Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

I giudici, l’imparzialità e la moglie di Cesare

di Giulio Cataldi
Presidente di Sezione, Tribunale di Napoli

In queste ore di scomposti attacchi contro giudici (e si tratta di giudici civili, un inedito per il nostro Paese), di sguaiate contestazioni delle loro idee (non dei loro provvedimenti) e di utilizzo di veri e propri dossier, pronti all’occorrenza, mi è capitato di sentir ripetere, adattata al mondo giudiziario, la storiella sulla moglie di Cesare, che non solo doveva essere, ma anche apparire onesta. Per i giudici, si ripete, anche da tanti benpensanti, che non solo devono essere, ma anche apparire imparziali.

Mi sono soffermato a riflettere su quest’affermazione, che ai più può sembrare scontata, corretta, condivisibile. Ma che, a mio modo di vedere, può celare un profondo inganno.

Ed allora, analizziamola quest’affermazione, partendo dalla parte che, a prima vista, non dovrebbe creare alcun problema: i giudici devono essere imparziali.

Sembrerebbe che su questa frase non possano sorgere divergenze: ci mancherebbe altro che un giudice non fosse imparziale, che, dunque, nelle proprie decisioni “parteggiasse” per l’una o l’altra parte, o avesse di mira risultati diversi dalla mera applicazione del diritto al caso concreto.

Eppure, molto spesso, quasi sempre, i casi sottoposti all’esame dei giudici non sono aride carte, ma vicende umane più o meno complesse; e chi le giudica non è un robot, che meccanicamente “sforna” la decisione sulla base di un algoritmo, ma un essere umano che ha le proprie idee, avverte le proprie passioni, ed è portatore di sensibilità diverse. Dunque, imparzialità non è, non può essere (e secondo me, non deve essere) “indifferenza”, quasi che decidere in un modo o in un altro possa lasciare impassibili con la consolazione di aver soltanto applicato la legge. Il giudice “sente” le vicende su cui è chiamato a giudicare, le “vive” in misura maggiore o minore a seconda dei casi e dei momenti; e la sua imparzialità si confronta continuamente con la sua partecipazione alla vicenda che esamina. 

Più corretta, in definitiva, mi parrebbe la frase che stiamo analizzando se non affermasse in modo categorico che i giudici devono essere imparziali, ma che i giudici devono “sforzarsi” di essere imparziali: l’imparzialità, cioè, non è uno status raggiunto una volta e per sempre, una maschera da indossare insieme alla toga per (fingere di) non provare sentimenti ed emozioni, ma un continuo esercizio di raffronto tra quanto suggerito dal proprio foro interiore e quanto (a volte anche molto diverso) emerge dalla realtà processuale, per non lasciar prevalere il primo, ma senza con ciò ridursi a meri automi senza anima.

Ancor più opinabile, poi, mi pare l’altra parte della frase nel senso oggi diffuso dal senso comune imperante: i giudici devono anche apparire imparziali. 

Centrale mi pare l’utilizzo del verbo, apparire, che, come insegnano i dizionari, seguito da un aggettivo significa “mostrarsi”, ma può significare anche “sembrare”, rimarcando una contrapposizione tra ciò che sembra e ciò che davvero è.

Che significa allora “apparire imparziali”? a seguire gli strepiti oggi assai diffusi, vorrebbe dire essere indifferenti («odio gli indifferenti»…), non mostrarsi e non mostrare il proprio modo di vedere il mondo. Ma questa “apparenza di imparzialità” sarebbe, allora, un camuffamento della “parzialità”: se per sembrare imparziali bastasse comportarsi da “sfinge”, dissimulare ogni emozione, ogni partecipazione, evitare ogni discussione o dibattito, non prendere mai posizione, il risultato, per quanti aspirano alla famosa “giustizia giusta”, sarebbe ben misero. Il giudice potrebbe essere del tutto fazioso e partigiano, l’importante è che non si sappia, ed il gioco è fatto.

No, apparire imparziale non può significare questo. Il giudice deve “apparire” imparziale nel processo, mostrarsi capace di imparzialità in ogni passaggio dei processi che è chiamato a gestire. Deve, cioè, essere in grado di infondere fiducia nelle parti che, quali che siano le sue convinzioni, le sue opinioni, il suo credo religioso, egli/ella sarà in grado di dominarli, apparendo dunque un buon arbitro della controversia che è chiamato a risolvere. E tanto più apparirà imparziale in quanto siano palesi e conosciuti i suoi sentimenti, le sue passioni, le sue opinioni: la sua capacità di “apparire imparziale”, nel senso indicato, potrà, in tal caso misurarsi su dati palesi, pubblici, conosciuti e conoscibili senza bisogno di rimestare tra frammenti di video di anni precedenti o su, a volte inavvertiti o imprudenti, post pubblicati sui social.

La china che, invece, si sta imboccando maltrattando il significato di parole e concetti da maneggiare con cura, può portare, oltre che a palesi strumentalizzazioni quali quelle a cui assistiamo in questi giorni e in queste ore, ad una diffidenza ingiustificata e ad accuse di parzialità di giudici “a prescindere”: se ha cantato Bella Ciao, allora non mi può giudicare, perché non è imparziale; se va in Chiesa la domenica, allora non può esaminare la mia domanda di separazione, perché non è imparziale; se ha manifestato idee politiche a favore di una parte, allora non può giudicare quel politico che appartiene ad altra parte, perché non è imparziale; se è iscritto al WWF non può giudicare di reati ambientali, perché non è imparziale; e così via, alla ricerca di una finta imparzialità che, alla fine, cela solo il desiderio di liberarsi di giudici scomodi o scegliersi quelli a sé più vicini. 

20/10/2023
Altri articoli di Giulio Cataldi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Magistrato e cittadino: l’imparzialità dell’interprete in discussione

Dopo la fase del costituzionalismo politico che, superando la concezione dell’applicazione burocratica del diritto, aveva immesso la giurisdizione nell’attuazione dell’indirizzo politico-costituzionale, ponendo all’inizio dell’interpretazione del diritto i valori dell’interprete, nell’odierna stagione del costituzionalismo per principi l’imparzialità dell’interprete è affidata all’assunzione di un dovere di indipendenza da se stesso. Che il magistrato debba anche apparire imparziale non significa però astenersi dal prendere parte al dibattito democratico, cui il magistrato partecipa esprimendo le proprie scelte politiche al pari di ogni cittadino, ma significa essere ed apparire indipendente da formazioni politiche e soggetti operanti nel settore economico o finanziario, perché la sostanza dell’imparzialità è l’indipendenza.

22/11/2023
Tre vecchi errori

Prospettive riformistiche per l'inizio e la fine della carriera del magistrato

07/11/2023
Tra giurisdizionalizzazione e politicizzazione. La percezione dei magistrati della riforma dell’ordinamento giudiziario

Obiettivo del presente contributo è fornire una lettura socio-giuridica sulle riflessioni emerse dalla ricerca in merito ad alcuni aspetti della riforma dell’ordinamento giudiziario. Il dibattito attorno alla riforma, oltre a riscuotere ampia risonanza mediatica, è un tema particolarmente rilevante per i magistrati stessi, sia per via delle ricadute sulla quotidianità lavorativa, sia, più in generale, per l’impatto sulla rappresentazione sociale di tale ruolo. Il processo di riforma tocca infatti alcune questioni sostanziali in tema di organizzazione giudiziaria, con effetti sulla separazione dei poteri, sull’autonomia del magistrato stesso e, in termini più generali, sul rapporto tra magistrati e politica.

02/11/2023
Questioni di genere in magistratura: tra femminilizzazione e complessità

Il contributo si focalizza sulle differenze di genere in magistratura alla luce della ricerca, sottolineando i principali elementi emersi sul punto nelle interviste con magistrate e magistrati. Quale tematica ricorrente nelle interviste, viene posta particolare attenzione alla questione della maternità, ricostruendo le varie prospettive che si sono delineate sulla questione. Alla luce della femminilizzazione numerica della magistratura, nel contributo vengono inoltre elaborate alcune riflessioni sulle esperienze delle donne negli uffici giudiziari e sulla – persistente – minore presenza femminile negli incarichi direttivi e semidirettivi.

01/11/2023
New Public Management e organizzazione giudiziaria: la prospettiva dei magistrati

In questo articolo si introducono alcune riflessioni, frutto delle testimonianze offerte dai magistrati coinvolti nella ricerca, sul rapporto fra scelte organizzative e gestione dei carichi di lavoro. In particolare, si è inteso indagare sull’approccio dei magistrati rispetto a quell’insieme di pratiche e concezioni che sono definite attraverso l’etichetta di New Public Management. Ciò che emerge è un quadro molto conflittuale dove gli intervistati si mostrano particolarmente critici, sia nei confronti delle scelte del legislatore, sia rispetto ai criteri di assegnazione degli organici e dei carichi di lavoro. I risultati stimolano alla produzione di nuovi studi e ricerche sull’amministrazione della giustizia in Italia in vista di ulteriori riforme che dovrebbero essere finalmente condivise da tutti gli attori in campo.

31/10/2023
La tecnologia per lavorare meno o per lavorare meglio? Riflessioni sul futuro della giustizia ad alta intensità tecnologica

Il contributo indaga la percezione che i magistrati coinvolti nella ricerca hanno rispetto a un’accresciuta tecnologizzazione della loro professione, evidenziando i principali nodi critici affrontati durante le interviste e i focus group. Dopo aver fornito una proposta di classificazione degli strumenti tecnologici applicabili al giudizio, tra strumenti diagnostici e prognostici e strumenti autonomi o dipendenti dagli input umani, l’articolo distingue tra strumenti tecnologici utilizzati dal magistrato e sul magistrato. Dal magistrato, quando tali strumenti sono messi a disposizione per affinare, agevolare, velocizzare o ampliare qualsiasi attività processuale, a prescindere dalle funzioni ricoperte; sul magistrato, quando vengono invece utilizzati per “misurare” le performance professionali in termini di qualità e quantità di lavoro svolto dal singolo magistrato o dall’ufficio giudiziario di appartenenza.

30/10/2023
Formazione e "forma mentis" del magistrato

I magistrati che hanno partecipato alla presente ricerca hanno assunto le funzioni a seguito del superamento del concorso di secondo grado. In questo contributo saranno trattati i temi emersi nelle interviste e nei focus group con riferimento ai percorsi, alle esperienze formative e professionali pre-concorso e post lauream, si passeranno in rassegna poi le opinioni che questi nutrono nei confronti del concorso e del recente intervento legislativo che lo ha riformato, ma anche nei confronti della formazione, iniziale e permanente, erogata dalla Scuola Superiore della Magistratura. Il contributo termina infine con alcune considerazioni sulla forma mentis del magistrato e sul ruolo della formazione, soprattutto con riferimento all’interdisciplinarità a cui essa deve ambire e alle cosiddette soft skills.

27/10/2023
Dall’università alla magistratura: considerazioni sul rapporto tra studio e lavoro

Dedicando uno specifico spazio di attenzione al tema della formazione accademica, la ricerca ha invitato i giovani magistrati a riflettere retrospettivamente sul ruolo esercitato dagli studi universitari nel percorso di formazione del loro sapere di magistrati. Le considerazioni raccolte delineano una cultura giuridica dei giovani magistrati critica nei confronti di un’educazione che veicola una concezione del diritto ideale e distante dalla realtà. Allo stesso tempo, la ricerca rileva, nella percezione dei magistrati, la mancata corrispondenza tra le conoscenze richieste dal sistema di reclutamento e le competenze necessarie all’effettivo svolgimento delle funzioni.

26/10/2023
Una ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati: nota metodologica

La presente nota ricostruisce la metodologia adottata nell’ambito della ricerca, focalizzandosi sugli strumenti della ricerca qualitativa – interviste e focus group – selezionati e utilizzati nell’indagine. La nota presenta inoltre una descrizione del campione dei magistrati partecipanti alla ricerca, focalizzandosi su alcune caratteristiche, quali la regione sede di lavoro, il genere, la funzione, il settore, l’anno di presa di servizio.

25/10/2023