Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Traslazione dei contenziosi: dai tribunali ai consigli dell'ordine

di Bruno Capponi
Ordinario di diritto processuale civile nella LUISS Guido Carli
La disciplina cardine dell’eliminazione dell’arretrato è nella c.d. translatio dei contenziosi dai tribunali ai consigli dell’ordine
Traslazione dei contenziosi: dai tribunali ai consigli dell'ordine

Il 29 agosto scorso, con grande supporto mediatico, il consiglio dei ministri ha approvato un pacchetto di riforme sulla giustizia civile. Da allora, vari testi hanno iniziato a circolare in Rete ma sempre con l’avvertimento (che compare puntualmente anche in quello curato per questa Rivista da G. Buffone) che non si trattava di versioni ufficiali, e che pertanto potevano esserci degli errori.

S’è appreso infatti che il consiglio dei ministri, del pacchetto, ha deliberato un’approvazione solo “di massima”; dopo, quei testi sono tornati negli uffici legislativi dei ministri competenti e della presidenza (il temibile DAGL), e soltanto in data 12 settembre il decreto-legge che chiameremo di eliminazione dell’arretrato è stato presentato al Capo dello Stato.

Per due settimane, quindi, i testi sono stati elaborati in una sede diversa da quella che li aveva approvati; c’è da chiedersi se il testo definitivo non avrebbe dovuto essere ripresentato al consiglio dei ministri per una nuova approvazione (sc.: per l’approvazione), posto che norme immediatamente efficaci non dovrebbero essere totalmente delegate ai tecnici dopo un’approvazione “di massima”. Ferme restando le riserve che abbiamo sempre espresso circa l’utilizzo della decretazione d’urgenza in materia processuale (da ultimo in Capponi-Tiscini, Introduzione al diritto processuale civile, Torino, 2014, 117 ss.), le modalità ora seguite ci sembra non abbiano precedenti. Forse i costituzionalisti dovrebbero esprimersi sulla legittimità di comportamenti del governo, che finiscono per esaltarne la responsabilità riguardo a norme immesse nel circuito senza il previo controllo del Parlamento (sebbene appaia remota l’ipotesi di mancata conversione del decreto-legge).

Delle due l’una: o il testo presentato al Capo dello Stato è lo stesso approvato il 29 agosto, ed allora andrebbe chiarito a che scopo quello stesso testo, battezzato urgente, è rimasto negli uffici legislativi per ben due settimane; o il testo è diverso, ed allora dobbiamo considerarlo, spiace dirlo, non formalmente approvato nella sua sede naturale e costituzionale.

Dicevamo prima dell’impatto mediatico del testo, che nelle intenzioni divisate dovrebbe (addirittura) eliminare o anche dimezzare l’arretrato civile.

Una commissione ministeriale, presieduta dal cons. Berruti, era stata incaricata di esaminare il problema prima dell’estate. Ma, salvo errori, non si conoscono i testi prodotti da quella commissione. Il dubbio che non siano quelli ora presentati al Capo dello Stato è legittimo alla luce vuoi del faticoso ed anomalo processo seguito per la loro finale elaborazione; vuoi del surreale precedente dell’ultima commissione Vaccarella che, nominata dal ministro Cancellieri per suggerire modifiche del codice di procedura e della disciplina della mediazione, è stata subito abbandonata a se stessa proprio come se non fosse affatto esistita (ci permettiamo di rinviare, per notizie, a A prima lettura sulla delega legislativa al governo «per l’efficienza della giustizia civile» (collegato alla legge di stabilità 2014), in Riv. trim. dir. proc. civ., 2014, p. 361 ss.; nonché a Sulla «ragionevole brevità» degli atti processuali civili, ivi, 2014, p. 1075 ss.).

La disciplina cardine dell’eliminazione dell’arretrato è nella c.d. translatio dei contenziosi dai tribunali ai consigli dell’ordine. Anche il nome è scelto infelicemente: si ha translatio, infatti, quando un giudice, con decisione definitiva, si spoglia della controversia a favore di altro giudice. Qui si assiste invece ad un’istanza “congiunta” con cui le parti decidono di rimettere la decisione della controversia ad un collegio di avvocati nominati dalle parti stesse o dal presidente del locale consiglio dell’ordine (per le corti d’appello quello in cui ha sede il distretto).

Il legislatore, chiunque esso sia, palesa il solito vizio: di pensare che le cause civili siano sempre e soltanto con due sole parti. Cosa succederà, infatti, in caso di litisconsorzio facoltativo o di causa scindibile in appello, se non tutte le parti costituite (lasciam perdere il contumace) optano per la via arbitrale? Il quesito pone, soprattutto per l’appello, questioni cui non è affatto facile dare una risposta.

È già stato scritto, e giustamente, che la misura non introduce nulla di nuovo, perché le parti già col compromesso avrebbero potuto abbandonare la via giudiziaria per eleggere quella arbitrale (Scarselli, Luci e ombre sull’ennesimo progetto di riforma del processo civile, in questa Rivista); è vero, ma qui il discorso è stato complicato.

Anzitutto, il processo trasmigra ferme restando preclusioni e decadenze intervenute. Con ciò si contamina l’arbitrato, che sinora s’era salvato, con questioni processuali a lui del tutto sconosciute perché, com’è noto, ciò che deve osservarsi in arbitrato è il procedimento voluto dalle parti nella convenzione arbitrale o quello stabilito dagli arbitri nel rispetto del principio del contraddittorio. Ma non esistono tagliole nell’arbitrato. Ora, però, le si eredita dalla fase pregressa dinanzi al giudice.

Finora l’arbitrato è stato un giudizio di unico grado, soggetto a un’impugnazione per nullità molto simile ad un controllo di legittimità. Ora, il lodo potrà sovrapporsi, in appello, ad una sentenza di primo grado, ed evidentemente essere impugnato in cassazione alla stregua di una sentenza d’appello.

Valeva la pena di creare tutte queste complicazioni? Tutto dipenderà dalla risposta che sarà data a questa grande occasione che è stata offerta all’avvocatura per legittimare se stessa, e che la stessa avvocatura è chiamata a gestire. Ma se si guarda al tutto dalla prospettiva della parte che ha già pagato il contributo unificato, francamente non si vede perché chi ha richiesto e pagato un servizio pubblico dovrebbe, sol perché la legge improvvisamente lo consente, trasferire il contenzioso ad una nova sede, non sappiamo quanto onerosa.

La nomina degli arbitri è un discorso a sé. Il testo del d.-l. parla di collegio individuato concordemente dalle parti o dal presidente del consiglio dell’ordine, non si sa in quale precisa successione. Ciò vale per gli arbitri di parte, o anche per il presidente del collegio? Come si integra la disciplina del c.p.c. con quella, anodina e purtuttavia esistente, del nostro decreto?

Altro discorso è se sia opportuno assegnare al locale consiglio dell’ordine la gestione dei contenziosi che trasmigrano dai tribunali e dalle corti d’appello. (Personalmente, avrei adottato la stessa disciplina che attualmente vige per la correzione degli scritti nell’esame per avvocato.) Spiace dirlo, ma va detto: la disciplina dà tutta l’impressione di una strizzata d’occhio ad una categoria elefantiaca e in forte crisi identitaria.

Ma forse della questione non dobbiamo troppo interrogarci perché, come ha già scritto Scarselli, saranno rare le ipotesi di traslazione. L’istintiva saggezza delle parti saprà difenderle da facili scorciatoie.

E allora la soluzione dov’è?

Credo sia nei giovani. Vari tentativi sono stati realizzati nel tempo per liberare il giudice dal peso dell’arretrato (dalle sezioni-stralcio del 1997 all’anomala diffusione della magistratura onoraria, ora anche nelle corti d’appello in palese violazione dei canoni costituzionali: sia consentito il rinvio a Le crisi della giurisdizione civile, in corso di pubblicazione in Corriere giuridico, n. 10/2014), ma non hanno dato gli esiti sperati. Credo che fossero le persone a non andar bene. L’apologia della maturità, a base delle scelte fatte nel 1991 col giudice di pace, è caduta nel vuoto.

Occorre puntare sui giovani bravi e motivati, che escono dai nostri dipartimenti con la voglia di impegnarsi. Ce ne sono.

Coi giovani occorre costruire dapprima un ufficio del giudice vero (non, per intenderci, gli stagisti del decreto “del fare”) e poi, una volta formati sul campo, realizzare un reclutamento straordinario.

La crisi della giustizia non si risolve coi giochetti a costo zero, o con costi ribaltati sulle parti che li hanno già sostenuti e che hanno diritto al servizio che hanno pagato già.

Ma, certo, ciò comporta un cambio di rotta, un approccio serio. Ciò che, ci sembra, non possiamo aspettarci in tempi di crisi in cui le risorse vengono destinate sempre altrove.

12/09/2014
Altri articoli di Bruno Capponi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
De profundis per la sezione filtro della Cassazione civile

Con la legge delega n. 206/2021, ed il  successivo d.lgs. di attuazione n. 1456/2922, è stata abolita la "sezione filtro" della Corte di cassazione, introdotta , con  una modifica dell'art. 376 c.p.c., dalla legge 18 giugno 2009 n. 69. Questione Giustizia ripropone la relazione, sinora mai pubblicata,  svolta nel 2009 dal prof. Giorgio Costantino nella quale viene tracciata la storia dell'istituto e le critiche che ne accompagnarono la faticosa gestazione.

16/11/2022
La riforma Cartabia: la disciplina organica della giustizia riparativa. Un primo sguardo al nuovo decreto legislativo

Con il decreto legislativo in attuazione della legge delega 27 settembre 2021 n. 134 è stata definitivamente approvata la "disciplina organica" della giustizia riparativa. 
L’idea di una giustizia della riparazione, nella sua contrapposizione alla tradizionale giustizia punitiva, ha un che di indubitabilmente rivoluzionario, in quanto modello di giustizia fondato essenzialmente sull’ascolto e sul riconoscimento dell’altro. Il tempo era ormai maturo per sviluppare e mettere a sistema le esperienze di giustizia riparativa, già presenti nell’ordinamento in forma sperimentale e che stavano mostrando esiti fecondi. La giustizia della riparazione introduce nel sistema una dialettica "tripolare": non c’è più solo lo Stato che punisce e l’autore del reato che subisce la pena, c’è anche la vittima che è sparita dal processo a causa della tradizione del garantismo, ispirato allo scopo di impedire la vendetta privata e che vede la vittima sostituita dallo Stato ma neutralizzata nel processo, spettatrice e spesso vittima due volte. Il paradigma riparativo permette alla vittima e all’autore del reato di partecipare attivamente, se entrambi vi acconsentono liberamente, alla risoluzione delle questioni risultanti dal reato con l’aiuto di un terzo imparziale.
La scelta italiana è stata quella di un percorso "parallelo" volto alla ricomposizione del conflitto: non una giustizia alternativa alla giustizia tradizionale (con superamento del paradigma punitivo), e nemmeno un modello sussidiario, bensì complementare, volto alla ricomposizione del conflitto poiché compito dello Stato è anche quello di promuovere la pacificazione sociale. 
Anche il ruolo del Giudice muta: egli si mette non sopra il conflitto ma dentro di esso per risolverlo, non si limita ad assolvere o a condannare e, senza perdere la sua neutralità, compie il difficile cammino verso una ricomposizione che riqualifica sia il senso di un processo giusto che il senso stesso della pena inflitta.

10/10/2022
Editoriale. Ordinamento giudiziario: isolare, separare, atomizzare la magistratura. Solo un preludio delle politiche della destra?

L'editoriale di Nello Rossi al fascicolo 2-3/2022 di Questione giustizia trimestrale, dedicato alle riforme dell'ordinamento giudiziario

07/10/2022
La disciplina dell’archiviazione e dell’udienza preliminare nella riforma del processo penale: un nuovo ruolo dei protagonisti della giurisdizione penale

L’innovativa regola di giudizio per la presentazione della richiesta di archiviazione e la conseguente nuova norma che prescrive al giudice dell’udienza preliminare di pronunziare sentenza di non luogo a procedere «anche quando gli elementi acquisiti non consentono di formulare una ragionevole previsione di condanna» sono destinate ad incidere profondamente sui compiti e sul ruolo del pubblico ministero, del giudice dell’udienza preliminare e del difensore. 
L’articolo esamina tali trasformazioni e si sofferma sul tema della capacità dei protagonisti tecnici della giurisdizione, pubblici e privati, di metabolizzare l’importante mutamento di paradigma processuale del quale la riforma in esame si è fatta portatrice e che ha di fatto anticipato il baricentro dell’accertamento giudiziario della responsabilità dell’imputato, dalla fase del dibattimento vero e proprio, a quella, precedente, del controllo sulle risultanze delle indagini.

06/10/2022
La separazione delle carriere tra argomenti tradizionali ed evoluzione del processo: un tema ancora attuale?

È giunto il tempo di un modello nuovo, che tenga conto del fatto che il pubblico ministero è una parte pubblica orientata ai principi costituzionali e che il tema della separazione delle carriere non è più attuale.

27/09/2022
Le tabelle degli uffici giudiziari giudicanti e i programmi di gestione nel “progetto Cartabia”. L’occasione di un cambiamento

Il disegno di legge delega per la riforma dell’ordinamento giudiziario contiene alcune disposizioni che riguardano le tabelle di organizzazione degli uffici giudiziari. Si tratta di un intervento che, in larga parte, riprende indicazioni venute dalle circolari del Csm e dal dibattito di questi anni.  La nuova normativa può essere, tuttavia, l’occasione per una complessiva rivisitazione del sistema tabellare e, più in generale, degli strumenti di organizzazione degli uffici (programmi di gestione, progetti previsti dall’art. 12, comma 3, dl 9 giugno 2021, n. 80) allo scopo di evitare duplicazioni e sovrapposizioni e delineare un modello di organizzazione più semplice e flessibile che utilizzi al meglio le opportunità offerte dalle nuove tecnologie.

26/09/2022
Magistrati e politica

Con l'immagine delle porte girevoli è stato affrontato il tema ben più complesso del rapporto tra magistratura e politica. La disciplina per gli incarichi nelle amministrazioni locali risponde ad una esigenza largamente sentita e per troppo tempo elusa dal legislatore. L’impossibilità per i magistrati di tornare alla giurisdizione al termine del mandato elettivo risponde anch’essa ad una esigenza oggi largamente sentita. Sulla destinazione al Ministero della giustizia sono introdotti disincentivi forti per i magistrati. Difficile immaginare dove, per ricoprire i ruoli apicali, saranno individuate figure professionali che assicurino, oltre alle competenze tecnico-giuridiche, la conoscenza (e l’esperienza) del funzionamento pratico della macchina della giustizia. Ma si è sacrificato sull’altare della «demonizzazione dei magistrati fuori ruolo».

24/09/2022