Magistratura democratica
giurisprudenza di merito

Anarchici e terrorismo: la sentenza sull'attentato ad Adinolfi

La decisione con la quale la corte ligure ha condannato Alfredo Cospito e Nicola Gai per aver gambizzato l'ad di Ansando Nucleare
Anarchici e terrorismo: la sentenza sull'attentato ad Adinolfi

La sentenza affronta la definizione penalistica di eversione e terrorismo.

La definizione delle “condotte con finalità di terrorismo” introdotta dall’art. 270 sexies c.p. non ha fatto venire meno l’autonoma categoria dell’eversione, sussumendola come finalità del terrorismo, né ha imposto un unico criterio ermeneutico comune al terrorismo e all’eversione.

Conseguentemente l’art. 280 c.p. ancora oggi punisce in via alternativa gli attentati per fini eversivi o terroristici.

Secondo la corte ligure, vanno escluse dalle condotte con finalità di terrorismo o di eversione le progettazioni deliranti o palesemente inadeguate che possono maturare in contesti politici marginali ma scarsamente offensivi.

Tuttavia, le azioni armate ed organizzate, sia pure non in forma associata, integrano sempre una condotta terroristica od eversiva, ricorrendo gli altri requisiti di legge, anche in presenza di una loro limitata offensività rispetto all’ambizioso obiettivo finale propostosi dagli autori.

La grave potenzialità dannosa della condotta, costituente l’elemento oggettivo comune delle condotte con finalità di terrorismo ex art. 270 sexies c.p., non si identifica in termini assoluti e quantitativi nel danno economico patrimoniale ingente variamente subito dallo stato o da organizzazioni internazionali, comprensivo delle spese sostenute per proteggersi dalla minaccia terroristica. Essa piuttosto va individuata nella relazione intercorrente tra il pregiudizio, gli scopi perseguiti dal reo e il contesto nel quale si è manifestata la condotta, vale a dire nella relazione tra tutti gli elementi oggettivi e soggettivi evocati dalla norma (elemento obiettivo e gli scopi costituenti le tre alternative forme del dolo specifico).

L’attentato alla vita e all’incolumità di una persona, valori primari secondo l’ordinamento costituzionale, comunque costituisce un grave pregiudizio ex se, idoneo a integrare una condotta con finalità di terrorismo ai sensi dell’art. 270 sexies c.p. in presenza del dolo specifico e degli altri elementi stabiliti dalla norma stessa.

14/11/2014
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Un processo può curare il trauma del crimine?

Considerazioni su vittime, pena e riparazione alla luce del processo sulle stragi del 13 novembre 2015 a Parigi

21/09/2021
Una nuova edizione di "Italia occulta" di Giuliano Turone

A quarant’anni dalla scoperta della Loggia P2, Giuliano Turone pubblica una nuova edizione del suo libro Italia occulta (Chiarelettere, Milano, nuova edizione 2021) che contiene importanti aggiornamenti e rilevanti novità su due dei più tragici ed oscuri crimini della storia repubblicana: la strage di Bologna e l’omicidio di Piersanti Mattarella.

05/06/2021
La partecipazione ad associazione con finalità di terrorismo: il caso delle associazioni di ispirazione jihadista

L’esistenza di associazioni con finalità di terrorismo di natura jihadista pone problemi particolari all’interprete, perché la natura “religiosa” delle motivazioni sottostanti alle condotte investigate rende necessario prima di tutto un approccio prudente e del tutto “rispettoso” delle idee e del credo altrui. Il contributo ripercorre gli elementi costitutivi del reato di partecipazione a tale tipo di associazione, esaminando i principali arresti giurisprudenziali degli ultimi anni e ponendo l’attenzione su quello che può essere il dato probatorio nella fase iniziale delle indagini.

21/01/2021
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
Cosa è accaduto in Italia tra il 1978 e il 1980, quando la nostra Repubblica fu esposta a rischi di involuzione eversiva? Giuliano Turone ce lo racconta in questo volume (ed. Chiarelettere) con la curiosità del giudice istruttore e la brillantezza dello storico
06/04/2019
Tre vite per poco più di un secolo
Un avvocato antifascista e rivoluzionario, un magistrato eretico, una brigatista rossa. Un filo lega queste tre storie che animano Un secolo e poco più, il volume di Luigi Saraceni. Pagine profonde che delineano la parabola simbolica di oltre cento anni di storia del nostro Paese
16/02/2019
Esauritosi il conflitto tra scelte ideologiche totalizzanti, caratterizzante la guerra fredda, il collante delle destre radicali diviene l’identità etnico-nazionale. Le destre radicali europee guardano quindi all’esperienza statunitense del suprematismo bianco e del super-nazionalismo. Nel mutuarne alcune opzioni organizzative, come la leaderless resistance, il riferimento al nazi-fascismo resta nei simboli e soprattutto nell’originario richiamo al rapporto tra suolo e cultura. Un ruolo fondamentale svolge il web, il cui uso è direttamente collegato alle modifiche di strategia politica. Deve di conseguenza cambiare anche l’approccio investigativo, basata su di una approfondita conoscenza delle nuove realtà.
27/04/2018
Auto-addestramento con finalità di terrorismo
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 19 luglio 2016 (dep. 9 febbraio 2017), n. 6061, Pres. Fumo, Rel. Micheli
23/05/2017
Coscienza costituzionale, garantismo e strategia dei diritti nella modernità del pensiero di Adolfo Gatti
Riflessioni sul libro “Scritti dell’avvocato Adolfo Gatti”, a cura di Giovanna Corrias Lucente. Prefazioni di Paola Severino e Giovanna Corrias Lucente (Aracne editrice)
08/04/2017