Magistratura democratica
Magistratura e società

Recensione a "Annabella Abbondante. La verità non è una chimera"

di Caterina Trentini
giudice del tribunale di Milano

La recensione al libro di Barbara Perna (Giunti Editore, 2021)

Il tirocinio è finito, il MOT, magistrato ordinario in tirocinio, è in partenza per la sua prima sede e passa a salutare il “suo” affidatario. 

Anche il più rude tra i colleghi si intenerisce di fronte a questi grumi di entusiasmo e preoccupazione. Impazienza di iniziare il mestiere per cui hanno studiato anni, ma anche timore di farlo davvero.

L’affidatario gli augura in bocca al lupo e lo guarda andar via. 

Si chiede se, oltre a una fornita cassetta degli attrezzi, è riuscito a trasmettergli la cosa più importante, l’attitudine del giudice civile.

L’umiltà di ascoltare tutti e l’autorevolezza di decidere, alla fine, da solo.

L’empatia cognitiva verso le parti, specie le più deboli. Senza perdere in lucidità ed equidistanza. 

Il rispetto per tutti, ma proprio tutti, “a prescindere”. 

L’equilibrio tra “smaltimento” e attenzione alle persone che stanno dentro i fascicoli.

La forza d’animo di non scoraggiarsi di fronte a montagne di lavoro che a guardarle dalle pendici sembrano inscalabili, ma che poi, passo dopo passo, si affrontano e si superano, ogni volta con più scioltezza.

La libertà consapevole di fare una battuta per stemperare il clima di certe udienze, senza per ciò perdere in autorevolezza. 

La cura nel costruire attorno a sé un clima di collaborazione con ausiliari, avvocati e personale amministrativo.

Insomma...il mestiere.

«Per fare un magistrato ci vuole...» era intitolato un interessante articolo su questa rivista di dicembre scorso.

Questo pensa l’affidatario guardando il suo ultimo mot che se ne va.

E vorrebbe potergli dare dietro, oltre alla chiavetta USB con appunti e modelli, un memo tascabile che - senza prediche - semplicemente racconti le difficoltà e le soddisfazioni vere della vita del giudice civile. 

Ora c’è quel che fa al caso suo: uscirà il 15 settembre con Giunti Annabella Abbondante La verità non è una chimera

Un libro che - sotto mentite spoglie di divertimento allo stato puro - ha diverse cose da dire su due temi fondamentali: come si affronta il mestiere (o meglio i mestieri) del giudice civile e come lo si può raccontare all’esterno.

Annabella Abbondante è un giallo avvincente, in cui la storia del delitto si ricostruisce indizio dopo indizio.

Ancor più è un libro divertente, ma divertente per davvero, che strappa sorrisi e anche parecchie risate scomposte.

Ed è anche un bel romanzo, di quelli che la mattina, all’inizio di una giornata faticosa, pensi quanto è bello avere a sera ad aspettarti proprio quei personaggi lì.

E che quando il libro finisce ti senti un po’ sperduto, come quando in viaggio si conoscono persone nuove, si crea una bella alchimia...ma poi il viaggio finisce e ci si deve salutare.

Tutto questo però è la patina colorata, sotto c’è un geniale cripto-manualetto per mot, specie per chi, tra i vari mestieri del giudice civile, si trova a toccare la vita vera delle persone.

Esecuzioni, fallimenti, famiglia.

Annabella Abbondante, la protagonista, prende tremendamente sul serio il suo lavoro di giudice, ma ironia e mestiere fanno sì che non vi affoghi dentro. 

Ha una capacità innata di individuare  lucidamente gli interessi che stanno dietro ai conflitti, ha profondo rispetto per le sofferenze altrui e non sopporta la giustizia tradita dall’eccessivo formalismo.

Mentre diverte, mentre appassiona, mentre fa affezionare a questi buffi personaggi.. racconta da dentro il mestiere del giudice civile “ordinario”, il quotidiano del giudicare, a tratti noioso, spesso con le mani affondate nelle umane sofferenze. E mostra come farlo “in un certo modo” faccia davvero la differenza.

In tanto il racconto è efficace in quanto è fatto en passant, senza sermoni o tirate ideologiche, con l’esempio.

Proprio come fa il bravo affidatario. 

Di narrazioni del mestiere del penalista, soprattutto del pubblico ministero, abbondano le librerie. Più rara e quindi preziosa la figura di una giudice civile.

Una donna intelligente e determinata, un po’ secchiona come tutti i giudici civili, ma anche effervescente ed autoironica. Che non si prende troppo sul serio, è appagata dal suo lavoro “ordinario” e dal farlo “come si deve”.

Annabella Abbondante è la collega della porta accanto che tutti vorremmo avere. Anzi, per la verità è la collega che tutte vorremmo essere. 

 

 

 

25/09/2021
Altri articoli di Caterina Trentini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Ucraina: c'è un giudice a Kyiv?

L’incontro a Kyiv dei vertici UE con il Presidente Zelenskyy ha acceso le speranze di una accelerazione del processo di adesione dell’Ucraina all’Unione Europea. Ma le sue istituzioni, in particolare quelle giudiziarie, sono pronte?

04/05/2022
Cassese “salta la fila” e si pone alla guida dell’affollata militanza anti-magistratura

I difetti - veri o presunti - della giustizia e della magistratura italiana. Recensione a S. Cassese, Il governo dei giudici, Editori Laterza, 2022.

02/04/2022
L'Alta Corte. È davvero una buona idea?

Prime note sul “disegno di legge costituzionale” presentato al Senato il 28 ottobre 2021, intitolato: «Modifiche al Titolo IV della Parte II della Costituzione in materia di istituzione dell'Alta Corte».

25/03/2022
Qualità della ricerca, qualità della giurisdizione

Potenzialità di un dialogo che passa da una policy istituzionale 

22/03/2022
Porte girevoli tra magistratura e politica. Testimonianza e riflessioni

Nell’articolo di Gianfranco Amendola - magistrato che ha fatto la storia della tutela dell’ambiente nel nostro Paese e parlamentare europeo dal 1989 al 1994 – si intrecciano la testimonianza della sua personale esperienza in politica e riflessioni generali sul tema della peculiare “politicità” della funzione giudiziaria nell’ambito dei confini invalicabili fissati dalla legge.

14/03/2022
Mani pulite: una riflessione intima 30 anni dopo

In occasione del convegno organizzato dall’ANM di Milano per riflettere sui 30 anni di Mani Pulite, un magistrato di mezza età ricorda la “sua” tangentopoli: allora era solo un adolescente e quella indagine, senza che se ne accorgesse, avrebbe profondamente cambiato le sue scelte ideali e professionali. Gli anniversari portano bilanci. Questo è il suo, personalissimo.  

17/02/2022
Etica, magistratura e società. Pensieri e parole

L’etica, in quanto regola del comportamento, va discussa, più che insegnata. Ai magistrati spesso si chiede di incarnare una funzione, dunque l’etica sarebbe l’algoritmo del loro dover essere. Ma un tale algoritmo non esiste. Non resta, dunque, che barcamenarsi intorno ai casi di vita quotidiana, alla ricerca della propria cifra.

11/01/2022
La giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne come monito alla magistratura

Il senso della giornata dedicata all’eliminazione della violenza contro le donne non può che essere, per l’ordine giudiziario, quello di interrogarsi profondamente sulle ragioni per le quali ancora oggi, a più di dieci anni dall’inizio dello slancio legislativo specificatamente dedicato al tema, inaugurato con il decreto legge 23 febbraio 2009 e proseguito sino alla legge 19 luglio 2019 (il cosiddetto “Codice rosso”), la prassi giudiziaria non sia riuscita a farsi sistema complessivo né a migliorare, nemmeno in minima parte percentuale, il tasso di protezione delle vittime di violenza. Resistenze culturali alle tematiche di genere, carenze organizzative e di risorse, assenza di un piano formativo adeguato, sono le questioni che devono essere poste al centro di un dibattito franco ed esente da preclusioni corporative.  

25/11/2021