Magistratura democratica
Controcanto

«No a iscrizioni frettolose». Pignatone sfata la leggenda dell’”atto dovuto”

di Donatella Stasio
Giornalista
Il procuratore della Repubblica di Roma invia una circolare sulla gestione delle iscrizioni delle notizie di reato dopo la riforma penale entrata in vigore ad agosto, segnalando rischi e costi delle prassi basate sull’automatismo. Come per le intercettazioni, è la prima circolare sulla materia

Una bufala, una leggenda, a volte un pretesto oppure un alibi. Sostenere che una querela o una denuncia debbano comportare automaticamente l’iscrizione nel registro degli indagati – che perciò è un atto dovuto – è «un errore». Non sta scritto da nessuna parte. Anzi, contrasta sia con quanto affermato dalla Cassazione sia con il sistema, perché «finisce per attribuire impropriamente alla Polizia giudiziaria – o, addirittura, al privato denunciante – il potere di disporre delle iscrizioni a mod. 21». Potere che, viceversa, spetta «esclusivamente» al pubblico ministero e alla sua «ponderata valutazione», quando sussistono non «meri sospetti» ma «specifici elementi indizianti».

I virgolettati si riferiscono a quanto è scritto nella circolare che il procuratore della Repubblica di Roma Giuseppe Pignatone ha diffuso il 2 ottobre tra gli oltre cento pm del suo ufficio, ogni anno alle prese con oltre 350mila notizie di reato (la circolare n. 3225/17). L’iniziativa nasce a seguito dell’entrata in vigore della riforma penale (legge n. 103/2017) che, fra l’altro, ha attribuito espressamente al procuratore della Repubblica il compito di assicurare «l’osservanza delle disposizioni relative all’iscrizione delle notizie di reato». Questa specifica responsabilità ha indotto Pignatone – come già aveva fatto con le intercettazioni – a puntualizzare una serie di passaggi per evitare le storture sull’”atto dovuto” verificatesi nella prassi (con effetti mediatici altrettanto distorti), che la riforma rischia di moltiplicare.

Bisognerà vedere se, come per le intercettazioni, Roma farà da apripista e sarà seguita da altre procure dando luogo ad una “buona prassi”.

Le sette cartelle vergate da Pignatone riflettono un’impostazione garantista dell’iscrizione, che però non è priva dell’altra faccia della medaglia.

La circolare mette in guardia dalla logica dell’atto dovuto anche quando è doveroso iscrivere. L’«errore» – si legge – consiste nel ritenere che, se in una querela o denuncia un certo reato viene attribuito a una persona, il pm sia tenuto ad iscrivere nel registro degli indagati. È un errore che, però, fanno molti pm (altrimenti la circolare non si spiegherebbe), forse anche per una sorta di deresponsabilizzazione (dall’iscrizione decorrono infatti i termini di durata delle indagini e perciò il ritardo nell’iscrizione è sanzionato disciplinarmente). Ebbene, Pignatone smonta questa prassi con una pignola ricostruzione del sistema – normativo e giurisprudenziale – da cui emerge che l’iscrizione è «atto dovuto» soltanto quando emergono «indizi specifici» a seguito dell’altrettanto doverosa «valutazione» del pm sul contenuto delle notizie di reato.

La «valutazione» rappresenta una garanzia per la persona denunciata o querelata, e vedremo perché. Ma al tempo stesso è l’altra faccia di questa medaglia “garantista”, poiché – soprattutto nei casi più complessi – si traduce in un potere rilevante nelle mani del pm. Il quale potrebbe anche abusarne (allungando surrettiziamente la durata delle indagini) senza che vi sia alcun controllo (peraltro realisticamente impossibile) sul suo operato da parte del procuratore (salvo note di demerito nei confronti del sostituto pm).

Un piccolo passo indietro: la riforma penale ha delineato una sorta di “indagine breve” sia con l’avocazione del procuratore generale della Corte d’appello se l’azione penale non viene esercitata entro tre mesi dalla chiusura delle indagini sia con lo specifico potere di vigilanza del procuratore della Repubblica sulla tempestiva e regolare iscrizione delle notizie di reato. Nel corso dei lavori parlamenti è stata eliminata l’esplicita previsione di una sanzione disciplinare per il ritardo nell’iscrizione, sanzione che peraltro esiste già (tant’è che di recente è scattata una condanna disciplinare proprio per un ritardo).

Il sistema delineato dalla riforma non è privo di rischi. Potrebbe essere foriero di derive burocratiche e deresponsabilizzanti nella magistratura oltre che di un uso politico strumentale delle denunce, complice la prassi dell’”atto dovuto”. Potrebbe infatti bastare una denuncia o una querela contro il premier di turno o il manager di un grande gruppo industriale per far scattare l’iscrizione automatica nel mod. 21 (notizie contro noti) e, a cascata, il risalto mediatico con relative strumentalizzazioni politiche o ricadute sul mercato… Anche perché se il pm decidesse per l’iscrizione (sempre automatica) a mod. 45 (non notizie di reato) potrebbe essere accusato di voler favorire il denunciato o di voler eludere il cronometro delle indagini (che scatta con l’iscrizione a mod. 21).

È anche alla luce di questi possibili scenari che interviene la circolare-Pignatone.

Punto di partenza è che se “l’assoluta tempestività” dell’iscrizione è un valore, lo è altrettanto «la valutazione sulla complessità dello scrutinio da effettuare». L’organizzazione dell’Ufficio deve ovviamente farsi carico di entrambe le esigenze (e a Roma, a quanto pare, funziona).

La prima iscrizione – dice la circolare – spetta ai procuratori aggiunti che, però, trasmettono ai sostituti il fascicolo «per una più approfondita verifica della completezza delle iscrizioni e della loro coerenza con i fatti oggetto della notizia di reato». Verifica – si aggiunge – che andrà fatta «con la celerità» compatibile con le altre incombenze. Inoltre, in caso di «particolare problematicità» della questione, il pm potrà confrontarsi con l’aggiunto.

Quanto alla destinazione del fascicolo, Pignatone ricorda che la prima valutazione riguarda la stessa natura di “notizia di reato”. Soltanto quando esistono «specifici elementi indizianti e non meri sospetti» è possibile iscrivere a mod. 21 un soggetto identificato; quando, invece, «un fatto non è descritto nei suoi termini minimi o è irrimediabilmente confuso ovvero quando neppure in astratto è configurabile la sussunzione di questo fatto in una fattispecie incriminatrice», si procede a iscrivere a mod. 45. L’iscrizione a mod. 44 è dunque residuale e «consente di realizzare lo scopo primario indicato, in più occasioni, dalla Corte costituzionale quale fondamento della previsione di un limite temporale per le indagini preliminari (“imprimere tempestività alle investigazioni”) senza alcun pregiudizio dell’altra esigenza costituzionalmente rilevante costantemente richiamata dalla Corte (“contenere in un lasso di tempo predeterminato la condizione di chi a tali indagini è assoggettato”)».

La circolare raccomanda di non procedere a iscrizioni a mod. 21 in modo affrettato e senza i necessari presupposti. E qui c’è un passaggio importante in cui sono messi sui due piatti della bilancia gli aspetti positivi e quelli negativi dell’iscrizione dell’indagato. Se infatti «è evidente» la funzione di garanzia dell’iscrizione all’interno del procedimento, «non può essere trascurato» che la condizione di indagato è «connotata altresì da aspetti innegabilmente negativi, tanto da giustificare, secondo la Corte costituzionale con la sentenza, 174/1992, la previsione di un termine delle indagini preliminari». Insomma, non bisogna trascurare gli effetti pregiudizievoli, sul piano «professionale e reputazionale», derivanti dall’iscrizione come indagato, «diversi dal danno connesso alla notizia dell’iscrizione indebitamente diffusa». La circolare ricorda infatti che spesso l’iscrizione è «strumentalmente utilizzabile, dai denuncianti o da altri, per fini diversi rispetto all’accertamento processuale, specie in contesti di contrapposizione di carattere politico, economico, professionale, sindacale ecc.».

Pertanto: «l’iscrizione ha molto spesso un “costo” significativo anche per colui nel cui (astratto) interesse viene effettuata ed è inoltre soggetta ad essere sollecitata per ragioni di carattere strumentale del tutto estranee alle fisiologiche dinamiche processuali». Quanto basta per abbandonare l’idea di un favor iscritionis, che è un «criterio non formalizzato e estraneo al sistema». Perciò Pignatone avverte: «procedere a iscrizioni non necessarie è tanto inappropriato quanto omettere le iscrizioni dovute».

E così sfata la leggenda dell’”atto dovuto”.

Donatella Stasio

17/10/2017
Altri articoli di Donatella Stasio
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Pubblico ministero, informazione giudiziaria e presunzione di non colpevolezza

Le innovazioni legislative rivolte ad attuare la direttiva 2016/343/UE «sul rafforzamento di alcuni aspetti della presunzione di innocenza» si prestano a una lettura in chiaroscuro: ad apprezzabili intendimenti corrisponde infatti una traduzione discutibile, in cui convivono – accanto a cautele opportune – il troppo e il troppo poco. 
Per un verso, il d.lgs. n. 188 del 2021 ha individuato come unici canali informativi ammessi il comunicato ufficiale e la conferenza stampa, consentita soltanto in casi che si vorrebbero normativamente individuati; per l’altro, preoccupato da eccessi comunicativi dell’autorità giudiziaria, il provvedimento ha finito per demandare alla discrezionalità del procuratore della Repubblica la scelta di informare sul procedimento penale e omesso di estendere agli operatori della comunicazione le prescrizioni che dovrebbero assicurare il rispetto dell’art. 27 comma 2 Cost.
L’impressione è che la disciplina vada pertanto rimeditata, a partire dall’idea che informare l’opinione pubblica di quanto accade nel procedimento penale debba essere la regola, mentre l’esclusione della comunicazione l’eccezione, e che a definirne le modalità debbano essere disposizioni essenziali, nitide nel contenuto ed efficacemente presidiate.     

17/05/2022
La selezione delle priorità nell’esercizio dell’azione penale: la criticabile scelta adottata con la Legge 27 settembre 2021, n. 134

Dopo l’articolo di Nello Rossi sui criteri di priorità nell’esercizio dell’azione penale, prosegue, con un articolo di Armando Spataro, il confronto sull’ importante innovazione contenuta nella legge delega di riforma della giustizia penale. Entrambi gli articoli costituiscono  anticipazioni del n. 4 del 2021 della Rivista Trimestrale, di prossima pubblicazione, che sarà interamente dedicato alla riforma della giurisdizione penale. 

20/12/2021
I criteri di esercizio dell’azione penale. Interviene «il Parlamento con legge»

Nel panorama di chiaroscuri della legge delega di riforma del processo - nella quale non mancano profonde zone d’ombra rappresentate da meccanismi processuali destinati a rivelarsi estremamente difettosi alla prova dei fatti e dei processi - la soluzione adottata dal legislatore in tema di criteri di priorità nell’esercizio dell’azione penale sembra comunque preferibile rispetto alle precedenti proposte. In luogo del modello autoreferenziale proposto nel ddl Bonafede, nel quale la definizione dei criteri di priorità avveniva tutta nell’ambito del giudiziario, e dell’opzione della Commissione Lattanzi in favore di «periodici» atti di indirizzo parlamentare e di criteri di priorità «dinamici», il testo della riforma prevede una cornice stabile e vincolante di criteri generali fissata dal «Parlamento con legge», nel cui ambito gli uffici di Procura sono chiamati a predisporre i concreti criteri di priorità. Dall’esame della delega emerge con chiarezza che il compito del Parlamento non consisterà nel compiere scelte di merito e nell’individuare direttamente i settori prioritari dell’intervento penale ma nell’indicare i parametri generali e le procedure che gli uffici dovranno seguire nell’enunciare le loro priorità, adeguate al territorio in cui operano. Nell’articolo si elencano le questioni aperte e i nodi che al legislatore delegato spetterà di sciogliere e ci si interroga sugli obiettivi di fondo della complessa procedura di predisposizione dei criteri nella quale saranno coinvolti il ministero della Giustizia, il Parlamento, gli uffici giudiziari e il CSM. 

08/11/2021
Il pm e il suo boia

Perché separare le carriere non è un'idea su cui riflettere, è incostituzionale

03/11/2021
I delitti contro l'uguaglianza

La discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi è contraria al principio di uguaglianza e, soprattutto, al valore della pari dignità sociale che la Costituzione riconosce a tutti. I delitti contro l’uguaglianza rappresentano la negazione di questo valore. Il contributo ripercorre lo sviluppo legislativo e giurisprudenziale che ha portato alla formulazione degli attuali articoli 604 bis e 604 ter c.p. con uno sguardo alla giurisprudenza sovranazionale e, soprattutto, alle modalità secondo cui una specifica categoria di vittime avverte la discriminazione nei propri confronti.

29/09/2021
Verso la fine della pena come retribuzione? In occasione dei settecento anni dalla nascita di Dante Alighieri

La relazione del procuratore generale presso la Corte di Cassazione svolta ad Anagni il 10 luglio 2021, in occasione del conferimento del premio Bonifacio VIIIPer una cultura della pace. 

11/09/2021
Il diritto a non essere “additato” come colpevole prima del giudizio. La direttiva UE e il decreto legislativo in itinere

E’ sul versante mediatico e della motivazione dei provvedimenti giudiziari che, nel nostro Paese, la presunzione di innocenza può essere contraddetta e vulnerata. E’ questo il filo conduttore del decreto legislativo ancora in itinere, che - in attuazione della Direttiva UE n. 343 del 2016 - mira a rafforzare la presunzione di innocenza dell’indagato e dell’imputato, con l’ambizione di incidere profondamente sul linguaggio di tutte le “autorità pubbliche”, sulla comunicazione degli uffici giudiziari e sulla motivazione delle decisioni interne al processo. Non è facile, oggi, prevedere se le nuove norme daranno il via ad una vera rivoluzione culturale nella rappresentazione delle persone sottoposte ad indagini e a processi o se le innovazioni resteranno una facciata destinata a mascherare malamente la sopravvivenza di inveterati “pregiudizi”. E’ certo però che la genuina adesione all’ispirazione di fondo della nuova normativa non implica la rinuncia a ragionare, anche criticamente, sui differenti aspetti del testo normativo, sulla sua genesi, sulle sue ricadute nei mondi del diritto e dell’informazione. 

03/09/2021
L’iniziativa referendaria sull’articolo 579 del codice penale: gli scenari possibili

Gli scenari diametrali aperti dal successo nella raccolta delle firme sono quello della dichiarazione di inammissibilità del quesito e quello dell’abrogazione parziale per via referendaria dell’art. 579 c.p., che aprirebbe problemi interpretativi in particolare sul consenso. Ma di fronte alla complessità del tema della disponibilità/indisponibilità della vita e all’insieme delle norme di riferimento è possibile che né il referendum, né la sola iniziativa legislativa in corso in materia di “morte volontaria medicalmente assistita” siano dirimenti.

01/09/2021