Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Giustizia civile: bilancio della pandemia e idee per il futuro prossimo

a cura di Maria Giuliana Civinini
Presidente del Tribunale di Pisa

Si raccolgono qui gli interventi di Maria Giuliana Civinini (presidente del Tribunale di Pisa), Claudio Cecchella, (professore ordinario di diritto processuale civile presso l'Università di Pisa) e Giuseppe Ruffini (professore di diritto processuale civile presso l'Università Roma Tre) alla Giornata europea della giustizia svoltasi il 27 ottobre 2020 presso il Tribunale di Pisa e dedicata a Giustizia civile: bilancio della pandemia e idee per il futuro prossimo. Ciascun intervento è scaricabile in formato pdf ai link qui disponibili, insieme al programma della Giornata. 

Il 27 ottobre 2020 si è tenuto presso il Tribunale di Pisa un convegno (una combinazione di presenza e webinar) per celebrare la Giornata della Giustizia Civile attraverso due idee guida: fare un bilancio dell'impatto della pandemia e della legislazione emergenziale sulla giustizia civile e pensare il futuro alla luce di questa esperienza. Cosa abbiamo imparato. Quali lezioni per la gestione ordinaria della giustizia. Cosa trasportare nel futuro.

Mentre la Presidente del Tribunale ha analizzato, alla luce dell'esperienza vissuta e delle statistiche, il modo in cui la giustizia civile è stata amministrata a Pisa tra il marzo e l'agosto 2020, i Professori Cecchella e Ruffini, entrambi Ordinari di Diritto Processuale Civile, hanno incentrato la loro attenzione su luci e ombre della legislazione pandemica e formulato proposte su cosa ritenere dalla crisi per una giustizia più efficace. 

 

La giornata europea della giustizia civile 2020, occasione di riflessione sull'impatto della pandemia sulla giustizia attraverso l'esperienza del Tribunale di Pisa

di Maria Giuliana Civinini

I primi sei mesi dell'emergenza sanitaria analizzati attraverso la lente d'ingrandimento di una presidente di Tribunale: come è stata concretamente amministrata la giustizia civile e con quali risultati; quali gli elementi chiave di un'esperienza positiva.

 

Trattazione scritta, a distanza, digitalizzazione degli atti: cosa resterà nel processo civile dell’emergenza epidemiologica

di Claudio Cecchella, professore ordinario di diritto processuale civile presso l'Università di Pisa

La disciplina emergenziale del processo civile analizzata alla luce dei principi fondamentali e del diritto al contraddittorio offre l'occasione per formulare proposte per il futuro ma con salde radici nel pensiero di Mortara e Chiovenda.

Sommario: 1. Il metodo. 2. La trattazione scritta, “da remoto” e mista secondo le regole del processo civile emergenziale. 3. Il consenso delle parti alla trattazione in deroga all’art. 180 c.p.c. 4. La natura dei termini e le preclusioni nel processo di cognizione. 5. La generalizzazione del deposito telematico degli atti e documenti, anche nel procedimento innanzi alla Corte di cassazione. 6. I principi di sintesi e chiarezza nella redazione delle note scritte e il contraddittorio. 7. Le nuove ipotesi di estinzione per inattività. 8. La dinamica delle regole: la sanzione all’inosservanza delle forme. 9. La prospettiva di una disciplina ordinaria delle nuove forme di trattazione. 10. L’oralità e l’art. 6 CEDU 11. Il principio dell’oralità nella sua accezione contemporanea e storica.

 

Emergenza epidemiologica e processo civile 

di Giuseppe Ruffini, professore di diritto processuale civile presso l'Università Roma Tre

Una completa ricostruzione critica della disciplina emergenziale del processo civile e una lucida analisi dei suoi elementi positivi che potrebbero essere permanente introdotti con effetti di razionalizzazione e efficienza del sistema

Sommario: 1. Il legislatore italiano di fronte alla pandemia. – 2. La normativa temporanea concernente il deposito telematico e quella introdotta in via definitiva per le notificazioni telematiche. – 3. La procura alla lite. – 4. Le udienze civili nel periodo dell’emergenza. – 5. Le deliberazioni collegiali. – 6. Le prospettive.

 


 
 

15/02/2021
Altri articoli di Maria Giuliana Civinini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il regionalismo autarchico è incostituzionale: dal Giudice delle leggi una pronuncia che mette ordine nella gestione territoriale della pandemia

Con la sentenza n. 37 del 2021 la Corte costituzionale ha preso posizione sui margini di intervento delle Regioni nella gestione dell’emergenza sanitaria, annullando il nucleo fondamentale di una legge valdostana, già sospesa in via cautelare. La portata della decisione trascende l’oggetto del contendere, investendo, quanto meno indirettamente, l’impalcatura normativa predisposta dalle istituzioni nazionali per affrontare l’epidemia.

13/04/2021
ADR e proposte di riforma per la giustizia civile

Nelle dichiarazioni programmatiche del nuovo Governo è stata sottolineata l’importanza delle ADR nel quadro complessivo della giustizia civile. Un particolare rilievo è stato attribuito alla mediazione e, nel suo ambito, alla mediazione demandata. Ma, affinché tali strumenti possano porsi davvero quali sedi complementari e coesistenziali rispetto alla giurisdizione, è necessaria una serie di interventi, tutti realizzabili nell’immediato o nel breve periodo, idonei ad assicurarne il migliore e più efficace funzionamento.

09/04/2021
Il punto sui reati dell’emergenza Covid

Il rapido succedersi di disposizioni normative anche in materia penale mette a dura prova l’interprete chiamato oggi a valutare le notizie di reato relative alle violazioni delle misure dettate per fronteggiare il rischio sanitario derivante dall’epidemia da Coronavirus dopo la Delibera del Consiglio dei Ministri del 31.1.2020, con cui è stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale.
Si pongono dunque diversi temi di riflessione cui l’interprete deve dare risposta in riferimento ai casi che possono prospettarsi, alla luce dei principi costituzionali e senza tralasciare le esigenze di contrasto della pandemia. 

01/04/2021
I procedimenti di legittimità nella prospettiva del superamento dell'emergenza sanitaria

Si segnala l’esigenza che le questioni interpretative ed applicative del comma 8 bis dell’art. 23 del d.l. n. 137 del 2020, convertito nella legge n. 176, siano collocate nel contesto normativo nel quale sono destinate ad operare. Si ricordano, a tal fine, le disposizioni, primarie e secondarie, e la struttura dei procedimenti innanzi alla Corte conseguente alle ultime riforme. Se segnala l’esigenza della circolazione delle informazione anche in funzione delle operazioni di smistamento dei ricorsi e le criticità di quelle disponibili. Se esamina, quindi, la più recente normativa. Si prospetta la possibilità che siano unificati i diversi procedimenti camerali di legittimità, che, anche al fine di sottrarre la Corte all’onere di un ripetuto esame dei ricorsi, funzionale allo smistamento ed alla decisione, la trattazione alla udienza pubblica sia riservata ai casi nei quali una parte o il pubblico ministero chiedano la discussione orale, come previsto nei gradi di merito dagli artt. 190 bis, comma 2, 281 quinquies, comma 2, 352, comma 2, c.p.c., e che questa possa svolgersi in presenza o da remoto, come previsto dall’art. 221, commi 6 e 7, del d.l. n. 34 del 2020, convertito nella legge n. 77.

23/02/2021
Giustizia civile: bilancio della pandemia e idee per il futuro prossimo

Si raccolgono qui gli interventi di Maria Giuliana Civinini (presidente del Tribunale di Pisa), Claudio Cecchella, (professore ordinario di diritto processuale civile presso l'Università di Pisa) e Giuseppe Ruffini (professore di diritto processuale civile presso l'Università Roma Tre) alla Giornata europea della giustizia svoltasi il 27 ottobre 2020 presso il Tribunale di Pisa e dedicata a Giustizia civile: bilancio della pandemia e idee per il futuro prossimo. Ciascun intervento è scaricabile in formato pdf ai link qui disponibili, insieme al programma della Giornata. 

15/02/2021
Riflessioni a margine di una pandemia

Il punto di vista e di analisi di una Procura per i Minorenni

11/02/2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il ruolo dell’Associazione Nazionale Magistrati

Gli oltre € 200 mld destinati all’Italia nell’ambito del Next Generation EU, lo strumento per rispondere alla crisi pandemica provocata dal Covid-19, impongono – perché espressamente richiesto dalla Commissione UE –una riflessione globale e coraggiosa sull’efficacia della giurisdizione che necessariamente si occupi anche delle risorse umane e materiali da destinare al servizio giustizia.

L’ANM, che ancora recentemente si era occupata de “la giustizia del futuro”, deve porsi al centro di questo dibattito e concentrare da qui al 30 aprile 2021, ultima data fissata per la predisposizione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), tutte le proprie forze per contribuire a delineare il volto della Giustizia da qui ai prossimi 10/15 anni.   

22/12/2020
Pandemia, welfare state e imposte patrimoniali

L’articolo esamina l’efficacia degli interventi di integrazione dei redditi adottati dal Governo nei primi mesi della pandemia tenendo conto anche di alcuni pre-esistenti difetti del sistema di  Welfare. Partendo da questi difetti oltre che dai lasciti  di lungo termine della pandemia l’articolo riflette poi sul possibile ruolo delle imposte patrimoniali. 

14/12/2020
Recensione a "Le regole e la vita. Del buon uso di una crisi tra letteratura e diritto"

La recensione a Le regole e la vita. Del buon uso di una crisi tra letteratura e diritto, a cura di Gabrio Forti, ed. Vita e Pensiero, Milano, 2020. Il libro è scaricabile gratuitamente sul sito dell’editore: https://www.vitaepensiero.it/news-novita-le-regole-e-la-vita-5317.html. Nel file del libro sono disponibili collegamenti ad una serie di video in cui gli autori presentano i loro contributi. 

12/12/2020