Magistratura democratica
Leggi e istituzioni

Appunti sulla disciplina dell’improcedibilità per irragionevole durata dei giudizi di impugnazione *

di Aniello Nappi
già consigliere della Corte di cassazione

Dopo le forti polemiche suscitate dalla riforma della prescrizione attuata con la legge 9 gennaio 2019, n. 3 - che disponeva la sospensione del relativo termine dopo la pronuncia della sentenza di primo grado, privando di fatto di un predeterminato limite di durata i processi penali  - la legge 27 settembre 2021, n. 134, nell’intento di mediare tra opposte esigenze, ha stabilito che il corso della prescrizione del reato cessa definitivamente con la pronunzia della sentenza di primo grado ma sono previsti termini di durata massima dei giudizi di impugnazione, la cui violazione comporta l’improcedibilità dell'azione penale. Seppure nella soluzione adottata non manchino le incoerenze, l’equilibrio faticosamente raggiunto ha una sua ragionevolezza. Nell’articolo sono esaminati e discussi alcuni dei problemi interpretativi che la nuova normativa porrà e che esigono una soluzione condivisa, onde evitare che applicazioni contraddittorie comportino danni irreparabili.

1. La legge 27 settembre 2021 ,n. 134 e il diritto alla ragionevole durata del processo

La riforma della prescrizione attuata con la l. 9 gennaio 2019, n. 3, che disponeva la sospensione del relativo termine dopo la pronuncia della sentenza di primo grado, aveva suscitato forti polemiche. 

Infatti nella nostra esperienza giudiziaria la prescrizione del reato funge di fatto da limite temporale dei processi, le cui cadenze vengono programmate appunto in ragione dell’esigenza di concludere il giudizio prima che il reato si estingua, ove possibile. 

La sospensione del corso della prescrizione dopo la sentenza di primo grado evitava così che si concludesse con un sostanziale non liquet un processo già pervenuto a una prima decisione sul merito, ma comportava la conseguenza di privare di fatto di un predeterminato limite di durata i processi penali[1].

Un intento di contemperamento tra le opposte esigenze ha condotto, con la l. 27 settembre 2021, n. 134, alla conclusione per cui, ribadito più chiaramente che il corso della prescrizione del reato cessa definitivamente, non è solo sospeso, con la pronunzia della sentenza di primo grado (art. 161 bis c.p.), si sono previsti termini di durata massima dei giudizi di impugnazione, la cui violazione comporta l’improcedibilità dell'azione penale (art. 344 bis c.p.p.). Ma anche in questa articolazione delle due prospettive non mancano le incoerenze. 

Sono infatti incompatibili con la logica della durata ragionevole del processo sia la previsione che la violazione dei termini massimi di durata non rileva, e dunque «la declaratoria di improcedibilità non ha luogo quando l'imputato chiede la prosecuzione del processo» anche oltre il prescritto termine (art. 344 bis comma 7 c.p.p.); sia la previsione che l’improcedibilità per durata irragionevole del processo non opera per i delitti puniti con l'ergastolo, indipendentemente dalla complessità dell’accertamento (art. 344 bis comma 9 c.p.p.). 

Infatti il diritto alla ragionevole durata del processo è ovviamente riconosciuto dalla l. 24 marzo 2001, n. 89, anche all’imputato di un reato punito con l’ergastolo; e la richiesta dell’imputato di prosecuzione del processo oltre i termini imposti dall’art. 344 bis non esclude il diritto della parte civile «alla ragionevole durata del processo, con le connesse conseguenze indennitarie in caso di violazione»[2].

Tuttavia l’equilibrio faticosamente raggiunto ha una sua ragionevolezza.

L’art. 344 bis c.p.p. prevede che costituisce causa di improcedibilità dell'azione penale la mancata definizione, con la lettura del dispositivo della decisione, entro il termine di due anni del giudizio di appello (art. 344 bis comma 1 c.p.p.), oltre che del giudizio conseguente all'annullamento della sentenza con rinvio al giudice competente per l'appello (art. 344 bis comma 8 c.p.p.), e la mancata definizione del giudizio di cassazione entro il termine di un anno (art. 344 bis comma 2 c.p.p.): termini che decorrono dal novantesimo giorno successivo alla scadenza del termine per il deposito della motivazione della sentenza previsto per il giudizio d’appello dall’art. 544 c.p.p., come eventualmente prorogato ai sensi dell’art. 154 disp. att. c.p.p., e per il giudizio di cassazione dall’art. 617 comma 2  c.p.p.(art. 344 bis comma 8 c.p.p.). 

Ma sono previste proroghe diversificate in ragione della gravità dei reati, quando «il giudizio di impugnazione è particolarmente complesso, in ragione del numero delle parti o delle imputazioni o del numero o della complessità delle questioni di fatto o di diritto da trattare», con la conseguenza che per i reati aggravati ai sensi dell'articolo 416-bis.1 comma 1 c.p. la durata massima del giudizio può determinarsi in complessivi cinque anni in appello e in complessivi due anni e sei mesi in Cassazione.

Tre dei molti problemi interpretativi che la nuova disciplina certamente porrà[3] paiono esigere una urgente soluzione condivisa, onde evitare che applicazioni contraddittorie comportino danni irreparabili.

 

2. Il concorso tra la causa di improcedibilità ex art. 344 bis c.p.p. e le cause di proscioglimento previste dall’art. 129 c.p.p. 

Viene innanzitutto in rilievo il caso del concorso tra la causa di improcedibilità ex art. 344 bis c.p.p. e le cause di proscioglimento previste dall’art. 129 c.p.p.

Secondo la giurisprudenza «la declaratoria di improcedibilità per difetto di querela prevale su quella determinata dall'estinzione del reato per morte dell'imputato giacché la mancanza di una condizione di procedibilità osta a qualsiasi altra indagine in fatto»[4]

Se ne è desunto che «potrebbe, dunque, ritenersi che, ove sia maturato il termine di durata del giudizio di impugnazione, al giudice sia ormai preclusa la possibilità di emettere una sentenza di proscioglimento dell’imputato secondo una delle formula contemplate dall’art. 129, comma 1, c.p.p., trattandosi, comunque, di una pronuncia sull’azione penale che ne presuppone la procedibilità e la possibilità di esaminare il merito dell’imputazione»[5].

Sennonché questa giurisprudenza, che si riferisce all’originaria mancanza di una condizione di procedibilità, come la querela, e al suo concorso con una causa di estinzione del reato, non può ritenersi riferibile anche alla sopravvenuta improcedibilità ex art. 344 bis dell’azione penale, cui deve ritenersi quantomeno applicabile in via analogica l’art. 129 comma 2 c.p.p., con la conseguenza che, anche quando risultino scaduti i termini previsti dall’art. 344 bis c.p.p. «ma dagli atti risulta evidente che il fatto non sussiste o che l'imputato non lo ha commesso o che il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato, il giudice pronuncia sentenza di assoluzione o di non luogo a procedere con la formula prescritta»[6]

Né sembra condivisibile l’analogo orientamento giurisprudenziale per cui «la deliberazione della sentenza di non luogo a procedere prevista dall'art. 13, comma 3-quater, d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286, per il caso di avvenuta espulsione dello straniero, preclude la pronuncia di proscioglimento nel merito ai sensi dell'art. 129, comma 2, c.p.p., in quanto l'esecuzione dell'ordine di espulsione è causa sopravvenuta di improcedibilità dell'azione penale che impedisce l'instaurazione del rapporto processuale»[7].

E’ vero infatti che l’art. 129 comma 2 c.p.p. si riferisce solo al concorso tra le cause di proscioglimento nel merito e una causa di estinzione del reato. Ma non pare possa dubitarsi che la ratio della norma possa estendersi anche al caso del concorso tra cause di proscioglimento nel merito e sopravvenuta improcedibilità ex art. 344 bis c.p.p.

L’imputato potrebbe certo rinunciare all’improcedibilità, come è possibile a norma dell’art. 344 bis comma 7 c.p.p., ove ritenesse che vi siano gli estremi per un immediato proscioglimento nel merito. 

Ma l’art. 129 comma 2 c.p.p. riconosce al giudice un potere officioso; e sarebbe davvero singolare se l’irragionevole durata del processo precludesse al giudice di riconoscere la già raggiunta evidenza «che il fatto non sussiste o che l'imputato non lo ha commesso o che il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato».

 

3. La sopravvenuta improcedibilità ex art. 344 bis c.p.p. e il giudicato parziale

Altra questione problematica si pone perché l’art. 344 bis comma 8 c.p.p. prevede che i termini di procedibilità dell’azione penale «si applicano anche nel giudizio conseguente all'annullamento della sentenza con rinvio al giudice competente per l'appello», «fermo restando quanto previsto dall'art. 624». 

Sennonché l’art. 624 c.p.p. prevede la formazione progressiva del giudicato nei casi di annullamento parziale in cassazione della sentenza di merito, che acquista appunto autorità di cosa giudicata rispetto alle parti che non hanno connessione essenziale con la parte annullata. 

Si pone così il problema di stabilire se la sopravvenuta improcedibilità ex art. 344 bis c.p.p. travolga anche il giudicato parziale già formatosi, posto che, secondo la giurisprudenza, per parti della sentenza, deve intendersi qualsiasi statuizione avente un'autonomia giuridico-concettuale, e, quindi, occorre fare riferimento, «non solo alle decisioni che concludono il giudizio in relazione a un determinato capo d'imputazione, ma anche a quelle che, nell'ambito di una stessa contestazione, individuano aspetti non più suscettibili di riesame»[8].

Può ad esempio accadere così che si sia formato il giudicato sulla responsabilità dell’imputato e il giudizio debba proseguire in sede di rinvio solo per la determinazione della pena; e secondo la giurisprudenza è esclusa la rilevabilità di cause di estinzione del reato, sopravvenute o preesistenti, quando l'annullamento parziale abbia a oggetto statuizioni diverse dall'accertamento del fatto e della responsabilità dell'imputato[9].

In realtà non può dubitarsi che il giudicato formatosi in relazione a distinti capi di imputazione definisca l’intero giudizio per quei capi; e renda perciò inapplicabile l’improcedibilità ex art. 344 bis c.p.p. .

Ma nei casi in cui il giudicato si sia formato solo su distinti punti della decisione relativa a un capo di imputazione interessato dall’annullamento per le parti residue, lo stesso giudizio di rinvio deve concludersi entro i termini previsti dall’art. 344 bis c.p.p.: con la conseguenza che l’improcedibilità eventualmente sopravvenuta travolge anche il relativo giudicato parziale.

Se con la disciplina previgente il giudicato parziale precludeva in ogni caso l’estinzione del reato, anche per la sopravvenuta prescrizione, con l’art. 344 bis c.p.p. il giudicato parziale non preclude la dichiarazione della sopravvenuta improcedibilità. 

Né potrebbe avere rilievo il fatto che, secondo la giurisprudenza, il giudicato parziale risulti addirittura eseguibile per la certezza della pena irrogata, perché l’art. 344 bis c.p.p. prevede comunque l’improcedibilità dell’azione penale se lo stesso giudizio di rinvio non sia definito entro i termini prescritti. 

Quand’anche la pena sia eseguibile, nondimeno il giudizio di rinvio non è definito; e l’art. 344 bis c.p.p. prevede l’improcedibilità in ogni caso in cui il giudizio di impugnazione o di rinvio non sia appunto definito.

Questo aspetto certamente problematico della nuova disciplina dovrebbe indurre la Corte di cassazione a un più esteso impiego dei poteri riconosciutile dall’art. 620 lettera l) c.p.p.[10].

Occorre infatti distinguere tra la valutazione delle prove, che è funzionale al giudizio di fatto, e la valutazione del fatto, che è funzionale sia al giudizio di diritto sia alla determinazione delle sue conseguenze. E la Corte di cassazione non può ovviamente valutare le prove, ma può certamente valutare i fatti, così come accertati dai giudici del merito, al fine di «rideterminare la pena sulla base delle statuizioni del giudice di merito o di adottare i provvedimenti necessari» (art. 620, lettera l c.p.p.).

L’alternativa sarebbe il superamento di una giurisprudenza consolidata da decenni e il recepimento della dottrina secondo la quale il giudicato ex art. 624 c.p.p. si forma sui capi, vale a dire sui reati o sulle domande, non sui punti e sulle questioni[11].

 

4. I problemi interpretativi relativi alla disciplina transitoria

I problemi interpretativi più gravi si pongono tuttavia con riferimento alla disciplina transitoria dettata dallo stesso art. 2, l. 27 settembre 2021, n. 134, ai commi da 3 a 5, che sono del seguente tenore:

«3. Le disposizioni di cui al comma 2 del presente articolo si applicano ai soli procedimenti di impugnazione che hanno a oggetto reati commessi a far data dal 1° gennaio 2020.

4. Per i procedimenti di cui al comma 3 nei quali, alla data di entrata in vigore della presente legge, siano già pervenuti al giudice dell'appello o alla Corte di cassazione gli atti trasmessi ai sensi dell'articolo 590 del codice di procedura penale, i termini di cui ai commi 1 e 2 dell'articolo 344-bis del codice di procedura penale decorrono dalla data di entrata in vigore della presente legge.

5. Nei procedimenti di cui al comma 3 nei quali l'impugnazione è proposta entro la data del 31 dicembre 2024, i termini previsti dai commi 1 e 2 dell'articolo 344-bis del codice di procedura penale sono, rispettivamente, di tre anni per il giudizio di appello e di un anno e sei mesi per il giudizio di cassazione. Gli stessi termini si applicano nei giudizi conseguenti ad annullamento con rinvio pronunciato prima del 31 dicembre 2024. In caso di pluralità di impugnazioni, si fa riferimento all'atto di impugnazione proposto per primo».

Il 1° gennaio 2020 è la data di entrata in vigore dell’art. 159 comma 2 c.p., così come modificato dall’art. 1 comma 1, lettera e), l. 9 gennaio 2019, n. 3, che disponeva la sospensione della prescrizione dopo la pronuncia della sentenza di primo grado. 

L’art. 159 comma 2 c.p. è stato poi abrogato dall’art. 1 l. 27 settembre 2021, n. 134, che ha altresì inserito l’art. 161 bis c.p. del seguente tenore:

«art. 161-bis (Cessazione del corso della prescrizione). - Il corso della prescrizione del reato cessa definitivamente con la pronunzia della sentenza di primo grado. Nondimeno, nel caso di annullamento che comporti la regressione del procedimento al primo grado o a una fase anteriore, la prescrizione riprende il suo corso dalla data della pronunzia definitiva di annullamento».

Sicché il corso della prescrizione si arresta comunque per i reati commessi a far data dal 1° gennaio 2020; e solo per questi reati trova applicazione la nuova disciplina dettata dall’art. 344 bis c.p.p., intesa appunto a sostituire all’estinzione del reato per prescrizione l’improcedibilità dell’azione penale per eccessiva durata dei giudizi di impugnazione.

Del tutto ragionevolmente si è previsto dunque che per i reati non più soggetti a prescrizione nei giudizi di impugnazione (in applicazione dell’abrogato art. 159 comma 1 c.p. o del sopravvenuto art. 161 bis c.p.) vigono i termini di procedibilità dell’azione penale; per i reati commessi in precedenza può invece sopravvenire l’estinzione per prescrizione anche nel corso dei giudizi di impugnazione, in applicazione della disciplina vigente prima della l. 9 gennaio 2019, n. 3.

Nei procedimenti che hanno a oggetto reati commessi a far data dal 1° gennaio 2020, cui la nuova disciplina si applica (comma 3), se l’impugnazione è proposta entro il 31 dicembre 2024, i termini previsti dall’art. 344 bis comma 1 e art. 344 bis comma 2 c.p.p. sono, rispettivamente, di tre anni per il giudizio di appello e di un anno e sei mesi per il giudizio di cassazione (comma 5). 

Tuttavia, se alla data di entrata in vigore della l. 27 settembre 2021, n. 134 (19 ottobre 2021), gli atti del procedimento siano già pervenuti al giudice dell'appello o alla Corte di cassazione, si applicano comunque i più brevi termini previsti dall’art. 344 bis comma 1 e art. 344 bis comma 2 c.p.p., sebbene con decorrenza dalla data di entrata in vigore della legge (comma 4): la deroga transitoria alla normativa a regime è dunque limitata in questi casi alla sola decorrenza dei termini di procedibilità dell’azione penale[12]

Nella già citata relazione del Massimario della Corte di cassazione si sostiene invece che, anche quando gli atti del procedimento siano già pervenuti al giudice dell'appello o alla Corte di cassazione, ai relativi giudizi di impugnazione si applichino i più lunghi termini previsti dal comma 5 (tre anni per il giudizio di appello e un anno e sei mesi per il giudizio di cassazione)[13].

Sennonché è vero che quella del comma 5 è la norma generale, applicabile a tutte le impugnazioni proposte entro il 31 dicembre 2024, ma è altresì vero che quella del comma 4 è una norma speciale, applicabile a tutte le impugnazioni che, pur proposte entro il 31 dicembre 2024, erano già pervenute con i relativi atti al giudice competente a pronunciarsi su di esse all’entrata in vigore della l. 27 settembre 2021. 

Gli ambiti di applicazione dei commi 5 e 4 sono dunque concentrici, come sempre avviene nel rapporto tra norme generali e norme speciali; ma la disciplina dettata dal comma 4 prevale appunto in ragione della sua specialità. E contrariamente a quanto si sostiene, questa differenziazione dei termini ha una chiara ratio nella considerazione che solo nel caso previsto dal comma 5 i tempi di trasmissione degli atti al giudice competente sono computati ai fini della ragionevole durata del giudizio.

E’ previsto poi che i termini stabiliti in via transitoria dal comma 5 si applichino anche «nei giudizi conseguenti ad annullamento con rinvio pronunciato prima del 31 dicembre 2024». 

Sicché il regime transitorio non si applica ai giudizi di rinvio se, pur essendo stato proposto il ricorso per cassazione entro il 31 dicembre 2024, l’annullamento con rinvio sia stato pronunciato a decorrere dall’1 gennaio 2025. 

Ma nei giudizi di rinvio disposti entro il 31 dicembre 2024 il termine di procedibilità dell’azione penale è di tre anni davanti al giudice d’appello e di un anno e sei mesi per l’eventuale nuovo giudizio di cassazione; mentre non sono previsti termini di procedibilità se il rinvio è disposto al giudice di primo grado, perché, come prevede l’art. 161 bis c.p., «nel caso di annullamento che comporti la regressione del procedimento al primo grado o a una fase anteriore, la prescrizione riprende il suo corso dalla data della pronunzia definitiva di annullamento».

Il comma 5 dell’art. 2 l. 27 settembre 2021, n. 134, aggiunge infine che, «in caso di pluralità di impugnazioni, si fa riferimento all'atto di impugnazione proposto per primo». 

Sicché, quando contro la medesima sentenza siano state proposte più impugnazioni, di cui solo alcune successive al 31 dicembre 2024, si applicano per tutte le impugnazioni i termini di durata del giudizio relativi alla prima. 

Tuttavia questa disposizione non può trovare applicazione quando solo per una delle impugnazioni proposte contro la stessa sentenza gli atti siano già pervenuti al giudice dell'appello o alla Corte di cassazione alla data di entrata in vigore della legge (19 ottobre 2021). 

La già indicata ratio del comma 4 presuppone infatti che al giudice competente a pronunciarsi siano pervenuti gli atti relativi a tutte le impugnazioni proposte.

Vero è che, secondo quanto si è affermato talora in giurisprudenza, «la trasmissione integrale alla corte d'appello degli atti del processo di primo grado ex art. 590 c.p.p., e la conseguente emissione del decreto di citazione in appello ex art. 601 c.p.p., deve essere effettuata immediatamente a seguito della presentazione del gravame e non dopo l'intero decorso dei termini di impugnazione, al fine di assicurare la ragionevole durata del processo»[14]

Ma quando siano più d’uno gli imputati legittimati a impugnare, l’integralità degli atti trasmessi a norma dell’art. 590 c.p.p. va riferita a tutte le impugnazioni effettivamente proposte. Sicché, se alla data del 19 ottobre 2021 non erano pervenuti al giudice dell’impugnazione gli atti relativi a tutte le impugnazioni proposte, non può trovare applicazione il quarto comma dell’art. 2 l. 27 settembre 2021, n. 134[15].


 
[1] A. Nappi, Prescrizione e ragionevole durata del processo, in Giustizia insieme, 23 marzo 2020.

[2] A. Nappi, Nuova guida al codice di procedura penale, §73.3, www.guidanappi.it.

[3] Per un elenco di problemi aperti si veda G. Spangher, Art. 344 bis c.p.p.: questioni di incostituzionalità e criticità applicative, in Giustizia insieme 2 dicembre 2021.

[4] Cass., sez. un., 24 settembre 2009, Martinenghi, m. 245163, Cass., sez. II, 22 ottobre 2015, Gioia, m. 265098.

[5] Riforma della giustizia penale: la relazione del Massimario sulla ‘legge Cartabia’, con focus sul nuovo istituto della 'improcedibilità', in Sistema penale 16 novembre 2021.

[6] A. Nappi, Nuova guida al codice di procedura penale, §73.3, www.guidanappi.it.

[7] Cass., sez. V, 7 maggio 2021, K, m. 281681.

[8] Cass., sez. un., 11 maggio 1993, Ligresti, m. 193419, Cass., sez. V, 24 marzo 2021, Cataldo, m. 281106.

[9] Cass., sez. IV, 16 aprile 2004, Arcidiacono, m. 228593, Cass., sez. II, 14 marzo 2007, Mazzei, m. 236462, Cass., sez. IV, 20 novembre 2008, Talarico, m. 242494, Cass., sez. II, 9 febbraio 2010, Guerriero, m. 246806, Cass., sez. III, 3 aprile 2013, Del Bergiolo, m. 256377, Cass., sez. I, 24 settembre 2015, Catanese, m. 264815, Cass., sez. II, 12 gennaio 2016, Serafino, m. 265792; sicché la stessa applicabilità dell'art. 129 è impedita dal giudicato: Cass., sez. un., 26 mar-zo 1997, Attinà, m. 207640, Cass., sez. I, 18 gennaio 2001, Picone, m. 218217, Cass., sez. IV, 28 novembre 2018, Malventi, m. 274828, Cass., sez. I, 24 settembre 2015, Catanese, m. 264815.

[10] A. Nappi, Nuova guida al codice di procedura penale, §73.3, www.guidanappi.it.

[11] F. Cordero, Procedura penale, III ed., Giuffrè, 1995, p. 801.

[12] G. Spangher, Irretroattività e regime transitorio della declaratoria di improcedibilità (l. n. 134 del 2021), in Giustizia insieme, 22 novembre 2021.

[13] Riforma della giustizia penale: la relazione del Massimario sulla ‘legge Cartabia’, con focus sul nuovo istituto della 'improcedibilità', in Sistema penale 16 novembre 2021.

[14] Cass., sez. II, 27 settembre 2017, Bouazdia, m. 271201.

[15] A. Nappi, Nuova guida al codice di procedura penale, sub art. 344 bis, www.guidanappi.it

[*]

Il presente contributo costituisce anticipazione del numero 4/2021 di Questione Giustizia trimestrale, di prossima uscita, dedicato alla riforma della giustizia penale.

09/12/2021
Altri articoli di Aniello Nappi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Le sfide da affrontare nella giustizia: PNRR, Ufficio per il processo, digitalizzazione

Il salto di qualità come cultura e governance che il raggiungimento degli ambiziosissimi obiettivi previsti dal PNRR sulla giustizia avrebbe dovuto imporre è ancora lontano. - L’Ufficio per il processo, la riforma più significativa e efficace attuata, in troppi casi si è risolto nell’affiancare al magistrato un assistente personale, senza cogliere questa grande occasione di rinnovamento delle modalità organizzative.  E’ mancato uno stabile coordinamento e scambio di esperienze tra gli uffici giudiziari, che sono stati lasciati soli. – L’Ufficio per il processo si scontra con la sempre crescente scopertura degli organici del personale amministrativo e rischia di assorbire i nuovi funzionari UPP nelle Cancellerie per sopperire alle mancanze. - Errori cui si può deve rimediare. - La digitalizzazione è un asse strategico di intervento, non una mera questione tecnica. Dovrebbe partire e rispondere alle esigenze degli utenti in quanto è oggi formante della giurisdizione che incide sulle modalità quotidiane di lavoro. Invece oggi l’attività del Ministero è lontana e non si confronta con uffici giudiziari e avvocati. Il rischio è di avere un contesto lavorativo plasmato dalle esigenze delle tecnologie e non, come sarebbe auspicabile, delle tecnologie plasmate sulle nostre esigenze lavorative. –L’Ufficio per il processo, la digitalizzazione e l’impatto che sta avendo ed avrà l’intelligenza artificiale anche nella giustizia danno la possibilità e sono l’occasione per ripensare l’organizzazione degli uffici e le modalità di lavoro. L’innovazione, la capacità di cambiare e di avere una visione generale dovrebbero essere la nostra prospettiva, nel contempo sognatori e pragmatici.

06/12/2022
Note a prima lettura di una brutta riforma del processo civile

Sommario: 1. Premessa – 2. I processi a cognizione piena di primo grado: critica alla coesistenza del rito ordinario e del rito semplificato. – 3. Tutele sommarie previste e richiamo ad altre non utilizzate. – 4. Un’incostituzionalità manifesta. – 5. Il Tribunale della persona, dei minorenni e della famiglia. – 6. Una rilettura del testo della riforma del processo civile. – 7. Ulteriori considerazioni sul giudizio di primo grado a cognizione piena. – 8. L'appello. – 9. Il giudizio di cassazione. – 10. Revocazione per contrarietà alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. – 11. Disciplina del processo in materia di persone, minorenni e famiglie. – 12. Termine dell’esame del decreto legislativo, indicazione delle parti omesse e cenni dei motivi    di queste omissioni.

29/11/2022
De profundis per la sezione filtro della Cassazione civile

Con la legge delega n. 206/2021, ed il  successivo d.lgs. di attuazione n. 1456/2922, è stata abolita la "sezione filtro" della Corte di cassazione, introdotta , con  una modifica dell'art. 376 c.p.c., dalla legge 18 giugno 2009 n. 69. Questione Giustizia ripropone la relazione, sinora mai pubblicata,  svolta nel 2009 dal prof. Giorgio Costantino nella quale viene tracciata la storia dell'istituto e le critiche che ne accompagnarono la faticosa gestazione.

16/11/2022
La riforma Cartabia: la disciplina organica della giustizia riparativa. Un primo sguardo al nuovo decreto legislativo

Con il decreto legislativo in attuazione della legge delega 27 settembre 2021 n. 134 è stata definitivamente approvata la "disciplina organica" della giustizia riparativa. 
L’idea di una giustizia della riparazione, nella sua contrapposizione alla tradizionale giustizia punitiva, ha un che di indubitabilmente rivoluzionario, in quanto modello di giustizia fondato essenzialmente sull’ascolto e sul riconoscimento dell’altro. Il tempo era ormai maturo per sviluppare e mettere a sistema le esperienze di giustizia riparativa, già presenti nell’ordinamento in forma sperimentale e che stavano mostrando esiti fecondi. La giustizia della riparazione introduce nel sistema una dialettica "tripolare": non c’è più solo lo Stato che punisce e l’autore del reato che subisce la pena, c’è anche la vittima che è sparita dal processo a causa della tradizione del garantismo, ispirato allo scopo di impedire la vendetta privata e che vede la vittima sostituita dallo Stato ma neutralizzata nel processo, spettatrice e spesso vittima due volte. Il paradigma riparativo permette alla vittima e all’autore del reato di partecipare attivamente, se entrambi vi acconsentono liberamente, alla risoluzione delle questioni risultanti dal reato con l’aiuto di un terzo imparziale.
La scelta italiana è stata quella di un percorso "parallelo" volto alla ricomposizione del conflitto: non una giustizia alternativa alla giustizia tradizionale (con superamento del paradigma punitivo), e nemmeno un modello sussidiario, bensì complementare, volto alla ricomposizione del conflitto poiché compito dello Stato è anche quello di promuovere la pacificazione sociale. 
Anche il ruolo del Giudice muta: egli si mette non sopra il conflitto ma dentro di esso per risolverlo, non si limita ad assolvere o a condannare e, senza perdere la sua neutralità, compie il difficile cammino verso una ricomposizione che riqualifica sia il senso di un processo giusto che il senso stesso della pena inflitta.

10/10/2022
Editoriale. Ordinamento giudiziario: isolare, separare, atomizzare la magistratura. Solo un preludio delle politiche della destra?

L'editoriale di Nello Rossi al fascicolo 2-3/2022 di Questione giustizia trimestrale, dedicato alle riforme dell'ordinamento giudiziario

07/10/2022
La disciplina dell’archiviazione e dell’udienza preliminare nella riforma del processo penale: un nuovo ruolo dei protagonisti della giurisdizione penale

L’innovativa regola di giudizio per la presentazione della richiesta di archiviazione e la conseguente nuova norma che prescrive al giudice dell’udienza preliminare di pronunziare sentenza di non luogo a procedere «anche quando gli elementi acquisiti non consentono di formulare una ragionevole previsione di condanna» sono destinate ad incidere profondamente sui compiti e sul ruolo del pubblico ministero, del giudice dell’udienza preliminare e del difensore. 
L’articolo esamina tali trasformazioni e si sofferma sul tema della capacità dei protagonisti tecnici della giurisdizione, pubblici e privati, di metabolizzare l’importante mutamento di paradigma processuale del quale la riforma in esame si è fatta portatrice e che ha di fatto anticipato il baricentro dell’accertamento giudiziario della responsabilità dell’imputato, dalla fase del dibattimento vero e proprio, a quella, precedente, del controllo sulle risultanze delle indagini.

06/10/2022
La separazione delle carriere tra argomenti tradizionali ed evoluzione del processo: un tema ancora attuale?

È giunto il tempo di un modello nuovo, che tenga conto del fatto che il pubblico ministero è una parte pubblica orientata ai principi costituzionali e che il tema della separazione delle carriere non è più attuale.

27/09/2022