Magistratura democratica
Europa

Le criticità di Mos Maiorum

di Fulvio Vassallo Paleologo
docente Università di Palermo
L’operazione che si svolgerà dal 13 al 26 ottobre dovrebbe prevenire “l’attraversamento illegale dei confini”, con un rafforzamento dei controlli, allo scopo di identificare il maggior numero di migranti che si trovano nell’area Schengen o cercano di farvi ingresso, senza regolari documenti di ingresso e di soggiorno
Le criticità di Mos Maiorum

La mancanza di vie legali e di canali umanitari di ingresso in Europa, in un periodo nel quale si sono moltiplicate le partenze da paesi in guerra o sottoposti a feroci dittature,  ha prodotto una crescita esponenziale di migranti, spesso profughi, costretti ad entrare irregolarmente, e successivamente a spostarsi, nell’area Schengen senza il possesso di documenti regolari. Rispetto ad altri stati, come la Turchia, la Giordania ed il Libano, gli stati europei hanno accolto una frazione assai modesta delle persone che erano costrette a fuggire dalle proprie case, dopo devastazioni ed uccisioni che sembrano riportare indietro le lancette del tempo. La portata e le modalità applicative del Regolamento Dublino III, insieme con i tempi assai lunghi delle procedure per il riconoscimento della protezione internazionale in alcuni paesi come la Grecia e l’Italia, hanno prodotto numerosi movimenti secondari verso i paesi nordeuropei, attraverso canali irregolari.

In questo quadro, che si deteriora settimana dopo settimana, anche per la crisi del sistema di prima accoglienza in Italia, dal 13 al 26 ottobre partirà l’operazione MOS MAIORUM, decisa nel mese di luglio dall’Unione Europea, che dovrebbe prevenire “l’attraversamento illegale dei confini”,con un rafforzamento dei controlli ai valichi di terra e portuali, negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie, allo scopo di identificare il maggior numero di migranti che si trovano nell’area Schengen o cercano di farvi ingresso, senza regolari documenti di ingresso e di soggiorno. Una operazione che dovrebbe avvalersi della collaborazione dell’Agenzia europea FRONTEX, in un momento nel quale non sono ancora chiare le linee operative di questa agenzia con riferimento all’applicazione del principio di non refoulement (non respingimento) sancito dalla Convenzione di Ginevra. E sono ancora numerosi i casi di respingimento collettivo dai porti dell’Adriatico (Venezia, Ancona e Bari, in particolare, verso la Grecia) e dagli aeroporti siciliani di Comiso ( Ragusa) verso l’Egitto e di Palermo verso la Tunisia.

Molti potenziali richiedenti asilo sono intanto costretti a movimenti secondari, attraverso canali irregolari, nell’Unione Europea, per presentare la loro istanza di protezione internazionale in paesi nei quali esistono procedure più rapide e standard di accoglienza più elevati, o nei quali si trovano già insediati familiari e gruppi di connazionali. Queste persone rischiano di essere le prime vittime di una operazione di polizia che, nei propositi del Consiglio Europeo, si propone l’obbiettivo di contrastare  l’«attraversamento illegale dei confini», per «indebolire la capacità organizzativa del crimine organizzato nel favoreggiamento dell’immigrazione illegale».

Le attività di identificazione e controllo, che le autorità di polizia intensificheranno nel breve periodo di svolgimento dell’operazione MOS MAIORUM, al di là della legittima esigenza di identificare le persone presenti nel territorio europeo, rischiano di compromettere ulteriormente la condizione dei potenziali richiedenti asilo ancora senza documenti, spesso famiglie con bambini, che non hanno ancora potuto formalizzare una richiesta di protezione internazionale.

Si potrebbe verificare una grave criminalizzazione di persone  che saranno trovate senza regolari documenti di ingresso e soggiorno, l’estensione ai potenziali richiedenti asilo di misure limitative della libertà personale come il trattenimento nei centri di detenzione amministrativa, ed una ulteriore svalutazione degli istituti della protezione internazionale, come se si trattasse di espedienti da utilizzare per conseguire comunque un permesso di soggiorno, mentre in realtà, in molti paesi europei, il riconoscimento dell’asilo e della protezione sussidiaria avviene in un numero ancora troppo limitato di casi, al punto che sono frequenti i ricorsi ed i successivi riconoscimenti di status da parte delle autorità giurisdizionali.

In assenza dell’apertura di canali legali di ingresso e senza una modifica del Regolamento Dublino III, l’operazione MOS MAIORUM potrebbe costringere i migranti a rivolgersi con urgenza ancora maggiore ai cd. trafficanti di terra, con la conseguenza di rafforzare ulteriormente le reti criminali, e quindi il loro potere di ricatto, consegnando persone bisognose di protezione ad una pericolosa condizione di irregolarità. E potrebbe pure paventarsi il rischio che i meccanismi di emarginazione prodotti dalla fuga nella clandestinità possano rafforzare le reti che forniscono servizi e beni primari in cambio non solo di danaro, ma anche di una affiliazione ad una delle tante correnti politiche e religiose di stampo più radicale.

Le attività di controllo, che saranno rivolte anche ad impedire i movimenti secondari attraverso le frontiere interne, espongono a indagini penali centinaia di cittadini solidali che, in Italia, come in altri paesi europei, hanno contributo a fornire gratuitamente accoglienza ed assistenza ai migranti in transito attività che comunque, in base all’art. 12 del Testo Unico n.286 del 1998, non costituiscono reato.

Occorre dunque che, a livello europeo e in Italia, anche a partire dal periodo nel quale si svolgerà l’operazione MOS MAIORUM,  si adottino finalmente normative e procedure che garantiscano a tutti i migranti una corretta informazione legale ai varchi di frontiera, l’accesso immediato alla protezione internazionale, in particolare per le famiglie ed i minori non accompagnati, un effettivo diritto di difesa e di ricorso contro le decisioni di diniego, la possibilità di movimenti secondari tra i diversi stati dell’Unione Europea, attraverso il riconoscimento reciproco degli status di protezione internazionale. Ed in questa direzione dovranno comunque svolgersi le autorità di controllo delle autorità di polizia impegnate nell’operazione MOS MAIORUM, in modo da consentire, forme immediate di assistenza e,nel maggior numero dei casi, l’accesso ad una procedura, che comporti il riconoscimento di uno status legale di soggiorno, oltre alla protezione rafforzata dei minori e delle vittime del traffico e della tratta di esseri umani.

 

11/10/2014
Altri articoli di Fulvio Vassallo Paleologo
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Mai più schiavi nei campi
Un nuovo progetto di contrasto al caporalato e al lavoro sommerso in agricoltura
18/02/2020
Migranti ambientali e divieto di respingimento
Con il caso Teitiota c. Nuova Zelanda, il Comitato dei diritti umani dell’Onu segna un punto fermo rispetto al principio di non respingimento dei cd. migranti climatici, con importanti spunti di riflessione anche sulla possibile tutela garantita dall’ordinamento italiano, su cui recentemente si è espressa la nostra Corte di Cassazione
14/02/2020
“Canovacci ricorrenti”? Narrazioni dei migranti e linguaggio dei giudici
I ricorsi contro il diniego della protezione internazionale immettono nel lavoro giudiziario un complesso di valutazioni su aspetti fattuali che diventano assolutamente centrali nella decisione. Su tali questioni il giudice parte da basi simili a quelle di qualunque cittadino, in termini di conoscenze, ma anche di stereotipi 
16/01/2020
Migranti e integrazione di “valori”: i giudici parlano solo con le sentenze? No, grazie
Al di là dei profili giuridici, la sentenza sul sikh che girava con il coltello sacro di 18 cm esprime valutazioni politiche che, non rettificate dalla Cassazione, rischiano di cristallizzarsi nell’opinione pubblica come principi di diritto
19/05/2017
Zuccaro e le Ong, quell’insostenibile deficit di cultura della comunicazione
La cronaca conferma che la Giustizia ha un problema di comunicazione, anche se soltanto il 13,8% dei magistrati ne ha consapevolezza. Csm e Scuola devono colmare questa lacuna culturale, che si ritorce contro la trasparenza e la credibilità dell’istituzione
03/05/2017
Intermediazione e sfruttamento del lavoro: luci e ombre di una riforma necessaria. Come cambia la tutela penale dopo l’approvazione della legge n. 199/2016
Emergenza criminale, il caporalato? Forse non lo è, considerando che si tratta di una questione di rilevanza penale di lunga data e presente anche nel Nord del Paese. Ma, come si vedrà, la riforma approvata dal Parlamento, pur contenendo importanti novità sul piano della repressione e della prevenzione del fenomeno, non è priva di lacune ed aspetti critici
01/03/2017
Immigrazione: non servono riforme al buio
Considerazioni sul progetto governativo di riforma processuale in materia di protezione internazionale ed immigrazione
21/07/2016