Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti

Legge Pinto - ma non solo - corte di Cassazione e CEDU su alcune questioni ancora controverse

di Roberto Conti
Consigliere corte di Cassazione
Legge Pinto - ma non solo - corte di Cassazione e CEDU su alcune questioni ancora controverse

1. Premesse.

2. Legge Pinto e rapporti fra processo di cognizione e procedimento di esecuzione (o di ottemperanza). Un lungo viaggio da Cass. S.U. n.27365/2009 a Cass. S.U. n.6312/2014.

3. Sulla (possibile) “lacuna” dell’ordinamento in tema di ritardo nel pagamento dell’indennizzo ex l.Pinto: ancora su Cass. S.U. n.6312/2014.

4. Dal contrasto fra ordinamento interno e CEDU alla lacuna. Alcune riflessioni sparse a proposito del ruolo del giudice.

5. La diversa posizione espressa dal Consiglio di Stato-Cons.Stato. ord.interl.,n.754/2014.

6. La Legge Pinto come banco di prova per la giurisprudenza nazionale sul modo di intendere “la sostanza” della giurisprudenza della Corte EDU. A proposito di una “presunta” interpretazione convenzionalmente orientata in tema di danno non patrimoniale per cause di lieve entità.

7. Altri dubbi all’orizzonte sulla l. Pinto: Cass.(ord.inter.) n.1382/2015.

8. Conclusioni “in progress”. La necessità di un dialogo fra Corti e il Protocollo n.16 annesso alla CEDU.

23/03/2015
Altri articoli di Roberto Conti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo compie 70 anni

Celebrati ad Atene, sotto gli auspici della Presidenza greca del CoE, i 70 anni della CEDU. Il suo ruolo e il suo significato nelle parole del Presidente Spano.

10/11/2020
Sentenze di maggio 2020

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a maggio 2020

10/11/2020
Sentenze di aprile 2020

Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2020

21/10/2020
Diritto all'istruzione e principio di non discriminazione, la Corte di Strasburgo condanna l'Italia

Con sentenza del 10 settembre 2020, la prima sezione della Corte Edu ha condannato – all’unanimità – l’Italia per aver violato l’art. 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione, in combinato disposto con l’art. 2 (diritto all’istruzione) del Protocollo addizionale.

15/09/2020
Diritto sovranazionale e diritto interno: rimedi interpretativi
Una riflessione sull’attuale panorama dei rapporti interordinamentali alla luce della doppia pregiudizialità per come la stessa si è dipanata nel corso dell’ultimo anno
27/12/2019
Nell’opinione pubblica, anche qualificata, continua a essere diffusa l’idea che l’ergastolo sia una pena riducibile e che il “fine pena mai” non esista. È vero il contrario. Mentre è in calo il numero dei reati, le condanne all’ergastolo aumentano e, tra di esse, quelle all’ergastolo effettivamente senza right to hope, senza via di uscita. Ostativo, viene comunemente definito. Un magistrato di sorveglianza ci spiega bene cosa è e perché non dovrebbe avere cittadinanza nel nostro ordinamento, tanto più dopo la sentenza della Corte di Strasburgo Viola c. Italia. Lo pubblichiamo per sfatare luoghi comuni e false giustificazioni, in attesa che il 22 ottobre si pronunci la Corte costituzionale
15/10/2019
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Il sistema dei rimedi de libertate alla luce della giurisprudenza della Cedu nella sentenza Rizzotto c. Italia (5 settembre 2019)
Nel sistema dei rimedi in tema di privazione della libertà personale, il diritto dell’indagato di essere sentito personalmente dal giudice assume per la Corte EDU un carattere così pregnante da svalutare qualsiasi altra garanzia procedimentale. L’indagato appare essere il principale, se non esclusivo, garante del proprio diritto di difesa restando sullo sfondo, fino quasi a scomparire, tutti gli altri attori del procedimento, ivi compreso il difensore
01/10/2019