Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Porte girevoli tra magistratura e politica. Testimonianza e riflessioni

di Gianfranco Amendola
già magistrato e parlamentare europeo

Nell’articolo di Gianfranco Amendola - magistrato che ha fatto la storia della tutela dell’ambiente nel nostro Paese e parlamentare europeo dal 1989 al 1994 – si intrecciano la testimonianza della sua personale esperienza in politica e riflessioni generali sul tema della peculiare “politicità” della funzione giudiziaria nell’ambito dei confini invalicabili fissati dalla legge.

1. Leggendo i giornali, sembra che oggi il vero problema della giustizia sia costituito da “porte girevoli” con cui i magistrati fanno su e giù con la politica. Tutti sappiamo che non è vero e che, peraltro, la questione riguarda pochissimi magistrati. Ma, in ogni caso, avendo utilizzato queste porte girevoli (sono stato parlamentare europeo per i Verdi dal 1989 al 1994), mi permetto di intervenire sull’argomento. So bene che non c’è niente di più noioso di un magistrato anziano che ricorda i “vecchi tempi” con nostalgia e compiacimento, perdendosi in particolari “personali” che nulla hanno a che vedere con il problema generale di cui scrive. E, quindi, farò il possibile per evitare questo pericolo, limitandomi (o, almeno, ci proverò) ad alcune sintetiche osservazioni che, -se pure nascono dalla mia esperienza personale e, ovviamente, devono essere rapportate all’epoca cui mi riferisco (in trenta anni, molto è cambiato sia nel mondo dei magistrati sia in quello della politica) -, tuttavia, a mio sommesso avviso, possono essere utili per una riflessione circa la situazione attuale.

 

2. Vorrei, quindi, iniziare dal vero problema di fondo, quello della politicizzazione del magistrato. E’ una questione antica che addirittura è uno dei motivi che ha portato alla nascita di MD. Quando, a 25 anni, sono entrato in magistratura (era il 1967), c’erano due associazioni di magistrati, in quanto, oltre l’ANM, esisteva (e contava molto, pur se numericamente inferiore) anche l’UMI (Unione magistrati italiani) formata da magistrati “conservatori” (quasi tutti magistrati di Cassazione e capi degli uffici) che sventolavano la bandiera della apoliticità. Una delle prime battaglie dei magistrati “progressisti” di allora -e, in primo luogo della nascente MD- fu proprio quella di alzare il velo su questa presunta “apoliticità”, dimostrando che, in realtà, era vero il contrario in quanto essa si risolveva in una omogeneità con il potere dominante di stampo destro-centrista, che, paradossalmente, bollava di “politicizzazione” tutto il nuovo ed il “diverso” nel campo della magistratura.

Parallelamente, anche sulla base del realismo scandinavo e anglosassone, si prendeva coscienza che, in realtà, il magistrato svolge sempre un ruolo “politico”, in quanto è utopistico ritenere possibile «da un lato di liberare la scienza del diritto da ogni ideologia morale o politica e dall'altro di liberarla da ogni traccia di sociologia, cioè da considerazioni che si riferiscono all'effettivo corso degli eventi»[1]. In altri termini, al di là di ogni dichiarazione di principio puramente formale, deve considerarsi che il giudice è, in primo luogo, un essere umano, il quale, pur se fortemente attaccato all'obbedienza del diritto («coscienza giuridica formale»), in ogni decisione trasfonde la sua intera personalità, la sua cultura, i suoi valori, in modo da operare non solo in modo «corretto» ma anche in modo «giusto»[2] o «socialmente desiderabile». Ovviamente, tale attività può esplicarsi in un ambito maggiore o minore a seconda della personalità del giudice e del suo grado di preparazione, della formulazione della norma (più o meno “elastica”) e dell’intensità del disaccordo eventuale tra la coscienza giuridica formale e quella sostanziale. Purché sia chiaro che tale “libertà di manovra” non va confusa con il concetto di arbitrio in quanto deve sempre restare entro i confini posti dalla legge alla luce dei valori vigenti in quella società e in quel momento storico. E questo, piaccia o non piaccia, è un ruolo “politico” nel senso migliore del termine, ed inevitabile anche quando il giudice non vuole prenderne coscienza e preferisce, in perfetta buona fede, definirsi “apolitico”.

MD nacque proprio per rivendicare questo ruolo “politico” della magistratura, rifiutando di restare avulsa dalla società civile e dai tanti fermenti “progressisti” che sempre più la pervadevano: ad esempio apportando il proprio contributo professionale alla tante assemblee di lavoratori che dibattevano della salute in fabbrica e degli infortuni sul lavoro.

L’importante, ovviamente, è non confondere questa politicizzazione “naturale” del magistrato con la strumentalizzazione della funzione attraverso il perseguimento di fini di parte o con l’asservimento ad un partito politico. Ma questa non è politicizzazione, è materia da codice penale.

 

3. E’ in questo contesto, quindi, che va esaminata la problematica connessa con la candidatura di un magistrato in una formazione politica. Candidatura che non può certamente essere vietata, costituendo un diritto fondamentale del cittadino ma che, altrettanto certamente, può legittimamente essere soggetta a limiti per evitare che l’esercizio delle funzioni giudiziarie possa essere o apparire strumentalizzato a fini di parte, soprattutto nel momento dell’eventuale rientro in magistratura per insuccesso della candidatura ovvero dopo aver espletato un mandato parlamentare, quando non è opportuno che le funzioni giudiziarie vengano esercitate nel collegio in cui si è stati candidati o eletti. Così come oggi prevede la legge.

Francamente, non mi sembra che si tratti di “porte girevoli” o di una normativa particolarmente permissiva. Né, altrettanto francamente, mi sembra che un magistrato che rientra dopo un mandato parlamentare espletato in rappresentanza del proprio paese ad uno dei massimi livelli debba essere considerato un appestato non più degno di fare il magistrato.

 

4. E allora diciamola tutta. Oggi è convinzione comune che la politica è sempre una cosa sporca che sporca anche chi ne fa parte, specie se non viene dal mondo della politica ma da un mondo diverso come quello della magistratura. A mio sommesso avviso, si tratta di generalizzazione inaccettabile. Innanzi tutto, infatti, “entrare in politica” significa, per un magistrato, andare a svolgere funzioni istituzionali diverse, nelle quali, di regola, la sua esperienza professionale può essere utile e portare a risultati positivi. Se mi si consente una nota personale, al Parlamento europeo la mia esperienza di magistrato con specializzazione nel diritto ambientale mi ha permesso, nella commissione ambiente (dove sono stato vicepresidente), di ottenere importanti risultati nella elaborazione della normativa comunitaria, ad esempio nel settore dell’inquinamento acustico, dei rifiuti, e della tutela degli animali. Parallelamente ha comportato un notevole arricchimento della mia cultura giuridica (conoscevo ben poco della normativa comunitaria) e mi ha “aperto” ad un mondo e ad altre culture che hanno certamente migliorato la qualità (non solo “tecnica”) del mio lavoro quando sono rientrato in magistratura.

Certo, tutto dipende da come lo si fa. Ma, a mio avviso, il magistrato che entra nel mondo della politica per portare, da una diversa prospettiva, il suo contributo nelle istituzioni e agisce in buona fede diventa una risorsa non un problema.

Il problema, in realtà, non si pone per il lavoro istituzionale ma per il contatto con “la politica” e cioè con un mondo totalmente diverso, come valori, da quello di un magistrato. Ma anche in questo caso non si può generalizzare. Di certo, la qualità complessiva della classe politica italiana non è entusiasmante; e, peraltro, negli ultimi anni è molto peggiorata. Ma non si può fare di tutta erba un fascio e, peraltro, il magistrato in politica si trova in una posizione particolare perché, avendo una sua professionalità ed un suo “mestiere”, è certamente molto più libero di chi, invece, dipende totalmente dalla politica e dalle scadenze elettorali.

 

5. Se mi si consente un’altra nota personale, alla fine del mio mandato ho rifiutato la ricandidatura e sono tornato in magistratura perché, pur soddisfatto del mio lavoro di parlamentare europeo, non lo ero altrettanto della deriva che aveva imboccato il movimento che mi aveva eletto, dopo il massiccio ingresso di reduci da altre formazioni minoritarie, rispetto ai valori originari. Ma ho potuto fare questa mia scelta in tutta tranquillità in quanto sapevo che avevo sempre il mio lavoro e che avrei ripreso a svolgerlo come prima, senza alcun condizionamento dovuto alla mia esperienza “politica”. Il che è avvenuto senza che vi fosse alcun problema: dal 1994 al 2015 (quando sono andato in pensione) nessuno mi ha mai contestato o ricusato per la mia esperienza politica “di parte”. Eppure ho continuato ad occuparmi di ambiente e a “fare politica” come avevo sempre fatto. E, francamente, non credo di avere demeritato.

Ecco perché ritengo un errore “chiudere le porte girevoli”, impedendo per sempre, in modo generalizzato, ad un magistrato di tornare al suo lavoro dopo un’esperienza politica.

Non giova alla politica e non giova alla magistratura.


 
[1] ROSS, Diritto e giustizia, Torino 1965, pag. 4. Cfr. anche HART, Contributi all’analisi del diritto, Milano 1964, pag. 129 e segg.; OLIVECRONA, Il diritto come fatto, Milano 1967, pag. 107 e segg.

[2] Il termine viene usato evidentemente solo con riferimento all'atteggiamento soggettivo del giudice. Sul significato di «giustizia », cfr. in particolare PERELMAN, La giustizia, Torino 1959.

14/03/2022
Altri articoli di Gianfranco Amendola
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I tempi della giustizia. Avvocatura, magistratura e società. Riflessioni su «Una ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati»

Il contributo – partendo dal rapporto di ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati, che compone il fascicolo n. 4/2023 della Rivista trimestrale – esplora due delle principali cause dei lunghi tempi della giustizia in Italia: un eccessivo carico di lavoro dei magistrati, ulteriormente gravato da un arretrato “patologico”, e un elevato turnover. I rimedi non vanno tanto cercati in una nuova riforma del processo, né tantomeno in un contenimento della domanda giudiziaria, quanto piuttosto in una soluzione che coinvolga tutti gli stakeholder del settore giustizia, puntando su potenziamento dell’organico, tecnologia e innovazione.

15/02/2024
Il lavoro del magistrato, il rifiuto di un approccio burocratico e la sfida della responsabilità

Il lavoro concreto e quotidiano del magistrato, con le sua criticità e le dinamiche relazionali negli uffici giudiziari, costituiscono ambiti centrali della riflessione sulla magistratura per comprenderne lo stato di salute rispetto alla sua funzione istituzionale di tutela della persona e di gestione dei conflitti, e ai principi costituzionali di autonomia e indipendenza che ne sono a presidio. A tali ambiti della riflessione è dedicato il presente contributo, partendo dallo sguardo della giovane magistratura.

13/02/2024
Sui progetti di legge costituzionale per la separazione delle carriere giudicante e requirente della magistratura. Audizione alla Camera dei Deputati

I progetti di legge costituzionale per l’attuazione della separazione delle carriere giudicante e requirente della magistratura, pur mossi dall’intenzione di perseguire il principio liberale del potere che frena il potere, pongono le basi per lo sviluppo di un ordine requirente, autonomo e indipendente, funzionalizzato al risultato della vittoria nello scontro forense e in grado di minare i principi del costituzionalismo liberale a causa della forza centrifuga, rispetto al sistema dei poteri, che deriva dalla funzionalizzazione dell’istituzione a quel risultato. I progetti di legge costituzionali contengono inoltre previsioni, ulteriori rispetto alla separazione delle carriere, che vengono sottoposte ad analisi critica alla luce dei principi fondanti l’ordinamento della magistratura nella vigente Costituzione.

01/02/2024
Magistrato e cittadino: l’imparzialità dell’interprete in discussione

Dopo la fase del costituzionalismo politico che, superando la concezione dell’applicazione burocratica del diritto, aveva immesso la giurisdizione nell’attuazione dell’indirizzo politico-costituzionale, ponendo all’inizio dell’interpretazione del diritto i valori dell’interprete, nell’odierna stagione del costituzionalismo per principi l’imparzialità dell’interprete è affidata all’assunzione di un dovere di indipendenza da se stesso. Che il magistrato debba anche apparire imparziale non significa però astenersi dal prendere parte al dibattito democratico, cui il magistrato partecipa esprimendo le proprie scelte politiche al pari di ogni cittadino, ma significa essere ed apparire indipendente da formazioni politiche e soggetti operanti nel settore economico o finanziario, perché la sostanza dell’imparzialità è l’indipendenza.

22/11/2023
Tre vecchi errori

Prospettive riformistiche per l'inizio e la fine della carriera del magistrato

07/11/2023
Tra giurisdizionalizzazione e politicizzazione. La percezione dei magistrati della riforma dell’ordinamento giudiziario

Obiettivo del presente contributo è fornire una lettura socio-giuridica sulle riflessioni emerse dalla ricerca in merito ad alcuni aspetti della riforma dell’ordinamento giudiziario. Il dibattito attorno alla riforma, oltre a riscuotere ampia risonanza mediatica, è un tema particolarmente rilevante per i magistrati stessi, sia per via delle ricadute sulla quotidianità lavorativa, sia, più in generale, per l’impatto sulla rappresentazione sociale di tale ruolo. Il processo di riforma tocca infatti alcune questioni sostanziali in tema di organizzazione giudiziaria, con effetti sulla separazione dei poteri, sull’autonomia del magistrato stesso e, in termini più generali, sul rapporto tra magistrati e politica.

02/11/2023
Questioni di genere in magistratura: tra femminilizzazione e complessità

Il contributo si focalizza sulle differenze di genere in magistratura alla luce della ricerca, sottolineando i principali elementi emersi sul punto nelle interviste con magistrate e magistrati. Quale tematica ricorrente nelle interviste, viene posta particolare attenzione alla questione della maternità, ricostruendo le varie prospettive che si sono delineate sulla questione. Alla luce della femminilizzazione numerica della magistratura, nel contributo vengono inoltre elaborate alcune riflessioni sulle esperienze delle donne negli uffici giudiziari e sulla – persistente – minore presenza femminile negli incarichi direttivi e semidirettivi.

01/11/2023