Magistratura democratica
Prassi e orientamenti

Processo telematico obbligatorio a giugno: una sfida da vincere

di Barbara Fabbrini
Giudice del tribunale di Firenze e referente di AreaToscana
Prima parte del nostro speciale: da magistrati e avvocati un deciso messaggio positivo rispetto all'obbligatorietà del PCT
Processo telematico obbligatorio a giugno: una sfida da vincere

Il 30 gennaio 2014 si è tenuto a Pisa un incontro sul processo civile telematico dal titolo “Obbligatorietà del processo civile telematico: sfida o opportunità di cambiamento?”, organizzato da InnovazionePerArea e AreaToscana con il patrocinio dell’ordine degli avvocati di Pisa. 

L’incontro (Il PROGRAMMA) è stato un’occasione di confronto tra avvocatura e uffici giudiziari con un dibattito sul processo civile telematico che ha messo in luce criticità, risultati,  risorse locali e nazionali.

L'evento, strutturato  in forma seminariale, dopo i saluti e la relazione di apertura si è sviluppato in due tavole rotonde.

La prima in cui l’attenzione è stata incentrata sul distretto toscano ospite dell’iniziativa,  distretto che per la solida collaborazione tra uffici e avvocatura, per bacino degli utenti e collocazione geografica è certamente interessante e significativo anche a livello nazionale: il rid e alcuni magrif e avvocati del distretto hanno analizzato lo stato dei servizi e i risultati sino ad oggi raggiunti in Toscana.

Nella seconda tavola rotonda, con alcuni esponenti nazionali di uffici, associazioni e istituzioni sono state invece descritte, in un’ottica più ampia, le sinergie che possono crearsi a livello nazionale per supportare avvocati e magistrati in questo importante percorso.

Di estremo interesse è stato il confronto con CNF e Aiga nazionale, che hanno illustrato le iniziative per l'avvocatura, così come significativa la partecipazione e l’intervento dell’ufficio legislativo del Ministero della Giustizia.

Più di 800 gli iscritti al seminario, molti avvocati e operatori provenienti anche da fuori distretto.

Il filo rosso che, anche inaspettatamente,  ha collegato i vari intervernti è stato un deciso messaggio positivo rispetto all'obbligatorieta del telematico: il processo telematico rappresenta una risorsa fondamentale per gli uffici e l’avvocatura; il percorso sino ad oggi compiuto da coloro che nel telematico hanno creduto ha già portato ad importanti risultati e ad un cambiamento culturale e quindi nessun rinvio dell'entrata in vigore dell'obbligatorietà viene auspicato.

Dall'incontro pisano è emesso chiaramente che l’obbligatorietà del telematico è una sfida che uffici e avvocatura sono pronti a raccogliere, chiedendo ovviamene l'impegno alle istituzioni perché alcune inevitabili criticità possano essere risolte e non rimangano a carico esclusivo di uffici e avvocatura.

InnovazionePer e AreaToscana, ringraziando l’ordine degli avvocati di Pisa per il patrocinio e tutti coloro che hanno partecipato all’iniziativa, sono felici di poter mettere a disposizione i contributi dei relatori. Di seguito i primi 3 interventi: gli altri contributi saranno pubblicati mercoledì e giovedì.

 

 

Speciale - Prima parte

La sfida del PCT

di Salvatore Laganà
Presidente del Tribunale di Pisa

Introduzione e temi per il dibattito

 
 

Avvocatura e PCT

di Rosa Capria
Presidente Consiglio Ordine degli avvocati di Pisa

Il punto di vista degli avvocati

 
 

Obbligatorietà del PCT: sfida o opportunità di cambiamento?

di Barbara Fabbrini
giudice Tribunale di Firenze

 

 

11/03/2014
Altri articoli di Barbara Fabbrini
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Le cause civili pendenti e l’arretrato civile nei tribunali italiani

Le cause civili pendenti e l’arretrato civile, nei Tribunali e nelle Corti d'Appello

21/04/2021
ADR e proposte di riforma per la giustizia civile

Nelle dichiarazioni programmatiche del nuovo Governo è stata sottolineata l’importanza delle ADR nel quadro complessivo della giustizia civile. Un particolare rilievo è stato attribuito alla mediazione e, nel suo ambito, alla mediazione demandata. Ma, affinché tali strumenti possano porsi davvero quali sedi complementari e coesistenziali rispetto alla giurisdizione, è necessaria una serie di interventi, tutti realizzabili nell’immediato o nel breve periodo, idonei ad assicurarne il migliore e più efficace funzionamento.

09/04/2021
Giustizia civile: bilancio della pandemia e idee per il futuro prossimo

Si raccolgono qui gli interventi di Maria Giuliana Civinini (presidente del Tribunale di Pisa), Claudio Cecchella, (professore ordinario di diritto processuale civile presso l'Università di Pisa) e Giuseppe Ruffini (professore di diritto processuale civile presso l'Università Roma Tre) alla Giornata europea della giustizia svoltasi il 27 ottobre 2020 presso il Tribunale di Pisa e dedicata a Giustizia civile: bilancio della pandemia e idee per il futuro prossimo. Ciascun intervento è scaricabile in formato pdf ai link qui disponibili, insieme al programma della Giornata. 

15/02/2021
Processo Telematico in Cassazione, a che punto siamo?

Quando chiedo ad un avvocato che si confronta con il processo telematico un suggerimento per migliorare il sistema, la risposta è sempre la stessa: l’adozione di un processo telematico unico per tutte le giurisdizioni. Invece, quasi a fargli dispetto, ogni giurisdizione in Italia ha il suo processo telematico: il fratello maggiore è PCT in primo e secondo grado civile, secondogenito è PAT davanti al giudice amministrativo, quindi ha visto la luce il giovane GIU.DI.CO. per la magistratura contabile e poi è stata la volta del neonato PTT per il giudice tributario in primo e secondo grado. Ora, per la gioia del giudice penale, sta muovendo i primi passi PPT. Manca poco al parto di un sesto fratello, lungamente desiderato? O piuttosto il processo telematico presso la Corte di Cassazione sarà una costola del PCT che, unico tra i fratelli, per le funzioni stesse della Corte dovrà imparare a parlare presto con ciascuno di loro? E a quando il lieto evento?

28/01/2021
I giudici del lavoro, l’udienza da remoto e la conciliazione giudiziale

L’udienza da remoto e il tentativo di conciliazione nelle cause di lavoro: la compatibilità con una interlocuzione reale che preservi il ruolo del giudice e la possibilità di realizzare un atto coerente con l’art. 88 disp. att. c.p.c. 

07/07/2020
La ripartenza della giustizia civile: l’esperienza di Torino
Il riavvio dell’attività giudiziaria nel settore civile implica una progettualità. Qui di seguito alcuni spunti, partendo dall’esperienza del Tribunale di Torino
28/05/2020
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19/10/2017
Per un modello leggero (ma non un “guscio vuoto”!) di ufficio per il processo
Giugno 2003. In coda ad un dibattito veramente intenso promosso dall’Associazione nazionale magistrati su protocolli, processo e organizzazione, sulla scia delle riflessioni maturate in quel contesto sul valore essenziale dell’organizzazione delle risorse a disposizione della giurisdizione per rendere effettivo il principio della ragionevole durata del processo, parte uno scambio di corrispondenza molto fitto su questi argomenti tra un giudice civile, un dirigente amministrativo ed un docente universitario che in capo a pochi mesi approda ad una felice formula organizzativa, la quale riassume in sé l’esigenza di coordinare le risorse esistenti in vista della migliore funzionalità per il processo
02/05/2017