Magistratura democratica
Magistratura e società

“Quando la difesa è legittima? Il diritto della paura e la paura del diritto” (Raffaello Cortina Editore, Milano, 2020)

di Gianni Macchioni
consigliere della Corte d'appello di Torino

Qui di seguito, la recensione ad una importante riflessione critica – svolta a più voci e con una pluralità di approcci – sulla riforma della legittima difesa

Il legislatore che, con la legge n. 36/2019, ha messo mano all’istituto della legittima difesa possedeva una tecnica inadeguata, che non gli ha consentito di raggiungere gli obiettivi che perseguiva; si muoveva fra i principi costituzionali e convenzionali come uno straniero in un territorio ostile; riteneva che il popolo sovrano dovesse essere ammannito di retorica e paura, e che la norma penale avesse una natura simile a quella del suono del pifferaio di Hamelin. 

Eppure si tratta di un «argomento giuridico che, in ogni contesto storico e politico, tocca una corda molto sensibile dei rapporti fra individuo e società» (Insolera), addentrandosi nella zona di confine fra la potestà normativa e il monopolio della forza, prerogativa dello Stato, e l’autotutela imprescindibile del singolo, incidendo fortemente sui limiti consentiti all’esercizio della minaccia e della violenza da parte dell’individuo e quindi, di riflesso, sulla “quantità” e “qualità” di minaccia e di violenza che una collettività consente a sé stessa. 

Un argomento che perciò, malgrado la sua modesta incidenza statistica, avrebbe imposto, ancor prima che meritato, ben altro approccio, come del resto dimostra la pluralità di interventi sul tema ospitati da questa Rivista[1] e dalla preoccupazione sulle linee della riforma costantemente manifestata dall’Associazione degli studiosi di diritto penale[2].

E questo è l’argomentato denominatore comune di questa interessante raccolta di brevi saggi, curata da Gaetano Insolera per i tipi di Raffaello Cortina Editore.

Il pregio principale del volume è rappresentato dalla sua interdisciplinarietà – i contributi sono di Marcello Gallo, Alessandro Gamberini, Anna Finocchiaro, Gabriele Fornaciari, Gaetano Insolera, Antonio La Porta, Letizio Magliaro e Domenico Siciliano – cosa che consente di guardare alla questione della legittima difesa da prospettive molto differenti, comprese quelle dello spazio e del tempo; la sua lettura – fatta eccezione per alcuni passaggi delle riflessioni di Gallo e Gamberini, nitide (quella di Gallo è sempre una gran penna) ma forse troppo dedicate a lettori specializzati – è possibile anche a chi non si occupa di diritto per ragioni di lavoro o di studio. 

Quasi ponendo a valle del processo legislativo ciò che avrebbe dovuto trovarsi a monte, la raccolta propone scritti di natura squisitamente dottrinaria accanto a studi di carattere storico politico, di diritto comparato e di sociologia del diritto.

Fra gli spunti più interessanti ci sono le varie dottrine sorte per spiegare e giustificare l’intima connessione fra l’individuo e la sua proprietà, la sua casa – argomento al quale la riforma ha dedicato particolare attenzione e che già era stato oggetto di una specifica trattazione da parte del legislatore del 2006 – risalendo fino all’uccisione di Remo, in quanto responsabile di aver violato il confine di quella che sarebbe diventata l’Urbe, per passare poi agli approcci dei paesi di common law e di diritto continentale. 

Si tratta di temi estremamente stimolanti e che forse avrebbero meritato qualche riflessione ulteriore sul tema dell’individuo e ciò che gli appartiene, sulla sua identificazione in ciò che gli appartiene, in contrapposizione con una diversa idea che tende a scindere nettamente i due elementi dell’identità e del possesso e a dare un valore non solo autonomo e superiore ma propriamente assoluto al primo. Mutatis mutandis è ciò che avvenne quando, alla fine degli anni ’70, se non erro, s’impose nel nostro ordinamento, a legislazione immutata, l’istituto del danno biologico, come danno proprio della persona (finalmente) a prescindere dal suo patrimonio e dalla sua capacità reddituale.   

Non meno importante è la trattazione del tema della diffusione delle armi da fuoco quale mezzo di autodifesa e dei suoi riflessi per ciò che riguarda il numero degli omicidi, dei suicidi e delle morti accidentali in una data collettività (un’arma posseduta è destinata, prima o poi, ad essere usata, non necessariamente in conformità con quelle che erano le intenzioni che avevano sorretto il suo acquisto): trattazione opportunamente corredata dalla descrizione di una vicenda esemplare, quella australiana, nella quale ad un certo punto una precisa scelta politica e legislativa ha prodotto importanti effetti su tale versante. 

Sul piano più squisitamente giuridico, ma non per questo scevro da importanti rimandi anche di carattere estremamente concreto, si segnalano i tentativi del legislatore nostrano di consegnare ai cittadini ambiti di immunità dallo stesso accertamento giudiziale, indagini comprese – «idea quantomeno bizzarra e pericolosa», per usare le parole di Insolera – sintomo di un'insofferenza nei confronti del potere giurisdizionale che pure il fascismo, fattosi Stato, aveva finito per rinnegare; le osservazioni critiche sul testo introdotto nel 2006 e non modificato nel 2019 (se possiedo illegittimamente una pistola non posso usarla per difendere l’incolumità di mio figlio?); le differenti interpretazioni fornite a passaggi specifici della nuova disposizione (la violenza di cui parla il quarto comma dell’art. 52 c.p. è solo contro la persona o anche contro le cose?) ed al rapporto fra il primo comma dell’art. 52 c.p. e gli altri, sulle quali la dottrina e la giurisprudenza – a dispetto di quello stesso legislatore, che ha voluto inserire nel testo previgente avverbi il cui scopo evidente è quello di inibire l’ermeneutica giudiziaria – si dovranno inevitabilmente affaticare; le questioni della necessità e della proporzione della reazione difensiva, lasciate dallo stesso legislatore nel primo comma dell’art. 52 c.p. e trascurate in quelli successivi, ma la cui immanenza nell’istituto della legittima difesa complessivamente inteso appare imposta dai principi di rango superiore che ancora reggono il nostro ordinamento.   

Sbaglierò, ma l’elemento di novità più inquietante mi sembra rappresentato dal secondo comma dell’art. 55 c.p. in materia di eccesso colposo, introdotto dallo stesso legislatore con la l. n. 36/2019 con una tecnica talmente grossolana da suscitare grandi difficoltà applicative – rimando alla lettura degli scritti di Gallo e di Gamberini per una loro descrizione – e da comportare, prima o poi, una “sistemazione” più o meno creativa da parte della giurisprudenza, della quale, per più ragioni, si sarebbe fatto volentieri a meno.

È un paradosso solo apparente che proprio da chi mal tollera l’indipendenza della giurisdizione vengano prodotti normativi che aggiungono al sistema gratuiti profili d’incertezza, consegnando nuove giustificazioni a chi considera la pendenza stessa d’un processo penale una condanna.   

Buona lettura.  


 
[1] Cfr. R. De Vito, Promulgata la nuova legge sulla difesa… non sempre legittima, Questione giustizia on line, 28.4.2019; R. De Vito, Legittima difesa: una legge per un Paese più pericoloso, Questione giustizia on line, 28.3.2019; S. Morandini, Legittima difesa: un punto di vista morale, Questione giustizia on line, 28.1.2019; G. Insolera, Dalla legittima difesa all’offesa legittimata? Ragioni a confronto sulle proposte di modifica all’art. 52 cp, Questione giustizia on line, 21.1.2019; D. Siciliano, «Al privato onesto un’arma legittima». Una genealogia della legittima difesa a tutela del patrimonio nel sistema giuridico italiano, Questione giustizia on line, 14.1.2019; M. Michelozzi, Fuori dalla legittima difesa, Questione giustizia on line, 9.1.2019.

[2] Legittima difesa: il comunicato dell’Associazione italiana dei professori di diritto penale, Questione giustizia on line, 27.4.2018.

06/02/2021
Altri articoli di Gianni Macchioni
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
I delitti contro l'uguaglianza

La discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi è contraria al principio di uguaglianza e, soprattutto, al valore della pari dignità sociale che la Costituzione riconosce a tutti. I delitti contro l’uguaglianza rappresentano la negazione di questo valore. Il contributo ripercorre lo sviluppo legislativo e giurisprudenziale che ha portato alla formulazione degli attuali articoli 604 bis e 604 ter c.p. con uno sguardo alla giurisprudenza sovranazionale e, soprattutto, alle modalità secondo cui una specifica categoria di vittime avverte la discriminazione nei propri confronti.

29/09/2021
Verso la fine della pena come retribuzione? In occasione dei settecento anni dalla nascita di Dante Alighieri

La relazione del procuratore generale presso la Corte di Cassazione svolta ad Anagni il 10 luglio 2021, in occasione del conferimento del premio Bonifacio VIIIPer una cultura della pace. 

11/09/2021
Il diritto a non essere “additato” come colpevole prima del giudizio. La direttiva UE e il decreto legislativo in itinere

E’ sul versante mediatico e della motivazione dei provvedimenti giudiziari che, nel nostro Paese, la presunzione di innocenza può essere contraddetta e vulnerata. E’ questo il filo conduttore del decreto legislativo ancora in itinere, che - in attuazione della Direttiva UE n. 343 del 2016 - mira a rafforzare la presunzione di innocenza dell’indagato e dell’imputato, con l’ambizione di incidere profondamente sul linguaggio di tutte le “autorità pubbliche”, sulla comunicazione degli uffici giudiziari e sulla motivazione delle decisioni interne al processo. Non è facile, oggi, prevedere se le nuove norme daranno il via ad una vera rivoluzione culturale nella rappresentazione delle persone sottoposte ad indagini e a processi o se le innovazioni resteranno una facciata destinata a mascherare malamente la sopravvivenza di inveterati “pregiudizi”. E’ certo però che la genuina adesione all’ispirazione di fondo della nuova normativa non implica la rinuncia a ragionare, anche criticamente, sui differenti aspetti del testo normativo, sulla sua genesi, sulle sue ricadute nei mondi del diritto e dell’informazione. 

03/09/2021
L’iniziativa referendaria sull’articolo 579 del codice penale: gli scenari possibili

Gli scenari diametrali aperti dal successo nella raccolta delle firme sono quello della dichiarazione di inammissibilità del quesito e quello dell’abrogazione parziale per via referendaria dell’art. 579 c.p., che aprirebbe problemi interpretativi in particolare sul consenso. Ma di fronte alla complessità del tema della disponibilità/indisponibilità della vita e all’insieme delle norme di riferimento è possibile che né il referendum, né la sola iniziativa legislativa in corso in materia di “morte volontaria medicalmente assistita” siano dirimenti.

01/09/2021
Tortura: una norma scritta male al banco di prova della prassi applicativa

Due recenti pronunce di merito sono l’occasione per soffermarsi sugli elementi costitutivi e circostanziali della fattispecie di tortura. Una norma scritta male, densa di problemi interpretativi e non priva di qualche disallineamento rispetto alla normativa sovranazionale.

12/07/2021
La razionalità nel contrasto al crimine

Il giurista moderno non può interessarsi soltanto delle norme e della loro applicazione o disapplicazione, relegando in secondo piano l’esame del corpo sociale e lo studio delle realtà da cui nasce la criminalità.  Al rifiuto di tutte le diverse forme di “uso politico” della criminalità deve accompagnarsi un approccio razionale e pragmatico che individui adeguati strumenti di risanamento sociale e di trattamento del delinquente, dimostrando che lo Stato può ridurre il costo dei fenomeni criminali grazie all’impiego di metodi scientificamente corretti.

25/06/2021
Magistrati e giornalisti. Le querele, il "cahier de doléances", l’infedeltà necessaria

Si avvicina la scadenza del giugno 2021 fissata dalla Corte costituzionale per la sua pronuncia sul “carcere per i giornalisti” dopo la sollecitazione rivolta al Parlamento ad intervenire, entro un anno, sul tema della diffamazione a mezzo stampa. Dall’approssimarsi di questa data e dagli spunti offerti dalla cronaca traiamo l’occasione per affrontare due questioni estremamente attuali: le querele e le azioni civili dei magistrati per notizie ritenute false e diffamatorie e il cahier de doléances dei giornalisti per la vigente disciplina della diffamazione a mezzo stampa. 

12/05/2021
Falso in autodichiarazione covid e risposta penale

Il vaglio giurisdizionale sulle accuse relative alle falsità nelle c.d. autodichiarazioni COVID-19 costringe a riflettere su principi fondamentali, come il principio di legalità in materia penale, quello di sussidiarietà e sul diritto a non auto-incriminarsi; non ultimo, la questione impone di ragionare sull’utilità o meno della risposta penale verso un simile fenomeno.

15/04/2021