Magistratura democratica
Magistratura e società

I prodromi e i volti della violenza di genere. Come riconoscerli, prevenirli, arginarli

di Fabrizio Filice
Giudice del Tribunale di Vercelli e componente del “Comitato Pari Opportunità”
Relazione tenuta all’Aula Magna del Tribunale di Torino per il convegno sul tema della violenza di genere organizzato il 25 novembre 2016, in occasione della «Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne»

ABSTRACT

Gli allarmanti dati statistici attestanti la crescita esponenziale di reati commessi con violenza nei confronti delle donne e i conseguenti provvedimenti adottati a stretto giro, con un’ottica eminentemente “emergenziale” da parte dei Legislatori degli ultimi dieci anni, hanno suscitato una radicale inversione di rotta da parte dell’Accademia e della Magistratura, rimaste a lungo sostanzialmente insensibili alla tematizzazione del genere e della violenza di genere, già invece profondamente radicata, a partire dagli anni ottanta, nell’ambiente giuridico anglosassone, patria dei cosiddetti women’s studies.

Questa improvvisa presa di coscienza, necessitata dall’esigenza di dare ai nuovi istituti, di diritto sostanziale e processuale, un’applicazione corretta e coerente con il diritto dell’Unione Europea, ha comportato l’ingresso nel lemmario giuridico di concetti sociologici - a cominciare dal gender e dalla connessa gender based violence, ciò che è, appunto, la violenza di genere – rimasti a lungo inusuali all’azione politico-giudiziaria.

La relazione si propone quindi di illustrare brevemente le “nozioni minime necessarie” mutuate dagli studi di genere di origine anglosassone, e di proporre quindi una lettura sistematica e coordinata dei vari istituti sostanziali e processuali via via introdotti nel nostro ordinamento, evidenziandone la connessione funzionale con i suddetti concetti basilari, da considerarsi ormai a tutti gli effetti “beni giuridici” protetti dall’ordinamento, e marcandone, altresì, i principali limiti di efficacia che l’ampia casistica giudiziaria ha già focalizzato; e ciò al fine di suggerire un processo – già in corso, seppure ancora in via sperimentale, in molti uffici giudiziari – di sempre maggiore integrazione di tali istituti con regole di best practice implicanti protocolli di accordo tra le Autorità Giudiziarie del territorio e le principali Autorità di Polizia e Amministrative, in particolare ASL e servizi sociali, a vario titolo coinvolte nella presa in carico dei casi violenze domestiche su donne e minori.

La foto copertina è tratta dalla Pagina Facebook “Non una di meno

10/01/2017
Altri articoli di Fabrizio Filice
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La vittima ed il suo Giudice

La “storica” decisione della CEDU di condanna dello Stato italiano per violazione dell’art. 8 della Carta afferma il diritto della donna che denuncia una violenza sessuale al rispetto della sua vita privata, anche da parte dei Giudici che ne esaminano la credibilità, che non può essere affermata o negata in base alle sue abitudini sessuali, ed alle sue libere scelte di comportamento, in applicazione di canoni di moralità che rispecchiano stereotipi superati sul ruolo delle donne. Lo Stato è tenuto alla tutela della libertà della persona, e della sua dignità, tanto più nell’occasione dell’esercizio dell’attività giurisdizionale: un principio che Questione giustizia vuole rilanciare nel giorno della ricorrenza della istituzione della Repubblica italiana.

02/06/2021
Recensione a "Codice rosso. Il contrasto alla violenza di genere: dalle fonti sovranazionali agli strumenti applicativi"

La recensione al volume di Paola Di Nicola Travaglini e Francesco Menditto, edito da Giuffré-Francis Lefebvre (2020)

20/02/2021
“Per gelosia d’amore”, di Licia Badesi

La violenza sulle donne in atti di processi tra il 1862 e il 1928 (con un’intervista all’Autrice)

 

09/01/2021
Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso
La lettura del volume di Fabrizio Filice La violenza di genere (ed. Giuffré Francis Lefebvre) e la prospettiva sociologica che lo ispira, offre alcuni interessanti spunti di riflessione sull’approccio normativo e giudiziario ai reati di violenza di genere
14/09/2019
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
Le sentenze che non prestano attenzione all’uso del linguaggio e alla pertinenza delle argomentazioni rischiano di essere fonte di vittimizzazione secondaria e cassa di risonanza di vecchi e resistenti stereotipi
19/04/2019
Femminicidi di Bologna e Genova: perché quelle sentenze potrebbero sbagliare
Serve spostare il dibattito dal piano mediatico – incentrato sul quantum di pena e su una non condivisibile finalità “esemplare” della sanzione – a quello degli studi giuridici di genere, nel cui ambito tutti gli istituti di diritto sostanziale dovrebbero essere parametrati alla particolarità del bene giuridico protetto, che consiste nella libertà di autodeterminazione della donna
15/04/2019
Di cosa è fatta la discrezionalità dei giudici se non da un complesso intreccio fra conoscenza giuridica, sensibilità, cultura ed esperienza personale? Ancora una riflessione dopo le sentenze di Bologna e Genova su casi di femminicidio
27/03/2019