Magistratura democratica
Magistratura e società

Una gabbia che vola

di Simone Silvestri
giudice del Tribunale di Lucca

Recensione a Naturae – La valle dell’annientamento – III Quadro, messo in scena dalla Compagnia della Fortezza, diretta da Armando Punzo

Una stretta gabbia viene fatta rotolare come un masso dalle mani di un uomo a torso nudo. Attorno a lui altri uomini bianchi, neri, europei, arabi, orientali, con altre gabbie su uno sfondo bianco latte che avvolge terra e cielo, come una placenta.

In questo nulla scorrono musica e parole, entrambe trasmettono una sensazione avvolgente, onirica.

Mentre un narratore fuori campo descrive il mutamento, il superamento dei limiti, la metamorfosi, la liberazione dalle prospettive geometriche del mondo, le gabbie, sapientemente mosse da chi le maneggia, inglobano altre figure erranti, mascherate come fotografie della vita: la fatica, il lavoro, l’amore.

Questo è l’incipit dell’ultimo lavoro della Compagnia della Fortezza diretta da Armando Punzo (Naturae – La valle dell’annientamento – III Quadro) al quale assisto, come ormai da quasi vent’anni, nel cortile della Casa di Reclusione di Volterra.

Non so se quello che percepisco corrisponde al concetto del percorso teatrale compiuto negli ultimi sette anni dalla Compagnia – dalla critica al mondo del teatro di Shakespeare, fatto di lotta perenne tra uomo e leggi naturali, morale e ragion di Stato, alla necessità di esplorare con Borges oltre l’esistente, l’inesistente – ma sento che in quelle figure di uomini, esclusi dal mondo per un vizio capitale e alle prese con Il Limite, si è innestata, attraverso il teatro, una virtù. «In una foresta di statue morte e potenti, si aggira uno spirito che vuole essere liberato» dice Punzo presentando il lavoro del 2015 Shakespeare. Know Well.

I corpi, i gesti, i costumi, i magnifici quadri scenografici, che si susseguono senza sosta nello spazio assolato del lungo cortile, rapiscono gli occhi e commuovono. Gli spettatori sono in maggioranza artisti o gente di teatro, intellettuali, giornalisti, spiriti liberi per definizione, che si sono trovati a sottostare alle rigide regole del carcere per un paio di ore e ogni volta noto come lo facciano senza obiezione alcuna, come intimoriti dal meccanismo punitivo. E’ evidente, però, che in questa particolare situazione parteggiano per i reclusi, per la loro fatica, per la loro umanità.

Ed è appunto l’umanità, quella che emerge e si impone con una forza tale da portarmi alle lacrime. Io sono un giudice, uno spettatore particolare di quel che accade in quel cortile, condanno uomini e donne a pene che portano alla reclusione in carcere e ho visitato carceri, ho visto cosa vuol dire essere reclusi, so che la pena carceraria quasi sempre è una pena disumana o che alimenta disumanità ed è spesso destinata a chi è già ultimo.

Mi domando spesso perché i giudici non guardino il carcere.

A Volterra, la durezza di questo conflitto in parte si stempera. Vedo che il carcere, anche quando una pena diversa non trova spazio, può essere un luogo migliore di come è, un luogo dove il paradigma rieducativo non rimane lettera morta. Lo vedo nei volti degli attori/detenuti della Compagnia, ma lo vedo soprattutto nei volti degli altri, negli occhi dei carcerati che percepiscono l’importanza di quello che accade e il senso di quella fatica, negli occhi del personale della polizia penitenziaria alleggeriti dall’eterna urgenza del controllo, negli occhi degli operatori carcerari e dei collaboratori teatrali gratificati, questa volta in modo plateale, dal successo del percorso che praticano ogni giorno.

La rieducazione qui passa per la cultura, per il lavoro di gruppo e la responsabilità, per il senso delle regole e il bene comune, per l’analisi del testo e del personaggio, per la ricerca di quel gesto che esprima il vincolo e la liberazione, il qui e l’altrove, l’oggi e il domani, passa per la riappropriazione del tempo come vita.
Alla fine siamo tutti in piedi ad applaudire ed ad applaudire un ultimo attore di colore che da solo, nel bianco della scena, accompagnato dalla musica, impugna una gabbia e la rotea sollevandola da terra, mentre, in disparte, un libraio ha riempito una cella di tomi.

Mi domando spesso perché i giudici non visitino il carcere.

04/09/2021
Altri articoli di Simone Silvestri
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Verso la fine della pena come retribuzione? In occasione dei settecento anni dalla nascita di Dante Alighieri

La relazione del procuratore generale presso la Corte di Cassazione svolta ad Anagni il 10 luglio 2021, in occasione del conferimento del premio Bonifacio VIIIPer una cultura della pace. 

11/09/2021
Una gabbia che vola

Recensione a Naturae – La valle dell’annientamento – III Quadro, messo in scena dalla Compagnia della Fortezza, diretta da Armando Punzo

04/09/2021
Per un carcere più umano

Un appello di studiosi di diritto e procedura penale per una rinnovata attenzione al carcere

01/12/2020
Il "pensare corrente" sul carcere e i suoi antidoti

La recensione a M. Bortolato, E. Vigna, Vendetta pubblica. Il carcere in Italia, Laterza, 2020, diventa occasione per un’analisi a tutto tondo delle ideologie e delle visioni della penalità

14/11/2020
Rischio virus in carcere. Idee e proposte dei professori di diritto penale
Il documento dell'Associazione Italiana dei Professori di Diritto Penale
24/03/2020
“Cura Italia” e carcere: prime osservazioni sulle (poche) risposte all’emergenza
Le soluzioni per il carcere al tempo del virus. Una procedura di esecuzione pena presso il domicilio accelerata, ma limitata a pochi casi e vincolata dall’uso di (introvabili) braccialetti elettronici. Allo stato, occorre puntare su interpretazioni che ne implementino l’efficacia
19/03/2020
Il vecchio carcere ai tempi del nuovo colera
Il carcere attuale è sovraffollato e pericoloso. Per evitare che il coronavirus vi penetri, con rischi per tutti, occorre pensare a risposte celeri e concrete. Non è esercizio di buonismo, ma sano realismo
11/03/2020
Corte costituzionale e “Spazzacorrotti”: cronaca di una rivoluzione (non) annunciata
È incostituzionale ogni retroattività delle modifiche peggiorative della disciplina sulle misure alternative alla detenzione
13/02/2020
La libertà d’interpretazione dei giudici alla prova dell’ergastolo ostativo
Ancora a proposito della sentenza della Corte costituzionale sul cd. ergastolo ostativo: la rinuncia all’automatismo vuol dire fiducia nella giurisdizione e difesa della sua autonomia
13/11/2019