Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

Legge Pinto - ma non solo - corte di Cassazione e CEDU su alcune questioni ancora controverse

di Roberto Conti
Consigliere corte di Cassazione
Legge Pinto - ma non solo - corte di Cassazione e CEDU su alcune questioni ancora controverse

1. Premesse.

2. Legge Pinto e rapporti fra processo di cognizione e procedimento di esecuzione (o di ottemperanza). Un lungo viaggio da Cass. S.U. n.27365/2009 a Cass. S.U. n.6312/2014.

3. Sulla (possibile) “lacuna” dell’ordinamento in tema di ritardo nel pagamento dell’indennizzo ex l.Pinto: ancora su Cass. S.U. n.6312/2014.

4. Dal contrasto fra ordinamento interno e CEDU alla lacuna. Alcune riflessioni sparse a proposito del ruolo del giudice.

5. La diversa posizione espressa dal Consiglio di Stato-Cons.Stato. ord.interl.,n.754/2014.

6. La Legge Pinto come banco di prova per la giurisprudenza nazionale sul modo di intendere “la sostanza” della giurisprudenza della Corte EDU. A proposito di una “presunta” interpretazione convenzionalmente orientata in tema di danno non patrimoniale per cause di lieve entità.

7. Altri dubbi all’orizzonte sulla l. Pinto: Cass.(ord.inter.) n.1382/2015.

8. Conclusioni “in progress”. La necessità di un dialogo fra Corti e il Protocollo n.16 annesso alla CEDU.

23/03/2015
Altri articoli di Roberto Conti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Sentenze di novembre 2022

Le più interessanti sentenze emesse dalla Corte di Strasburgo nel mese di novembre 2022

03/02/2023
Sentenze di ottobre 2022

Le più interessanti sentenze emesse dalla Corte di Strasburgo nel mese di ottobre 2022

20/01/2023
Sentenze di settembre 2022

Le più interessanti sentenze emesse dalla Corte di Strasburgo nel mese di settembre 2022

13/01/2023
La Corte Edu condanna l’Italia per la mancata tutela delle vittime di violenza domestica nei giudizi civili e minorili

Con la sentenza I.M. e altri c. Italia del 10 novembre 2022, la Corte di Strasburgo, nell’affermare che la sicurezza del genitore non violento e dei figli deve essere un elemento centrale nella valutazione dell'interesse superiore del minore in materia di affidamento, fa propri i rilievi del GREVIO nel rapporto sull’Italia del 14 giugno 2022 e ne condivide la preoccupazione per la prassi diffusa nei tribunali civili di considerare come genitori «non collaborativi» e «madri inadatte» le donne che invocano la violenza domestica come motivo per rifiutarsi di partecipare agli incontri dei figli con l'ex coniuge e per opporsi all'affidamento condiviso.

22/12/2022
Forme e formalismo tra Cassazione e Cedu

Relazione al ciclo di seminari Il ricorso per cassazione civile, organizzato da AGI Nazionale, Associazione giuslavoristi italiani (Roma, 25 novembre 2022)

12/12/2022
Finisce davvero il “fine pena mai”? Riflessioni e interrogativi sul decreto-legge che riscrive il 4-bis

Una prima analisi delle disposizioni del decreto-legge 162/2022 in materia di ergastolo ostativo. Superarlo effettivamente sarà un compito dell’interprete.

02/11/2022
Sentenze di luglio-agosto 2022

Le più interessanti sentenze emesse dalla Corte di Strasburgo nei mesi di luglio e agosto 2022

28/10/2022
Sentenze di giugno 2022

Le più interessanti sentenze emesse dalla Corte di Strasburgo nel mese di giugno 2022

05/08/2022
Terroristi italiani in Francia: lo scudo della Cedu impedisce l’estradizione?

Sommario: 1. La Francia nega l’estradizione. - 2. La procedura applicabile. - 3. La violazione del canone del giusto processo. - 4. Sull’interesse alla punizione prevale il rispetto della vita privata e familiare - 5. Brevi riflessioni conclusive. 

01/08/2022