costituenti notizia di reato, nell’ambito del quale il pm aveva delegato la Guardia di finanza, che aveva predisposto, a sua volta, un’annotazione di polizia giudiziaria. Tale annotazione, secondo la corte barese, non rientrava tra quelle previste dall’art. 55 cpp, dal momento che l’attività della Guardia di finanza era manifestamente estranea al procedimento penale concluso ormai da quindici mesi. Inoltre, l’iscrizione nel modello 45 e le deleghe di indagine potevano avere senso solo se finalizzate all’eventuale esercizio dell’azione penale come da circolare del Ministero della giustizia del 21 aprile 2011, e non se finalizzate alla presentazione di richieste al giudice civile.

In sostanza, la corte barese, al fine di escludere nel caso concreto la legittimazione del pm alla richiesta di fallimento, dà rilievo a due circostanze: la prima è che il procedimento penale in cui era emersa una possibile notitia decoctionis era stato archiviato, senza procedere ad alcun approfondimento in ordine allo stato di insolvenza dell’associazione; la seconda è che solo dopo un significativo lasso di tempo (quindici mesi) e mediante la creazione di un fascicolo non costituente notizia di reato (Mod. 45) il pm aveva delegato approfondimenti alla Guardia di finanza, anche per gli esercizi successivi a quello in cui erano state levate le critiche oggetto di una querela per diffamazione.

L’art. 7 della legge fallimentare

La legittimazione del pm alla presentazione dell’istanza di fallimento è regolata, de iure condito, dall’art. 7 l. fall. il quale prevede che:

«Il pubblico ministero presenta la richiesta di cui al primo comma dell'articolo 6:

1) quando l'insolvenza risulta nel corso di un procedimento penale, ovvero dalla fuga, dalla irreperibilità o dalla latitanza dell'imprenditore, dalla chiusura dei locali dell'impresa, dal trafugamento, dalla sostituzione o dalla diminuzione fraudolenta dell'attivo da parte dell'imprenditore;

2) quando l'insolvenza risulta dalla segnalazione proveniente dal giudice che l'abbia rilevata nel corso di un procedimento civile» [3].

I casi nei quali il pm può presentare l’istanza di fallimento sono tipizzati e ricollegati alle modalità con le quali viene a conoscenza dello stato di insolvenza, che sono sostanzialmente due. Il primo (art. 7, comma 1, n. 1) l. fall. si ha quando la notitia decoctionis è appresa nel corso di un procedimento penale oppure da ulteriori fatti evocativi [4] di un dissesto e solitamente, sebbene non necessariamente [5], valorizzati dal pm ai fini dell’esercizio dell’azione penale in ordine ai reati di cui agli artt. 216 ss. l. fall., come la fuga, l’irreperibilità, la latitanza dell’imprenditore e il trafugamento o diminuzione dell’attivo da parte dell’imprenditore. Il secondo si ha quando la segnalazione proviene dal giudice che abbia, a sua volta, rilevato una situazione d’insolvenza nell’ambito di un procedimento civile.

L’attuale formulazione dell’art. 7 l. fall. ad opera del d.lgs 9 gennaio 2006, n. 5 si caratterizza, da un punto sistematico, per il venir meno del necessario collegamento − presente anteriormente al 2006 − tra richiesta di fallimento e richiesta di procedere penalmente nei confronti dell’imprenditore. L’ampliamento della legittimazione del pm − conseguenziale all’abolizione della dichiarazione di fallimento d’ufficio, venuta meno per effetto della modifica dell’art. 6 l. fall. − si connota non solo per il fatto che, in presenza di una segnalazione di insolvenza proveniente dal giudice civile [6], la richiesta di fallimento da parte del pm prescinde dall’apertura di un’indagine penale, ma anche in ragione del fatto che pure nell’ipotesi in cui la notitia decoctionis sia acquisita nell’ambito di un procedimento penale non è necessario né che l’imprenditore (o gli amministratori o i sindaci della società) siano indagati (potendo trattarsi di indagine relativa a soggetti diversi) né che il pm opti necessariamente per l’esercizio dell’azione penale. D’altra parte, gli atti relativi all’indagine penale – anche nei confronti dello stesso imprenditore per il quale viene chiesta la dichiarazione di fallimento – al momento dell’istanza ex art. 15 l. fall. potrebbero ben essere ancora coperti dal segreto istruttorio, con la conseguenza che in tale evenienza è sufficiente che il pm presenti i soli elementi necessari ad evidenziare che la notizia dell’insolvenza sia pervenuta secondo una delle modalità di cui ai numeri 1) e 2) dell’art. 7 l. fall.

In tale contesto normativo il caso esaminato dalla corte barese si segnala per la sua peculiarità: nella specie il pm aveva presentato istanza di fallimento, affermando di aver appreso la notitia decoctionis nell’ambito di un procedimento penale per diffamazione. È sufficiente tale circostanza ad integrare il requisito di cui all’art. 7, comma 1, n. 1) l. fall. e cioè che l’insolvenza risulti da un procedimento penale? La risposta per la corte barese è negativa, essendo stata ravvisata una cesura tra l’archiviazione del procedimento per diffamazione chiesta e ottenuta dal pm e la successiva iscrizione, dopo quindici mesi, di un procedimento a Mod. 45, nell’ambito del quale erano state rilasciate alcune deleghe alla Guardia di finanza.

In sostanza, per poter arrivare alla conclusione sostenuta nel provvedimento in esame è necessario ritenere che la notitia decoctionis non sia stata effettivamente acquisita nell’ambito del procedimento penale scaturito dalla querela per diffamazione (come pur sostenuto dalla procura della Repubblica), ma che sia riconducibile, in via esclusiva, all’attività svolta successivamente mediante la creazione di un fascicolo iscritto nel registro relativo agli atti non costituenti notizie di reato (Mod. 45). Occorre, infatti, evidenziare come l’art. 7, comma 1, n. 1) l. fall. si disinteressi del possibile esito del procedimento penale in cui è acquisita la notitia decoctionis [7]. Non sembra neppure essere richiesto un particolare periodo di tempo tra l’acquisizione della notizia dell’insolvenza e la richiesta di fallimento [8], a differenza di quanto si prospetta, de iure condendo, in relazione alle relazioni che saranno trasmesse dall’Ocri al pm [9] (vds. infra). Neppure, infine, è necessario che eventuali approfondimenti relativi all’insolvenza siano contestuali al procedimento penale in cui sia emersa la notitia decoctionis [10]. Eventuali ritardi del pm nella richiesta di fallimento possono rendere, tuttavia, particolarmente difficile la prova dello stato d’insolvenza, soprattutto una volta che sia decorso un lasso di tempo significativo. Nella specie, come peraltro correttamente evidenziato nei passaggi finali della motivazione del provvedimento barese, emergevano evidenti profili di criticità in ordine alla prova dell’insolvenza. Nonostante la continuazione dell’attività da parte della società sportiva, al punto che nelle deleghe alla Guardia di finanza il pm aveva chiesto di verificarne la situazione anche negli esercizi successivi all’epoca della denuncia le prove dell’insolvenza prodotte risalivano, infatti, a cinque anni prima rispetto alla richiesta di fallimento e si era tentato di superare tale vuoto temporale, in termini probatori, mediante la richiesta di una Ctu, ritenuta correttamente esplorativa.

Le prospettive di riforma

L’iter evolutivo della legittimazione del pm alla presentazione dell’istanza di fallimento si connota per l’ulteriore accentuazione della sua funzione di organo latore dell’interesse pubblico, anche ai sensi dell’art. 2907 cc, come confermato dal disegno di riforma del diritto concorsuale, che sta attualmente vivendo il passaggio cruciale dell’esercizio della delega conferita al Governo dal Parlamento con la legge n. 155/2017, i cui contenuti − salvo alcune modifiche intervenute nel corso dei lavori parlamentari – sono diretta emanazione dei lavori della commissione ministeriale presieduta da Renato Rordorf. A tale commissione si deve altresì la predisposizione degli schemi dei decreti delegati, tra i quali rientra anche il Codice della crisi e dell’insolvenza (per la cui lettura sia rinvia al sito www.osservatorio-oci.org nella sezione dedicata alla Riforma delle leggi sull’insolvenza).

L’art. 42 Cci evidenzia un ampliamento della legittimazione del pm alla richiesta di fallimento, prevedendo che:

«Il pubblico ministero presenta il ricorso quando l'insolvenza risulta:

a) nel corso di un procedimento penale o di altro procedimento cui abbia preso parte;

b) dalla segnalazione proveniente dall’autorità giudiziaria che l'abbia rilevata nel corso di un procedimento giurisdizionale;

c) dalla notizia proveniente dall’organismo di composizione assistita della crisi;

d) da altra denuncia specifica proveniente da pubblico ufficiale o da altro soggetto nominato dalla autorità giudiziaria»

La lettura della norma conferma come le ipotesi attualmente tipizzate nell’art. 7 l. fall. siano destinate ad essere ampliate. Continuano infatti ad essere menzionati i casi nei quali l’insolvenza sia emersa durante un procedimento penale o nel corso di altro procedimento cui abbia preso parte il pm o la segnalazione provenga dal giudice civile o da qualunque autorità giudiziaria che l’abbia rilevata nel corso di un procedimento giurisdizionale, con un pieno parallelismo rispetto all’art. 7 l. fall. Sono tuttavia introdotte anche ipotesi, finora inedite, in cui la notitia decoctionis non sia emersa all’interno di un procedimento giurisdizionale, ma sia rilevata, invece, dagli organismi di composizione della crisi [11] o da un pubblico ufficiale o da un soggetto nominato dall’autorità giudiziaria.

La lettura sistematica non può prescindere da considerazioni anche di tipo quantitativo: gli organismi di composizione della crisi (Ocri) costituiti presso le Camere di commercio − e destinati ad operare nell’ambito di un istituto inedito nel nostro ordinamento, come le misure di allerta, introdotte con l’evidente funzione di anticipare l’emersione della crisi di impresa – sono infatti destinatari di segnalazioni obbligatorie circa la presenza di fondati indizi di uno stato di crisi o di soglie di indebitamento predeterminate, rispettivamente da parte degli organi di controllo interni alla società e da parte dei creditori pubblici qualificati (Agenzia delle entrate, Inps e agente della riscossione, vds. art. 17-18 Cci). È, pertanto, evidente, l’ampliamento evidente dei casi di legittimazione del pm alla richiesta di apertura della liquidazione giudiziale ad opera della riforma del diritto concorsuale che si prospetta all’orizzonte.

Alla base di tale corretta accentuazione dei tratti pubblicistici che connotano la regolazione concorsuale dello stato di insolvenza vi è la considerazione che l’impresa in crisi non è un fatto puramente interno alla sfera individuale e patrimoniale dell’imprenditore, ma è un fatto sociale [12] che coinvolge una pluralità di interessi. In tale prospettiva il ruolo svolto dal pm come parte del procedimento per la dichiarazione di fallimento portatrice dell’interesse pubblico è destinato ad assumere una portata, probabilmente ancora inedita all’interno del diritto concorsuale.



[1] La decisione del giudice di prime cure (Trib. Bari, 12 dicembre 2017) è pubblicata in Foro It., 2018, I, 1822.

[2] Tale delega, salvo proroghe, scadrà il prossimo 11 novembre 2018.

[3] P. Filippi, Sub art. 7 l. fall., in La legge fallimentare. Commentario teorico-pratico (diretto da M. Ferro), Cedam, Padova, 2014, 125-146. Vds. anche F. De Santis, L’istanza di fallimento del pubblico ministero nel corso del procedimento di concordato preventivo, in Fall., 2017, pp. 781 ss, vds. in part. pp. 783-788.

[4] M. Fabiani, Diritto fallimentare, Zanichelli, Bologna, 2011, p. 140.

[5] Per Cass., n. 8977/2016 (in Italgiure), si tratta di condotte non necessariamente esemplificative né di fatti costituenti reato, né della pendenza di un procedimento penale. 

[6] Nonostante il tenore letterale della norma si ritiene che oltre ai procedimenti civili in senso stretto vi rientrino anche i procedimenti amministrativi, contabili e tributari, vds. M. Fabiani, cit., 140. Con riferimento alla segnalazione del tribunale fallimentare a seguito della dichiarazione di desistenza del creditore, vds. Cass., Sez. unite 18 aprile 2013, n. 9409 (in Giur. it., 2013, 2529, con nota di M. Aiello, La segnalazione dell’insolvenza da parte del pubblico ministero: un contrappeso all’abrogazione della dichiarazione di fallimento in via officiosa).

[7] Per Cass., n. 20400/2017, in Italgiure, il pm è legittimato a chiedere il fallimento dell'imprenditore, ai sensi dell'art. 7, n. 1, l. fall., anche quando il procedimento penale sia avviato nei confronti di soggetti diversi dal medesimo imprenditore e si concluda con esito favorevole alle persone sottoposte alle indagini.

[8] Nel caso deciso da Cass., n. 11462/2017 (in Quot. Giur., 31 maggio 2017, con nota di R. Brogi, La legittimazione del P.M. alla richiesta di fallimento e i debiti tributari) il giudice di legittimità non ha ritenuto dirimente la circostanza che la notitia decoctionis fosse stata acquisita nell’ambito di un procedimento penale risalente all’anno 2008.

[9] L’art. 25, comma 2, dello schema di decreto delegato contenente il Codice della crisi e dell’insolvenza (in www.osservatorio-oci.org) prevede un termine di 60 giorni entro il quale il pm, ove ritenga fondata la notizia d’insolvenza, deve chiedere l’apertura della liquidazione giudiziale, destinata a sostituire l’attuale procedura di fallimento. Anche con riferimento a tale norma sarà, tuttavia, oggetto di discussione la circostanza se si tratti di un termine perentorio o acceleratorio.

[10] Per Cass., n. 8977/2016 non è necessaria la contestualità delle indagini penali dalle quali emerga la notitia decoctionis e quelle volte ad approfondire quest'ultima, essendo necessario e bastevole che la seconda sia nata dalle prime e che non sia arbitrario il suo approfondimento in quanto tra l'una e le altre vi sia rapporto di evidente e stretta connessione.

[11] L’Ocri provvederà alla segnalazione al pm nelle ipotesi previste dall’art. 25 Cci, sostanzialmente riconducibili alla mancata comparizione del debitore per l’audizione disposta a seguito della segnalazione da parte degli organi interni o dei creditori qualificati o alla mancata presentazione di un’istanza per la fissazione di un termine non superiore a tre mesi  e prorogabile fino a sei mesi  per la ricerca di una soluzione concordata della crisi o al mancato deposito della domanda di accesso ad una procedura concorsuale nel termine fissato dal collegio costituito in seno all’Ocri, sempreché siano ritenuto sussistente lo stato di insolvenza.

[12] A. Mazzoni, La responsabilità gestoria per scorretto esercizio dell’impresa priva della prospettiva di continuità aziendale, in AA.VV., Amministrazione e controllo nel diritto delle società. Liber amicorum Antonio Piras, Giappichelli, Torino, 2010, p. 825.

04/07/2018
Altri articoli di Raffaella Brogi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I criteri di esercizio dell’azione penale. Interviene «il Parlamento con legge»

Nel panorama di chiaroscuri della legge delega di riforma del processo - nella quale non mancano profonde zone d’ombra rappresentate da meccanismi processuali destinati a rivelarsi estremamente difettosi alla prova dei fatti e dei processi - la soluzione adottata dal legislatore in tema di criteri di priorità nell’esercizio dell’azione penale sembra comunque preferibile rispetto alle precedenti proposte. In luogo del modello autoreferenziale proposto nel ddl Bonafede, nel quale la definizione dei criteri di priorità avveniva tutta nell’ambito del giudiziario, e dell’opzione della Commissione Lattanzi in favore di «periodici» atti di indirizzo parlamentare e di criteri di priorità «dinamici», il testo della riforma prevede una cornice stabile e vincolante di criteri generali fissata dal «Parlamento con legge», nel cui ambito gli uffici di Procura sono chiamati a predisporre i concreti criteri di priorità. Dall’esame della delega emerge con chiarezza che il compito del Parlamento non consisterà nel compiere scelte di merito e nell’individuare direttamente i settori prioritari dell’intervento penale ma nell’indicare i parametri generali e le procedure che gli uffici dovranno seguire nell’enunciare le loro priorità, adeguate al territorio in cui operano. Nell’articolo si elencano le questioni aperte e i nodi che al legislatore delegato spetterà di sciogliere e ci si interroga sugli obiettivi di fondo della complessa procedura di predisposizione dei criteri nella quale saranno coinvolti il ministero della Giustizia, il Parlamento, gli uffici giudiziari e il CSM. 

08/11/2021
Il pm e il suo boia

Perché separare le carriere non è un'idea su cui riflettere, è incostituzionale

03/11/2021
Uno sguardo generale agli emendamenti governativi al ddl 1662/S/XVIII

L’obiettivo di ridurre di circa il 40% dei tempi del processo civile entro il 2025 è affidato, più che agli ennesimi interventi sulla disciplina del processo, all’insieme delle misure poste a base del disegno riformatore per la giustizia civile varato dalla Ministra Cartabia, e da una molteplicità di fattori concorrenti nel cui ambito riveste un’importanza non secondaria il ruolo della cultura giuridica, sempre più frequentemente coinvolta nel compito di concorrere alla costruzione dell’ordinamento giuridico. Ma rimane sullo sfondo l’esigenza primaria di garantire non solo la tempestività, quanto insieme e prima ancora la qualità della risposta di giustizia, e soprattutto di assicurare protezione a quei diritti fondamentali della persona, non tutelando i quali è la legittimazione stessa della giurisdizione ad essere messa in discussione.

26/07/2021
Quali riforme per una giustizia civile in cambiamento

Le riforme della giustizia civile inserite nel PNRR riguardano essenzialmente il processo civile ordinario. L’analisi dei procedimenti civili pendenti nei tribunali rivela che la domanda di giustizia odierna riguarda ambiti diversi – tutelare, protezione internazionale, famiglia – per cui altre sono le necessarie riforme: una differente allocazione delle risorse giudiziarie e un diverso modello di giudice, che non va verso la giustizia predittiva ma utilizza piuttosto modelli interpretativi offerti dalla dottrina giusfilosofica nordamericana.

23/07/2021
Sul pubblico ministero: riformare sì, ma con giudizio

Muovendo dalla diffusa constatazione del “protagonismo” talora assunto oggi dal pubblico ministero, si passano in rassegna alcune delle riforme attualmente in discussione concernenti poteri e posizione dell’organo inquirente (contenute principalmente nel ddl AC n. 2345 e nelle proposte di emendamento formulate dalla Commissione Lattanzi). Le riforme più significative sono quelle concernenti le indagini preliminari, i criteri di esercizio dell’azione penale e l’annoso tema della separazione delle carriere. Evidenziata l’indubbia difficoltà di trovare soluzioni che siano insieme efficaci ed equilibrate, si conclude con un richiamo all’esigenza, che non può più essere né utopistica né rituale, di un rafforzamento dei doveri deontologici del magistrato inquirente. 

08/06/2021
Discrezionalità, responsabilità, legittimazione democratica del pubblico ministero

Un tempo l’esigenza della responsabilità del pubblico ministero aveva una risposta circolare: il pubblico ministero risponde a se stesso perché indipendente e vincolato alla obbligatorietà dell’azione. Ma la realtà dimostra che l’obbligatorietà dell’azione penale copre solo una parte dell’agire del pubblico ministero. Di qui l’esigenza di una attenta riflessione sugli spazi di discrezionalità del pubblico ministero e sui meccanismi istituzionali attraverso cui questi assume la responsabilità sociale, professionale ed istituzionale delle scelte che l’ordinamento gli chiede di compiere. 

07/06/2021
Per una cultura della discrezionalità del pubblico ministero

Il ruolo del pubblico ministero e il tasso di discrezionalità della sua azione istituzionale sono in crescita sia nei Paesi nei quali la discrezionalità è un tratto tipico del sistema di giustizia penale sia negli ordinamenti caratterizzati dal principio di legalità e dalla regola dell’obbligatorietà dell’azione penale. Parallelamente si assiste a un progressivo avvicinamento tra una “discrezionalità” esercitata secondo linee-guida uniformi e una “obbligatorietà” temperata e realistica. Invece di barricarsi dietro il fragile schermo di una astratta concezione dell’obbligatorietà è meglio confrontarsi con la realtà. Nella quale la legittimazione dell’azione del pubblico ministero risiede in un esercizio delle funzioni inquirenti e requirenti indipendente da ogni indebita influenza esterna e armonico con i principi e le regole dello Stato democratico di diritto. Vanno perciò esaminati e discussi gli elementi portanti dell’architettura istituzionale nella quale il pubblico ministero deve correttamente esercitare la sua discrezionalità: il primato delle autorità democratiche nella determinazione di criteri di priorità dell’azione penale; un più netto confine del giudiziario rispetto alla politica e all’amministrazione; l’accettazione di una piena responsabilità sociale e culturale per le scelte compiute; il raccordo dell’ufficio del pubblico ministero con le comunità e le istituzioni locali. 

03/06/2021
Il ruolo del PM nella giurisdizione

Webinar - venerdì 4 giugno 2021, ore 15-18; sabato 5 giugno 2021 ore 10-13

01/06/2021
Il mestiere del pubblico ministero tra prerogative normative e declinazioni materiali

Il ruolo del pubblico ministero richiede nell’attuale fase storica una riflessione serena e sincera per la necessità di comprendere in che misura lo statuto normativo che ne descrive le funzioni trovi una effettiva coerente interpretazione nella sua non facile declinazione pratica. L’estrema delicatezza delle funzioni conferite al pubblico ministero esige, nell’attuale assetto ordinamentale, una costante rendicontazione del proprio operato, almeno nei settori più sensibili, con una valutazione dei risultati conseguiti e una riflessione su eventuali scelte erroneamente compiute.

26/04/2021