Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

La complessità, la Legge, ed il ruolo del giudice

di Nicola Russo
Consigliere della Corte di Appello di Napoli e già componente del comitato direttivo della SSM con funzione di coordinatore della formazione iniziale

Il diritto, per sua intima essenza, dovrebbe essere strumento di soluzione della complessità. Eppure spesso, fin dalla sua cristallizzazione nella lettera della legge, sembra tradire questa sua funzione primaria. Anzi, frequentemente la norma genera la complessità e determina la necessità di ulteriore produzione normativa, a sua volta spesso caratterizzata da un ordito linguistico criptico.

Questo effetto è la contraddizione più profonda alla funzione primaria della legge che, come è noto, è quella di orientamento dei comportamenti del consociati. Per farlo la legge dovrebbe essere comprensibile, anzi dovrebbe essere comprensibile a tutti. 

Al contrario, è sempre più raro confrontarsi con una disciplina legislativa che detti regole d’immediata comprensione, non riuscendo il legislatore – nel dettare la regola- a segnare una controtendenza alla complessità del sistema che ormai caratterizza i rapporti sociali ed economici. Ciò è spesso conseguenza del fatto che nel testo della legge si riproducono tensioni, contrapposizioni od orientamenti dissimili semplicemente giustapposti senza un’adeguata opera di bilanciamento.

Nel tentativo di compiere un’analisi tecnica della “lingua della legge” è nata la Scienza dell’Interpretazione. L’ermeneutica giuridica, tuttavia, si propone a sua volta come una riflessione sulla metodologia dell’interpretazione della norma giuridica e, nel suo tentativo di sistematizzare le regole di “lettura” della legge, ha finito talora per giustificare la complessità del suo oggetto di studio senza risolverlo, fors’anche per giustificare la sua stessa esistenza.

Estremizzo volutamente: una disciplina del metodo di comprensione del significato della legge che diventa scienza rischia di manifestare nel modo più tragico il fallimento della norma. La sua opacità di senso rischia spesso diventare arma dell’élite culturale che l’ha generata e, avendo un significato non condiviso, si riduce a mero divieto per chi ne subisce gli effetti senza comprenderne il significato.

La non intellegibilità della regola “politica” espressa dalla norma genera, infatti, diseguaglianza sociale, si presta ad essere strumento di possibile frode politica per chi ne amministra l’esercizio, produce discrezionalità incontrollata, riduce le possibilità di controllo che la società degli elettori ha sull’operato degli eletti e declina il rapporto di rappresentanza sempre più verso lo schema sudditi-principe.

Se la complessità della norma talora si può comprendere ove essa trattenga in sé il tecnicismo della materia sottostante (si pensi al settore bancario, a quello commerciale, a quello di disciplina delle scienze) diventa assolutamente meno giustificabile quando ha come funzione quella di individuare e punire comportamenti illeciti.

Se la sanzione penale, in un ordinamento orientato alla prevenzione dei comportamenti antigiuridici, rappresenta la reazione estrema (l’extrema ratio nel catalogo delle possibili risposte dello Stato) allora la “norma criminale” è quella che, più d’ogni altra, deve apparire immediatamente comprensibile; il suo comando dev’essere chiaro senza necessità di mediazioni sia sulla portata del suo precetto che sulla pena collegata alla sua violazione.

Il diritto penale dovrebbe, contrariamente a quanto spesso si ritiene, essere strumento di risoluzione dei conflitti, di contenimento dell’aggressività, in quanto ha lo scopo di trasferire dall’iniziativa punitiva del singolo all’intervento dello Stato la scelta sulla modalità di ripristino della regola sociale violata. 

Solo un corretto funzionamento del sistema penale assicura il bilanciamento tra offesa e reazione ad essa, la proporzionalità dell’intervento repressivo, riduce il rischio di recidiva, evita la sollecitazione negli altri consociati all’illecito determinata dalla percezione dell’impunità del reo.

Invece, sempre più frequentemente, anche la produzione normativa nel settore penale (intesa in senso lato, ricomprendendovi anche i meccanismi di depenalizzazione sostanziale o di deflazione processuale) si sta caratterizzando per la scarsa chiarezza della sua espressione, per gli spazi sempre maggiori lasciati all’opera dell’interprete professionale, anche qui riproducendo – con conseguenze ancor più gravi – la contraddizione alla sua missione. Ciò aumenta il rischio di comportamenti illeciti, sia determinati da ignorantia legis (sempre più difficilmente ricollegabile alla seconda parte del noto brocardo), sia da abuso del diritto in cui spesso si esprime l’antigiuridicità di chi sfrutta l’inidoneità della lettera della legge a regolare i comportamenti per cui è stata dettata.

Allora il compito di soluzione della complessità, non risolta dalla legge, si trasferisce inevitabilmente sul giudice, il soggetto cui lo Stato ha affidato il compito di realizzare la mediazione tra norma e consociati.

È la descritta complessità della legge che pur utilmente spingendo il giudice ad abdicare al ruolo di sua “bocca”, ha finito per investirlo di un compito ben più complesso (e sicuramente più opportuno), qual è quello di compiere un’opera di doppia interpretazione: da un lato, della complessità della norma, dall’altro della complessità del rapporto o della vicenda oggetto del suo giudizio; quella vicenda che la norma primitiva (quella, cioè, di descrizione della relazione sociale) non ha saputo regolare e che la norma sussidiaria (quella dettata per dirimere il conflitto) deve risolvere.

Dunque è al giudice (talora per volontà consapevole del Legislatore) che in maniera sempre più massiccia è rimesso (piaccia o meno) il compito di “sciogliere la complessità”.

A questo ruolo il giudice è chiamato secondo i tempi della modernità, sempre più declinati secondo gli schemi della rapidità e dell’efficienza, piuttosto che secondo quelli della ponderazione e dell’efficacia.

Se il legislatore “corre”, convinto che una risposta legislativa “pronta” alle sollecitazioni sociali sia lo strumento più adeguato a sostenere la modernità (o più semplicemente ad assicurare il consenso), anche il giudice è “costretto a correre” e la fisiologica insufficienza della risposta di giustizia rispetto alla domanda generata dalla società (con il suo sempre più complesso sistema di rapporti) determina l’ingolfamento della giurisdizione, quella paralisi così diffusamente percepita e che spesso viene etichettata con l’espressione sintetica “inefficienza del sistema giustizia”.

Allora anche il giudice, da risolutore dei conflitti sociali, rischia di essere ridotto a mero meccanismo di deflazione del contenzioso e la funzione della giurisdizione non è più quella di “dare delle risposte” ma si esaurisce nel fine tutto interno di riduzione della domanda attraverso meccanismi di disincentivazione del ricorso alla giustizia.

Un sistema che fa della deflazione il compito prioritario della giurisdizione è un sistema che ha preso atto del proprio fallimento, che ha rinunciato alla efficacia della decisione per puntare alla sola efficienza del procedimento, anche se questo non dovesse generare risposte di giustizia.

E allora? Allora, viene da chiedersi: a chi deve parlare il giudice? Qual è la speranza racchiusa nella scelta di una comunicazione della legge in grado di spezzare il circuito vizioso che si è descritto e che paradossalmente, attraverso il ricorso allo strumento delle regole, determina disaggregazione e conflitto sociale?

La sentenza prima ancora di essere un provvedimento, racchiuso in un canone espressivo tecnico, è uno strumento di comunicazione di una volontà di cui il giudice ha il compito di farsi testimonianza ed espressione attraverso la comprensibilità della sua decisione.

Una decisione chiara nei suoi contenuti non vuol dire necessariamente che essa esprima una soluzione condivisa dalla diffusa sensibilità sociale del momento o dalla politica (quale che sia l’epoca in cui essa si collochi e quale che sia la parte politica dominante). Essa però si offre al controllo sociale senza timor di critica, forte dell’essere espressione delle Leggi di cui, per volontà stessa di queste ultime, è prodotto di bilanciamento e di sintesi e che fissa l’ordinata graduatoria dei diritti secondo una regola valoriale che permea di sé non la singola norma ma l’intero ordinamento anche sovranazionale.

15/12/2023
Altri articoli di Nicola Russo
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I nodi del costituzionalismo contemporaneo e la sfida per l’Associazione Nazionale Magistrati

Il costituzionalismo contemporaneo è segnato da una serie di nodi ancora tutti da sciogliere: il depotenziamento della funzione costituzionale di indirizzo fondamentale ed il parallelo potenziamento della funzione di garanzia; quale equilibrio fra la sovranità popolare ed il potere dei giudici di interpretare la legge; l’imparzialità dell’interprete ed i confini della libertà di espressione del magistrato. A quasi cinquanta anni dal congresso di Gardone, il prossimo congresso dell’Associazione Nazionale Magistrati può essere l’occasione per un contributo della magistratura associata alla risoluzione di questi nodi. 

27/02/2024
I tempi della giustizia. Avvocatura, magistratura e società. Riflessioni su «Una ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati»

Il contributo – partendo dal rapporto di ricerca sulla cultura giuridica dei giovani magistrati, che compone il fascicolo n. 4/2023 della Rivista trimestrale – esplora due delle principali cause dei lunghi tempi della giustizia in Italia: un eccessivo carico di lavoro dei magistrati, ulteriormente gravato da un arretrato “patologico”, e un elevato turnover. I rimedi non vanno tanto cercati in una nuova riforma del processo, né tantomeno in un contenimento della domanda giudiziaria, quanto piuttosto in una soluzione che coinvolga tutti gli stakeholder del settore giustizia, puntando su potenziamento dell’organico, tecnologia e innovazione.

15/02/2024
Il lavoro del magistrato, il rifiuto di un approccio burocratico e la sfida della responsabilità

Il lavoro concreto e quotidiano del magistrato, con le sua criticità e le dinamiche relazionali negli uffici giudiziari, costituiscono ambiti centrali della riflessione sulla magistratura per comprenderne lo stato di salute rispetto alla sua funzione istituzionale di tutela della persona e di gestione dei conflitti, e ai principi costituzionali di autonomia e indipendenza che ne sono a presidio. A tali ambiti della riflessione è dedicato il presente contributo, partendo dallo sguardo della giovane magistratura.

13/02/2024
Magistrato e cittadino: l’imparzialità dell’interprete in discussione

Dopo la fase del costituzionalismo politico che, superando la concezione dell’applicazione burocratica del diritto, aveva immesso la giurisdizione nell’attuazione dell’indirizzo politico-costituzionale, ponendo all’inizio dell’interpretazione del diritto i valori dell’interprete, nell’odierna stagione del costituzionalismo per principi l’imparzialità dell’interprete è affidata all’assunzione di un dovere di indipendenza da se stesso. Che il magistrato debba anche apparire imparziale non significa però astenersi dal prendere parte al dibattito democratico, cui il magistrato partecipa esprimendo le proprie scelte politiche al pari di ogni cittadino, ma significa essere ed apparire indipendente da formazioni politiche e soggetti operanti nel settore economico o finanziario, perché la sostanza dell’imparzialità è l’indipendenza.

22/11/2023
Tre vecchi errori

Prospettive riformistiche per l'inizio e la fine della carriera del magistrato

07/11/2023
Tra giurisdizionalizzazione e politicizzazione. La percezione dei magistrati della riforma dell’ordinamento giudiziario

Obiettivo del presente contributo è fornire una lettura socio-giuridica sulle riflessioni emerse dalla ricerca in merito ad alcuni aspetti della riforma dell’ordinamento giudiziario. Il dibattito attorno alla riforma, oltre a riscuotere ampia risonanza mediatica, è un tema particolarmente rilevante per i magistrati stessi, sia per via delle ricadute sulla quotidianità lavorativa, sia, più in generale, per l’impatto sulla rappresentazione sociale di tale ruolo. Il processo di riforma tocca infatti alcune questioni sostanziali in tema di organizzazione giudiziaria, con effetti sulla separazione dei poteri, sull’autonomia del magistrato stesso e, in termini più generali, sul rapporto tra magistrati e politica.

02/11/2023
Questioni di genere in magistratura: tra femminilizzazione e complessità

Il contributo si focalizza sulle differenze di genere in magistratura alla luce della ricerca, sottolineando i principali elementi emersi sul punto nelle interviste con magistrate e magistrati. Quale tematica ricorrente nelle interviste, viene posta particolare attenzione alla questione della maternità, ricostruendo le varie prospettive che si sono delineate sulla questione. Alla luce della femminilizzazione numerica della magistratura, nel contributo vengono inoltre elaborate alcune riflessioni sulle esperienze delle donne negli uffici giudiziari e sulla – persistente – minore presenza femminile negli incarichi direttivi e semidirettivi.

01/11/2023