Magistratura democratica
Europa

CEDU e danni da emotrasfusioni

Corte europea dei diritti dell’Uomo, Prima sezione, sentenza 14 gennaio 2016, ricorso D.A. ed altri c. ITALIA

Una nuova condanna é stata pronunciata dalla Corte di Strasburgo nei confronti dell’Italia a tutela dei diritti di 889 persone danneggiate a seguito di trasfusione di sangue, di somministrazione di emoderivati ​​infetti e di vaccinazioni obbligatorie.

Alcuni ricorrenti avevano già ottenuto, all’esito di procedure giudiziarie lunghe, sentenze di condanna al pagamento di indennizzi in loro favore, ma, sebbene le relative sentenze (di primo grado) fossero esecutive, il pagamento non era stato effettuato dal ministero competente nonostante l’ulteriore decorso del tempo.

Per altri ricorrenti, vi era stato invece domanda di accesso alle procedure amichevoli di definizione della controversia, come introdotte dalle legge 222 e 244 del 2007, e qui si erano posti sia problemi in relazione ai criteri restrittivi fissati dal d.m. 162 del 4.5.2012, sia, per altro verso, in relazione all’equa riparazione prevista dal sopravvenuto decreto n. 90 del 2014 (che prevedeva per coloro che avessero fatto richiesta di composizione amichevole entro il 19 gennaio 2010 la possibilità di ricevere, a titolo di equa soddisfazione, un importo di 100 000 EUR).

I ricorrenti si erano rivolti a Strasburgo lamentando la violazione di numerose norme della Convenzione EDU, in ragione della durata dei procedimenti risarcitori interni, dell’inesecuzione delle sentenze di condanna risarcitorie nelle more ottenute dai danneggiati, della mancanza di rimedi risarcitori effettivi.

La Corte di Strasburgo, pur pervenendo ad una constatazione di violazione da parte dell’Italia di diverse norme della Convenzione e ad una condanna risarcitoria a titolo di danno materiale e morale arrecato ai ricorrenti, ha accolto solo in parte le domande, riconoscendo per altro verso l’adeguatezza del rimedio di composizione amichevole previsto dal decreto 90/2014 e la necessità di attivazione dello stesso quale rimedio interno necessario al fine dell’esaurimento delle vie di ricorso interne (esaurimento che come noto è una delle condizioni di ricevibilità dei ricorsi alla CEDU).

In particolare, per un primo gruppo di ricorrenti, la Corte ha accertato che vi è stata una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione, dell'articolo 1 del Protocollo n ° 1 alla Convenzione, dell'articolo 13 della Convenzione, nonché una violazione degli aspetti procedurali di cui all'articolo 2 della Convenzione.

Per quanto riguarda la violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione, relativa al giusto processo, la Corte ricorda che il diritto alla tutela giurisdizionale sarebbe illusorio se l'ordinamento giuridico interno di uno Stato contraente permettesse che le decisioni (esecutive, ancorché’ non divenute cosa giudicata) dei giudici rimanessero ineseguite (Hornsby c. Grecia, sentenza del 1997; Burdov c. Russia, n 59498/00, sentenza del 2002; Immobiliare Saffi c. Italia [GC], n. 22774/93, § 74, sentenza del 1999; Romashov v. Ucraina, n. 67534/01, § 43, sentenza del 2004).

E’ quanto avvenuto nel caso di specie per alcuni dei ricorrenti, i quali avevano ottenuto sentenze di condanna a loro favorevoli che, pur essendo esecutive benché appellate (ed i relativi giudizi di appello erano ancora pendenti al momento del ricorso a Strasburgo), erano rimaste ineseguite dall’amministrazione, nonostante il decorso di anni.

La Corte ha quindi ravvisato una violazione dell’art. 6 della Convenzione ed anche dell’art. 1 del Protocollo addizionale n. 1, atteso che le autorità nazionali, non rispettando le sentenze emesse a favore dei ricorrenti, avevano loro impedito di beneficiare del risarcimento del danno che loro potevano ragionevolmente aspettarsi di ottenere.

La Corte ha ravvisato anche la violazione dell’art. 13 della Convenzione, in ragione dell’assenza di un rimedio efficace di diritto interno per porre rimedio alle violazioni predette.

La Corte di Strasburgo è giunta dunque alla constatazione delle dette violazioni, senza tuttavia esaminare il distinto problema – nel caso, a quanto consta, non posto – della disponibilità nel concreto di rimedi di esecuzione forzata previsti dal nostro ordinamento e della loro idoneità al soddisfacimento dei diritti dei danneggiati.

All’accertamento della violazione si è accompagnata la condanna al risarcimento del danno materiale (quantificato nel medesimo importo già riconosciuto a livello nazionale) e del danno morale, liquidato nella medesima sentenza.

Un ulteriore profilo di violazione della Convenzione attiene all’articolo 2 sul piano procedurale, posto che numerosi ricorrenti hanno lamentato una violazione del diritto alla vita o quella dei loro danti causa, a causa della lunghezza delle procedure nazionali volte a compensare i danneggiati.

Richiamando il proprio precedente GN ed altri c. Italia, n. 43134/05, 1 dicembre 2009, la Corte ha rilevato che la durata dei procedimenti in questione era stata eccessiva e che le autorità italiane non avevano offerto risposta adeguata e tempestiva in conformità degli obblighi procedurali della richiamata disposizione procedurale (nella specie, si trattava di giudizi con durata complessiva da undici anni e tre mesi a quattordici anni e un mese per i tre gradi di giudizio).

Dall’accertamento della violazione è quindi derivata la condanna - contenuta nella decisione in commento - al risarcimento del danno morale in favore dei ricorrenti.

Infine, con riferimento ad altro gruppo di ricorrenti che avevano richiesto una composizione amichevole della loro controversia, la Corte ha esaminato il problema dell’accessibilità ed adeguatezza del rimedio di risoluzione della controversia previsto dal decreto n. 90 del 2014.

Nella specie, per verificare se il nuovo rimedio di compensazione potesse essere considerato un rimedio da “esaurirsi” previamente ai sensi dell'articolo 35 § 1 della Convenzione, la Corte ha ritenuto di dover utilizzare i seguenti criteri: i) l'accessibilità del rimedio in questione, ii) l'adeguatezza del compenso offerto dal governo e iii) le modalità di trattamento delle domande presentate dai ricorrenti.

In proposito, la Corte ha dato risposta positiva a tutte e tre le questioni, ritenendo che il rimedio è sufficientemente accessibile, che l’ammontare della compensation è di misura adeguata e che il piano d'azione pluriennale messo in opera dal Governo italiano per effettuare i pagamenti delle somme previste all’esito della composizione amichevole (che prevede la chiusura delle operazioni di pagamento al 31 dicembre 2017) è ragionevole, tenendo conto dell’ammontare rilevante delle somme da corrispondere in unica soluzione, del numero di richiedenti (circa 7000) e dei criteri di priorità da seguire fondati su esigenze meritevoli di tutela.

Ne deriva la configurabilità del rimedio ex decreto n. 90/2014 come via di ricorso interna, da esaurirsi previamente (a pena di inammissibilità del ricorso alla CEDU) da parte di coloro che avevano fatto domanda di risoluzione amichevole.

 

 

16/01/2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Corte di Strasburgo sul principio di autosufficienza del ricorso per cassazione

La Corte Edu legittima il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione e ne sancisce le funzioni di garanzia della certezza del diritto e buona amministrazione della giustizia, condannandone esclusivamente un’applicazione sproporzionata ed eccessivamente formalistica.

09/11/2021
Sentenze di giugno 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a giugno 2021

04/11/2021
Sentenze di maggio 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a maggio 2021

03/11/2021
La Corte costituzionale e le scelte del legislatore sull’ergastolo ostativo

In più scritti questa Rivista ha espresso il suo orientamento di apertura verso un nuovo assetto che, in tema di liberazione condizionale, sostituisca alla presunzione assoluta di mancata rescissione dei legami con la criminalità organizzata, superabile solo con la collaborazione, un vaglio in concreto del giudice di sorveglianza. 
Nello spirito di pluralismo e di confronto aperto che caratterizza Questione Giustizia pubblichiamo anche interventi di segno diverso, come quello odierno di Luca Tescaroli, che - dopo una ricognizione della giurisprudenza della Corte costituzionale e in vista della nuova normativa sollecitata dal giudice delle leggi – rappresenta le ragioni che stanno a fondamento del mantenimento di una disciplina ostativa rigorosa ed ancorata a presupposti certi.

01/10/2021
Reformatio in peius in appello e processo equo nella giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell’Uomo da Dan c. Moldavia a Maestri ed altri c. Italia

Nella sentenza Maestri ed altri c. Italia dell’8 luglio 2021 la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, oltre a ribadire la necessità di procedere ad una nuova escussione dei testimoni ai fini della condanna in appello preceduta da assoluzione in primo grado, come affermato in Lorefice c. Italia del 29 giugno 2017, per la prima volta condanna l’Italia per non essere stato disposto, anche d'ufficio, l'esame degli imputati prima di procedere al ribaltamento della sentenza assolutoria di primo grado. Il testo analizza la giurisprudenza europea sul tema, cogliendo l’occasione per qualche riflessione critica sul valore del precedente nella giurisprudenza della Corte Edu.

07/09/2021
Sentenze di marzo 2021

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2021
 
 

16/07/2021
Il crocifisso di nuovo in Cassazione. Note da amicus curiae

L’esposizione del crocifisso nelle aule scolastiche viola il principio di laicità e, pur se votata a maggioranza dalla classe, è discriminatoria nei confronti degli studenti e dell’insegnante non consenzienti. La tutela del diritto di libertà di coscienza consente la rimozione del simbolo, ad opera eventualmente dello stesso insegnante per la durata della lezione.

16/06/2021