Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

La Procura Generale della Corte di Cassazione torna ad occuparsi di carcere

di Marco Patarnello
magistrato di sorveglianza a Roma

Con la nota ex art. 6 D.lgs 106/2006 (pubblicata unitamente a questo breve scritto di presentazione), il Procuratore Generale della Corte di Cassazione mira a rendere omogenee le linee di intervento in punto di utilizzazione della detenzione domiciliare quale strumento di alleggerimento del sovraffollamento carcerario e di rimozione degli ostacoli che si frappongono a tale utilizzazione.

A distanza di nove mesi da un precedente e significativo intervento[1] il Procuratore generale ritorna sul carcere e sulle sue problematiche, stavolta utilizzando il peculiare strumento di cui all’art. 6 del D.lgs 106/2006 con la finalità di favorire orientamenti omogenei all’interno degli uffici requirenti intorno al tema dell’esecuzione penale e della detenzione domiciliare in particolare. E’ evidente che il carcere -e le sue condizioni di vita e di sicurezza- costituisce uno dei nuclei di attenzione dell’azione direttiva del Procuratore Salvi. Attenzione giustificata, considerata la centralità che l’esecuzione penale ricopre nell’ambito della giustizia penale e la centralità che il carcere riveste -nel bene e nel male- nel nostro ordinamento, rispetto all’esecuzione penale.

Ancora una volta l’approccio della Procura Generale è radicato nella concretezza del “qui e ora” e muove dalle ricadute che l’emergenza pandemica determina nelle strutture carcerarie. 

Si coglie una convinta assunzione di responsabilità dello Stato rispetto alla salute delle persone ristrette e la consapevolezza dei rischi che l’insufficiente distanziamento sociale pone nell’ambito della vita interna agli istituti di pena. 

Ma soprattutto si coglie la consapevolezza che la marginalità sociale è parte consistente del problema carcerario e che l’accesso alla misura alternativa della detenzione domiciliare non di rado è in concreto pregiudicato non dalla pericolosità sociale dei soggetti ristretti, ma dalla mancanza di dotazioni abitative idonee e di progetti di inclusione sociale, strutturati quanto meno in forme di assistenza e di controllo. 

Il documento del Procuratore Generale dà atto del lavoro fatto dalle molte articolazioni istituzionali coinvolte - giudiziarie e non- e della consapevolezza del problema evidenziata dalla magistratura di sorveglianza, ma sottolinea il lavoro ancora da fare, la circostanza che non sempre risulta pienamente utilizzato il plafond di risorse abitative reperite mediante convenzione e soprattutto la circostanza che la pandemia impone soluzioni rapide finalizzate a sanare una discriminazione inaccettabile, quale quella basata sulla marginalità sociale.

A questo fine si promuove la realizzazione di azioni coordinate capaci di restituire alla magistratura di sorveglianza la possibilità di esercitare pienamente il proprio mandato istituzionale. In particolare si indica come necessario che il DAP e l’UEPE si coordinino al fine di fornire alla magistratura di sorveglianza una pratica già istruita, completa della verifica sull’idoneità del domicilio sotto i diversi profili e del più adeguato programma di inserimento sociale, anche mediante la collaborazione della Polizia Penitenziaria e delle Forze dell’Ordine. Ciò non senza sollecitare l’ufficio del pubblico ministero -per la parte di propria competenza- ad esaminare con la massima sollecitudine le istanze e i provvedimenti giurisdizionali, eventualmente attivando gli opportuni strumenti di reclamo, anche in conformità alle indicazioni emerse in occasione delle precedenti riunioni di coordinamento ex art. 6 D.lgs 106/2006. E non senza auspicare un coinvolgimento -da parte delle Procure della Repubblica- dei territoriali Consigli dell’Ordine degli avvocati che ne stimoli un contributo finalizzato alla migliore tutela dei detenuti “marginali”.   

Non si può dire che il tema sia secondario. Chiunque operi nella dimensione carceraria ha ben chiaro quanta parte della realtà carceraria sia riconducibile più che ad un problema di sicurezza sociale ad un problema di marginalità e quanto stridente sia questa constatazione rispetto ai principi costituzionali e prima ancora rispetto ai principi minimi di umanità e giustizia che devono improntare questa materia. Il tema delle risorse investite dallo Stato su questo ed altri analoghi terreni (si pensi, solo a titolo di esempio, alla tutela della salute mentale) è un tema scottante, nonostante l’impegno della magistratura di sorveglianza ad un approccio realistico e pragmatico al tema della detenzione domiciliare, particolarmente in tempi di emergenza epidemiologica, nonostante le timidezze o inadeguatezze degli interventi legislativi più recenti[2]


 
[1] Con provvedimento del 1° aprile 2020 diretto ai Procuratori Generali presso le corti di Appello -pubblicato da questa Rivista- la Procura Generale della Corte di Cassazione aveva varato un primo importante documento consistente in un’utile riflessione sulla normativa ordinaria e su quella emergenziale legata alla congiuntura epidemiologica da Covid-19, con l’obiettivo di sottolineare l’incidenza della congiuntura epidemiologica nella vita carceraria caratterizzata da un consistente sovraffollamento ed enucleare spazi interpretativi razionali finalizzati ad alleggerire il numero di detenuti presenti negli istituti di pena.

[2] Da ultimo, Chiara Congestri, L’emergenza Covid-19 negli istituti penitenziari, in Connessioni di Diritto Penale; 30, L’Unità del Diritto, Collana del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi Roma Tre, 2020.

12/01/2021
Altri articoli di Marco Patarnello
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Note in tema di individuazione dei soggetti obbligati ai vaccini a seguito del decreto legge n. 44/2021

Le norme dettate in materia di obbligo vaccinale dall’art. 4 del d.l. 1 aprile 2021, n. 44, rappresentano l’intervento politico, da molti auspicato, che scioglie il dilemma, dibattuto lungamente in questi mesi in ambito giuslavoristico, a proposito dell’impatto della profilassi vaccinale all’interno del settore sanitario socio assistenziale. In questa sede, si analizzeranno l’individuazione dei soggetti destinatari dell’obbligo e il rilievo sistematico che l’intervento del d.l. assume rispetto al TU n. 81/2008.

20/04/2021
Sanitari: è possibile uno “scudo penale” più efficace dell’attuale?

Il recentissimo decreto legge Draghi introduce, adattandola alle operazioni di somministrazione dei vaccini anti-Covid, una scriminante analoga – ma non identica - a quella introdotta, nel 2017, dalla legge Gelli Bianco nell’ambito di una disciplina delle ipotesi di colpa medica che resta oggetto di molte critiche dei professionisti della sanità. E’ un dato positivo, ma per rispondere alle comprensibili preoccupazioni di medici ed infermieri occorre anche ricercare nuove soluzioni sul terreno del procedimento penale, prevedendo una prima linea di tutela dell’interesse collettivo del personale sanitario. 

10/04/2021
Questioni applicative in tema di rifiuto di vaccinarsi: dalla circolare INAIL dell’1.3.2021 all’ordinanza del giudice di Belluno del 19.3.2021

Tra i molti profili critici che riguardano la campagna vaccinale in corso contro l’epidemia da Sars-CoV-2, si affaccia alle cronache quello che concerne la reazione del datore di lavoro contro il dipendente che rifiuta di vaccinarsi, costituendo in tal modo un potenziale fattore di contagio nei confronti di terzi.

29/03/2021
Il disordine “iniquo” delle vaccinazioni

Nel Paese si assiste a un paradosso. A fronte del fittissimo reticolo di prescrizioni e di sanzioni per il contenimento del contagio si registra l’assenza di regole flessibili ma vincolanti e cogenti per lo svolgimento della campagna vaccinale, unica misura realmente decisiva per contrastare e debellare la diffusione del virus; con l’effetto di perpetuare un caos iniquo e dalle conseguenze potenzialmente tragiche. Esistono però le condizioni politiche ed istituzionali per dar vita ad un rapido intervento ordinatore dello Stato e per istituire forme di efficace deterrenza dirette a contrastare abusi e favoritismi. 

23/03/2021
Recensione a "Euro-piattaforme: scienza tecnologia ed economia"

La recensione al volume a cura di Alberto Quadrio Curzio, Marco Fortis e Alberto Silvani, edito nel 2020 da Il Mulino

20/03/2021
Il sostegno all’economia nella crisi da COVID: il versante penale. Le fattispecie applicabili e le indagini

Le misure di sostegno che lo Stato ha varato nel corso dell’epidemia COVID - indispensabili per fronteggiare la crisi economica e sociale - comportano rischi di indebito accesso ai finanziamenti previsti e di illecita appropriazione di risorse pubbliche. Di qui l’esigenza di analizzare i meccanismi delle principali misure economiche messe in campo dallo Stato, di verificare l’applicabilità delle norme penali vigenti alle condotte illecite e di elaborare progetti investigativi adeguati a contrastarle.

15/03/2021
Diritto alla salute e diritto all’istruzione alla prova dell’emergenza pandemica. Proporzionalità e ragionevolezza delle scelte amministrative

Il Tar di Milano, nella pronuncia cautelare in commento, ha accolto la domanda di un gruppo di genitori e di un comitato per il diritto allo studio, sospendendo l’efficacia dell’ordinanza regionale con la quale era stato posticipato il rientro in classe per gli studenti lombardi degli istituti scolastici secondari superiori e prorogata la didattica a distanza. La decisione del giudice amministrativo si appunta in una prima parte sul nodo dell’incompetenza della Regione, ricostruendo il riparto dei poteri entro un panorama normativo assai complesso. In una seconda parte, il provvedimento regionale è sottoposto a un vaglio di ragionevolezza e proporzionalità dal quale emerge come la misura adottata non risponda ai necessari canoni di adeguatezza e congruità. La pronuncia offre spunti per riflettere sull’impatto dell’emergenza pandemica sul tradizionale rapporto tra potere dell’amministrazione e controllo del giudice amministrativo.

03/02/2021
Ospiti delle RSA e consenso alla vaccinazione anti Covid-19: un percorso ad ostacoli?

L’articolo 5 del decreto legge n. 1 del 5 gennaio 2021 disciplina la manifestazione del consenso al trattamento sanitario del vaccino anti Covid-19 per i soggetti incapaci ricoverati presso strutture sanitarie assistite. Si tratta di verificare se la complessa e minuziosa normativa sia riuscita a coniugare le esigenze di celerità nella somministrazione del vaccino con le garanzie per i ricoverati sotto il profilo della tutela della loro salute e dell’espressione del consenso.

27/01/2021
Le vaccinazioni anti Sars-CoV-2 delle persone incapaci «ricoverate presso strutture sanitarie assistite». Prima lettura dell’articolo 5 d.l. n. 1/2021

Il decreto legge n. 1 del 2021 ha introdotto una minuziosa disciplina per favorire l’espressione del consenso al trattamento vaccinale delle persone incapaci «ricoverate presso strutture sanitarie assistite». La prima lettura delle norme fa emergere alcuni problemi interpretativi e pratici.

27/01/2021