Magistratura democratica
Magistratura e società

“Giovani e anziani nella crisi. Generazioni diverse che possono ancora parlarsi e darsi la mano”

di Stefano Becucci
professore associato di sociologia nell’Università di Firenze

Recensione del volume a cura di Luca Fe’ D’Ostiani (Aracne, 2021)

Il libro Giovani e anziani nella crisi. Generazioni diverse che possono ancora parlarsi e darsi la mano, a cura di Luca Fè D’Ostiani (Aracne editrice, 2021), affronta il tema del dialogo intergenerazionale, questione che finora ha suscitato scarso interesse nella letteratura specialistica. Scritto a più mani da autori che provengono da vari settori disciplinari, dalla filosofia alla storia, dall’ingegneria alla medicina, il filo rosso che lega i contributi del volume si dipana attraverso l’analisi del rapporto fra generazioni. Esso viene esaminato a partire da una preliminare distinzione fra i cosiddetti millennial, ovvero coloro che sono nati a cavallo fra la fine del 900 e l’inizio del nuovo secolo e i baby boomer, corrispondenti alle generazioni degli anni Cinquanta e Sessanta. Da un lato, vi sono i contributi di giovani fra i venti e i trent’anni, in gran parte appartenenti ai nativi digitali e, dall’altro, di autori avanti negli anni. 

I millennial testimoniano, come peraltro emerge da molti studi e ricerche effettuate in Italia in quest’ultimo decennio, un profondo senso di incertezza circa il proprio futuro, minato da ciò che Zigmunt Bauman definisce nei termini di insicurezza esperienziale, ovvero la difficoltà di ricapitolare entro un progetto coerente la propria identità e immagine di sé. Così un dottorando in astrofisica riferisce del senso di precarietà che permea la sua esistenza, sollecitandogli un continuo atteggiamento di adattamento alle circostanze, mentre una laureata in scienze sociali ricorda che molti giovani preferiscono trovare altrove la loro realizzazione perché in Italia vivere è troppo difficile, per non dire, infine, della loro consapevolezza di aspettarsi un futuro peggiore rispetto alla generazione che li ha preceduti. Eppure, assieme a tutto ciò, emerge anche un altro atteggiamento: la mancanza di sicurezze viene vissuta come un ampliamento di opportunità. La percezione di precarietà vissuta dai millennial dà luogo a due risposte sensibilmente diverse, tanto che potremmo parlare di due “tipi” psicologici: gli uni resistono ai cambiamenti e aspirano a maggiori certezze, mentre gli altri, al contrario, vanno incontro alla loro condizione di precarietà interpretandola come un’occasione di ampliamento delle loro opportunità. 

I baby boomer, con maggiore sguardo analitico facilitato dal vivere una situazione professionale e familiare sensibilmente diverse, esaminano le differenze fra le due generazioni. Per un verso, la maggiore capacità di adattamento ed elasticità richiesta a chi si affaccia al mondo del lavoro predispone le giovani generazioni al lavoro di squadra più di quanto non avvenisse in passato. Nel passaggio da una gestione verticale delle aziende ad una “orizzontale”, dove il dirigente assume più le caratteristiche di coordinatore che di capo di tipo tradizionale, i giovani possono trovare un ambiente di lavoro consono alla loro intraprendenza e spirito di adattamento.  Per l’altro, restano tuttavia aperti problemi di più ampio respiro, come ad esempio l’assenza di efficaci politiche volte a facilitare l’ingresso delle giovani generazioni nel mondo del lavoro, consentendo loro autonomia economica dalla famiglia di origine. Non per caso, l’Italia è il paese nel quale in giovani restano all’interno dell’originario alveo familiare più a lungo di altri paesi europei: nonni e genitori anziani forniscono un aiuto economico indispensabile a nipoti e figli in attesa che questi trovino una collocazione professionale adeguata alle loro aspettative professionali, stabilendo così, di fatto, una implicita alleanza intergenerazionale fra giovani e anziani.  

Il volume termina con alcune proposte articolate su più piani, tutte indirizzate a stabilire nuove forme di comunicazione intergenerazionale. Sul piano locale, vengono proposti programmi di alfabetizzazione digitale degli anziani da parte dei nativi digitali da svolgersi all’interno di associazioni di volontariato e di quartiere, mentre sul piano politico-istituzionale viene prospettata la necessità di stabilire “quote giovani” nei diversi ambiti decisionali, si tratti delle elezioni politiche che dei consigli di amministrazione di società quotate in borsa, analogamente a quanto già avviene per le “quote rosa”. 

07/05/2022
Altri articoli di Stefano Becucci
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il coraggio

Leggendo Per motivi di giustizia di Marco Omizzolo

02/07/2022
Lezioni dell’emergenza e politiche del diritto

Sommario. – 1. L’esperienza della pandemia. La priorità dell’osservanza – 2. Presupposti epistemici del sistema normativo - 3. Autorità, libertà, autoresponsabilità – 4. Fare i conti con l’inosservanza – 5. Quali prospettive?

12/11/2021
Questione Giustizia chiama in giudizio Il Giornale. Per difendere la libertà di informazione

Domani la Rivista riapre dopo la pausa estiva. Ma prima di riprendere il flusso delle pubblicazioni dobbiamo dare notizia di una iniziativa. Questione Giustizia ha deciso di chiamare il quotidiano Il Giornale dinanzi al giudice civile per rispondere sia dell’articolo a firma di Luca Fazzo pubblicato il 14 agosto 2021, intitolato «Chiamata alla rivolta. GOLPE DEI MAGISTRATI CONTRO IL GREEN PASS» e sottotitolato «Le toghe rosse di Md: “E’ una misura anticostituzionale, non va applicata. Il rifiuto dei no vax è da proteggere”» sia del successivo rilancio dell’operazione denigratoria con un articolo, sempre a firma di Luca Fazzo, del 15 agosto. E’ un’azione a difesa della verità e della libertà della Rivista e di quanti vi scrivono. Se, infatti, nello scrivere o nel decidere di pubblicare articoli, saggi o documenti, si dovesse paventare l’infinita gamma di possibili falsificazioni attuate a partire da tali pubblicazioni, il risultato sarebbe la scelta del silenzio o dell’autocensura. Prospettive, entrambe, alle quali non intendiamo soggiacere. Di qui la decisione obbligata di agire in giudizio per accertare i fatti. In difesa della libertà di informazione. 

31/08/2021
Sul dovere costituzionale e comunitario di disapplicazione del cd. decreto green pass

Nel contesto del dibattito in corso nel Paese sui temi dell’obbligo vaccinale e della certificazione verde pubblichiamo questo studio dell’Osservatorio permanente per la legalità costituzionale Stefano Rodotà, che, per la qualità della riflessione svolta, colloca su un terreno elevato il confronto in atto su questioni difficili e controverse.

04/08/2021
Volete la libertà? Eccola

Alla pandemia che ha pesantemente inciso su tutti gli aspetti della vita del Paese si è aggiunta una “infodemia” incontrollata e incontrollabile: una furia narrativa che lo ha diviso in due fazioni, agevolata da un uso pervasivo dei social media. Al fondo alle argomentazioni che valutano in termini contrapposti la disciplina dell’onere della vaccinazione e del certificato verde sta il medesimo tema – la libertà naturale – sul quale vale la pena di soffermarsi a riflettere.

03/08/2021
Vaccino, siero, antidoto, bugiardino. Bagattella semiseria sull’uso (improprio) di termini scientifici in tempo di pandemia e infodemia

Ovvero di Mitridate, di Cleopatra e di Romeo e pure di Lucrezia Borgia, e di quanto è importante chiamare con il nome giusto i farmaci per la prevenzione della pandemia ed il foglio illustrativo

24/07/2021
Note in tema di individuazione dei soggetti obbligati ai vaccini a seguito del decreto legge n. 44/2021

Le norme dettate in materia di obbligo vaccinale dall’art. 4 del d.l. 1 aprile 2021, n. 44, rappresentano l’intervento politico, da molti auspicato, che scioglie il dilemma, dibattuto lungamente in questi mesi in ambito giuslavoristico, a proposito dell’impatto della profilassi vaccinale all’interno del settore sanitario socio assistenziale. In questa sede, si analizzeranno l’individuazione dei soggetti destinatari dell’obbligo e il rilievo sistematico che l’intervento del d.l. assume rispetto al TU n. 81/2008.

20/04/2021