Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

La Procura Generale della Corte di Cassazione torna ad occuparsi di carcere

di Marco Patarnello
magistrato di sorveglianza a Roma

Con la nota ex art. 6 D.lgs 106/2006 (pubblicata unitamente a questo breve scritto di presentazione), il Procuratore Generale della Corte di Cassazione mira a rendere omogenee le linee di intervento in punto di utilizzazione della detenzione domiciliare quale strumento di alleggerimento del sovraffollamento carcerario e di rimozione degli ostacoli che si frappongono a tale utilizzazione.

A distanza di nove mesi da un precedente e significativo intervento[1] il Procuratore generale ritorna sul carcere e sulle sue problematiche, stavolta utilizzando il peculiare strumento di cui all’art. 6 del D.lgs 106/2006 con la finalità di favorire orientamenti omogenei all’interno degli uffici requirenti intorno al tema dell’esecuzione penale e della detenzione domiciliare in particolare. E’ evidente che il carcere -e le sue condizioni di vita e di sicurezza- costituisce uno dei nuclei di attenzione dell’azione direttiva del Procuratore Salvi. Attenzione giustificata, considerata la centralità che l’esecuzione penale ricopre nell’ambito della giustizia penale e la centralità che il carcere riveste -nel bene e nel male- nel nostro ordinamento, rispetto all’esecuzione penale.

Ancora una volta l’approccio della Procura Generale è radicato nella concretezza del “qui e ora” e muove dalle ricadute che l’emergenza pandemica determina nelle strutture carcerarie. 

Si coglie una convinta assunzione di responsabilità dello Stato rispetto alla salute delle persone ristrette e la consapevolezza dei rischi che l’insufficiente distanziamento sociale pone nell’ambito della vita interna agli istituti di pena. 

Ma soprattutto si coglie la consapevolezza che la marginalità sociale è parte consistente del problema carcerario e che l’accesso alla misura alternativa della detenzione domiciliare non di rado è in concreto pregiudicato non dalla pericolosità sociale dei soggetti ristretti, ma dalla mancanza di dotazioni abitative idonee e di progetti di inclusione sociale, strutturati quanto meno in forme di assistenza e di controllo. 

Il documento del Procuratore Generale dà atto del lavoro fatto dalle molte articolazioni istituzionali coinvolte - giudiziarie e non- e della consapevolezza del problema evidenziata dalla magistratura di sorveglianza, ma sottolinea il lavoro ancora da fare, la circostanza che non sempre risulta pienamente utilizzato il plafond di risorse abitative reperite mediante convenzione e soprattutto la circostanza che la pandemia impone soluzioni rapide finalizzate a sanare una discriminazione inaccettabile, quale quella basata sulla marginalità sociale.

A questo fine si promuove la realizzazione di azioni coordinate capaci di restituire alla magistratura di sorveglianza la possibilità di esercitare pienamente il proprio mandato istituzionale. In particolare si indica come necessario che il DAP e l’UEPE si coordinino al fine di fornire alla magistratura di sorveglianza una pratica già istruita, completa della verifica sull’idoneità del domicilio sotto i diversi profili e del più adeguato programma di inserimento sociale, anche mediante la collaborazione della Polizia Penitenziaria e delle Forze dell’Ordine. Ciò non senza sollecitare l’ufficio del pubblico ministero -per la parte di propria competenza- ad esaminare con la massima sollecitudine le istanze e i provvedimenti giurisdizionali, eventualmente attivando gli opportuni strumenti di reclamo, anche in conformità alle indicazioni emerse in occasione delle precedenti riunioni di coordinamento ex art. 6 D.lgs 106/2006. E non senza auspicare un coinvolgimento -da parte delle Procure della Repubblica- dei territoriali Consigli dell’Ordine degli avvocati che ne stimoli un contributo finalizzato alla migliore tutela dei detenuti “marginali”.   

Non si può dire che il tema sia secondario. Chiunque operi nella dimensione carceraria ha ben chiaro quanta parte della realtà carceraria sia riconducibile più che ad un problema di sicurezza sociale ad un problema di marginalità e quanto stridente sia questa constatazione rispetto ai principi costituzionali e prima ancora rispetto ai principi minimi di umanità e giustizia che devono improntare questa materia. Il tema delle risorse investite dallo Stato su questo ed altri analoghi terreni (si pensi, solo a titolo di esempio, alla tutela della salute mentale) è un tema scottante, nonostante l’impegno della magistratura di sorveglianza ad un approccio realistico e pragmatico al tema della detenzione domiciliare, particolarmente in tempi di emergenza epidemiologica, nonostante le timidezze o inadeguatezze degli interventi legislativi più recenti[2]


 
[1] Con provvedimento del 1° aprile 2020 diretto ai Procuratori Generali presso le corti di Appello -pubblicato da questa Rivista- la Procura Generale della Corte di Cassazione aveva varato un primo importante documento consistente in un’utile riflessione sulla normativa ordinaria e su quella emergenziale legata alla congiuntura epidemiologica da Covid-19, con l’obiettivo di sottolineare l’incidenza della congiuntura epidemiologica nella vita carceraria caratterizzata da un consistente sovraffollamento ed enucleare spazi interpretativi razionali finalizzati ad alleggerire il numero di detenuti presenti negli istituti di pena.

[2] Da ultimo, Chiara Congestri, L’emergenza Covid-19 negli istituti penitenziari, in Connessioni di Diritto Penale; 30, L’Unità del Diritto, Collana del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre, 2020.

12/01/2021
Altri articoli di Marco Patarnello
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Diritti, doveri, organizzazione. Quali norme per la campagna vaccinale anti-Sars-CoV-2

La rassegna delle norme in materia di campagna vaccinale anti-Sars-CoV-2 contenute nella legge di bilancio e in altri provvedimenti recenti ne segnala l’insufficienza a fronte della necessità di affrontare con leggi e regolamenti – e non con provvedimenti amministrativi – le questioni riguardanti diritti e doveri dei cittadini ed aspetti organizzativi correlati. 

12/01/2021
La Procura Generale della Corte di Cassazione torna ad occuparsi di carcere

Con la nota ex art. 6 D.lgs 106/2006 (pubblicata unitamente a questo breve scritto di presentazione), il Procuratore Generale della Corte di Cassazione mira a rendere omogenee le linee di intervento in punto di utilizzazione della detenzione domiciliare quale strumento di alleggerimento del sovraffollamento carcerario e di rimozione degli ostacoli che si frappongono a tale utilizzazione.

12/01/2021
La sospensione della prescrizione dei reati in tempi di pandemia. La Corte costituzionale promuove la legislazione dell’emergenza

Con la sentenza n. 278 del 23 dicembre 2020 la Corte costituzionale ha risposto ai dubbi da più parti avanzati sulla normativa che ha disposto la sospensione della prescrizione come effetto della sospensione dei termini processuali e del rinvio delle udienze durante il periodo di maggiore gravità della pandemia da Covid-19. 
Accanto all’intrinseco interesse per le motivazioni con cui la Corte costituzionale ha dato conto della compatibilità delle norme scrutinate, nella vicenda emerge un altro profilo meritevole di attenzione. Il dissenso, reso pubblico dal giudice relatore, sulla soluzione adottata e la sua conseguente e fisiologica sostituzione per la redazione della sentenza ripropongono il tema della pubblicità delle opinioni dissenzienti. 

11/01/2021
Il diritto di vaccinarsi. Criteri di priorità e ruolo del Parlamento

Mentre è in corso il dibattito sulla obbligatorietà o meno della vaccinazione anticovid  restano senza adeguata risposta altri, più cruciali e certamente più pressanti interrogativi: chi deciderà le priorità di accesso ai vaccini e con quali strumenti?  Sono molte le ragioni che fanno ritenere necessario l’intervento del Parlamento. Solo una legge - che non è affatto sinonimo di soluzione rigida - può legittimare scelte difficili e potenzialmente tragiche e stabilire la cornice e i criteri di coordinamento dell’azione delle diverse istituzioni coinvolte nell’attuazione delle vaccinazioni. 

04/01/2021
L’European Stability Mechanism (ESM) visto da vicino

Il meccanismo europeo di stabilità prevede forme di intervento originariamente disciplinate in sede sovranazionale sulla base delle esigenze di risposta a crisi economiche asimmetriche. L’emergenza epidemiologica sta producendo un mutamento di regole e di prospettiva.

07/12/2020
Un’occasione mancata a sostegno della tutela delle lavoratrici madri. Qual è “il fattore protetto” dalla normativa antidiscriminatoria ai tempi del Covid?

La crisi economica e sociale determinata dalla pandemia in atto - a maggior ragione a fronte della ripresa dell’emergenza sanitaria verificatasi con la c.d. “seconda ondata” - richiede una più capillare attenzione nell’individuazione delle ipotesi di discriminazione e dei fattori protetti, siano essi tipici o meno, anche utilizzando metodologie di indagine capaci di tenere conto, attraverso la c.d. “gender lens”, dell’impatto della crisi sull’occupazione delle donne e, in particolare, delle lavoratrici madri.

30/11/2020
La mia seconda testimonianza

La nuova ondata della pandemia tra preoccupazione, paura, negazionismo, impreparazione e improvvisazione. Gli uffici giudiziari penali, la loro organizzazione, l’esigenza di rendere comunque giustizia e di pensarsi come collettività.

16/11/2020
Pandemia COVID-19 e scarsità di risorse sanitarie. Indicazioni scientifiche, etiche e giuridiche in Svizzera

Nel marzo 2020 l’Accademia svizzera delle scienze mediche (Akademien der Wissenschaften Schweitz) e la Società svizzera di medicina intensiva hanno fornito indicazioni sul possibile razionamento dei trattamenti di medicina intensiva reso necessario dalla scarsità di risorse per massiccio afflusso di pazienti COVID-19, il cui contenuto si basa su presupposti scientifici ed etici ma tiene conto di parametri normativi costituzionali e ordinari. L’attuale aumento dei contagi potrebbe rende applicabili le indicazioni, e anche in Italia di recente vi è stata una presa di posizione deontologica.

04/11/2020
Emergenza socio-economica e pericolo mafioso

Nei saggi di Piergiorgio Morosini e di Costantino Visconti vengono analizzati, in sequenza, i rischi di penetrazione della criminalità organizzata nella società e nell’economia messe a dura prova dall’emergenza sanitaria ed economica, le forme di contrasto alle possibili infiltrazioni e gli strumenti di tutela delle imprese dal pericolo mafioso.

16/10/2020