Magistratura democratica
Europa

Stato di diritto e stato d'emergenza in Francia

di Guglielmo Taffini
LLM EU and international Law
Il rapporto di Amnesty International

All’inizio di febbraio, Amnesty International ha pubblicato un rapporto sulle conseguenze della proclamazione dello stato d’emergenza in Francia.

Nel rapporto si legge che da quando è stato proclamato lo stato d’emergenza sono state condotte 3210 perquisizioni, oltre 400 persone sono state sottoposte a misure limitative della libertà personale, e 12 luoghi di culto sono stati chiusi.

Nel rapporto, Amnesty fa luce sull’applicazione discriminatoria e sproporzionata di tali misure. Infatti, a fronte di questa azione a 360° della polizia francese, è seguito un solo procedimento per reati di terrorismo.

Le modalità di azione della polizia francese appaiono quindi non solo sproporzionate, ma altresì non determinate da veri indizi, ma da meri sospetti privi di alcuna base probatoria.

Illuminante è il caso di Marc che abita in Picardia, nel nord della Francia. La polizia, presentandosi a casa sua, ha iniziato a percuotere la porta. Avendo paura che si trattasse di un attacco islamofobo, Marco con la moglie ed il loro bambino si sono rifugiati in bagno. Di seguito la polizia ha forzato la porta d’ingresso, e poi quella del bagno dove Marc si era rifugiato con la famiglia. Entrati in bagno gli agenti di polizia hanno colpito Marc al volto e arrestato sia lui che la moglie. A tale azione della polizia non è seguito alcun procedimento penale.

Secondo l’ordinamento penale francese, la perquisizione presso un domicilio deve essere autorizzata dall’autorità giudiziaria. Tuttavia, sotto lo stato d’emergenza è il prefetto l’autorità competente ad autorizzarle ogniqualvolta “il existe des raisons sérieuses de penser que ce lieu est fréquenté par une personne dont le comportement constitue une menace pour la sécurité et l'ordre publics” (trad. “esistono delle serie ragioni per ritenere che tale luogo è frequentato da un individuo la cui condotta costituisce una minaccia per la sicurezza e l’ordine pubblico”).

Ebbene, si comprende facilmente come una siffatta clausola generale, renda di fatto possibile per la polizia effettuare perquisizioni presso luoghi di privata dimora al di fuori delle garanzie dello stato di diritto. Il rapporto spiega come gli ordini di perquisizione dei prefetti siano sempre estremamente vaghi, e si limitino a riportare la formula seguita dall’indicazione del sospetto che nel luogo oggetto di perquisizione vi è la possibilità che si nascondano armi o persone costituenti una minaccia per la sicurezza e l’ordine pubblico.

E’ evidente come lo stato d’emergenza abbia già spazzato via molti diritti fondamentali, come quello dell’inviolabilità del domicilio, della libertà personale e della libertà religiosa, solo per menzionarne alcuni.

Con la proclamazione dello stato d’emergenza, la Francia ha confermato la sua natura di “democrazia militante”, ove tutte le garanzie ed i diritti possono essere sospesi ogni volta che “il existe des raisons sérieuses (…) lesquelles constitue une menace pour la sécurité et l'ordre publics”.

La conseguenza è uno stato di diritto ed una costituzione sospese, in nome della sicurezza e dell’emergenza terrorismo.

Tutti i francesi in particolare, ed in generale tutti noi europei, in questo momento più che mai dovremmo riflettere sulla natura delle nostre democrazie, sull’evoluzione dello stato di diritto europeo, e soprattutto sul bilanciamento di interessi tra sicurezza (ovvero la protezione dei diritti fondamentali) e libertà fondamentali.

Mentre la complessità delle suddette questioni ne rendono impossibile un’indagine in questo breve scritto, di certo è possibile stimolare il lettore con un interessante spunto di riflessione, per cui è utile prendere in prestito alcune parole da Thomas Jefferson, che diceva:

“Coloro che sono disposti a rinunciare alle libertà fondamentali per un briciolo di sicurezza momentanea, non meritano né le libertà né la sicurezza”. 

Il rapporto si può leggere qui: http://www.amnesty.fr/etat-urgence 

 

25/03/2016
Altri articoli di Guglielmo Taffini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
Cosa è accaduto in Italia tra il 1978 e il 1980, quando la nostra Repubblica fu esposta a rischi di involuzione eversiva? Giuliano Turone ce lo racconta in questo volume (ed. Chiarelettere) con la curiosità del giudice istruttore e la brillantezza dello storico
06/04/2019
Tre vite per poco più di un secolo
Un avvocato antifascista e rivoluzionario, un magistrato eretico, una brigatista rossa. Un filo lega queste tre storie che animano Un secolo e poco più, il volume di Luigi Saraceni. Pagine profonde che delineano la parabola simbolica di oltre cento anni di storia del nostro Paese
16/02/2019
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27/04/2018
Auto-addestramento con finalità di terrorismo
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 19 luglio 2016 (dep. 9 febbraio 2017), n. 6061, Pres. Fumo, Rel. Micheli
23/05/2017
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
Riflessioni sul libro “Scritti dell’avvocato Adolfo Gatti”, a cura di Giovanna Corrias Lucente. Prefazioni di Paola Severino e Giovanna Corrias Lucente (Aracne editrice)
08/04/2017
In ricordo di Emilio Alessandrini e Guido Galli
Milano, 29 gennaio 1979. Prima Linea uccide il giudice Emilio Alessandrini con otto colpi di pistola. Poco più di un anno dopo, il 19 marzo del 1980, dopo una lezione all'Università di Milano, ancora un commando di Prima Linea uccide il giudice Guido Galli. Oggi, a trentasette anni da quell'omicidio, pubblichiamo un ricordo dei due giudici, intervenuti entrambi, sotto profili diversi, nelle indagini sulla strage di Piazza Fontana*
19/03/2017
Contre l'état d'urgence, un saggio di Paul Cassia
A quattordici mesi dalla tragica sera degli attentati di Parigi, lo stato di emergenza resta in vigore, e lo rimarrà fino al 15 luglio 2017. In forza delle quattro proroghe che l’Assemblea nazionale ha deciso con leggi approvate a larghissima maggioranza
04/02/2017
La revoca dell’immunità giurisdizionale agli Stati sponsor del terrorismo
Another brick off the wall?
Nonostante le forti perplessità suscitate, il Justice Against Sponsor of Terrorism Act presenta più di un aspetto meritevole di considerazione
18/01/2017