Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

FORUM / GIUSTIZIA DEL LAVORO (3/5): L'avvocato, il cliente, il giudice e il processo

di Giulia Marzia Locati
Giudice sezione lavoro del Tribunale di Milano
La terza puntata del forum dedicato alla giustizia del lavoro

Abbiamo chiesto a un avvocato, un docente universitario e tre magistrati di rispondere ad alcune domande sullo stato della giustizia del lavoro. La sintesi del forum è pubblicata sul numero 4/2014 della rivista trimestrale, attualmente in distribuzione. Qui pubblicheremo le risposte integrali: di seguito il terzo contributo.

PUNTATE: 1 - 2

 

Come neo magistrato, al termine del tirocinio mirato presso la sezione lavoro del Tribunale di Torino e prossima alla presa di funzioni presso la sezione lavoro del Tribunale di Milano, posso solo svolgere qualche breve riflessione sulla mia recente esperienza.

Innanzitutto, ciò che più mi ha colpito è il progressivo allontanarsi di questa materia dal disegno costituzionale e di come questo percorso sia sempre più rapido: quando ho sostenuto l’orale del concorso in magistratura (26 giugno 2014) non era ancora stata approvata la legge Fornero e alla fine del tirocinio è stato promulgato il cd Jobs act. Nel giro di questi due anni l’articolo 18, uno dei perni del diritto del lavoro moderno, ha subito diverse trasformazioni e la regolamentazione del mondo del lavoro è stata al centro del dibattito politico.

Essendo entrata in magistratura con una formazione prettamente teorica e pubblicistica, avevo l’idea del lavoro come strumento di emancipazione, espressione di sé e della propria autonomia intellettuale ed economica, come mezzo con cui l’individuo possa realizzarsi e possa assicurare a sé, e alla propria famiglia, una vita libera e dignitosa. Avevo anche ben presente il sistema costituzionale, che disegna un sistema giuridico che si fonda sul riconoscimento e sulla tutela dei diritti fondamentali e si pone come obiettivo quello di dominare il sistema economico, per convogliarlo verso il raggiungimento di fini di equità sociale.

Avevo dunque in mente i quattro principi fondamentali del diritto del lavoro, ossia la definizione del contratto a tempo indeterminato come regola generale del rapporto di lavoro; l’inderogabilità delle tutele accordate in sede legislativa, così da impedire alla parte forte di far accettare a quella debole, in sede di stipula del contratto, condizioni inique; l’affermazione della proporzionalità tra inadempimento del lavoratore e reazione del datore e conseguente controllabilità del modo in cui il datore di lavoro esercita questo potere; l’esistenza di un giudice ad hoc, che applica un rito veloce e snello, che ha poteri ulteriori rispetto al giudice civile e che, pur arbitro imparziale tra le parti, è capace di comprendere la diversa capacità di resistenza economica, e dunque processuale, tra le parti, così da svolgere un concreto ruolo promozionale delle garanzie individuali.

Nel corso del tirocinio, mi sono imbattuta in una realtà diversa, dove quelle che dovrebbero essere eccezioni si sono trasformate in regole: da un lato è evidente la frammentazione del lavoro, attraverso la creazione di nuove e sempre più diffuse forme contrattuali, dai contratti di formazione e lavoro, a quelli di apprendistato, dalla galassia del parasubordinato al contratto di somministrazione di mano d’opera. Quest’ultimo è, a mio giudizio, il più sintomatico dei tempi attuali, perché spezza il rapporto diretto tra lavoratore e fruitore della prestazione, che diviene solo più utilizzatore, e perché contribuisce a formare, anche plasticamente, l’idea di come il lavoro sia ormai solo una merce.

Dall’altro lato vi è una chiara volontà di far venire meno la rigidità e l’inderogabilità delle regole, con la conseguenza che la parte più debole in sede di stipulazione del contratto si vede costretta ad accettare – pur di avere un lavoro – condizioni che altrimenti non accetterebbe.

Il tutto viene accompagnato da una sempre maggiore insofferenza rispetto al ruolo di garanzia del giudice del lavoro, al quale si chiede di abbandonare un controllo sostanziale, interno, per porne in essere uno meramente formale ed esterno. E al quale si chiede di non intromettersi in scelte dettate dalla situazione economica contingente, che viene posta a giustificazione di scelte imprenditoriali che incidono pesantemente sui diritti, non solo economici, dei lavoratori, e che si pretende siano esenti da qualunque controllo giurisdizionale.  

Un’ultima riflessione merita di essere fatta sul condizionamento che la precarietà ha sui processi: a mio parere questo condizionamento si nota soprattutto nella fase di accesso alla giustizia.

Nella mia breve esperienza nessun lavoratore precario che veda leso un proprio diritto si rivolge al giudice, ma attende, al massimo, che il rapporto sia cessato. Il motivo è ovvio, ossia la paura che la conseguenza per la rivendicazione di un proprio diritto sia la decisione del datore di lavoro di interrompere il rapporto. È di tutta evidenza che tanto i lavoratori chiedono la tutela e l’attuazione dei propri diritti quanto non temono che la reazione datoriale possa essere il licenziamento.

In caso di contratto a tempo indeterminato questa tutela è rappresentata dalle garanzie, sostanziali e procedurali, che sono legislativamente poste a tutela della correttezza del licenziamento; nel caso di contratto a tempo determinato al datore di lavoro basterebbe attendere la fine del contratto per poi non rinnovarlo al lavoratore “scomodo”, con la conseguenza che nessun lavoratore assunto con contratto a termine ricorre al Giudice, in pendenza del contratto, qualora i suoi diritti vengano lesi.

Fino a quando i contratti a tempo indeterminato erano la maggioranza, anche chi era assunto con contratti a termine era comunque più garantito, perché poteva beneficiare delle rivendicazioni fatte da coloro che, proprio perché maggiormente tutelati, potevano, in sede di lotte sindacali o con il ricorso all’Autorità giudiziaria, chiedere l’effettivo rispetto dei diritti. 

Aumentare il ricorso al contratto a termine, renderlo la regola anzi che l’eccezione, significa diminuire le tutele di tutti, perché ci saranno sempre meno lavoratori in grado di opporsi a scelte datoriali lesive dei propri diritti.

                                                    

29/06/2015
Altri articoli di Giulia Marzia Locati
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Questioni applicative in tema di rifiuto di vaccinarsi: dalla circolare INAIL dell’1.3.2021 all’ordinanza del giudice di Belluno del 19.3.2021

Tra i molti profili critici che riguardano la campagna vaccinale in corso contro l’epidemia da Sars-CoV-2, si affaccia alle cronache quello che concerne la reazione del datore di lavoro contro il dipendente che rifiuta di vaccinarsi, costituendo in tal modo un potenziale fattore di contagio nei confronti di terzi.

29/03/2021
Anni difficili. I licenziamenti in Italia in tempi di crisi

Il libro di Stefano Giubboni (Giappichelli, 2020) accanto alla ricognizione completa degli snodi critici oggi più sensibili in materia di licenziamenti, prende posizione non solo sulle questioni interpretative ancora aperte, ma soprattutto sul significato complessivo di politica del diritto della stagione “riformatrice” dalla Legge Fornero al Jobs Act, attuata nel segno di un neoliberismo «tanto approssimativo quanto provinciale». E’ l’ora di un cambio di passo, ma restano ignote le intenzioni della politica.

27/02/2021
La giurisdizione sulle condotte antisindacali nelle Forze armate spetta al giudice ordinario del lavoro: il caso del trasferimento senza nulla osta del militare sindacalista

Nel vuoto normativo seguito alla dichiarazione di illegittimità costituzionale del divieto di costituire sindacati militari (Corte cost. n. 120/2018), il Tribunale di Milano ha affrontato il tema della competenza giurisdizionale sulle condotte antisindacali nelle Forze armate e, per la prima volta, ha dichiarato illegittimo il trasferimento senza nulla osta di un carabiniere sindacalista

25/02/2021
La discriminazione diretta in ragione dell’orientamento sessuale della lavoratrice: considerazione a margine dell’ordinanza del 12 novembre 2020 del Tribunale del Lavoro di Milano

Il Tribunale di Milano ha riconosciuto quanto sostenuto dalla datrice di lavoro circa l’esistenza di un vuoto normativo sulla possibilità di riconoscere cittadinanza, nel nostro ordinamento, alla genitorialità delle coppie omosessuali, ed in particolare al genitore cd. “intenzionale” o “sociale”, presente in quelle coppie di donne che abbiano fatto ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita.

07/01/2021
Un ricordo (molto personale) del prof. Luigi Mariucci

La scomparsa del grande giuslavorista è anche l'occasione per ripercorrere le trasformazioni del diritto del lavoro

15/12/2020
Un’occasione mancata a sostegno della tutela delle lavoratrici madri. Qual è “il fattore protetto” dalla normativa antidiscriminatoria ai tempi del Covid?

La crisi economica e sociale determinata dalla pandemia in atto - a maggior ragione a fronte della ripresa dell’emergenza sanitaria verificatasi con la c.d. “seconda ondata” - richiede una più capillare attenzione nell’individuazione delle ipotesi di discriminazione e dei fattori protetti, siano essi tipici o meno, anche utilizzando metodologie di indagine capaci di tenere conto, attraverso la c.d. “gender lens”, dell’impatto della crisi sull’occupazione delle donne e, in particolare, delle lavoratrici madri.

30/11/2020
Un anno di blocco dei licenziamenti: con sussurri e grida tra Ferragosto e Ognissanti

Tutto lascia pensare che l’inibizione, disposta per legge, del potere di recesso unilaterale del datore, a fronte di ragioni connesse alla organizzazione delle sue attività, finisca con il durare (almeno?) un anno. Contemporaneamente appare emergere un legame tra questa scelta, con pochi precedenti nella storia della Repubblica, e l’evoluzione della pandemia, tornata da ultimo assai preoccupante.

18/11/2020
Legalità e lavoro nel diritto “dopo” la pandemia

A partire da una ricognizione delle diverse risposte fornite dal legislatore alle questioni di regolarità/irregolarità del rapporto di lavoro emerse nella fase dell’emergenza, l’Autrice si propone di introdurre il più ampio e complesso rapporto tra legalità e lavoro nella prospettiva del diritto che se ne occupa con il supporto di alcune riflessioni di metodo elaborate in recenti ricerche dedicate al lavoro e alla salute e sicurezza della salute dei migranti. Tali questioni sono relative al sostegno al reddito, all’emersione di rapporti di lavoro irregolari, soprattutto degli stranieri, e alla gestione del mercato del lavoro, ivi compreso il caporalato

25/09/2020