Magistratura democratica
Tribuna aperta

Istituire una commissione d’inchiesta o agire per la giustizia?

di Gaetano Azzariti
Professore ordinario di diritto costituzionale, Università La Sapienza di Roma

Non è questo il tempo di una commissione d’inchiesta contro la magistratura, si tratta semmai di agire per la giustizia. Il caso Palamara ha certamente ferito l’immagine dei magistrati e fatto emergere gravi degenerazioni nella gestione dell’organizzazione del sistema giudiziario. Si deve dunque chiedere a tutti una salutare reazione. In primo luogo, agli stessi magistrati, poiché è in gioco il loro bene più prezioso: la legittimazione sociale sulla quale fondano il ruolo di garanti della legge. In secondo luogo, alla politica, che in questa fase deve fare di tutto per preservare i valori costituzionali di fondo, anzitutto quelli dell’indipendenza e dell’autonomia della magistratura. A nessuno è concesso di usare in via strumentale questa sconcertante vicenda per acuire il disagio.

È per questo che ritengo sia necessario formulare una doppia richiesta. All’ordine della magistratura che sappia riaffermare le ragioni della propria autonomia riflettendo su se stessa e sulla sua storia. Alla politica che sappia affrontare con decisione le questioni della giustizia senza spirito di vendetta nei confronti di un altro potere con cui si è trovata spesso in conflitto.

La storia interna della magistratura è stata caratterizzata da scontri vivaci tra le sue diverse anime. Fu proprio la nascita delle “correnti” a dare impulso al rinnovamento. Nel 1964 la fondazione di Magistratura Democratica ha rappresentato uno degli strumenti più nobili e importanti per lasciarsi alle spalle la vecchia cultura liberale – se non direttamente autoritaria-conservatrice – allora dominante tra i giudici e porre al centro della riflessione la dimensione propriamente costituzionale. Ma è proprio questa nobile storia, da difendere e rilanciare, che obbliga oggi i magistrati democratici a fare i conti con se stessi. Non si può eludere la domanda decisiva: quale scontro culturale attraversa oggi le diverse anime della magistratura? E poi, c’è ancora uno scontro? È il venir meno – lo sfuocarsi – delle ragioni della diversità tra culture dalla giustizia che ha alimentato il “sistema Palamara”. Un sistema che ha riflesso il solo volto demoniaco dell’associazionismo: gruppi organizzati con finalità di gestione del potere e di predeterminazione delle carriere.

Dimostrare che l’immagine percepita non risponde alla realtà è il compito dei giudici. Ma c’è un solo modo per riaffermare l’utilità delle correnti come strumenti di progresso culturale: rilanciare le ragioni delle differenze. Abbandonare le difese corporative e denunciare con forza i malanni della giustizia. Farsi motore del cambiamento, perché è vero che la cultura della giurisdizione è oggi in crisi, la paralisi dei processi (non solo a causa della pandemia) rappresenta un costo insopportabile per i diritti dei cittadini e dei più deboli. Per questo è importante riportare al centro della riflessione le ragioni della costituzione, del garantismo e del giusto processo; criticare il populismo penale che vela la capacità di esercizio dell’azione penale; occuparsi della formazione delle nuove generazioni di magistrati; preoccuparsi delle politiche della giustizia e denunciare le pratiche d’ingiustizia tanto diffuse; proporre soluzioni equilibrate per riuscire a migliorare l’efficienza dei processi, riducendone i tempi biblici; ostacolare il protagonismo giudiziario e la spettacolarizzazione delle indagini. Ci si aspetta che su questo i giudici si dividano tra correnti, perché non è vero che tutti la pensano allo stesso modo e non può essere credibile che ci si iscrive a magistratura democratica o ad una qualunque altra corrente solo per una promozione.

Se questo è il compito dei magistrati, alla politica si chiede di smetterla di prendere le distanze e di cessare la guerra. È interesse comune (della comunità per intero) far funzionare la giustizia e garantire la sua funzione autonoma. La magistratura non va punita, bensì sostenuta in questo riscatto. Spetta alla procura di Perugia accertare le responsabilità individuali del caso Palamara ed altre indagini potranno far luce su altri fatti corruttivi. Per far questo una Commissione d’inchiesta non serve a nulla. Soprattutto se non si limitasse ad indagare gli intrighi e gli intrecci tra magistrati e politici che il caso Palamara ha evidenziato, ma venisse invece intesa come un modo per “regolare i conti” tra politica, ora finalmente all’attacco, e giudici, in un delicato momento di loro grave difficoltà. Una Commissione che non fosse indirizzata ad individuare le gravi patologie del sistema (che sono peraltro a tutti note e non richiedono indagini specifiche), né ad indagare fatti concreti, bensì che venisse intesa come un mezzo per far valere le ragioni della politica su quelle dei giudici rappresenterebbe una inopportuna forzatura, se non un’inammissibile interferenza, al limite del conflitto tra poteri, qualora si rivelasse poco rispettosa del principio costituzionale che assicura l’autonomia dell’ordine della magistratura da ogni altro potere dello Stato.

Invece di una Commissione d’inchiesta si istituisca una commissione di studio per recuperare le tante proposte avanzate negli anni per dare corso ad un sistema processuale più attento ai diritti delle persone. Si apra un serrato e proficuo dialogo tra Parlamento, Governo e Consiglio Superiore della Magistratura per dare soluzioni, non per creare ulteriori problemi. Non mancano le idee, è la volontà politica che non è mai stata in grado di superare le resistenze e gli interessi dei molti conservatori dell’esistente. E questa è la maggiore responsabilità della politica. Sarebbe giunto il tempo che tutti – magistrati e politici – cominciassero ad ingaggiare una dura lotta per la giustizia, abbandonando ogni difesa corporativa. Nessuno può tirarsi fuori, neppure agli studiosi è più permesso lasciar passare la nottata.

24/04/2021
Altri articoli di Gaetano Azzariti
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Magistrati e giornalisti. Le querele, il "cahier de doléances", l’infedeltà necessaria

Si avvicina la scadenza del giugno 2021 fissata dalla Corte costituzionale per la sua pronuncia sul “carcere per i giornalisti” dopo la sollecitazione rivolta al Parlamento ad intervenire, entro un anno, sul tema della diffamazione a mezzo stampa. Dall’approssimarsi di questa data e dagli spunti offerti dalla cronaca traiamo l’occasione per affrontare due questioni estremamente attuali: le querele e le azioni civili dei magistrati per notizie ritenute false e diffamatorie e il cahier de doléances dei giornalisti per la vigente disciplina della diffamazione a mezzo stampa. 

12/05/2021
Lucciole

Da quali fenomeni di lungo periodo trae origine la crisi etica della magistratura? Una proposta ricostruttiva.

05/05/2021
Giudici in Calabria

La notizia che il collegio giudicante del Tribunale di Vibo Valentia, al quale è stata affidata la responsabilità della trattazione del procedimento nato dall’operazione Rinascita Scott sia composto da tre colleghe, ciascuna delle quali ha assunto le funzioni nel maggio del 2018, rappresenta un'importante occasione per sviluppare alcune considerazioni circa le condizioni nelle quali opera la magistratura giudicante in Calabria. 

27/04/2021
Il concorso in magistratura tra pandemia e aspirazioni riformiste

La congiuntura pandemica non sia l’occasione per mettere in discussione i fondamenti del concorso in magistratura. Adattare il necessario è inevitabile, senza trascurare cautela e dialogo

23/04/2021
"In nome del popolo mediatico" (se pure i magistrati smettono di affidarsi al Processo)

I metodi del processo mediatico si stanno trasferendo prepotentemente anche nel dibattito interno alla magistratura. Vi è così il rischio che possa calare stancamente il silenzio anche sulla Questione Morale, proprio nel momento in cui occorre una nuova stagione di disseminazione dei valori che hanno fatto della magistratura italiana un simbolo dell’affidabilità delle Istituzioni nei momenti più cupi della storia del nostro Paese.

16/04/2021
Appunti per una riforma della dirigenza giudiziaria

La riforma della dirigenza giudiziaria operata nel 2006-2007, nel prevedere un sistema di progressione in carriera meritocratico, ha innescato una deriva carrieristica nella magistratura che, coniugandosi alla crisi dell’istituzione consiliare, ha portato ad una grave delegittimazione della categoria. Non è con il ritorno all’anzianità senza demerito che può però restituirsi credibilità alla Magistratura e al Consiglio Superiore. Occorre un’attenta revisione tanto dei criteri selettivi, basati su fasce di anzianità, su esperienze giurisdizionali effettive quanto delle procedure di conferimento, assicurando maggiore trasparenza, coerenza degli obiettivi della procedura selettiva e dipanando alcune ambiguità del Testo unico sulla dirigenza giudiziaria. Solo in questo modo è possibile assicurare che il Consiglio riesca a designare presidenti e procuratori che coniughino capacità organizzative specifiche e una robusta esperienza giurisdizionale generale e specialistica idonee ad assicurare un servizio giustizia qualitativamente e quantitativamente soddisfacente. 

12/04/2021
Dall’impegno nel quotidiano la scelta di candidarsi

Le ragioni di un impegno, le idee e le proposte di chi ha scelto di candidarsi in un momento difficile per la magistratura e per il CSM

08/04/2021
La rappresentazione della mafia e il processo. Pensieri di un giudice del Sud davanti alla televisione

Emilio Sirianni, un giudice che da sempre vive e lavora in Calabria, confida, in una mail indirizzata ai suoi colleghi, le impressioni e le preoccupazioni suscitate in lui da una recentissima trasmissione televisiva sull’indagine denominata Rinascita Scott. Con il consenso dell’autore, Questione Giustizia pubblica questo documento che rappresenta una significativa testimonianza di rivolta morale contro l’oppressione criminale e di intatta passione per un processo giusto.

18/03/2021