Magistratura democratica
Controcanto

Carcere e intercettazioni: la magistratura sia protagonista del cambiamento

di Donatella Stasio
Giornalista
Le due riforme sono in bilico e solo nei prossimi giorni se ne conoscerà la sorte. A rischio soprattutto le nuove norme sugli ascolti, anche per il largo fronte contrario, che va da Lega e 5 Stelle a magistrati, avvocati e stampa

Salgono le quotazioni della riforma penitenziaria, scendono quelle della riforma delle intercettazioni: così sembra stando alle voci che circolano nei palazzi di Governo e Parlamento. Tra una decina di giorni il quadro sarà più chiaro e si conoscerà la sorte di questi due punti qualificanti della “riforma penale”, annunciata dal governo Renzi a colpi di slide nel 2014, incassata dal governo Gentiloni a colpi di voti di fiducia un anno fa, e composta da un solo articolo lungo 95 commi che spaziano dalle impugnazioni alle sanzioni passando per quattro deleghe al Governo, tra cui, appunto, quelle su carcere e intercettazioni. Due materie politicamente bollenti, con cui nessuno vuole bruciarsi le mani. Tanto più dopo un voto che non ha proclamato vincitori assoluti e perciò sembra spingere le forze politiche verso forme condominiali ben più “strane” di quelle già sperimentate in passato.

La parola d’ordine, insomma, è prudenza, più che mai se la materia è impopolare, come in questo caso. Impopolare persino fra i magistrati. Che non hanno alzato le barricate ma neppure hanno impugnato la bandiera del cambiamento, né nell’uno né nell’altro caso.

Sul fronte del carcere, l’Anm ha preferito “non impicciarsi”, limitandosi a richiamare il Governo ai propri doveri organizzativi per evitare che l’impopolarità delle norme ricada sulla sempre più impopolare magistratura, che non sta attraversando il suo periodo migliore. Sul fronte delle intercettazioni, l’Anm si è fatta scavalcare dalle Procure che, dopo un’apparente apertura di credito, ora non si fidano più e chiedono a gran voce un rinvio, potendo contare anche sui malumori degli avvocati penalisti, della stampa e, per ragioni diverse, delle forze politiche più votate alle elezioni: Movimento 5 Stelle e Lega. Senza dire che anche nel governo Renzi-Gentiloni c’è sempre stata una fronda contraria alla riforma.

Stando così le cose, il nuovo Esecutivo potrebbe avere buon gioco a rinviare le nuove norme sulle intercettazioni. Un rinvio politico, non tecnico. Al Ministero della giustizia assicurano infatti che i problemi tecnici sono in via di definizione. Il principale riguarda la realizzazione del nuovo software ma in via Arenula stanno aspettando solo di avere “tempi certi”. Tra una settimana, dieci giorni al massimo, si saprà se entro maggio si potrà garantire la funzionalità e la massima sicurezza del nuovo sistema. In caso affermativo, il Ministero ritiene che la strada sarà in discesa e che il 26 luglio, come previsto, la riforma potrà entrare in vigore. Gli allarmismi delle Procure, quindi, verrebbero rimandati al mittente. Soltanto se non dovessero esserci garanzie sui tempi di realizzazione del software, si andrebbe a un rinvio tecnico.

È evidente che – come tutte le riforme che si rispettino – ogni cambiamento deve avere non solo testa e cuore ma anche gambe robuste per camminare, altrimenti si trasforma in un boomerang. Sia nel caso del carcere che in quello delle intercettazioni, l’impegno richiesto al Governo era ed è decisivo, oltre che costituzionalmente doveroso. Ma bisogna dare atto al Ministro della giustizia Andrea Orlando di non averlo preso sottogamba, anche se permangono ritardi e inadeguatezze. Va detto, peraltro, che ritardi e inadeguatezze sono un refrain costante per zavorrare le riforme, fino a bloccarle. In qualche caso, non è mancato neppure un ostruzionismo strisciante. Il taglio dei “Tribunalini” – riforma tanto conclamata e necessaria quanto osteggiata – ne è un esempio emblematico, tant’è che c’è voluto circa mezzo secolo per approvarla.

Sarebbe irresponsabile se chi ha puntato politicamente su queste, sia pur perfettibili, riforme – impegnative anche sul piano culturale – ora non si facesse carico fino in fondo delle rispettive necessità attuative dal punto di vista dell’organizzazione, della formazione, delle risorse, così da garantirne un’efficace ed efficiente, oltre che puntuale, operatività. Così come sarebbe irresponsabile se, giunti a un passo dal traguardo, si usasse la sponda delle critiche e delle polemiche per giustificare il rinvio delle nuove norme, divenute nel frattempo politicamente ingombranti sia per i vinti che per i vincitori.

Ma il “gioco di sponda” tra magistratura e politica è spesso funzionale a bloccare questa o quella riforma, perpetuando l’immobilismo regnante nell’universo giudiziario. E potrebbe esserlo anche stavolta per congelare le nuove norme sulle intercettazioni.

Visto che la riforma dovrebbe entrare in vigore a fine luglio, per quella data è verosimile che ci sia un nuovo Governo. Prima di allora, e comunque prima che nasca il nuovo Esecutivo, spetterà a quello uscente il compito di superare gli ostacoli tecnici (almeno i principali) che si frappongono all’entrata in vigore della riforma; se ci riuscirà, rimarrà in piedi solo l’ostacolo politico e toccherà al nuovo Governo decidere come superarlo.

Come già detto, Lega e M5S non hanno mai amato questa riforma, perché penalizzerebbe le indagini e imbavaglierebbe la stampa; Forza Italia non è contraria pur predicando una stretta maggiore, mentre nel centrosinistra convivono anime diverse: i “giustizialisti” tifano per il regime attualmente in vigore, i “garantisti” per quello nuovo, che però gli avvocati penalisti considerano un appesantimento per le difese. C’è poi il fronte del “bavaglio alla stampa”, con la Fnsi in prima linea, e, soprattutto, quello delle procure della Repubblica, di recente costituzione, che denunciano anch’esse appesantimenti del proprio lavoro e un eccessivo potere nelle mani della polizia giudiziaria. Dagli uffici di Procura arriva anche l’allarme per i ritardi del Ministero nell’approntare postazioni e registri informatici… Quanto basta, insomma, per posticipare l’entrata in vigore delle nuove regole. Che poi potrebbero essere modificate con decreti correttivi oppure rinviate ulteriormente. O addirittura abrogate. 

Diversa la situazione per l’ordinamento penitenziario. A differenza delle intercettazioni, il relativo decreto legislativo non ha ancora concluso il suo iter (si attende l’ultimo passaggio parlamentare, obbligatorio ma non vincolante), ma in favore della riforma si sono mobilitati, di recente, tanti giuristi, cittadini comuni, ambienti ecclesiastici, avvocati, detenuti. Si è così creata una forte aspettativa, che renderà più difficile un azzeramento o anche solo un insabbiamento da parte delle forze politiche più ostili, sempre Lega e M5S. Purché, ovviamente, si sblocchi subito la situazione in Parlamento e il decreto venga assegnato alle commissioni speciali di Camera e Senato, entrambe in fase di costituzione. Altrimenti bisognerà attendere la formazione delle commissioni permanenti e i tempi potrebbero essere talmente lunghi da far scadere i termini per l’esercizio della delega…

Quelle del carcere e delle intercettazioni non sono le migliori riforme in assoluto né potrebbero mai esserlo visto che sono state partorite da un Governo e da una maggioranza in cui convivevano anime molto diverse, almeno apparentemente (chi non ricorda le parole di Orlando all’indomani della nascita del governo Renzi, quando disse: «Io e Alfano abbiamo un’idea del mondo totalmente diversa»). Tuttavia, pur rifuggendo dalla retorica delle riforme, non si può negare che entrambe diano una risposta apprezzabile ad esigenze reali avvertite da decenni e, più in generale, ad un’esigenza di civiltà. Certo, come tutte le riforme, per funzionare dovrebbero essere condivise, soprattutto se toccano autoreferenzialità e corporativismi vari. E qui sta la difficoltà del cambiamento: tanto necessario quanto incapace di prendere una forma che sia, appunto, condivisa.

Le due riforme aprono però una breccia verso quel cambiamento, non più rinviabile anche culturalmente. Perciò, nonostante imperfezioni, appesantimenti e qualche contraddizione, bisognerebbe approfittare di quella breccia e lasciar spazio almeno alla sperimentazione prima di riportare indietro le lancette o congelare tutto, nella migliore delle ipotesi. Anche perché, tra tante incertezze, quel che è certo è che la nuova stagione politica difficilmente sarà portatrice di riforme coerenti e di ampio respiro.

Ecco perché, in questo frangente, la magistratura dovrebbe capire di avere un ruolo e una responsabilità cruciali: mettersi in gioco, misurarsi con le nuove regole e con i nuovi scenari, in funzione di un cambiamento reale e positivo, di cui poter essere la protagonista.

Donatella Stasio

06/04/2018
Altri articoli di Donatella Stasio
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Uno sguardo dall'esterno che resta impigliato

Dentro lo zoo di Sollicciano la vita non è monotona, ogni giorno è diverso dall’altro e ci riserva delle sorprese, belle o brutte a seconda dello stato d’animo di coloro che vi abitano.
La recensione a "La portavoce. Racconti delle detenute di Sollicciano", a cura di Monica Sarsini (Contrabbandiera, 2022). 

28/01/2023
Trojan horse: spiragli di retromarcia legislativa

Sulle riviste giuridiche, sui quotidiani, sulle mailing list dei magistrati è in corso un argomentato confronto sulle modalità e sui limiti di utilizzo del Trojan Horse come strumento di “intercettazione itinerante”, operante in una pluralità di luoghi di privata dimora indeterminabili a priori. Dibattito - è bene sottolinearlo - in larga misura diverso da quello in corso a livello politico che appare dominato, o meglio inquinato, dalle continue e confuse dichiarazioni del Ministro della Giustizia che, da un lato, sembra voler escludere tout court le intercettazioni dalle indagini per reati diversi da quelli di mafia e terrorismo e, dall’altro, manifesta una inquietante propensione verso le c.d. intercettazioni preventive. Nel confronto tecnico sul captatore informatico , che vogliamo aperto a tutti i differenti punti di vista, interviene il professor Luca Marafioti con un articolo che ripercorre attentamente la vicenda giurisprudenziale e normativa del Trojan, analizza le debolezze della sua attuale disciplina e auspica la formulazione di un nuovo apparato normativo dagli orizzonti più vasti, in grado di disciplinare i diversi versanti della materia e cioè sia l’uso del malware quale “microspia” 2.0., sia le altre forme di sorveglianza e controllo occulti esperibili attraverso virus.

24/01/2023
Trojan Horse: tornare alla riforma Orlando? Il difficile equilibrio nell’impiego del captatore informatico

Un disegno di legge del Senatore Zanettin - che propone di escludere l’impiego del captatore informatico nei procedimenti per delitti contro la pubblica amministrazione – sta suscitando discussioni e polemiche. Nel dibattito politico e giornalistico sulla giustizia penale - ormai dominato da un meccanico susseguirsi di azioni e reazioni che spesso prescindono dal merito delle questioni sul tappeto per privilegiare ragioni di schieramento – sono scattati riflessi condizionati pregiudizialmente “oppositivi” o giudizi sommari che non esitano a qualificare le intercettazioni (tutte le intercettazioni, con qualunque mezzo effettuate e per qualunque reato adottate) come uno strumento di oppressione. Così la proposta è stata immediatamente “bollata” dagli uni come espressione di volontà di disarmo nel contrasto alla corruzione e come un favore alle organizzazioni criminali (le cui attività delinquenziali non sono peraltro escluse dalla sfera di utilizzo del Trojan) ed “esaltata” dagli altri come uno strumento di liberazione dallo strapotere di pubblici ministeri e giudici che se ne servirebbero “normalmente” per prave finalità di potere, di pressione, di intimidazione e di controllo dei cittadini. Per sottrarsi a queste grottesche semplificazioni polemiche - che sembrano divenute la cifra obbligata del confronto pubblico sulla giustizia- vale la pena di ripercorrere le fasi della vicenda istituzionale del Trojan per trarne indicazioni utili a delimitare correttamente la “desiderabile” sfera di applicazione di questo mezzo di ricerca della prova, tanto efficace quanto insidioso. Non dimenticando che l’estensione dell’utilizzo del Trojan Horse ai procedimenti per reati contro la pubblica amministrazione - e dunque al di là dell’originario confine dei reati di criminalità organizzata fissato dalla elaborazione giurisprudenziale e dalla riforma Orlando - è stata realizzata da una legge, la c.d. Spazzacorrotti, che costituisce uno dei frutti più discutibili della stagione del governo dei due populismi di Cinque Stelle e della Lega. 

28/12/2022
Quella visita a Sollicciano: il senso dell’iniziativa, il senso di Md

Pubblichiamo il report della visita della Sezione toscana di Md al carcere di Sollicciano. Una lettura importante per più motivi

07/12/2022
Note e riflessioni sui suicidi in carcere

Ricominciamo da qui, da questo tema aspro e cruciale.
Uno straniero con problemi psichiatrici è la cinquantanovesima persona detenuta che si toglie la vita in carcere. È accaduto a Bologna, il primo giorno di settembre, proprio mentre ricevevamo da Mauro Palma l’articolo che presentiamo. Si tratta di una riflessione densa, capace di chiamare in causa l’esterno, la società - ci crediamo assolti, ma siamo coinvolti, scriveva Fabrizio De André - prima di focalizzarsi sulla configurazione e sulla fisionomia dell’interno, del carcere e sulle sue auspicabili trasformazioni. Pubblichiamo, inoltre, la Circolare Dap alla quale l’articolo fa riferimento.

05/09/2022
Giuseppe Salvia: ovvero la necessità di un senso di Giustizia coeso e diffuso

Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi, scriveva pungente Brecht. Siamo d’accordo. Ma possiamo aggiungere che è fortunato quel popolo che, avendone bisogno in drammatiche congiunture, scopre eroi tra le proprie fila, nel proprio tessuto.  Persone che, come Giuseppe Salvia, tutte le mattina uscivano di casa con passione e progetto per  «per andare a fare il proprio mestiere che avevano scelto o che si erano ritrovati a fare ma che, in ogni caso, facevano. Per questo sono morti. O meglio, anche per questo sono morti. Quel lavoro è stato vissuto come un ostacolo per i loro assassini».

27/07/2022
Cura e giustizia dell’offesa ingiusta: riflessioni sulla riparazione

Sommario: 1. Trent’anni fa. - 2. Lo stato dell’arte dei rapporti tra giurisdizione e giustizia riparativa. - 3. Cura e giustizia:  riflessioni su alcune aporie della giustizia riparativa. - 3.1. Conflitto o ingiustizia? - 3.2. Riconoscimento. - 3.3. L’importanza delle passioni. La vulnerabilità. 3.4. - Empatia e compassione. - 3.5. Comunità e vergogna. - 4. Cura tra giustizia dei tribunali e  giustizia riparativa.

25/07/2022
Isole carcere. Un atlante di pensieri sulla detenzione

Recensione a Isole carcere. Geografia e storia, Edizioni GruppoAbele, 2022, di V. Calzolaio

23/07/2022
Giustizia mediatica: una lettura necessaria degli effetti sul processo penale (e sui principi)

Giustizia mediatica. Gli effetti perversi sui diritti fondamentali e sul giusto processo di Vittorio Manes, esamina - con riferimenti ampi e puntuali alla casistica giudiziaria e alle dinamiche processualpenalistiche - la fenomenologia dell’infosfera giudiziaria, gli effetti (definiti perversi) della giustizia mediatica, e propone elementi di discussione su come fronteggiare una crisi a cui è bene non rassegnarsi. 

16/07/2022