Magistratura democratica
Europa

La Corte di Giustizia e le vittime
di reato

di Roberto Conti
Consigliere Corte di Cassazione
La Corte di Giustizia chiude le porte ai danni contro lo Stato per i reati intenzionali violenti
La Corte di Giustizia e le vittime<br>di reato

Bisogna essere grati al Tribunale di Firenze per avere investito la Corte di Giustizia su una questione “di sistema” che, ben lungi dall’apparire esclusivamente rilevante nel giudizio “risarcitorio indennitario” promosso da una vittima residente in Italia di reato intenzionale violento nei confronti dello Stato italiano ove si era consumato il delitto, non ha ceduto alla tentazione di decidere la controversia  da sé. Mai come in questo caso può dirsi che la disciplina in tema di rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia sia stata  messa al servizio della collettività[1].

Di fronte ad un germinare di sentenze di merito che, parecchio attenzionate dai mass media, avevano ingenerato il legittimo convincimento che la strada intrapresa nei confronti dello Stato avrebbe potuto almeno alleviare i patimenti subiti da aggressioni atroci e vigliacche nei confronti di soggetti particolarmente vulnerabili – donne e minori, sopra tutti – la scelta fiorentina è stata probabimente la più lungimirante che un giudice di merito, in simili circostanze, avrebbe potuto adottare.

Pur non tenuto formalmente a investire la Corte europea, in quanto giudice non di ultima istanza  quel giudice, infatti, ha dimostrato di interpretare al meglio il proprio ruolo,  facendo un uso sapiente dello strumento che consente al giudice nazionale di dialogare con la Corte di Giustizia.

Si è così  fatto uso sapiente e ortodosso dello strumento disciplinato dell’art.267 TFUE, dimostrando quanto la funzione giurisdizionale del giudice nazionale sia importante anche quando essa, all’apparenza, non decide il caso della vita che gli si prospetta, ma  pone le basi per la soluzione di quello e di consimili vicende.

Del resto, ci era parso, da tempo, necessario un chiarimento  definitivo sul principale nodo problematico emerso per effetto della mancata attuazione in Italia della dir.2004/80/CE.

Solo la Corte di Giustizia, infatti, avrebbe potuto  fare chiarezza  per il caso specifico ma, soprattutto, per quelli analoghi che l’accoglimento, sempre più frequente, anche se zigzagante (v. Trib.Trieste, 5 dicembre 2013, in questa Rivista), di azioni risarcitorie similari–da ultimo Trib.Roma, 8 novembre 2013- aveva determinato.

Già altra volta avevamo sottolineato come nei rapporti, sempre più complessi, fra sistemi normativi, sia fondamentale la corretta applicazione delle regole di ingaggio[2].

La cooperazione fra giudici che esce dalla decisione  della Corte europea del 30 gennaio 2014  è vincente, anche se la decisione con ordinanza può suscitare, a un primo impatto, diverse considerazioni quanto al carattere realmente problematico della vicenda.

Infatti, l’art.53 par.2 del Regolamento di procedura della Corte europea prevede che “Quando la Corte è manifestamente incompetente a conoscere di una causa o quando una domanda o un atto introduttivo è manifestamente irricevibile, la Corte, sentito l’avvocato generale, può statuire in qualsiasi momento con ordinanza motivata, senza proseguire il procedimento.”

In realtà, la Corte di Giustizia non era tenuta a sapere che in Italia la soluzione favorevole al riconoscimento della responsabilità dello Stato per mancata attuazione della dir.2004/80 nei confronti di vittime residenti in Italia- e dunque per vicende puramente interne - non era stata vista affatto con sfavore[3].

Come che sia e archiviata la decisione del giudice eurounitario che ha escluso l’operatività diretta della normativa comunitaria per le situazioni puramente interne e fatto salvo l’approfondimento, qui non possibile, dell’eventuale discriminazione alla rovescia, rimane la ferita aperta nello Stato per effetto dell’assenza di una disciplina nazionale che preveda l’indennizzo alle vittime di reati intenzionali violenti.

Si tratta di un buco che occorre al più presto tappare, anche solo per il massimo rispetto che quelle vittime, alle quali è stato giudizialmente riconosciuto un indennizzo  che sembra dissolversi per effetto della decisione qui brevemente commentata, meritano più di ogni altro.

In questa direzione diverse fonti sovranazionali  attendono, da lungo tempo, di essere attuate nel nostro Paese.

La risposta della Corte di Giustizia, ben lungi dall’essere una vittoria per chi ne aveva preconizzato l’esito, deve costituire un passaggio decisivo per evitare non solo ulteriori condanne all’Italia a livello sovranazionale ma anche per ristorare, almeno in parte, le vittime che hanno subito indicibili aggressioni alla loro dignità e si trovano di fronte aggressori che non hanno nemmeno la possibilità di rimediare al torto procurato con le loro risorse finanziarie.

Occorrerà, allora, trovare nella emananda legge un punto di bilanciamento adeguato fra legittime aspettative dei danneggiati – residenti e non - e interessi, anche finanziari, dello Stato che proprio i tentativi giurisprudenziali fin qui posti in essere per sopperire all’inerzia normativa avevano tentato, con enorme difficioltà, di realizzare, riuscendovi solo in parte.

 



[1] Sia consentito il rinvio a Conti, Vittime di reato e obbligo di risarcimento a carico della Stato: really? in Corr.giur.,2011, 2, 248; id., Vittime di reato intenzionale violento e responsabilità dello Stato. Non è ancora tutto chiaro, in Corr.giur., 2012,5, 668 ss.; Sulle vittime di reato la parola passa alla Corte di giustizia, che forse ha già deciso, in Corr. Giur., 2013, 11, 1389 ss. e, da ultimo, in questa Rivista on line, Vittime di reato e responsabilità dello Stato, aspettando la Corte di Giustizia; Mastroianni,  Un inadempimento odioso: la direttiva sulla tutela delle vittime dei reati , in Quaderni costituzionali, 2008, p. 406 ss..

[2] Conti, Magistratura,Avvocatura,Diritto eurounitario, in Giustizia insieme,2012, 2-3,114

[3] Bona, Vittime di reati violenti intenzionali e mancata attuazione della direttiva 2004/80/CE: le reazioni della dottrina alle prime pronunce di condanna dello stato, in Resp.civ.prev., 2012, 1003 par.3.

 

18/02/2014
Altri articoli di Roberto Conti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Pillole di CGUE - Terzo trimestre 2020

Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel terzo trimestre 2020

09/10/2020
Indennizzo statale delle vittime di reati intenzionali violenti: ancora un richiamo dalle istituzioni europee

Su questione pregiudiziale sollevata dalla Corte di cassazione, la Corte di giustizia UE indica la via per la costruzione di un sistema di indennizzo statale per le vittime di reati intenzionali violenti

30/07/2020
Nel presente intervento si illustrano sinteticamente gli aspetti positivi del dialogo e della collaborazione fra giuristi di Paesi civil law e giuristi di Paesi di common law – a partire dai giuristi britannici – quali finora si sono avuti in ambito europeo, confidando, per il dopo Brexit, nell’europeismo giuridico che si è manifestato dopo il Protocollo n. 30 del Trattato di Lisbona, pur con le debite differenze
11/10/2019
Secondo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel secondo trimestre 2019
11/09/2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14/06/2019
Non è immaginabile una cultura giuridica europea senza la giurisprudenza in tema di libertà e di diritti delle Corti europee che rappresentano la garanzia di uno strumento di verifica del rispetto dei diritti: il discorso sui diritti comprende una capacità di visione attraverso una lente in grado di cogliere uno spettro più ampio di prospettive, in un’ottica non puramente nazionale. Non vi è giudice nei confini dell’Europa che oggi non si senta giudice europeo, che non avverta il senso di un percorso irreversibile che la giurisdizione deve continuare a compiere verso l’effettiva realizzazione di un spazio comune di Giustizia
21/05/2019
Primo trimestre 2019
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse nel primo trimestre 2019
17/05/2019
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
La Corte di giustizia afferma che l’art. 29 della “direttiva qualifiche” obbliga gli Stati membri a riconoscere la parità di trattamento dei beneficiari di protezione internazionale nell’accesso all’assistenza sociale ed è norma produttiva di effetti diretti
08/04/2019