Magistratura democratica
Magistratura e società

«Due giorni e una notte» per ricominciare ad esistere

di Sandra Burchi
PhD in History and Sociology of Modernity/ University of Pisa (Italy)
La recensione dell'ultimo film dei fratelli Dardenne
«Due giorni e una notte» per ricominciare ad esistere

Sandra, la protagonista dell’ultimo film dei fratelli Dardenne, Due giorni e una notte, ha un marito, due figli, un mutuo da pagare e un lavoro che sta per perdere. A casa da qualche tempo per una brutta depressione, rischia di non poter riavere il suo posto nell’azienda di pannelli solari in cui lavora. I compagni hanno imparato a organizzare il lavoro diversamente e il titolare, su suggerimento del caporeparto, ha proposto a tutti 1000 euro di bonus e il licenziamento di Sandra. 

Sandra ha un sabato/domenica di tempo per convincere compagne/i a non cedere al ricatto, a rinunciare ai 1000 euro per permettere a lei di tornare a lavorare. Due giorni e una notte per incontrare tutti e parlare con loro uno a uno, prima della nuova votazione concessa dal titolare per il lunedì mattina. Quello dei Dardenne è un film a tema, tutto è scritto per far riflettere, per far capire quanta violenza c’è nella normalità di una decisione d’azienda. Ogni personaggio interpreta un frammento di società, incarna un modo di vedere, dice qualcosa del pezzo di mondo che si porta con sé. Tutti, a partire dal marito di Sandra, Manu, che è quello che resta del mito di un male breadwinner, silenzioso, solidale, incoraggiante ma anche impotente rispetto a quello che sta succedendo a Sandra, in azienda e dentro di lei. Troppe lacrime, troppi calmanti.

Sandra accetta di fare il giro. Fra mille esitazioni bussa alle porte degli altri operai come lei. Sola, attraversa lo spazio con i mezzi pubblici o nella macchina del marito, continuando a rispondere e a non rispondere all’amica Juliette, che con mille telefonate la sprona, la convince a provarci. Sono campanelli diversi quelli a cui si avvicina, soglie di abitazioni oltre le quali incontra storie tutte diverse e tutte uguali. Molte solitudini, molti guai: doppi lavori, spese da sostenere, debiti, gli stessi debiti per chi tira a campare e chi ristruttura una grande casa. Sul fatto che l’essere indebitati corrisponda a una precisa costruzione della soggettività è stato detto molto negli ultimi anni. Elettra Stimilli nel suo Il debito del vivente. Ascesi e capitalismo (Quodlibet, Macerata 2011), mostra bene lo stretto legame fra economia, gestione della vita e “governo dei viventi”.

Il debito è “una tecnica privilegiata attraverso cui il soggetto, come tale, si costituisce, dando forma alla sua vita e rendendosi allo stesso tempo disponibile per una modalità di assoggettamento che non lo aggredisca all’esterno ma miri piuttosto a coincidere capillarmente con essa” (Stimilli 2011, p. 117). I “no” che Sandra riceve si iscrivono in questa naturalizzazione del debito come norma e normalità. Avere delle spese da sostenere, figli all’università, case da restaurare, mobili e mutui da pagare, è una spiegazione più che sufficiente per l’indisponibilità a rinunciare ai 1000 euro. Quello che i Dardenne mostrano con insistenza è che Sandra, non può contare su nessuna mediazione che allontani da questa “normalità”, che nella maggior parte dei casi non può dare niente per scontato, nessun sentimento sociale, nessun orizzonte comune. Tutti quelli che torneranno sul voto che hanno già dato, decidendosi per un gesto di solidarietà, sono presi da una crisi. Il giovane collega che Sandra incontra ai bordi di un campo di calcio sta allenando una squadra di quartiere. Scoppia in lacrime solo per avere l’opportunità di poter ri-votare, di liberarsi del senso di colpa: “Chiamo anche Miguel, anche lui voterà per te”. Anche il vecchio operaio cambierà il suo voto ma non senza prendersi un pugno in faccia dal figlio, che come lui lavora in reparto e che vuole “i suoi soldi”, quelli del bonus. Ma sarà una donna quella che cambierà di più in occasione della richiesta di Sandra, liberandosi dall’egoismo del marito – che vorrebbe impedirle di restituire il bonus – e dalla vita con lui per poter scegliere con la propria testa.

Quello che i Dardenne creano come sfondo della vicenda di Sandra e dei suoi compagni è l’immagine di un’Europa  impoverita, incattivita, smemorata, in preda agli effetti di trasformazioni non gestite. Quello che i Dardenne mettono in scena è la crisi del legame sociale, il disfarsi dell’idea di una società in cui i singoli sono tenuti insieme da qualcosa che trascende le loro personali esistenze.

Sandra fa tutto da sola, contando su un’amica, un marito, e incontrando la solidarietà solo di quelli che hanno le chiavi –personali – per accenderla dentro di sé.

In un mondo che si pensa così, “senza società”, un mondo in cui tutto è privato e de-privato, l’andare in giro di Sandra finisce per essere un’operazione di ricucitura, un filo riconsegnato alla consapevolezza di esistenze che convivono senza conoscersi e senza condividere il senso del loro essere insieme, nello stesso reparto. Tutto è forte in questi incontri, il peso dell’indifferenza, il cinismo di alcune ragioni, la vergogna di chi continua a votarle contro perché non può far diversamente, ma anche la solidarietà inattesa di chi decide di cambiare idea, di votare non solo per Sandra ma per sé, per un’idea di giustizia di cui ritrova il senso.

Quando arriva il lunedì Sandra perde il posto. I voti sono pari, ma non ci può essere parità per questa decisione.

Quando il titolare le proporrà di rimanere, riconoscendole il merito di una parziale vittoria, le offre il posto di un compagno a cui non verrà rinnovato il contratto, Sandra si rifiuta. Non ha esitazioni, questa volta, ha ben chiaro cosa è giusto fare.

In questo lungo week end sono cambiate molte cose. Fragile, impaurita dalla prospettiva di ricominciare a piangere, di cadere di nuovo nella depressione da cui stava guarendo, Sandra è uscita di casa con troppe pasticche nella borsetta ma fiduciosa di poter fare qualcosa, di cambiare qualcosa. E’ questo che l’ha trasformata, e l’ha resa forte.

Nella scena finale c’è il sole, Sandra esce dalla fabbrica e chiama il marito per raccontargli l’esito della votazione. Sembra sollevata, senz’altro è più forte. La strada su cui cammina non sembra più solo sua, sembra l’inizio di qualcosa.

22/03/2015
Altri articoli di Sandra Burchi
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
A Chiara

La recensione del film di Jonas Carpignano (2021)

30/10/2021
Il traditore, un film per (ri)guardare un pezzo della nostra storia repubblicana
Il film di Marco Bellocchio, presentato all'ultimo Festival di Cannes, visto con lo sguardo di un magistrato
31/05/2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11/05/2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
04/05/2019
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10/11/2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27/10/2018
Lo sguardo che manca alla giustizia
Il film «Sulla mia pelle», che racconta la vicenda di Stefano Cucchi, sollecita molte riflessioni tra cui quella sull’impersonalità (brutale) delle istituzioni, compresa la giustizia, e sulle sue ricadute negative nel rapporto di fiducia con i cittadini. Un problema antico ma ricorrente e cruciale nella vita delle istituzioni, di cui i magistrati devono farsi carico con i loro comportamenti. Secondo Piero Calamandrei, bisogna che «anche nel processo circoli questo senso di fiducia, di solidarietà e di umanità, che è in tutti i campi lo spirito animatore della democrazia»
18/09/2018
Dogman, una scellerata storia di periferia
Matteo Garrone, ispirato dalla vicenda romana del Canaro, torna con la sua macchina da presa sul litorale campano per tratteggiare un universo di violenza e degrado in cui Bene e Male finiscono per mescolarsi, perdendo i propri confini
02/06/2018
La casa sul mare, un film di Robert Guédiguian
Il regista francese ci regala una storia di straordinaria bellezza, raccontata con delicatezza e asciuttezza. Un'opera in cui la trama si dipana perché ciascun personaggio possa riappropriarsi della sua storia e della vita. Mentre il treno sullo sfondo continuamente va e poi ritorna. Perché la vita non può fermarsi
26/05/2018