Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

Grande fratello sul luogo di lavoro: il contrasto fra sezione penale e sezione civile della Corte di Cassazione

di Federico Grillo Pasquarelli
Consigliere Sezione Lavoro Corte d’Appello di Torino
A margine della sentenza Corte di Cassazione, sez. II penale, 22.01.2015 n. 2890, in materia di utilizzabilità, nel processo penale, delle videoriprese filmate sui luoghi di lavoro
Grande fratello sul luogo di lavoro: il contrasto fra sezione penale e sezione civile della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, sez. II penale, con la recente sentenza 22.01.2015 n. 2890, ha confermato la condanna per appropriazione indebita di una cassiera di un supermercato che – grazie alle telecamere installate all’interno del luogo di lavoro – era stata ripresa, in più occasioni, nell’atto di impossessarsi di somme di denaro ricevute dai clienti.

La Corte ha ritenuto che i risultati delle videoriprese non potevano considerarsi “prove illegali, illegittimamente acquisite ex art. 191 c.p.p., bensì prove documentali, acquisibili ex art. 234 c.p.p.”, in quanto le videoriprese erano state finalizzate “non al controllo dei lavoratori a distanza, come vietato dalla Statuto dei lavoratori, bensì alla difesa del patrimonio aziendale attraverso la documentazione di attività potenzialmente criminose” ed ha ribadito che “sono utilizzabili nel processo penale, ancorché imputato sia il lavoratore subordinato, i risultati delle videoriprese effettuate con telecamere installate all’interno dei luoghi di lavoro ad opera del datore di lavoro per esercitare un controllo a beneficio del patrimonio aziendale messo a rischio da possibili comportamenti infedeli dei lavoratori, perché le norme dello Statuto dei lavoratori poste a presidio della loro riservatezza non fanno divieto dei cosiddetti controlli difensivi del patrimonio aziendale e non giustificano pertanto l’esistenza di un divieto probatorio” (nello stesso senso, Cass. sez. V pen. 18.03 – 1°.06.2010 n. 20722 e Cass. sez. V pen. 12.07 – 26.09.2011 n. 34842).

Il principio di diritto affermato, che ignora totalmente la giurisprudenza degli ultimi anni della sezione lavoro della stessa Suprema Corte, appare erroneo e non condivisibile.

È noto che l’art. 4 St. Lav. distingue due tipologie di controlli a distanza sull’attività dei lavoratori.

Il primo comma (“È vietato l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori”) vieta in modo assoluto i cosiddetti controlli intenzionali, o diretti, ossia preordinati a sorvegliare il lavoratore durante lo svolgimento della prestazione e la sua permanenza nei locali aziendali, e dunque vieta l’installazione di impianti ed apparecchiature aventi come scopo proprio quello del controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.

Il secondo comma (“Gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l’Ispettorato del lavoro [ora Direzione Territoriale del Lavoro], dettando, ove occorra, le modalità per l’uso di tali impianti”) consente, a determinate condizioni, i cosiddetti controlli preterintenzionali, o indiretti: sistemi di videosorveglianza adottati dall’imprenditore per esigenze organizzative, produttive o di sicurezza del lavoro, dai quali derivi, come conseguenza accidentale, non specificamente voluta, la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.

La procedura autorizzatoria di cui all’art. 4, 2° comma, è necessaria “tutte le volte in cui i controlli vengono a consentire in via di normalità, inevitabilmente, il controllo anche delle attività dei lavoratori” (v. Cass. sez. lav. 22.3.2011 n. 6498).

Accanto ai controlli intenzionali, vietati, e ai controlli preterintenzionali, consentiti a determinate condizioni, la giurisprudenza ha elaborato una terza tipologia di controlli a distanza, i cosiddetti controlli difensivi, che sarebbero rivolti “esclusivamente” ad accertare comportamenti illeciti dei lavoratori, in quanto le norme dello Statuto a tutela della libertà e dignità del lavoratore non escluderebbero il potere dell’imprenditore di controllare “non già l’uso, da parte dei dipendenti, della diligenza richiesta nell’adempimento delle obbligazioni contrattuali, bensì il corretto adempimento delle prestazioni lavorative al fine di accertare mancanze specifiche dei dipendenti già commesse o in corso di esecuzione” (Cass. sez. lav. 14.7.2001 n. 9576, Cass. sez. lav. 2.3.2002 n. 3039, Cass. sez. lav. 12.6.2002 n. 8388, Cass. sez. lav. 10.7.2009 n. 16196, tutte peraltro in fattispecie di controlli mediante clienti o dipendenti appositamente inviati dal datore di lavoro, o mediante investigatori privati, e non, dunque, mediante impianti od apparecchiature di controllo a distanza).

In quest’ottica, si è ritenuto che i controlli difensivi, anche se svolti mediante apparecchiature di controllo a distanza, fossero fuori dal campo di applicazione dell’art. 4 St. Lav. e, dunque, sempre leciti: secondo Cass. sez. lav. 3.4.2002 n. 4746, “ai fini dell’operatività del divieto di utilizzo di apparecchiature per il controllo a distanza dell’attività dei lavoratori previsto dall’art. 4 legge n. 300 del 1970, è necessario che il controllo riguardi (direttamente o indirettamente) l’attività lavorativa, mentre devono ritenersi certamente fuori dell’ambito di applicazione della norma i controlli diretti ad accertare condotte illecite del lavoratore (cosiddetti controlli difensivi), quali, ad esempio, i sistemi di controllo dell’accesso ad aree riservate o gli apparecchi di rilevazione di telefonate ingiustificate”.

Questa tesi, peraltro, si è rivelata insostenibile, anzitutto per ragioni letterali: per l’applicabilità dell’art. 4, 1° e 2° comma, St. Lav. non è affatto necessario che il controllo a distanza riguardi “l’attività lavorativa”, essendo sufficiente che esso abbia ad oggetto “l’attività dei lavoratori”, che è concetto molto più ampio, comprensivo non solo della prestazione lavorativa in senso stretto, ma di ogni comportamento tenuto dal lavoratore in azienda (ad es. durante le pause o gli spostamenti all’interno dello stabilimento o dell’ufficio, nei locali mensa, spogliatoio, ecc.), sul presupposto che le attività non riconducibili alla collaborazione dovuta dal lavoratore subordinato (ex art. 2094 c.c.) sono irrilevanti per l’imprenditore e, quindi, precluse alla sua conoscenza, a tutela non solo della dignità del lavoratore ma anche della sua sfera di riservatezza.

Da un punto di vista meramente logico, poi, non pare davvero possibile distinguere il controllo (vietato) “sull’uso della diligenza richiesta nell’adempimento delle obbligazioni contrattuali” dal controllo (consentito) sul “corretto adempimento delle prestazioni lavorative”, volto ad accertare eventuali condotte illecite del lavoratore che sarebbero tenute, necessariamente, durante lo svolgimento dell’attività lavorativa e sul luogo di lavoro; ed anche dal punto di vista tecnologico, non è dato comprendere come sia possibile predisporre un sistema di controllo a distanza (videocamere, software di monitoraggio dell’utilizzo della posta elettronica o degli accessi ad Internet, ecc.) “esclusivamente” al fine di accertare comportamenti illeciti dei lavoratori senza che ciò comporti, allo stesso tempo, un controllo a distanza sull’esatto adempimento della prestazione lavorativa (insomma, dovrebbe esistere una videocamera che riprende solo le condotte illecite e non quelle lecite!).

Infine, ammettere la categoria dei controlli difensivi a distanza significa affidare la verifica circa la legittimità del controllo ad una valutazione da effettuare, necessariamente, ex post: soltanto nel momento in cui il controllo a distanza permette di accertare la commissione di un illecito da parte del lavoratore, l’esercizio del potere di controllo diventa legittimo; e se non si accerta nessun illecito? Si realizza così un vero cortocircuito logico: anziché fornire una regola che il datore di lavoro deve osservare nel momento in cui decide di controllare a distanza il lavoratore, si formula la regola in modo da fare riferimento ad elementi di cui il datore di lavoro verrà a conoscenza a posteriori, soltanto dopo avere effettuato il controllo.

Già da alcuni anni, quindi, la giurisprudenza della S.C., sez. lavoro, ha ricondotto anche i controlli difensivi a distanza nel campo di applicazione dell’art. 4, affermando che “le garanzie procedurali imposte dall’art. 4, 2° comma, della legge n. 300 del 1970 per l’installazione di impianti ed apparecchiature di controllo richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, trovano applicazione anche ai controlli c.d. difensivi, ovverosia a quei controlli diretti ad accertare comportamenti illeciti dei lavoratori, quando tali comportamenti riguardino l’esatto adempimento delle obbligazioni discendenti dal rapporto di lavoro e non la tutela dei beni estranei al rapporto stesso, dovendo escludersi che l’insopprimibile esigenza di evitare condotte illecite da parte dei dipendenti possa assumere portata tale da giustificare un sostanziale annullamento di ogni forma di garanzia della dignità e riservatezza del lavoratore” (Cass. sez. lav. 17.7.2007 n. 15892, Cass. sez. lav. 23.2.2010 n. 4375, Cass. sez. lav. 23.2.2012 n. 2722, Cass. sez. lav. 1°.10.2012 n. 16622).

I controlli difensivi, peraltro, restano certamente consentiti nell’ambito degli artt. 2 e 3 St. Lav., cioè quando sono esercitati non per mezzo di impianti di controllo a distanza, ma ad opera di guardie giurate per la tutela del patrimonio aziendale, o del personale di vigilanza; le norme dello Statuto dei Lavoratori non escludono, nemmeno, il potere dell’imprenditore di controllare direttamente o mediante la propria organizzazione gerarchica l’adempimento delle prestazioni lavorative e quindi di accertare mancanze specifiche dei dipendenti già commesse od in corso di esecuzione indipendentemente dalle modalità di controllo, che può avvenire anche occultamente, purché ad opera di persone (altri dipendenti, clienti, investigatori privati, ecc.) e non di impianti audiovisivi ed altre apparecchiature di controllo (v. Cass. 4.12.2014 n. 25674, Cass. 31.10.2013 n. 24580, Cass. 18.11.2010 n. 23303, Cass. 10.7.2009 n. 16196, Cass. 9.7.2008 n. 18821, Cass. 12.6.2002 n. 8388, Cass. 2.3.2002 n. 3039, Cass. 14.7.2001 n. 9576).

Invece, l’installazione di impianti ed apparecchiature di controllo a distanza per svolgere controlli difensivi deve ritenersi consentita solo se richiesta “da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro” e soltanto “previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali” o, in mancanza, previa autorizzazione della D.T.L., rientrando nell’ambito di applicazione dell’art. 4, 2° comma, St. Lav., come ormai chiarito dalla giurisprudenza della sezione lavoro della Cassazione.

Non c’è dubbio che l’installazione da parte del datore di lavoro di impianti di controllo a distanza senza avere raggiunto l’accordo con le r.s.a. né essersi munito dell’autorizzazione della D.T.L., e quindi avvenuta in violazione dell’art. 4 St. Lav., rende illegittima l’attività di controllo così esercitata e comporta che la documentazione illegittimamente acquisita è inutilizzabile dal datore di lavoro nei confronti del dipendente, sia a fini disciplinari sia a fini probatori in un’eventuale azione di risarcimento danni.

Coerentemente, dovrebbe trattarsi di prove inutilizzabili anche nel processo penale, proprio perché “acquisite in violazione dei divieti stabiliti dalla legge” (art. 191 c.p.p.), allo stesso modo delle prove “ottenute attraverso una interferenza illecita nella vita privata in violazione dell’art. 615 bis c.p.”, che la stessa S.C. considera, pacificamente, inutilizzabili (v. Cass. sez. V pen. 30.05 – 13.08.2014 n. 36581).

Stupisce, dunque, che le sezioni penali della Corte di Cassazione restino, ancora oggi, saldamente ancorate all’idea che i controlli difensivi del patrimonio aziendale, anche se esercitati dal datore di lavoro mediante impianti di controllo a distanza sull’attività dei lavoratori, siano sottratti ai divieti ed alle limitazioni di cui all’art. 4 St. Lav. e siano, quindi, sempre leciti.

Stupisce ancor più che le sezioni penali della S.C. non si facciano carico di confrontarsi con la giurisprudenza, ormai consolidata, dei colleghi della sezione lavoro, tanto da non citarla nemmeno nella sentenza 2890/2015, sia pure per discostarsene motivatamente: davvero, non un bell’esempio di nomofilachia e di “uniforme interpretazione della legge” (v. art. 65 R.D. n. 12/1941) da parte della nostra Corte Suprema.

08/04/2015
Altri articoli di Federico Grillo Pasquarelli
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il leading role della giurisprudenza comparata in materia di discriminazioni algoritmiche subite dai lavoratori della gig economy

L’utilizzo di algoritmi decisionali nell’organizzazione del lavoro relativo alle piattaforme di intermediazione lavorativa presenta non pochi rischi di discriminazione ai danni dei lavoratori. In Europa, la giurisprudenza anticipa le prese di posizione dei Legislatori nazionali, in attesa di una regolamentazione da parte dell’Unione del ricorso all’Intelligenza Artificiale anche in questo campo.

11/11/2021
La tutela del lavoratore in caso di mancata o interrotta regolarizzazione

Le scelte del legislatore in occasione dell’ultimo provvedimento per la regolarizzazione dei lavoratori stranieri irregolari hanno per un verso facilitato gli illeciti comportamenti di alcuni datori di lavoro e nel contempo reso inutilmente difficoltoso alla maggior parte dei datori di lavoro onesti l’esito positivo delle procedure intraprese

19/10/2021
I licenziamenti GKN, il giudice e l’impresa

Riconoscere la massimizzazione dell’utile come unico elemento giustificativo e come criterio legittimo e indiscutibile per le scelte aziendali, negando limiti etici in considerazione degli altri interessi che entrano in gioco e vengono incisi da queste scelte, come il diritto al lavoro o ad esempio l’uso di beni collettivi come l’aria e lo spazio per il trasferimento delle merci, incunea in uno spazio angusto dove le tutele sono solo formali, non vi sono garanzie sostanziali e l’esito è scontato.

23/09/2021
Il lavoro povero in Italia: problemi e prospettive

Dopo aver individuato alcune categorie di lavoratori maggiormente vulnerabili, nel contributo ci si sofferma dapprima sulle misure dirette di contrasto al lavoro povero e poi su quelle indirette. 

16/09/2021
Lo “sblocco” dei licenziamenti: gestione dei livelli occupazionali e limiti ai poteri unilaterali del datore di lavoro alla luce delle disposizioni emergenziali in materia di accesso alla “garanzia” SACE

Con la fine del cd. blocco dei licenziamenti, introdotto dal legislatore emergenziale per  soddisfare primarie esigenze di “tenuta sociale” e di “ordine pubblico economico” in un momento di grave crisi sanitaria, sociale, economica, si profila concretamente il pericolo del massiccio ricorso alle risoluzioni dei rapporti di lavoro: tra i meccanismi a cui ricorrere al fine di evitare ricadute drammatiche sull’occupazione, vi è quello di esigere il rispetto dell’obbligo in capo all’impresa che beneficia della garanzia pubblica fornita dalla Società deputata al sostegno finanziario alle imprese, di proprietà della Cassa Depositi e Prestiti, a rispettare l’impegno, per tutta la durata del finanziamento, a gestire i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali. 

10/09/2021
Ripensare il giustificato motivo oggettivo

Dopo la fine del cd. “blocco” dei licenziamenti per ragioni economiche, è urgente ripensare la figura del giustificato motivo oggettivo, anche alla luce della evoluzione giurisprudenziale dalla sentenza Cass., n. 25201/2016 in avanti

27/07/2021
"Il nocchiere…in gran tempesta": il Giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

Nella stagione compresa tra il c.d. collegato lavoro (l. 183 del 2010) e il Jobs act (d.lgs. n. 23 e n. 81 del 2015), il Legislatore all’insegna della liberalizzazione del mercato del lavoro ha operato numerosi interventi accomunati da una medesima cifra: marginalizzare il ruolo del giudice e ridurne le possibilità d’intervento nelle fasi più delicate del rapporto, ossia l’assunzione con contratti flessibili e il recesso dal contratto standard. Emergono però da ultimo importanti elementi di controtendenza in tema di flessibilità “in entrata” e “in uscita”, ben visibili sia nel formante legale, sia in quello giurisprudenziale.

02/07/2021
Quale lavoro femminile al tempo del Covid-19: la «resilienza» salverà le donne?

Nonostante il dichiarato approccio mainstreaming di genere, il nuovo PNRR sembra guardare alla «questione femminile» in una «logica emergenziale» e di soccorso - la stessa che caratterizza gli ultimi provvedimenti del Governo Draghi a supporto dei genitori lavoratori -, senza che siano pianificate modifiche strutturali e riforme di ampio respiro idonee a garantire la parità di genere nel lungo periodo. Il rischio è che si perda, per l’ennesima volta, l’occasione per una vera e propria rivoluzione culturale idonea a favorire la concreta emancipazione economica, professionale e sociale delle donne.

22/06/2021
La specificità del processo del lavoro e il cambiamento della prassi

I diritti non stanno nel processo come i prodotti a vista sugli scaffali di un supermercato: bisogna cercarli. Il giudice di merito del lavoro ha il dovere di compiere ogni sforzo consentito, prima di alzare le spalle, a fronte di rivendicazioni portate da un’utenza che la precarizzazione strutturale e la crisi economica hanno ulteriormente indebolito.

10/06/2021