Magistratura democratica
Osservatorio internazionale

Stato di pericolo e poteri straordinari al governo ungherese

Pubblichiamo, con una breve nota redazionale, il testo della legge del 30 marzo 2020 che ha conferito poteri straordinari al governo ungherese per affrontare l’epidemia da COVID-19

La sera del 30 marzo 2020 il presidente della Repubblica Jànos Ader ha promulgato la legge, voluta dal capo del governo Victor Orbàn e approvata dal Parlamento, che ha conferito poteri straordinari al governo ungherese per affrontare l’epidemia da COVID-19.

Pubblichamo il testo della legge nella traduzione provvisoria in italiano curata da Tatiana Negurita.

La base costituzionale della legge si rinviene nell’articolo 53 della Costituzione ungherese, che prevede lo “stato di pericolo” con l’attribuzione al governo del potere di sospendere l’applicazione di leggi e di derogare al loro contenuto:

Articolo 53 – Stato di pericolo

  1. Il Governo, nel caso di calamità naturale oppure di disastro industriale che metta in pericolo la sicurezza della vita o dei beni nonché per evitare le conseguenze degli stessi, dichiara lo stato di pericolo ed introduce misure straordinarie previste per legge-cardine [legge organica].
  2. Il Governo nel caso di stato di pericolo può emanare decreti con i quali – secondo quanto descritto per legge-cardine [legge organica] – può sospendere l’applicazione di alcune leggi, può divergere da disposizioni di legge, può attuare altre misure straordinarie.
  3. In base al comma 2 il decreto del Governo resta in vigore per quindici giorni, a meno che il Governo – sulla base dell’autorizzazione dell’Assemblea Nazionale – non ne proroghi l’effetto.
  4. Il decreto del Governo decade con la cessazione dello stato di pericolo.

La Costituzione ungherese è stata approvata il 18 aprile 2011 sulla base dei soli voti della maggioranza (la coalizione FIDESZ-KDNP) dopo un procedimento di revisione durato solo trentacinque giorni, e dopo una “consultazione nazionale” consistita in un semplice elenco di dodici domande retoriche che non riportava il testo del progetto.

La Corte costituzionale ungherese il 28 dicembre 2012, con decisione n. 45/2012, ha annullato più di due terzi delle disposizioni transitorie contenute in quell’atto, considerate di particolare rilevanza dalla maggioranza di governo; che ha reagito promuovendo una nuova modifica della Legge fondamentale, adottata l’11 marzo 2013, che integra nella Legge stessa la maggior parte delle disposizioni transitorie annullate dalla Corte, nonché altre disposizioni precedentemente dichiarate incostituzionali.

La Commissione di Venezia, organo di alta consulenza/assistenza costituzionale del Consiglio d’Europa, già dal 2011 aveva formulato osservazioni sulla situazione costituzionale ungherese.

Una delle questioni poste è quella della distorsione del sistema costituzionale prodotta dall’aumento delle materie riservate alle cosiddette leggi-cardine, leggi organiche ritenute fondamentali da adottarsi a maggioranza di 2/3 che integrano in via ordinaria il sistema costituzionale[1]: tra di esse rientra anche la legge del 30 marzo 2020, approvata con 137 voti favorevoli e 53 contrari.

Il Parlamento europeo si è occupato della questione ungherese con la risoluzione del 3 luglio 2013 “sulla situazione dei diritti fondamentali, norme e pratiche in Ungheria” adottata in applicazione della risoluzione del del 16 febbraio 2012[2].

In termini più ampi, una successiva risoluzione del Parlamento europeo del 12 settembre 2018[3] ha invocato l’applicazione dell’articolo 7, paragrafo 1 del Trattato sull’Unione europea a fronte di un evidente rischio di violazione grave da parte dell’Ungheria dei valori su cui si fonda l’Unione, rinvenuto in una pluralità di campi[4], tra i quali, rilevano direttamente in relazione alla legge del 30 marzo 2020 il funzionamento del sistema costituzionale e la libertà di espressione.

E la situazione ungherese, sotto più profili, è oggetto di procedure di infrazione avviate dalla Commissione europea.

La legge del 30 marzo 2020, dopo avere richiamato il fondamento costituzionale dei poteri conferiti al governo, prevede l’estensione di tali poteri alla sospensione dell’applicazione di talune leggi e alla possibilità di introdurre deroghe a disposizioni normative; al di là quindi dell’adozione delle misure di contenimento previste dal precedente decreto n. 40/2020.

Prevede una “informazione in via breve” del capo del governo al solo presidente del Parlamento e ai capi dei gruppi parlamentari; norme per assicurare il funzionamento della Corte Costituzionale; la sospensione delle elezioni e dei referendum fino alla fine del periodo dell’emergenza.

Introduce poi un nuovo articolo nel codice penale: l’articolo 322/A prevede una serie di fattispecie di “impedimento (o intralcio) del controllo epidemico”, aggravate in caso di concorso di persone e aggravate dall’evento nel caso abbiano causato un decesso; mentre l’articolo 337, completamente novellato, punisce ora le false dichiarazioni pubbliche che possano causare turbamento o agitazioni, ovvero ostacolare o intralciare l’efficacia delle misure.

 

 

[1] G. Michelini, V. Monetti, Ungheria, la svolta di Orbàn. Si smantellano pesi e contrappesi, http://magistraturademocratica.it/mdem/articolo.php?id=1090&a=on

[2] www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2013-0315+0+DOC+XML+V0//IT.

[3] Risoluzione del Parlamento europeo del 12 settembre 2018 su una proposta recante l’invito al Consiglio a constatare, a norma dell’articolo 7, paragrafo 1, del trattato sull’Unione europea, l’esistenza di un evidente rischio di violazione grave da parte dell’Ungheria dei valori su cui si fonda l’Unione.
www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-8-2018-0340_IT.html#title1.

[4] Il funzionamento del sistema costituzionale e del sistema elettorale; l’indipendenza della magistratura e di altre istituzioni e i diritti dei giudici; la corruzione e i conflitti di interesse; la tutela della vita privata e la protezione dei dati; le libertà di espressione, accademica, di religione, di associazione; il diritto alla parità di trattamento; i diritti delle persone appartenenti a minoranze e la protezione dalle dichiarazioni di odio contro tali minoranze; i diritti fondamentali dei migranti, dei richiedenti asilo e dei rifugiati; i diritti economici e sociali.

01/04/2020
Altri articoli di Redazione
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Autonomia ed indipendenza della Procura Europea come garanzia dello Stato di diritto

In attesa che l’Ufficio del Pubblico Ministero Europeo (EPPO) divenga concretamente operativo e possa esercitare appieno i propri poteri di indagine e di esercizio dell’azione penale, vanno analizzate le garanzie normative di indipendenza e di autonomia dell’Ufficio e dei suoi organi e le interdipendenze sistemiche cui l’EPPO sarà soggetto nell’inserirsi nel contesto istituzionale della protezione del bilancio dell’Unione.

24/03/2021
Questione morale o questione democratica?

Che cosa si è alterato nelle dinamiche dell’associazionismo giudiziario, determinando la riduzione o lo svilimento della vita associativa e la contemporanea creazione di canali decisionali paralleli a quelli istituzionali? A volte si è trattato del dominio incontrastato - o poco efficacemente contrastato - di un leader; altre volte dello stabilizzarsi di un governo dei notabili, con il corredo di apparati soggetti e di ferree sfere di influenza territoriale; in altri casi, infine, della costituzione di oligarchie divenute via via meno responsabili rispetto alla loro base associativa ed elettorale. La “questione morale” rivela il suo carattere più profondo e strutturale di “questione democratica”, da affrontare con metodi e rimedi diversi dalla prima. 

26/01/2021
Stato di diritto e condizionalità nell’Unione europea. Gli strumenti di conoscenza della Commissione

La relazione sullo Stato di diritto 2020 nell’Unione europea, pubblicata dalla Commissione, fornisce preziose informazioni su sistemi giudiziari, quadro anticorruzione, pluralismo dei media, questioni istituzionali nell’UE in generale e per ciascuno Stato membro, utili per l’applicazione dello strumento di condizionalità al rispetto dei principi dello Stato di diritto per l’accesso ai fondi europei. Preoccupa, invece, la posizione del Consiglio europeo per un compromesso diretto al rinvio ed al riferimento alle identità nazionali su valori che costituiscono il patrimonio fondativo e comune di tutta l’Unione.

20/01/2021
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e il ruolo dell’Associazione Nazionale Magistrati

Gli oltre € 200 mld destinati all’Italia nell’ambito del Next Generation EU, lo strumento per rispondere alla crisi pandemica provocata dal Covid-19, impongono – perché espressamente richiesto dalla Commissione UE –una riflessione globale e coraggiosa sull’efficacia della giurisdizione che necessariamente si occupi anche delle risorse umane e materiali da destinare al servizio giustizia.

L’ANM, che ancora recentemente si era occupata de “la giustizia del futuro”, deve porsi al centro di questo dibattito e concentrare da qui al 30 aprile 2021, ultima data fissata per la predisposizione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), tutte le proprie forze per contribuire a delineare il volto della Giustizia da qui ai prossimi 10/15 anni.   

22/12/2020
Magistrati e democrazia

In una fase nervosa della vita pubblica come quella che stiamo attraversando, nella quale si tenderebbe a far coincidere l’indipendenza del giudice con il suo mutismo o peggio ancora con la sua ipocrisia, si deve invece operare perché il contributo del giudice al dibattito sia limpido, comprensibile, consapevole della realtà che va a comporre, e, semmai, chiarificatore delle fasi e dei ruoli giudiziari in corso.

13/10/2020
Tocqueville, il carcere, la democrazia

La recensione al libro di Francesco Gallino Tocqueville, il carcere, la democrazia (Il Mulino, 2020)

03/10/2020
Il patto europeo sulla migrazione e l’asilo: “c’è qualcosa di nuovo, anzi d’antico”

Molte conferme e poche novità nel Nuovo patto sulla migrazione e l’asilo, con il quale la Commissione Von der Leyen presenta il suo programma di legislatura e riavvia il cammino delle riforme in materia di immigrazione e asilo

02/10/2020
La democrazia del sorteggio

Prosegue il dibattito sulla democrazia, tra critiche alla rappresentanza e ricerca di alternative praticabili.  Riflessioni sul libro La democrazia del sorteggio di Urbinati e Vandelli. 

18/07/2020
Stato di pericolo e poteri straordinari al governo ungherese
Pubblichiamo, con una breve nota redazionale, il testo della legge del 30 marzo 2020 che ha conferito poteri straordinari al governo ungherese per affrontare l’epidemia da COVID-19
01/04/2020